Barca spiaggiata a Ostia 29 ottobre 2015

ottobre 29, 2015 | By Mistro
0

Venerdì 30 ottobre 2015 La Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Roma ha da poco portato a termine una complessa operazione di disincaglio di una nave da diporto a motore spiaggiatasi, nella giornata di ieri, all’interno del porto turistico di Ostia.

barca spiaggiata Ostia 01

barca spiaggiata Ostia 01
Immagine 1 di 2

La nave di 33 mt e 300 tonnellate di dislocamento, ha perso il controllo subito dopo aver superato l’imboccatura del porto turistico andandosi quindi ad insabbiare nella spiaggia immediatamente prospicente.

Appena ricevuta la notizia, il Comandante della Capitaneria di porto di Roma, C.V. (CP) Fabrizio Ratto Vaquer, coadiuvato dall’Ufficiale Operativo, ha immediatamente disposto l’impiego di 2 rimorchiatori, di un battello antiinquinamento, nonché del gruppo sommozzatori operanti in ambito locale, con l’assistenza della M/V CP 836.

L’operazione di disincaglio, dopo la messa in sicurezza notturna, è iniziata nella mattinata in concomitanza con il picco di alta marea e l’assenza di onda di risacca, e si è articolata in varie fasi che ne hanno garantito lo svolgimento in assoluta sicurezza.

In particolare, le preventive ispezioni di un Ufficiale tecnico della Capitaneria di porto di Roma e dei sommozzatori locali hanno verificato l’assenza di falle nonché la normale galleggiabilità dello scafo, grazie alle indicazioni della Direzione del porto di Ostia.

L’unità è stata agganciata da un rimorchiatore con un cavo fissato a poppa e, dopo essere stata alleggerita dai pesi di bordo (entrambe le ancore di prora) approfittando dell’aiuto dell’alta marea, è stata disincagliata e trainata lentamente verso l’imboccatura del porto di Ostia con un rimorchio complesso operato da più unità per essere quindi condotta presso il locale cantiere navale.

Le operazioni, alle quali hanno preso parte anche la M/V CC 822 e il Battello CC 6954 della Stazione navale dei Carabinieri di Ostia, si sono comunque concluse con esito positivo senza alcun danno alle persone ed all’ambiente marino.

Foto via Facebook

Comments: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.