In Inghilterra 92 annegati per selfie negli ultimi due anni

giugno 10, 2016 | By Mistro
0

selfie scogliera

Nell’ambito della terza campagna annuale di prevenzione degli annegamenti Respect the Water responsabile della sicurezza costiera della
Royal National Lifeboat Institution, James Millidge, ha detto che nel 2015 nel Regno Unito sono morte per annegamento 168 persone, il più alto negli ultimi 5 anni. Quello che fa riflettere è che la metà di queste non aveva la minima intenzione di bagnarsi (leggi: entrare in acqua). Stavano semplicemente passeggiando lungo costa, arrampicando o pescando.

Solo negli ultimi due anni ben 92 persone hanno perso la vita facendosi un selfie, facendo un passo indietro di troppo o trascinati in mare da un’onda alla ricerca dello scatto perfetto.

Delle 168 persone annegate l’84% sono maschi, i più a rischio sono tra i 16 e i 39 anni.

James Millidge ha detto che la RNLI nel 2015 ha salvato dall’annegamento 385 persone e mira a dimezzare il numero di annegamenti antro il 2024.

Fondata nel lontano 1824, la RNLI (Royal National Lifeboat Institution) si occupa di salvare vite in mare nel Regno Unito e, se serve, nei dintorni. E’ un’associazione di volontariato che si finanzia prevalentemente attraverso donazioni.

Info su rnli.org

Comments: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.