Giraglia Rolex Cup – Secondo giorno di regate

Saint Tropez, secondo giorno di regata alla Giraglia Rolex Cup, organizzata dallo Yacht Club Italiano con la collaborazione dello Yacht Club de France, della Société Nautique de Saint Tropez e dello Yacht Club Sanremo.

giraglia-rolex-2013-01

giraglia-rolex-2013-01
Immagine 1 di 22

Vento regolare da nord est tra gli 8 e i 10 nodi. Per le imbarcazioni più grandi (Gruppo 0 e Gruppo A) il Comitato di regata ha scelto un percorso lungo 30,5 miglia con partenza davanti a Saint Tropez, giro di boa al largo di La Rabiou e di la Moutte con ritorno a Saint Tropez.

Le barche del Gruppo B si sono affrontate su un percorso di 19 miglia nel Golfo con passaggio davanti alla Seiche à l’Huile e arrivo davanti a Saint Tropez.

Questa la classifica provvisoria della regata:

Brindisi – Corfù 2013 – Idrusa prima in tempo reale

Brindisi – Corfù 2013 – 114 imbarcazioni, 104 miglia marine da Brindisi al porto di Kassiopi in Grecia. Primo in reale con un tempo di 9 ore e 35′ Idrusa, il Farr 80 Idrusa del Montefusco Sailing Project conPaolo Montefusco al timone.

brindisi-corfù-2013

La vittoria overall in tempo compensato va a Florenxia della Lega Navale Italiana Campomarino (Ta), di Michele Semeraro. Nel gruppo maxi ha vinto Moonshine, Lni Pesaro, armatore Edoardo Ziccarelli.

Partita con un maestrale di circa 20 nodi, diventati 25 durante la navigazione (con una rotazione verso Nord) e poi scesi a 18 nodi, la flotta di 114 barche iscritte a questa edizione della BrindisiCorfù ha navigato in poppa piena sulla rotta diretta verso Corfù, una navigazione veloce che ha esaltato gli equipaggi impegnati in questa grande classica della vela d’altura, una delle tappe più importanti del Campionato Italiano Offshore della Fiv.

Classifiche complete su federvela.it

Argentario Sailing Week 2013 – Primo giorno di regate

Porto Santo Stefano, 14 giugno 2013: Sole, mare piatto e vento tra i 10 e i 12 nodi da Ovest, nella giornata inaugurale della 14a edizione dell’Argentario Sailing Week 2013 – Panerai Classic Yachts Challenge, raduno di yacht a vela d’epoca e classici organizzato dallo Yacht Club Santo Stefano in collaborazione con Officine Panerai.

argentario-sailing-week-2013-01

argentario-sailing-week-2013-01
Immagine 1 di 30

Le 42 imbarcazioni iscritte provenienti da Francia, Germania, Spagna, Gran Bretagna, Stati Uniti e Italia hanno navigato tra Porto Santo Stefano e la baia di Talamone misurandosi tra loro suddivise nelle cinque categorie Vintage, Classic, Big Boats, Spirit of Tradition e Classi Metriche regalando agli appassionati uno spettacolo mozzafiato.

Ieri pomeriggio l’intera flotta aveva ricevuto l’omaggio dell’Amerigo Vespucci, la nave ammiraglia della Marina Militare Italiana, che arrivata Porto Santo Stefano si è fermata all’ancora per alcune ore per “salutare” le regine del mare dell’Argentario Sailing Week 2013 – Panerai Classic Yachts Challenge.

Amerigo Vespucci a Civitavecchia – Giugno 2013 – Orari di visita

Nave Scuola Marina Militare Amerigo Vespucci

La Amerigo Vespucci, nave scuola della Marina Militare, sarà ormeggiata presso la Banchina “Albicini” al posto n. 14 di Civitavecchia da venerdì 14 a mercoledì 19 giugno.

Come spesso accade sarà aperta a tutti per le visite a bordo nei seguenti giorni e orari:

· venerdì 14 giugno dalle ore 15:30 alle ore 18:30;
· sabato 15 giugno dalle ore 10:00 alle ore 12:00 e dalle ore 15:30 alle ore 18:30;
· domenica 16 giugno dalle ore 16:00 alle ore 19:00;
· lunedì 17 giugno dalle ore 10:00 alle ore 12:00;
· martedì 18 giugno dalle ore 15:30 alle ore 18:30.

