Video dello Yacth Pepe e Sale contro la diga di Punta Riso a Brindisi

In questo video pubblicato da www.brundisium.net si vede la barca che molto lentamente scarroccia e va a scogli, sullo sfondo una barca della Capitaneria che assiste inerme al fatto.

Ora, qualcuno più esperto di me è in grado di spiegarmi perché non è stato possibile tentare di allontare il Pepe e Sale dalla diga lanciandogli una cima e portandolo un po’ fuori, in acque agitate ma certo più sicure?

Ricordo che un uomo ci ha perso la vita.

Il genio col gommoncino

gommone a velaUn cinquantenne americano, mi par di capire della zona di Chicago, ha preso una pagaia, l’ha legata a guisa di albero a prua, a poppa e ai lati di un gommoncino da spiaggia lungo sei piedi e con cotanto veliero ha deciso di attraversare il tratto di mare che separa l’Inghilterra dall’irlanda. L’altra remo serviva da governo.

L’uomo è stato soccorso da una nave impiegata per fare lavori sottomarini a tre miglia marine a sud di Durdle Door, era in mare da dodici ore ed era già a un buon punto di cottura.

La nave aveva già incrociato questo strano marinaio nel primo pomeriggio e gli aveva offerto assistenza, che lui però aveva rifiutato, il comandante aveva dunque allertato la guardia costiera. Al ritorno dalle immersioni lo ha reincrociato e a quel punto lo ha caricato a forza.

Secondo quanto dichiarato dal comandante aveva sulle gambe delle bolle tali da sembrare gli avessero versato su dell’acqua bollente.

Bracciano – Optimist – Coppa AICO e la Coppa TOURING 2013

L’ho già detto diverse volte e continuo a dirlo, nella vela i veri soldi non sono nell’altura, quelli che fanno davvero girare l’economia dei luoghi che li ospitano sono gli Optimist.

A Bracciano infatti – per la Coppa AICO e la Coppa TOURING, eventi validi come terza tappa del Trofeo Optimist Italia Kinder + Sport 2013, dal 27 al 29 luglio – sono arrivate la bellezza di oltre 400 richieste di iscrizione. E non credo sia merito solo di tutta quella Nutella che distribuiscono.

optimist kinder logo

Peccato che poi, per motivi a me sconosciuti, il grandissimo e meritevole lavoro della Classe in oggetto vada un po’ perduto quando è ora che questa enorme massa di ragazzi passino alle classi superiori, superiori per età dei partecipanti ovvio.

Le regate sono organizzate dal “Comitato Bracciano Sailing” con la partecipazione dei circoli della zona, avranno base nautica al Centro sportivo dell’Aeronautica Militare di Vigna di Valle. La Coppa AICO sarà assegnata al primo juniores (nati dal 1998 al 2001), mentre la Coppa Touring sarà assegnata al primo cadetto (nati nel 2002-2003-2004).

Prima giornata al Campionato Italiano Assoluto Vela d’Altura

Marina di Ravenna 24 luglio – Nella prima giornata del Campionato Italiano Assoluto Vela d’Altura di Marina di Ravenna il vento ha fatto qualche capriccio prima di stabilizzarsi con una termica distesa da 110° a 9 nodi che ha permesso alle 14.35 di dare la partenza alle barche più grandi e, alle 14:53, a quelle più piccole.

campionato-italiano-assoluto-vela-altura-foto-fabio-taccola-01

campionato-italiano-assoluto-vela-altura-foto-fabio-taccola-01
Immagine 1 di 3

Una lunghissima giornata in mare che si è conclusa solo nel tardo pomeriggio, quando il comitato di regata (presidente Pietro Lo Giudice) è stato costretto ad annullare la seconda prova per mancanza di vento.

Nel gruppo A (27 barche), da subito lotta serrata tra i due TP52 Aniene e Hurakan, rispettivamente vice e campione del mondo, che al primo cancello di poppa hanno staccato Altair e Airis. Ma la scelta in controtendenza di Airis, che nella seconda bolina ha optato per il lato destro del campo di regata, ha premiato il GP42 timonato da Roberto Monti (tattico Roberto Spata) che al calcolo dei compensi vince la prima prova del gruppo A, seguito da Hurakan in seconda posizione e da Aniene in terza.

Video – Louis Vuitton Cup – RR4 – Race 1, 21 July 2013

San Francisco, 23 luglio 2013 – Con l’ennesima vittoria su Luna Rossa Emirates Team New Zealand conquista la matematica certezza del successo nella serie di qualificazione della Louis Vuitton Cup, l’America’s Cup Challenger Series. Qui il video della regata.

Il team neozelandese, guidato dallo skipper Dean Barker, ha completato le 15,43 miglia nautiche del percorso odierno in 46 minuti e 53 secondi, infliggendo un distacco di oltre 7 minuti a Luna Rossa Challenge 2013, finita ancora una volta DNF dato che il distacco ha superato i 5 minuti.

Mondiale Optimist 2013 – Risultati day 4

23 luglio 2013 – Quarta giornata di regate. A due giorni dalla fine del Campionato del Mondo Optimist prosegue lo strapotere di Singapore con 4 atleti nei primi 6.

mondiale-optimist-2013-day-4-01

mondiale-optimist-2013-day-4-01
Immagine 1 di 5

Oggi disputata una sola prova; giornata no per l’Italia: solo Dimitri Peroni rimane in corsa per il podio; scivola dal terzo al settimo posto, ma a pochi punti dal podio. Domani se le condizioni lo permetteranno previste 3 regate

Dopo la giornata di riposo – seguita ai due giorni dedicati ai Mondiali a Squadre, in cui ha vinto Singapore, con un bell’argento dell’Italia e il bronzo della Gran Bretagna, sono riprese a Riva del Garda le regate valide per l’assegnazione del titolo mondiale individuale della classe Optimist, manifestazione organizzata dalla Fraglia Vela Riva che si concluderà giovedì 25 luglio.

Presentata a Trieste la Barcolana 2013

Trieste 23 luglio 2013 – E’ stata presentata oggi la 45esima edizione della Barcolana, in programma dal 5 al 13 ottobre. Tra le principali novità di quest’anno dei cancelli “antibonaccia”, un nuovo percorso e un nuovo presidente del Comitato di Regata e la nuova classe Crociera.

manifesto barcolana 2013

* DEFINITA LA CLASSE CROCIERA – Valore e premi agli scafi a vocazione diportistica

La Barcolana propone quest’anno un’importante svolta sul fronte della classificazione delle barche: accanto alla classifica generale, che tiene conto dell’ordine di arrivo e di categoria sulla base della lunghezza fuori tutto, da quest’anno si compilerà una classifica tutta dedicata agli scafi “Crociera”, ovvero quelli pensati per pura vocazione diportistica: queste imbarcazioni, tecnicamente meno performanti degli altri scafi, raramente ottengono l’onore del podio, ma – in Barcolana – sono la maggioranza.

Video – Barca contro Ponte

Nella storica battaglia *Barca contro Ponte* ponte vince ancora una volta.

Immagine anteprima YouTube

E così a occhio parrebbe un “piccolo” Hallberg Rassy.

Via | snipeout.blogspot.com

Video – Louis Vuitton Cup – RR3 – Race 3, 21 July 2013

Non c’è speranza temo. Emirates a causa della rottura della drizza della vela di prua ha fatto tre quarti di regata con la sola randa e nonostante questo ha sempre condotto e vinto contro Luna Rossa con margine.

Brand New – Dufour 310 Grand Large

Uno degli effetti della profonda crisi che sta massacrando la nautica è una rinnovata attenzione – almeno da parte dei cantieri costruttori di barche a vela – per le barche di dimensioni più contenute (sotto i dieci metri), target che negli anni era stato via via sempre più messo da parte. Il rapporto costi benefici non era profittevole, dicevano. Ora anche Doufur, con questo nuovo 31, torna a guardare a questa tipologia di cliente.

dufour-310-granlarge-01

dufour-310-granlarge-01
Immagine 1 di 8

La mia cieca passione per i Dufour e per i progetti di Felci in generale è anche abbastanza nota, barche belle, ben proporzionate nelle linee, ben costruite, rifinite nei dettagli e ragionevolmente performanti anche nella linea votata alla crociera pura come la GrandLarge.

Questo nuovo Dufour 310 GrandLarge mi si presenta con una doppia ruota, capisco l’appeal verso un certo “tipo” di velista e la logica (migliorare in qualche modo l’accesso in pozzetto) ma io ne farei volentieri a meno, su un 31 farei a meno della ruota in generale liberando qualche metro quadro in pozzetto, forse qualche centimetro in cuccetta di poppa… e magari qualche cento Euro sul costo della barca.