La politica contro il bullismo della RYA

aprile 13, 2017 | By Mistro
0

La RYA, la federvela inglese, ha una RYA British Youth Sailing Anti-Bullying Policy, una politica per prevenire e combattere il bullismo tra i giovani che praticano lo sport della vela. Chissà se esiste anche una sola federazione sportiva italiana che abbia qualcosa di simile.

Questo è il documento che ho velocemente e malamente tradotto dall’originale RYA (link in fondo alla pagina)

1. Introduzione

1.1. E’ la politica della RYA per salvaguardare i bambini che praticano la vela sportiva da un danno fisico, sessuale ed emotivo. La RYA considera le prepotenze di ogni genere inaccettabili all’interno della formazione e attività sportive giovanili sotto la sua diretta competenza e controllo. E’ definito bambino qualsiasi persona di età inferiore ai 18 anni.

1.2. Il presente documento illustra ciò che la RYA intende per bullismo, come riconoscerlo e cosa fare a questo proposito se pensi che potrebbe accadere.

2. Obiettivi

2.1. L’obiettivo di questa politica è quello di prevenire il bullismo, tuttavia, nel caso in cui si verifichino atti di questo tipo, per fornire un meccanismo in cui possano essere rapidamente portati all’attenzione delle persone competenti che possono indagare sulla situazione e lavorare sia con la vittima che con il bullo al fine di risolvere il problema.

3. Cos’è il bullismo

3.1. Il bullismo è l’uso dell’aggressione con l’intenzione di ferire un’altra persona, sia sui social media attraverso un testo, di persona, per telefono, su internet o con qualsiasi altro mezzo.

I tre comportamenti chiave del bullismo sono:

3.1.1. Non capita una sola volta; è in atto nel corso del tempo.
3.1.2. E’ deliberato e intenzionale – non è ferire accidentalmente qualcuno.
3.1.3. E’ ingiusto / c’è uno squilibrio di potere. La persona/persone che praticano il bullismo è/sono più forti, o sono in più persone o hanno ‘influenza’ (status più elevato o di potere).

3.2. Il bullismo può essere

– emotivo essendo ostile, escludendo, tormentando (per esempio nascondendo beni personali, attrezzature, gesti minacciosi)
– spingere fisicamente, calciare, colpire o qualsiasi altro uso della violenza.
– insulti razzisti, graffiti, gesti razzisti in genere.
– contatto sessuale indesiderato o commenti sessualmente violenti.
– Omofobici o concentrandosi sul tema della sessualità.
– insulti verbali, sarcasmo, diffusione di voci, prendere in giro.

3.3. Perché è importante rispondere al bullismo?

3.3.1. Il bullismo ferisce e nessuno merita di essere vittima di bullismo. Ognuno ha il diritto di essere trattato con rispetto.
3.3.2. Il bullismo è spesso una richiesta di aiuto da parte della persona che mostra comportamenti da bullo. Ha bisogno di aiuto sia per imparare diversi modi di comportarsi che per capire che è inaccettabile. Spesso è sintomatico che possono avere bisogno di aiuto. Pertanto informare tempestivamente la persona appropriata su questi comportamenti aiuta tutti.

4. Segni e sintomi di bullismo

4.1. Il comportamento di un bambino può offrire indicazioni o segni che lui o lei è vittima di bullismo. Gli adulti devono essere consapevoli di questi possibili segni e che dovrebbero indagare se un bambino:
– ha paura di essere lasciato solo con altri bambini.
– Cambia la propria solita routine.
– Improvvisamente non vuole partecipare a formazione o eventi.
– diventa ritirato, ansioso o privo di fiducia.
– Inizia a balbettare.
– Ha un taglio o contusioni che non possono essere adeguatamente spiegati.
– Tenta o minaccia il suicidio.
– Tenta o minaccia di scappare.
– Piange prima di addormentarsi o ha incubi.
– Si sente male al mattino.
– Inizia ad avere uno scarso rendimento senza una buona ragione.
– Torna a casa con vestiti strappati o cose danneggiate.
– Inizia a perdere le cose.
– Chiede soldi o inizia a rubarli (per esempio per darli al bullo).
– ‘Perde’ continuamente i soldi.
– Diventa aggressivo, distruttivo o irragionevole.
– Bullizza a sua volta altri bambini o fratelli.
– Smette di mangiare.
– Ha paura di dire cose sbagliate.
– Fornisce giustificazioni improbabili per i comportamenti dei punti precedenti.

4.2. Questi segni e comportamenti potrebbero indicare altri problemi, ma il bullismo deve essere considerato e dovrebbe essere valutato come possibilità.

5. Procedure

5.1. Se qualcuno, sia giovane velista o adulto, sospetta sia in corso un atto di bullismo deve informare una persona appropriata. Questo può essere un genitore, Allenatore, RYA Manager, il competente Child Safeguarding Officer o il RYA Child Safeguarding & Equality Manager.

5.2. Questa persona seguirà la procedura prevista dalla RYA Child Safeguarding Policy and Guidelines.
5.3. Informare una persona appropriata che si sospetta un atto di bullismo non si tradurrà in azioni disciplinari contro chi denuncia e il bullo non sarà informato dell’identità di chi denuncia senza il consenso.
5.4. Essere trovato a conoscenza di bullismo senza segnalare che è un illecito disciplinare.

6. Risultati

6.1. Tutte le interviste saranno condotte in Best Practice Guidelines, che comprende che tutti i bambini siano accompagnati da un genitore o adulto responsabile.
6.2. Al bambino accusato di compiere atti di bullismo verrà chiesto di spiegare il suo comportamento e prenderne in considerazione le conseguenze, sia per se stesso che per gli altri. Gli può essere chiesto di scusarsi sinceramente. Se possibile i bambini saranno riconciliati.
6.3. Se gli incidenti hanno luogo durante una regata possono aver luogo udienze ai sensi della regola 2 o 69 (comportamento antisportivo).
6.4. A seconda della gravità del caso la sospensione o l’esclusione del bullo(i), da eventi e/o squadre, potrebbe essere necessaria – la procedura seguita sarà secondo la RYA Racing Disciplinary Policy.
6.5. Dopo che l’incidente o gli incidenti sono stati esaminati e trattati, ogni caso sarà monitorato per garantire che non si ripeta.
6.6. Tutti gli incidenti saranno segnalati alla RYA Safeguarding & Equality Manager e conservati agli atti per monitorare eventuali futuri rapporti.

7. Prevenzione

7.1. Questa Policy è stata adottata e ratificata dal RYA Youth Racing Committee ed è a disposizione di tutti attraverso il sito web RYA. Le classi sono incoraggiate a sostenere la policy e pubblicarla sui propri siti web.
7.2. La RYA incoraggerà allenatori e partecipanti a familiarizzare con la policy, e riferirsi ad essa entro le relative linee guida.

8. Monitoraggio e riesame

8.1. La policy sarà monitorata dal RYA Youth Racing Manager, dal RYA Safeguarding Steering Group e dal RYA Safeguarding & Equality Manager.
8.2. La policy sarà rivista periodicamente dal RYA, con il sostegno della YRC e in consultazione con la RYA Safeguarding & Equality Managerand e i RYA Youth Managers.

Via | www.rya.org.uk

Comments: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.