Garda Trentino Olympic Week 2013 – Classifiche al 2° giorno di regate

9 maggio 2013, Seconda giornata del Garda Trentino Olympic Week 2013. Vento di circa 16 nodi e sole hanno consentito di disputare tutte le prove previste.

001_olympicgardaweek2013

001_olympicgardaweek2013
Immagine 1 di 22

Olympic Garda Week 2013

Nei Laser, 102 equipaggi, Tom Burton con 12 punti. Distanziato di tre punti il croato Tonci Stipanovic. Terzo il francese Jean Baptiste Bernaz, con 17 punti. Marco Gallo, primo fra gli italiani, con 25 punti, è al settimo posto.

Laser Radial, una Annalise Murphy in stato di grazia stacca tre primi posti! Seconda Tuula Tenkanen, terza la croata Tina MIelich. Ottavo posto per la nostra Silvia Zennaro, prima fra le italiane.

Nei Finn al primo posto l’Italiano Giorgio Poggi, a dodici punti, grazie a due primi ed un quarto. Dennis Karpak è secondo. Maier Michael è terzo con 18 punti.

L’AC72 Artemis Racing scuffia – Muore Andrew Simpson

Ieri, 9 maggio 2013, durante una sessione di allenamento nella baia di San Francisco in vista dell’America’s Cup in programma la prossima estate l’AC72 Artemis Racing ha scuffiato.

ac72-Artemis-scuffiato

Andrew Simpson, 36 anni, due volte campione olimpico per la Gran Bretagna, è rimasto intrappolato sotto la barca rovesciata e nonostante i ripetuti tentativi dei medici, sia in acqua che a terra, ha perso la vita.

Tutto il team è devastato per questa perdita – ha affermato Paul Cayard, CEO di Artemis Racing – Le nostre condoglianze più sentite vanno alla moglie di Andrew e alla sua famiglia”.

Garda Trentino Olympic Week 2013

Inizia oggi e durerà fino al 12 maggio sul lago di Garda il Garda Trentino Olympic Week 2013, prima tappa del circuito Eurosaf Champions Sailing Cup, riservato alle classi olimpiche.

Garda Trentino Olympic Week 2013

L’evento, organizzato dal Consorzio Vela Garda Trentino, conta circa 400 equipaggi iscritti e presenterà in anteprima le due nuove classi olimpiche, il femminile 49er FX ed il catamarano misto Nacra 17.

Il Consorzio Vela Garda Trentino, riunisce i Circoli velici dell’Alto Garda: Circolo Vela Arco, Fraglia Riva, Circolo Vela Torbole, Circolo Surf Torbole e Fraglia Vela Malcesine.

Croazia – Dal 1° luglio sparisce la lista passeggeri

map-croaziaOra non ricordo quanti anni fa in Croazia è stata istituita la lista equipaggio per i diportisti stranieri, a memoria direi non molti.

Secondo loro la logica del coefficiente 2,3 rispetto i posti disponibili sulla nave – se si notificavano 10 passeggeri, nel corso di un anno si potevano avere a bordo della propria imbarcazione 23 persone diverse, non comprensi gli under 12 – era quella di eliminare o quanto meno ridurre il fenomeno dei charter abusivi.

Secondo noi (noi inteso come italiani) la logica era quella di penalizzare i charter nostrani, limitandone di fatto il numero di persone imbarcabili in una stagione.

Ma ora la Croazia entra in comunità Europea e uno dei cambiamenti previsti (abbiamo già visto dell’iva sulle imbarcazione in transito stabilmente temporaneo) dal primo luglio è che la pratica della lista equipaggio viene eliminata.

Restano in vigore la tassa di navigazione – ma viene abolito il rilascio del bollino – e la notifica di ingresso, da sbrigare nelle Capitanerie, di uscita.

Quesito di Fabio sulle regate a compenso

Fabio mi scrive per sottopormi un quesito riguardo alle regate a compenso, lo pubblico nella speranza che qualcuno abbia una risposta per lui:

Prima considerazione: il GPH , nelle varie formulazioni (fisso, calcolato, etc…) esprime la “navigabilità” di una imbarcazione in secondi a miglio tenendo conto di tutte le sue forme, attrezzature, specificità, andature, etc., NON della distanza di una regata.

Seconda considerazione: tra una barca con GPH minore e una con GPH maggiore, in caso di calcolo minore della distanza percorsa in regata, chi ci guadagna è la barca con GPH minore.

Terza considerazione: In una regata a bastone la lunghezza si calcola così: distanza dalla linea di partenza alla boa x 2 (andata e ritorno) x numero di giri + stacchetto.

Esempio: 2mg x 2 a/r x 2 giri + 0,5 = 8,5mg

In realtà la distanza “navigata”, cioè le miglie minime che necessariamente io devo fare, essendo la boa al vento a 90° rispetto la linea di partenza e quindi costretto a navigare per 45° rispetto l’asse del vento, è maggiore.

Cioè, considerando la distanza dalla linea di partenza alla boa un’ipotenusa, devo fare 2 cateti + ritorno + 2 cateti +ritorno + stacchetto.

E, secondo pitagora, conoscendo l’ipotenusa i il cateto c è uguale (vi risparmio la formula) a = 1,4

Quindi 1,4 x 2= 2,8 miglia effettivamente percorse, non 2, esattamente il 40% in più ad ogni giro.

Quindi rifacciamo il totale navigato: 2,8+2+2,8+2+0,5 = 10,1 mg effettivamente navigate.

10,1-8,5= 1,6 mg di compenso che non mi viene calcolato!

Si capisce che ho una barchetta con GPH maggiore?

Incidente a Genova – Jolly Nero contro la torre piloti del porto

Poco dopo le 23 di ieri, martedì 7 maggio 2013, la Jolly Nero – porta container della Linea Messina – è finita contro la torre piloti al Molo Giano del porto di Genova. Il bilancio è di nove persone morte.

La dinamica. Per cause ancora da accertare la nave ha completamente sbagliato manovra ed è entrata dentro la Palazzina piloti, dove operano e vivono molti dei piloti della Capitaneria di Porto di Genova. In seguito all’urto la torre si è prima inclinata di 45 gradi e poi si è abbattuta su una palazzina adiacente, distruggendola completamente. Molte persone o sono rimaste intrappolate all’interno o sono cadute in mare.

Dalle prime testimonianze raccolte sembrerebbe che due motori si siano bloccati rendendo la nave carica di container ingovernabile. La torre è stata colpita dal fianco sinistro della poppa della nave.

La torre controllo manovra del porto di Genova, crollata dopo esser stato colpita dalla Jolly Nero, ospitava diversi uffici. Tra questi, quelli della compagnia piloti del porto e quelli della Guardia Costiera.

A bordo della nave ci sarebbero state 10 persone dell’equipaggio, tutte incolumi. La Jolly Nero fa parte della flotta della societa Ignazio Messina e ha una stazza lorda di 40.594 tonnellate e una stazza netta di 17.083 tonnellate. La sua lunghezza è di 239,26 metri.

Notizie in tempo reale su news.google.it

Giancarlo Pedote rivince la Trinite-Plymouth

7 maggio 2013, Giancarlo Pedote e Rémi Aubrun a bordo del Mini 650 proto Prysmian 747, hanno tagliato per primi il traguardo della Trinité Plymouth, bissando il successo della scorsa edizione.

Prysmian 747, condotta dal suo skipper Giancarlo Pedote e da Rémi Aubrun

Secondo quanto riportato dal sito di Pedote è stata una regata tecnica, non semplice […] Diversa da quella dello scorso anno, vinta dallo stesso equipaggio ma che era durata poco più di un giorno (incluso il percorso nella Baia di Quiberon): nel 2012 Prysmian 747 aveva più volte registrato velocità di fondo di 18 nodi.

Il regime anticiclonico che quest’anno ha dominato il campo da regata, ha diminuito la velocità di navigazione degli skipper e ha reso le correnti ancora più rilevanti.

RC44 Trapani Cup – Vince Team Aqua

La vittoria finale della RC44 Trapani Cup è andata a Team Aqua dell’armatore timoniere Chris Bake, Cameron Appleton alla tattica. A pari punti ma secondi a causa del minor numero di vittorie (una contro tre) gli sloveni di Ceeref di Igor Lah con il tattico Michele Ivaldi.

rc44-trapani-2013-10

rc44-trapani-2013-10
Immagine 1 di 10

RC44 Trapani CUP

Terzo posto per i russi di Katusha (armatore Gennai Timchanko, tattivo Andy. Quarto per gli svedesi di Artemis (Torbjorn Tornqvist, tattico Paul Cayard) e quinto per i russi di Nika (Vladimir Prosikhin, Tomislav Basic).

Team Italia di Massimo Barranco, con Francesco Bruni e Flavio Favini, ha concluso all’8° posto finale.

La premiazione si è tenuta nella tensostruttura sulla banchina del porto di Trapani, che in questi giorni è stata il quartier generale di RC 44 Trapani Cup. Pubblico delle grandi occasioni, che non ha fatto mancare il suo calore ed il suo entusiasmo. I premi, vere e proprie opere d’arte disegnate dall’architetto trapanese Vito Corte, sono stati consegnati dal sindaco di Trapani Vito Damiano, che ha voluto regalare a tutti i team partecipanti un gagliardetto su cui era inciso lo stemma della città e la frase: “Noi vi abbiamo offerto il vento, il mare e l’ospitalità, voi ci avere regalato un magnifico spettacolo”.

Info e classifiche complete su www.rc44trapanicup.com

Optimist – Cervia Spring Cup 2013 – Classifiche finali

Si è svolta sabato 4 e domenica 5 maggio la ventottesima edizione della Spring Cup, regata internazionale riservata agli Optimist organizzata dal Circolo nautico Amici della Vela di Cervia. Iscritti oltre 230 giovani timonieri. Questi i risultati finali.

springcup_2013_locandina

Classe Cadetti – Classifica provvisoria dopo 4 prove con 1 scarto prima della discussione delle proteste

1 Ita 8086 Valentino Luca, Maschio, 29-Gen-1999, 339-11-C Vela Cesenatico Ass S 6,0 (2) 2 1 2 1
2 Ita 7844 Rizzo Lorenzo, Maschio, 20-Mar-1999, 058-02-C.N.Castiglioncello Ass 9,0 3 1 2 3 (7)
3 Ita 8321 Bedoni Matteo, Maschio, 19-Mag-2001, 385-14-Fraglia Vela Riva Ass S 12,0 2 5 1 (10) 4
4 Ita 8205 Silvestrini Rodolfo, Maschio, 23-Mag-2000, 302-10-Gdv Lni Porto San Giorg 12,0 (5) 3 5 1 3
5 Slo 926 Germani Jana, ?, ?, J.K. Izola 15,0 (5) 3 4 5 3
6 Ita 8212 Tezza Alberto, Maschio, 04-Giu-1999, 385-14-Fraglia Vela Riva Ass S 16,0 1 (19) 3 10 2
7 Ita 7131 Cinti Giacomo, Maschio, 15-Giu-1998, 328-11-C V Ravennate Ass Sport 18,0 4 2 (6) 6 6
8 Ita 8121 Salvetta Tommaso, Maschio, 15-Mar-2001, 385-14-Fraglia Vela Riva Ass S 23,0 1 (27) 12 2 8
9 Ita 8272 Scarpetta Simone, Maschio, 29-Gen-2001, 305-10-Cnsambenedettese 23,0 9 1 (13) 4 9
10 Ita 7260 Flavio Caterbetti, Maschio, 22-Mag-2000, 302-10-Gdv Lni Porto San Giorg 24,0 10 6 (18) 3 5

Classe Juniores – Classifica provvisoria dopo 5 prove con 1 scarto prima della discussione delle proteste

Lunga Bolina-Trofeo Wind 2013 – Risultati finali

Terminata con le vittorie in overall del Comet 41 Prospettica di Giacomo Gonzi (classe Orc) e del First 34.7 Vulcano 2 di Giuseppe Morani (classe Irc) la IV edizione del Lunga Bolina-Trofeo Wind, regata d’altura organizzata dal Circolo Canottieri Aniene. Prime tre in tempo reale: Aniene Tp 52, Cippa Lippa e Almabrada.

vulcano2

vulcano2
Immagine 1 di 6

Riva di Traiano 3 Maggio 2013 1° Classificato IRC: ITA 15441 VULCANO 2 FIRST 34.7 Armatore MORANI GIUSEPPE

Le ultime barche hanno tagliato il traguardo nella mattinata del 5 maggio dopo aver navigato per 133 miglia sulla rotta Riva di Traiano-Formiche di Grosseto-Formiche di Burano-Giannutri-Riva di Traiano.

Nel gruppo Orc (42 barche, classifica valida per il Campionato Italiano Offshore), successo per il Comet 41 Prospettica di Giacomo Gonzi, un aficionado delle regate lunghe, che ha preceduto il Grand Soleil 43 Vanité di Mario Aquila e il Sun Fast 3200 Scheggia di Nino Merola.