Terminata la sosta partirà alla volta di Napoli, dove sosterà dal 21 al 25 giugno.

Andrea Mura e Vento di Sardegna vincono in reale la Ostar 2013

Andrea Mura Vento di sardegna partenza ostar 2013

Newport, Rhode Island, USA – Alle 18:12 ora locale del 13 giugno 2013 un grandissimo Andrea Mura, a bordo del suo Open 50 Vento di Sardegna, ha tagliato primo in tempo reale il traguardo della Ostar 2013, Original Singlehanded Trans-Alantic Race.

Per percorrere le 3000 miglia di oceano Atlantico da Plymouth a Newport Mura ha impiegato 17 giorni, 10 ore e 22 minuti.

Sono 150 le sue miglia di vantaggio sul secondo, il trimarano Branec IV del francese Roger Langevin.

www.ventodisardegna.comostar.rwyc.org

Giraglia Rolex Cup 2013

Sono 201 le imbarcazioni iscritte alla Giraglia 2013, in rappresentanza di 17 nazioni: Gran Bretagna, Germania, Russia, Stati Uniti, Lettonia, Irlanda, Finlandia, Malta, Svizzera, Spagna, Olanda, Nuova Zelanda, Romania, Ungheria, Lussemburgo e, ovviamente, Francia e Italia.

percorso giraglia 2013

Il programma quest’anno prevede come primo atto la regata da Sanremo a Saint-Tropez (lunghezza 58 miglia), la cui partenza è in calendario per le 24 di venerdì 14. Alla prova inaugurale faranno poi seguito, da domenica a martedì, tre giorni di regate costiere nel golfo di Saint-Tropez e, come atto conclusivo e momento top della manifestazione, la traversata d’altura che scatterà dalla cittadina francese mercoledì 19 e, dopo ave doppiato lo scoglio della Giraglia al largo della Corsica, porterà la flotta verso il traguardo conclusivo di Genova, dove l’arrivo è previsto per venerdì 21, dopo 243 miglia di un percorso tanto affascinante quanto impegnativo.

Optio – Il nuovo daysailer di casa Wauquiez

wauquiez_optio_01

wauquiez_optio_01
Immagine 1 di 7

Optio è il nuovo daysailer disegnato da Berret-Racoupeau YD per il cantiere francese Wauquiez.

LOA 9.00 m
LWL 8.57 m
Max beam 2.55 m
Engine I/O 14 cv – Sail drive
Lifting Keel Cast iron, (hydraulic system)
Draft 1.00 m/ 2.20 m
Height 13.20 m
Displacement empty/Light 2130 kg / 2380 kg
Capacity fuel 40 l
Capacity water 50 l
Capacity black water 35 l
Design category (CE) C – 8 pers (pending) B (Option)

Presentato il 53/mo salone nautico internazionale di Genova

Immagino che ricordiamo un po’ tutti le grandi polemiche intorno al Salone 2012, con i dissidenti della vela e i saloni tematici annunciati e mai tenuti a causa, mi sembra di ricordare, di veti vari.

NAUTICA: UCINA, IVA PORTI TURISTICI VA EQUIPARATA A ALBERGHI

Oggi, 12 giugno 2013, nel corso di un incontro con la stampa, Sara Armella e Antonio Bruzzone, Presidente e amministratore delegato di Fiera di Genova; Anton Francesco Albertoni e Marina Stella, presidente e direttore generale di Ucina Confindustria Nautica, hanno anticipato i dettagli di quello che sarà il 53/mo salone nautico internazionale di Genova.

Si inizia con le date, dal 2 al 6 ottobre, per rispondere ai desiderata degli espositori e per allinearsi ai più recenti standard dell’offerta fieristica a livello internazionale la durata non sarà più di 9 giornate ma 5. Costo del biglietto invariato a 15 euro (13 con l’acquisto online).

