Kormaran – trimarano, moto d’acqua e tender di nuova concezione

settembre 2, 2014 | By Mistro
2

Oltre alle classi comuni di barche, a vela, catamarani e trimarani, la visione di una nuova classe di imbarcazioni emerge all’orizzonte, il Kormaran, con un design che mira a collegare il mondo degli yacht di lusso con il mondo delle auto super sportive.

kormaran-01

kormaran-01
Immagine 1 di 9

Tra le molte caratteristiche uniche incorporate nel Kormaran, la barca si può trasformare anche durante la guida e combina elegantemente l’agilità di un monoscafo per le manovre veloci con la stabilità di un catamarano o trimarano.

La barca include anche la possibilità di trasformarsi in una grande piattaforma da bagno, un lusso incomparabile rispetto a molti tender attualmente disponibili. La grande isola per prendere il sole così come il suo design leggero multifunzionale e le “wingdoors” garantiranno la soddisfazione di ogni ospite a bordo.

Gli hydrofoil (retrattili) completamente nuovi consentono al Kormaran di navigare anche in acque poco profonde, oltre ad essere in grado di atterrare sulla spiaggia. L’uso degli hydrofoil significa che la resistenza all’acqua può essere ridotta fino all’80%, con conseguenti velocità più elevate con un più basso consumo di energia e una navigazione molto più comoda grazie al “sollevamento” rispetto alle onde.

Il Kormaran è completamente costruito in fibra di carbonio con standard automobilistici integrati con la tecnologia di Formula 1 e accoppiati con tecnologia aeronautica leggera.

Kormaran è una società austriaca fondata nel 2010, e il nuovo tender è un progetto di ricerca ufficialmente approvato dal governo. L’innovativa tecnologia dietro il sistema di “transizione” e degli hydrofoil sono stati brevettati, l’investimento totale del progetto supera i € 10.000.000.

Info su www.kormaran.com Kormaran-01

Comments: 2

  1. Gof scrive:

    “il nuovo tender è un progetto di ricerca ufficialmente approvato dal governo” vuol dire che anche in Austria si fottono soldi pubblici? O che per portare avanti progetti di ricerca serve l’approvazione del governo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *