Downunder è arrivato a Noumea

Luna Rossa Press Conference Alameda 17/05/2013

Patrizio Bertelli supportato da tutto il team (alle sue spalle) ha tenuto una conferenza stampa dove sostanzialmente ha dichiarato che Luna Rossa resta in Coppa America ma chiede più attenzione alla sicurezza, come dotare gli equipaggi di caschi e protezioni fisiche e mettere in campo un’attività di gestione delle emergenze, idroambuanza, sommozzatori professionisti, paramedici e un elicottero per eventuali celeri trasferimenti.

L’altro intervento richiesto è sui limiti di vento. Ha ricordato che a Newport fu stabilito un limite per la LVC di 25 nodi per il round robin e di 28 per la finale. La proposta di LR è di scendere a 20 nodi, 25 nodi contro i 33 del Protocollo per la finale dell’AC. Inoltre c’è da valutare attentamente la sospensione della regata se il vento aumenta di 2 nodi oltre il limite massimo stabilito alla partenza.

Bertelli alla fine ha inoltre precisato che ogni modifica dovrà essere conforme al Protocollo e che se sull’onda dell’emozione causata dall’incidente, saranno stravolte le regole (per favorire il defender) il team Luna Rossa non parteciperà a qualunque costo.

Ecco il video della conferenza stampa che Bertelli ha tenuto in italiano volendo che fosse il legale del team a tradurre, per essere sicuro che qualche concetto non andasse perso per strada.

Aggiornamento America’s Cup – Intervista di Bertelli a La Stampa

Dopo l’incidente che ha causato la morte di Andrew Simpson l’America’s Cup tutta è un tantino in fermento. Tanto per iniziare la Commissione d’Inchiesta ha chiesto ai team di sospendere la navigazione sugli AC72 e pure sugli AC45 sino a metà della prossima settimana.

Secondo poi Patrizio Bertelli ha rilasciato un’intervista a La stampa, dalla quale estrapolo due passaggi secondo me interessanti:

D: Si parlava, prima dell’incidente di Artemis, di un limite massimo per regatare di 33 nodi, circa 60 chilometri l’ora.

R: Noi ad Auckland abbiamo provato la nuova barca a 20 nodi, senza problemi. Ma 33 nodi è troppo. Queste sono barche che al lasco (cioè col vento di poppa) con 20 nodi di vento corrono sull’acqua a 35-38 nodi. Ma ha idea di che velocità sia? È come lanciarsi con una moto a 250 chilometri l’ora… Quelle vecchie, monoscafo, la vecchia Luna Rossa, alla stessa andatura raggiungeva al massimo i 15-18 nodi. E così anche di bolina: massimo 12 nodi le vecchie imbarcazioni, almeno 25 questi catamarani. Che poi non è tanto il problema della bolina, quanto il passare da quest’ultima andatura al lasco. Il problema c’è quando dalla bolina si poggia (si lasca la randa che è tutta esposta al vento, alla massima pressione e non si può controllare; il rischio è di cappottarsi in avanti). Insomma, è tutto moltiplicato all’estremo. E noi a questo gioco al massacro non ci stiamo. Spero che gli organizzatori, Oracle, il defender, lo capiscano».

D: Che c’entra Oracle?

R: Hanno programmato le regate di selezione dello sfidante, la Louis Vuitton Cup, da luglio ad agosto, in un periodo in cui nella baia di San Francisco c’è molto vento. La finale della Coppa America, invece, è a settembre, quando ci sono mediamente 15 nodi. Loro stanno lì, a guardarci massacrare, spaccare tutto e aspettano. No, noi non ci stiamo».

Traduco la prima risposta per quelli a cui il concetto non fosse chiaro: Nel passaggio tra bolina e poppa, lascando la randa, il baricentro si sposta in avanti, il mostro si ingavona e tende a fare la capriola in avanti. Cosa che può anche essere “ragionevolmente” gestibile in allenamento quando puoi prenderti il tempo che ti serve ma in regata quando il tempo non c’è?

La seconda risposta non necessita di traduzione, immagino.

L’intervista completa su www.lastampa.it

Rolex Capri Sailing Week/Volcano Race 2013

La vela firmata Rolex inizia sabato 18 maggio la stagione velica 2013 con la Rolex Capri Sailing Week/Volcano Race 2013, evento organizzato dall’IMA insieme allo Yacht Club Gaeta EVS e allo Yacht Club Capri.

rolex-volcano-race-2012

I maxi yacht – provenienti da 7 Paesi: Italia, Gran Bretagna, USA, Ungheria, Olanda, Spagna e Germania – faranno rotta su Capri per la prima tratta, valida come Trofeo Città di Gaeta. Una volta raggiunto il porto turistico di Capri, le barche in gara, le cui dimensioni vanno dai 18.29 metri dei più “piccoli” mini maxi fino agli oltre 30 del Wally 100 Y3K, disputeranno due giornate (lunedì 20 e martedì 21) di regate in acque capresi.

Per mercoledì 22 invece è prevista la partenza della regata offshore, oltre 300 miglia da Capri fino alle isole Eolie, arcipelago vulcanico a nord della Sicilia, e ritorno.

Napoli – Regata dei Tre Golfi 2013

Tre-Golfi-2012

Sono oltre sessanta le imbarcazioni iscritte alla 59.ma Regata dei Tre Golfi, evento che apre la stagione velica del Circolo del Remo e della Vela Italia, che proseguirà dal 23 al 26 maggio con le prove sulle boe che si disputeranno per la seconda volta a Napoli, valida anche come prima tappa del Trofeo d’Altura del Mediterraneo e come prova del Campionato Italiano Offshore.

La flotta salperà, illuminata dalle fotoelettriche, dalla rada di Santa Lucia allo scoccare della mezzanotte tra il 17 e il 18 maggio.

Tra le imbarcazioni iscritte la più grande è Gaetana, lo Swan 65 dell’armatore Riccardo Pavoncelli, con guidone del CRV Italia, con i suoi 19 metri e 98 centimetri. Mente le più piccole in assoluto, con 9 metri e 20, sono Castore Vittoria (SeVeNa) e Istar (C.V.Salernitano), rispettivamente degli armatori Marina D’Italia Napoli e Attilio Taddeo.

Monotipi – Il Classe Fun

classe-fun-01

classe-fun-01
Immagine 1 di 7

Volendo soddisfare la propria voglia di regatare non è sempre necessario dotarsi di costosi barconi ottimizzati o da ottimizzare per i compensi o di monotipi all’ultimo grido. Esistono Classi che con costi ragionevoli permettono di misurarsi ad armi pari con altri equipaggi, anche di buona esperienza e livello. Perché, per come la vedo io, meglio arrivare ultimo ma imparare qualcosa da quelli bravi che arrivare primo perché il mio progettista ha saputo interpretare meglio il numeretto.

Una delle barche che permettono di competere con costi ragionevoli per esempio è il Fun, un monotipo disegnato oltre 30 anni fa da Joubert & Nivelt. Inizialmente costruito dal cantiere Jeanneau, lo scopo alla base del progetto era creare un monotipo veloce che potesse dare a quattro persone il piacere di regatare come su una deriva.

L’armo è a 7/8 con sartie volanti, il piano velico è composto da una randa di circa 14m², un genoa di circa 15m², un fiocco autovirante di circa 8m², tormentina e spinnaker di circa 40m².

Audi Sailing Series Melges 32 – Porto Ercole

melges-32-porto-ercole-2013-borlenghi_01

melges-32-porto-ercole-2013-borlenghi_01
Immagine 1 di 44

Porto Ercole, 13 maggio 2013 – Seconda tappa delle Audi Sailing Series Melges 32. I ventuno equipaggi presenti hanno disputato otto prove caratterizzate da brezze di media intensità.

A imporsi, al termine di un bel testa a testa con Torpyone e Bombarda, è stato Fantastica di Lanfranco Cirillo e del tattico Michele Paoletti. I tre equipaggi finiti sul podio sono gli stessi che guidano la classifica overall del circuito, comandata da Bombarda, già seconda a Gaeta, su Fantastica e Torpyone.