Alacaluf – Ai confini del mondo

alacaluf it cover 400Alacaluf è la storia di un fantastico viaggio intorno al mondo di una famiglia con una bimba di soli 3 anni su una barca a vela di 10 metri. Normalmente la casa editrice AltreOnde è concentrata sui libri tecnici, ma questo è un libro davvero particolare e per questo ha scelto di dargli nuova vita.

Il libro venne pubblicato in francese e italiano qualche anno fa, ma restò in vendita solo per breve tempo; ciò nonostante i lettori che hanno avuto la possibilità di leggerlo lo descrivono come un grande classico della narrativa di mare, al pari di pietre miliari come Moitessier, Slocum e altri grandi navigatori-scrittori. Tra gli appassionati francesi, il libro è diventato un testo fondamentale per chi sogna il grande viaggio.

La scelta di dare una nuova vita al libro in un’edizione e traduzione completamente nuove, con sezioni, disegni e foto in parte inediti è quindi prima di tutto l’omaggio a un incredibile viaggio e la riscoperta di una fantastico racconto, perfettamente bilanciato tra aspetti tecnici e la ricerca del lato umano.

Vele North Sails sul Wally 100 Magic Carpet 3

wally-100-Magic-Carpet_02E’ un markettone North Sails però lo pubblico paro paro perché, essendo ben fatto, contiene un sacco di interessanti info sulle vele scelte per il Wally 100.

Palma di Maiorca – Magic Carpet 3, uno dei Maxi più attesi della stagione 2013, ha toccato l’acqua lo scorso aprile. Il Wally 100 di Sir Lindsay Owen-Jones ha debuttato sui campi di regata in occasione di PalmaVela, chiudendo terzo nel raggruppamento Wally. A bordo, oltre a un gioco di vele North Sails 3Di e al sail coordinator Gigio Russo, c’erano talenti del calibro di Jochen Schuemann, Sebastien Col, Pepe Ribes, Marcel van Triest, Mike Joubert ed Emma Westmacott.

Comandato da Danny Gallichan, Magic Carpet 3 è il terzo Wally commissionato dall’armatore britannico dopo quelli varati nel 1997 e nel 2002.
A seguire il progetto vele è stato il personale della North Sails di Carasco, coordinato da Gigio Russo che racconta: “Di Magic Carpet 3 abbiamo iniziato a parlare parecchio tempo fa e le prime bozze sono state disegnate verso la fine della scorsa primavera, immaginando un gioco di vele per il delivery della barca da Ancona a St Tropez. Dopo poco tempo abbiamo appreso che la barca sarebbe stata consegnata direttamente in Costa Azzurra e quindi il gioco da trasferimento è stato cancellato e ci stiamo ripensando ora”.

“Siamo partiti quindi da un inventario quasi definitivo – aggiunge Gigio Russo – La randa è realizzata in 3Di 760, impiegando fibra aramidica e Dyneema, ha due mani di terzaroli e sfrutta le dimensioni massime del piano velico in configurazione regata; nonostante ciò il taglio è comunque conservativo, visto che questa vela sarà successivamente destinata al day sailing e alle regate offshore. A prua abbiamo due vele sullo strallo principale dotate di garrocci, scelta anomala ma per vele di queste dimensioni valide alternative alla regola di classe Wallycento, che richiede lo strallo di prua dotato di avvolgifiocco: la soluzione è stata quella di avere uno strallo dotato di avvolgitore sul quale sarà possibile montare una vela con garrocci “soft” in configurazione crociera. Ci sono poi altre due vele intermedie dotate di avvolgitori con cavo di inferitura autoportante sono realizzate in 3Di 780, utilizzando un misto Dyneema-carbonio. Abbiamo volontariamente evitato di puntare sull’870 che, almeno per le prime vele, poteva nascondere qualche insidia. Le due vele intermedie sono realizzate con la stessa fibra della randa: essendo avvolgibili e dovendo anche essere ripiegate in un sacco si è scelto per una soluzione più conservativa. La barca è grande, ha un bel momento raddrizzante ed è più pesante rispetto a un racer puro: vele realizzate in full carbon sarebbero state straordinarie, ma probabilmente non adatte per il primo periodo di vita della barca”.