Nave Amerigo Vespucci a Taranto – Giorni e Orari di Visita

Dopo la sosta di Olbia la nave scuola della Marina Militare Amerigo Vespucci nell’ambito del ciclo di attività in Mediterraneo e fuori per l’anno 2019, si sposta a Taranto.

Nave Scuola Amerigo Vespucci 01

Nave Scuola Amerigo Vespucci 01
Immagine 1 di 41

Giornata della Marina – Visite guidate alle navi della Marina

Inizio evento: venerdì 7 giugno 2019 17:00
Fine evento: lunedì 10 giugno 2019 20:30

In occasione della Giornata della Marina sarà possibile visitare le navi della Marina ancorate per l’occasione nella Stazione del Mar Grande nei seguenti giorni:

– venerdì 7 giugno dalle 17.00 alle 20.30

– sabato 8 giugno dalle 17.00 alle 20.30

– domenica 9 giugno dalle 15.00 alle 20.30

– lunedì 10 giugno dalle 17.00 alle 20.30

Progetto BAT 200 – Da Sanremo a Trieste su una barca d’epoca del 1889

Bat, piccola barca a vela d’epoca lunga 5,20 metri costruita in legno in Inghilterra nel 1889, è partita il 28 maggio dal porto di Sanremo con destinazione Trieste, dove prevede di arrivare dopo due mesi di navigazione, 1.700 miglia di mare e oltre 50 porti toccati lungo la penisola.

bat_1889_foto_maccione__1_

bat_1889_foto_maccione__1_
Immagine 1 di 5

Protagonista dell’impresa il progettista nautico milanese Paolo Lodigiani, anche consigliere dell’ASDEC, l’Associazione Scafi d’Epoca e Classici. Ad ogni sosta si imbarcheranno quanti avranno scelto di condividere una o più tappe di questa singolare circumnavigazione dell’Italia. Il nome ‘BAT 200’ rappresenta la somma dell’età della barca, 130 anni, e quella del suo proprietario, 70 anni.

DUE MESI DI MARE, 1.700 MIGLIA E 50 TAPPE

Il periplo dell’Italia da Sanremo a Trieste a bordo di una tra le più piccole e antiche imbarcazioni da diporto a vela naviganti al mondo. Martedì 28 maggio lo storico BAT, cutter aurico varato nel 1889 dal cantiere inglese J.T. Howard, nell’Essex, su progetto dell’architetto C.P. Clayton, è partito dallo Yacht Club Sanremo con destinazione l’alto Adriatico, dove arriverà a fine luglio dopo avere percorso circa 1.700 miglia di mare e sostato in oltre 50 porti. BAT è uno scafo lungo appena 5,20 metri (che diventano 10 metri se misurato dall’estremità del bompresso alla varea del boma), costruito in legno di teak originale dell’epoca e ancora oggi perfettamente navigante. Il viaggio, denominato ‘Progetto BAT 200’, desidera celebrare l’importante compleanno della barca e quello del suo armatore, il 70enne Paolo Lodigiani, consigliere dell’ASDEC (Associazione Italiana Vele d’Epoca), yacht designer, costruttore di imbarcazioni in legno e scrittore di libri nel campo della progettazione navale. A partire dal 1990 e per oltre 25 anni, la sua società B.C.A. Demco Kit di Milano è stata inoltre il più importante punto di riferimento per gli appassionati di autocostruzione di barche in legno.

IL BAT E LA LEGA NAVALE ITALIANA

Antonio Squizzato Campione Europeo Open e Parasailing nei 2.4

2 giugno 2019 – Si sono appena conclusi in Austria, sul lago Traunsee, i Campionati Europei Parasailing della classe 2.4 mR e l’azzurro Antonio Squizzato è il nuovo campione continentale della disciplina sia nella classifica Open che in quella Parasailing.

2.4

In seconda e terza posizione i tedeschi Bernd Zirkelbach e Ulli Libor. Nella classe Hansa 303 Davide Di Maria (SC Garda Salò) chiude il Campionato Europeo in 14esima posizione.

L’atleta della Canottieri Garda Salò commenta così dall’Austria la settimana appena conclusa:
“E’ stata una regata emozionante! Tutta la settimana è stata caratterizzata da poco vento molto ballerino con salti anche di 30/40° e buchi sul campo. Il lago è largo circa 1km e la costa influenza il vento. Per questo la classifica di ogni prova vedeva alternarsi i regatanti.
Il secondo giorno ho preso la testa della classifica e sono riuscito a mantenerla soffrendo in modo particolare ieri dove ho fatto tre prove che hanno schiacciato la classifica e ridotto le differenze di punti. Tra i partecipanti regatanti tedeschi, austriaci e cechi specialisti in queste condizioni.