Classifiche complete su www.audisailingseries.com – Photo: © Carlo Borlenghi/BPSE Photo: © Carlo Borlenghi/BPSE

Caorle – La Duecento 2013 – Tutti i vincitori

Conclusa la XIX edizione de La Duecento del CNSM. Selene Alifax vince In Equipaggio, Blucolombre in X2. Tutti i vincitori in compensato

blucolombre-duecento-2013

Con l’arrivo di Quemas Ginki di Paolo Bonsignore alle 10.14.50 di domenica 12 maggio 2013 si è conclusa ufficialmente la XIX edizione de La Duecento, organizzata dal Circolo Nautico Porto Santa Margherita in collaborazione Marina 4, Paulaner, San Benedetto, Techimpex, Orologio, Marina di Sant’Andrea e il patrocinio del Comune di Caorle, Provincia di Venezia e Regione Veneto.

Edizione caratterizzata da condizioni meteo estremamente variabili, con temporali, piogge intense ma anche buchi di vento, specie nell’area di Sansego che hanno fermato molti dei regatanti più agguerriti.

XXVII Trofeo Marco Rizzotti – Risultati finali e foto

Il XXVII Trofeo Marco Rizzotti, regata per Optimist a squadre organizzata da Diporto Velico Veneziano e Compagnia della Vela dal 10 al 12 maggio, va alla squadra del Lauderdale Yacht Club, composta dalle gemelle Alie e Liza Toppa – figlie di Mike Toppa, trimmer di America3 nella Coppa America del 1992 – Sophia Reineke, Calli Lewis e Mack Fox.

trofeo-rizzotti-2013-finale-27

trofeo-rizzotti-2013-finale-27
Immagine 1 di 28

Risultato deciso all’ultimo, in una tiratissima finale contro i “fratelli” di USA Coral Reef Yacht Club, dominatori del round robin, ma secondi con l’onore delle armi.

La giornata inizia sotto il sole ma senza vento, dalle 11 alle 13.10 la barca comitato issa l’intelligenza ma poi una brezza leggera appare, si comincia dal match 103 e si prosegue, non senza qualche interruzione per assestare correttamente il campo, fino a poco dopo le 15, quando si completa il 128 incontro e si decide di optare per la disputa delle finali della top-8.

Alcuni di queste ultime regate per l’accesso alla finale sono tiratissime: fantastiche le vittorie di Italia 1 e Italia 2 rispettivamente su USA Coral Reef Yacht Club e Slovenija, che stavano ai piani alti della classifica provvisoria, ma altrettanto intensi sono gli scontri tra la rappresentativa del Garda e quella del Veneto, tra Itlaia 1 e Slovenija, nonché tra il Lauderdale Yacht Club e il Lazio, con quest’ultimo che la spunta dopo aver inflitto una doppia penalità agli avversari proprio sulla linea di arrivo.

Garda Trentino Olympic Week – Classifiche finali

Ultimo giorno di Garda Trentino Olympic Week, la tappa italiana dell’Eurosaf Champions Sailing Cup. L’Ora, il vento che batte il Garda puntuale a mezzogiorno, ha consentito di disputare tutte le Final Race delle nove classi olimpiche in gara.

841_olympicgardaweek2013

841_olympicgardaweek2013
Immagine 1 di 63

Garda Trentino Olympic Week 2013

Tra gli atleti azzurri impegnati, da segnalare la bella vittoria di Flavia Tartaglini nel windsurf RS:X, a conferma dello splendido stato di forma che sta attraversando la rappresentante delle Fiamme Gialle, e la prestazione eccellente degli equipaggi del Nacra 17, con tre barche italiane nelle finale race e Vittorio Bissaro-Silvia Sicouri (Fraglia Vela Malcesine/Compagnia della Vela Grosseto) sul podio, al terzo posto, seguiti da Federica Salvà-Francesco Bianchi (Fraglia Vela Malcesine, quinti) e Francesco Porro-Caterina Marianna Banti (Circolo Canottieri Aniene, sesti).

Le classifiche finali delle singole classi