Oggi con la medal si giocava tutto ed essere riuscito a vincerla e a portare a casa il titolo assoluto (Paralympic e open) è per me una soddisfazione enorme ed aver indossato i colori dell’Italia mi emoziona anche adesso che lo dico. Un grazie a tutti quelli che mi hanno aiutato e supportato per arrivare a questo risultato a partire dai tecnici della Federazione Maretti e Devoti e al mio circolo, la Canottieri Garda Salò, che mi ha dato tanto in questi anni.”

Il consigliere Federale Fabio Colella esprime la sua soddisfazione sul lavoro svolto con la squadra Parasailing:

“Felice del risultato di Antonio Squizzato che premia il lavoro intrapreso ad inizio del quadriennio con il rafforzamento e sostegno della squadra di alto profilo ed è anche un risultato vincente dei nostri tecnici. Siamo ai vertici della vela Parasailing d’Europa e adesso più che mai. Grazie Antonio.”

La 151 Miglia-Trofeo Cetilar 2019 – Classifiche e Foto

Conclusa al Marina di Punta Ala un’edizione da record della 151 Miglia-Trofeo Cetilar: al Maxi Rambler 88 di George David e al Comet 38 Scricca di Leonardo Servi e Franco Manzoli, la vittoria dei due trofei challenge in palio.

151Miglia2019__Rambler88

151Miglia2019__Rambler88
Immagine 1 di 11

Punta Ala, 1 giugno 2019 – Decima edizione in archivio per la 151 Miglia-Trofeo Cetilar, la regata d’altura partita nel pomeriggio di giovedì e terminata oggi, con l’arrivo delle ultime barche al Marina di Punta Ala.

Una regata da record, per il numero dei partecipanti – 220 scafi alla partenza tra Livorno e Marina di Pisa, di cui 212 regolarmente arrivati – per il tempo con cui il Maxi Rambler 88 ha percorso le 151 miglia della rotta (13 ore, 50 minuti e 43 secondi, 1 ora 40 in meno rispetto al vecchio primato di Pendragon) e per il gradimento riscontrato in banchina dopo l’arrivo.

Le classifiche

Rambler 88, splendido Maxi armato da George David condotto dallo skipper neozelandese Brad Butterworth, vincitore di diverse edizioni dell’America’s Cup, si è quindi aggiudicato il primo dei due Trofei Challenge 151 Miglia in palio, assegnato al primo scafo sul traguardo (al secondo posto Vera e al terzo SuperNikka di Roberto Lacorte), oltre al Trofeo Porto di Pisa.

Il secondo Trofeo Challenge è stato vinto dal Comet 38 Scricca di Leonardo Servi, primo in ORC overall davanti ad altre 155 barche e autore di una regata semplicemente fantastica, perché portata avanti in sole due persone: a bordo, insieme all’armatore Servi, il navigatore Franco Manzoli, una lunga esperienza oceanica e tante regate conquistate in Mediterraneo. “Ancora stentiamo a credere di aver vinto la classifica ORC overall e il trofeo challenge, anche perché noi puntavamo ovviamente alla vittoria nella categoria Double Handed. Aver lasciato dietro decine e decine di barche super quotate che regatavano con l’equipaggio al completo è qualcosa che va al di là di ogni più rosea aspettativa, è un’emozione davvero difficile da spiegare. Siamo felicissimi, soprattutto perché la 151 Miglia è la Regata, con la maiuscola”.

La Cinquecento Trofeo Pellegrini 2019 – Le classifiche finali

Con l’arrivo venerdì 31 maggio alle 16.08 di Jod C di Sergio Corazza, che si aggiudica il Trofeo Soligo Never Give Up, va in archivio ufficialmente la 45^ edizione de La Cinquecento Trofeo Pellegrini, organizzata dal Circolo Nautico Santa Margherita con il sostegno della Città di Caorle, del Main Sponsor Pellegrini Gruppo e del Technical Partner Montura.

La regata internazionale offshore, valida per il titolo di Campione Italiano Offshore FIV sulla rotta Caorle-Sansego (CRO)-Isole Tremiti-Sansego-Caorle, si è disputata dal 26 maggio al 1 giugno 2019.

Il programma della manifestazione, che si è aperta nel cuore della città di Caorle venerdì 24 maggio con una gara gastronomica velisti-pescatori nel Porto Peschereccio di Caorle dov’erano ospitate alcune imbarcazioni partecipanti, è riuscita nell’intento di avvicinare la vela d’altura al pubblico, in un’atmosfera di festa e di spirito marinaresco.

La 45^ La Cinquecento Trofeo Pellegrini è stata un’edizione tra le più dure degli ultimi anni, tanto da riportare in auge lo slogan “Due uomini, una barca, un’impresa”.

Partiti da Caorle domenica 26 maggio con venti leggeri e un tiepido sole, fin dallaprima giornata di regata, in direzione del waypoint di Sansego, la flotta ha incontrato forti temporali con vento di scirocco fino a 35 nodi e onde altre tre metri, che li ha costretti ad una impegnativa bolina.

Anche il ritorno, con qualche buco di vento nell’area delle isole Tremiti dove si sono rimescolate le carte e gli avvicendamenti nelle posizioni di testa, èstato caratterizzato da un diffuso mal tempo e da forti venti.

In questa memorabile edizione, che ha visto metà della flotta al traguardo, più che mai ha vinto chi l’ha finita -a prescindere dal risultato- e chi ha vissuto la regata fino all’ultimo bordo, l’ultimo cambio di vele, l’ultimo turno con il sole e il vento, la pioggia e le onde, porterà con sé un ricordo quasi epico, di un’edizione sotto molti aspetti unica.

Le classifiche finali hanno premiato i risultati in mare e al calcolo dei tempi compensati i vincitori assoluti de La Cinquecento Trofeo Pellegrini 2019 500X2 ORC sono Fabijan Roić-Boris Žižić che hanno tagliato il traguardo mercoledì 29 maggio alle 22.03.25. I giovani croati con il loro Class 40 Crazy si aggiudicano anche il Trofeo Pellegrini Line Honour, il Trofeo Challenge Leonardo Broncadestinato al miglior risultato della coppia più giovane e il Trofeo Challenge delle Vittorie, destinato al miglior risultato in tempo reale alla 500×2 categoria monoscafi.

La 151 Miglia-Trofeo Cetilar 2019

Pisa, 30 maggio 2019 – 220 le barche d’altura – record assoluto – alle quattro del pomeriggio hanno dato vita alla decima edizione della 151 Miglia-Trofeo Cetilar in condizioni meteomarine ideali, con sole, mare formato e vento variabile tra i 6 e i 10 nodi d’intensità.

151 Miglia 2019 ft Taccola 01

151 Miglia 2019 ft Taccola 01
Immagine 1 di 11

La giornata era iniziata all’Accademia Navale di Livorno, dove skipper e armatori si sono ritrovati a metà mattinata per il briefing tecnico, presenti il Presidente della Federazione Italiana Vela e i Presidenti dei tre circoli organizzatori – Roberto Lacorte per lo Yacht Club Repubblica Club Repubblica Marinara di Pisa, Alessandro Masini per lo Yacht Club Punta Ala e Gianluca Conti per lo Yacht Club Livorno – il Presidente del Comitato di Regata Fabio Barrasso e l’Ammiraglio Pierpaolo Ribuffo, Comandante dell’Accademia Navale.

Il tempo di rientrare nelle due basi logistiche e a metà pomeriggio il Comitato di Regata ha iniziato con le procedure di partenza per le tre flotte, i Maxi Yachts (IRC Over 60), gli ORC International e gli IRC, che si sono quindi lanciate sulla rotta Marina di Pisa, Giraglia, isola d’Elba e Formiche di Grosseto, ultimo passaggio prima dell’arrivo a Punta Ala (il record da battere di Pendragon VI è di 15 ore, 30 minuti e 45 secondi).

Come da previsioni, il primo scafo a passare la boa a Marina di Pisa – passaggio valido per l’assegnazione del Trofeo Porto di Pisa – è stato il Maxi statunitense Rambler 88 dell’armatore George David e del famoso skipper neozelandese Brad Butterworth (a bordo anche l’italiano Francesco Rapetti), che ha quindi iniziato nel migliore dei modi la sua partecipazione mirata alla conquista del successo in tempo reale e – meteo permettendo – del record di Pendragon.

La 151 Miglia-Trofeo Cetilar 2019

Organizzata da un Comitato formato da Yacht Club Repubblica Marinara di Pisa, Yacht Club Punta Ala e Yacht Club Livorno, con la collaborazione del Porto di Pisa, del Marina di Punta Ala, e dei partner PharmaNutra S.p.A. con il brand Cetilar®, Rigoni di Asiago, North Sails e TAG Heuer, la 151 Miglia-Trofeo Cetilar è una tappa del Campionato Italiano Offshore della FIV, del Mediterranean Maxi Offshore Challenge, il circuito di regate riservato ai Maxi Yachts, e del Trofeo Arcipelago Toscano.

Info su www.151miglia.it

Nave Amerigo Vespucci a Olbia – Giorni e Orari di Visita

Dopo la sosta di Civitavecchia la nave scuola della Marina Militare Amerigo Vespucci nell’ambito del ciclo di attività in Mediterraneo e fuori per l’anno 2019, si sposta a Olbia. Sarà ormeggiata presso il molo Bonaria.

Nave Scuola Amerigo Vespucci 01

Nave Scuola Amerigo Vespucci 01
Immagine 1 di 41

Nave Scuola Amerigo Vespucci, ormeggiata presso il molo Bonaria del porto di Olbia dal 1° al 3 giugno, sarà aperta alle visite a bordo in favore della popolazione nei seguenti orari:

– Sabato 1 Giugno: dalle 18.30 alle 20.30;

– Domenica 2 Giugno: dalle 15.30 alle 20.00

La Cinquecento Trofeo Pellegrini 2019 – I passaggi alle Tremiti

La 45^ edizione de La Cinquecento Trofeo Pellegrini del Circolo Nautico Santa Margherita gira la boa di metà percorso, con una flotta decimata a causa di condizioni meteo-marine molto dure.

La cinquecento 2019 08

La cinquecento 2019 08
Immagine 1 di 11

Alle 07.00 di martedì 28 maggio, il Class 40 Crazy dei croati Fabijan Roic-Boris Zizic è la prima imbarcazione assoluta e della categoria X2 a lasciarsi alle spalle l’isola San Domino alle Tremiti, mettendo la prua in direzione Sansego e quindi Caorle, per la seconda parte della regata.

Seguono a pochi minuti di distanza i fratelli Cristiano e Alessio Verardo sul loro Class 40 Kika Green Challenge, impegnati con gli avversari in un continuo match-race per la leadership.

Alle 18.30 il terzo passaggio, ancora della categoria X2, di Skip Intro Sun Fast 3600 di Marco Romano in coppia con Paolo Favaro, fin dalle prime battute nel gruppo di testa.

Beneteau First Yacht 53

Disegnato da Roberto Biscontini per lo scafo e Lorenzo Argento per interni e esterni, il First Yacht 53 sarà presentato, dopo due anni di sviluppo, per la prima volta in occasione dei saloni nautici autunnali 2019 in Europa (Cannes, Genova, Barcellona) e in America (Annapolis).

Beneteau First 53 2019 01

Beneteau First 53 2019 01
Immagine 1 di 12

Il First Yacht 53 risponde al preciso obiettivo di essere il nuovo punto di riferimento come barca a vela da crociera veloce e di lusso. Ci sono voluti due anni di lavoro affinché l’eccellenza toccasse l’acqua e potesse rispondere alle richieste degli armatori più esigenti in termini di emozioni al timone, velocità e vita a bordo in ormeggio.

Erede di più di 40 anni d’esperienza della gamma First lanciata da Beneteau nel 1977, il First Yacht 53 punta alla crociera competitiva. La carena è performante e nel progettarla si è cercato l’equilibrio al timone. Il piano di è coperta pulito, gli interni sono marini e moderni, impreziositi da modanature in legno lamellare, sullo sfondo laccato bianco delle paratie.

Partita La Cinquecento Trofeo Pellegrini 2019

Domenica 26 maggio 2019 – Partenza coinvolgente per La Cinquecento Trofeo Pellegrini, regata valida per il Campionato Italiano Offshore FIV organizzata dal Circolo Nautico Santa Margherita in collaborazione con il Comune di Caorle.

La cinquecento 2019 01

La cinquecento 2019 01
Immagine 1 di 11

Il Porto Peschereccio di Caorle, che ha ospitato molte delle imbarcazioni partecipanti a questa 45^ edizione della più antica regata in doppio del Mediterraneo, è stato per due giorni cuore pulsante della manifestazione.

Intorno alle ore 12.00 hanno lasciato gli ormeggi le barche insieme ad alcuni pescherecci della flotta di Caorle e alla Motonave Arcobaleno, con a bordo familiari e amici dei partecipanti, che hanno accompagnato le imbarcazioni fino oltre lo start.

A salutare i velisti provenienti da Italia, Croazia, Slovenia, Germania e Austria, un’inedita Caorle, vestita a festa fin dall’ingresso, con bandiere e striscioni della regata e un pubblico festante a terra e in mare.