Video – Louis Vuitton Cup – RR4 – Race 1, 21 July 2013

San Francisco, 23 luglio 2013 – Con l’ennesima vittoria su Luna Rossa Emirates Team New Zealand conquista la matematica certezza del successo nella serie di qualificazione della Louis Vuitton Cup, l’America’s Cup Challenger Series. Qui il video della regata.

Il team neozelandese, guidato dallo skipper Dean Barker, ha completato le 15,43 miglia nautiche del percorso odierno in 46 minuti e 53 secondi, infliggendo un distacco di oltre 7 minuti a Luna Rossa Challenge 2013, finita ancora una volta DNF dato che il distacco ha superato i 5 minuti.

Mondiale Optimist 2013 – Risultati day 4

23 luglio 2013 – Quarta giornata di regate. A due giorni dalla fine del Campionato del Mondo Optimist prosegue lo strapotere di Singapore con 4 atleti nei primi 6.

mondiale-optimist-2013-day-4-01

mondiale-optimist-2013-day-4-01
Immagine 1 di 5

Oggi disputata una sola prova; giornata no per l’Italia: solo Dimitri Peroni rimane in corsa per il podio; scivola dal terzo al settimo posto, ma a pochi punti dal podio. Domani se le condizioni lo permetteranno previste 3 regate

Dopo la giornata di riposo – seguita ai due giorni dedicati ai Mondiali a Squadre, in cui ha vinto Singapore, con un bell’argento dell’Italia e il bronzo della Gran Bretagna, sono riprese a Riva del Garda le regate valide per l’assegnazione del titolo mondiale individuale della classe Optimist, manifestazione organizzata dalla Fraglia Vela Riva che si concluderà giovedì 25 luglio.

Presentata a Trieste la Barcolana 2013

Trieste 23 luglio 2013 – E’ stata presentata oggi la 45esima edizione della Barcolana, in programma dal 5 al 13 ottobre. Tra le principali novità di quest’anno dei cancelli “antibonaccia”, un nuovo percorso e un nuovo presidente del Comitato di Regata e la nuova classe Crociera.

manifesto barcolana 2013

* DEFINITA LA CLASSE CROCIERA – Valore e premi agli scafi a vocazione diportistica

La Barcolana propone quest’anno un’importante svolta sul fronte della classificazione delle barche: accanto alla classifica generale, che tiene conto dell’ordine di arrivo e di categoria sulla base della lunghezza fuori tutto, da quest’anno si compilerà una classifica tutta dedicata agli scafi “Crociera”, ovvero quelli pensati per pura vocazione diportistica: queste imbarcazioni, tecnicamente meno performanti degli altri scafi, raramente ottengono l’onore del podio, ma – in Barcolana – sono la maggioranza.

Video – Barca contro Ponte

Nella storica battaglia *Barca contro Ponte* ponte vince ancora una volta.

Immagine anteprima YouTube

E così a occhio parrebbe un “piccolo” Hallberg Rassy.

Via | snipeout.blogspot.com

Video – Louis Vuitton Cup – RR3 – Race 3, 21 July 2013

Non c’è speranza temo. Emirates a causa della rottura della drizza della vela di prua ha fatto tre quarti di regata con la sola randa e nonostante questo ha sempre condotto e vinto contro Luna Rossa con margine.

Brand New – Dufour 310 Grand Large

Uno degli effetti della profonda crisi che sta massacrando la nautica è una rinnovata attenzione – almeno da parte dei cantieri costruttori di barche a vela – per le barche di dimensioni più contenute (sotto i dieci metri), target che negli anni era stato via via sempre più messo da parte. Il rapporto costi benefici non era profittevole, dicevano. Ora anche Doufur, con questo nuovo 31, torna a guardare a questa tipologia di cliente.

dufour-310-granlarge-01

dufour-310-granlarge-01
Immagine 1 di 8

La mia cieca passione per i Dufour e per i progetti di Felci in generale è anche abbastanza nota, barche belle, ben proporzionate nelle linee, ben costruite, rifinite nei dettagli e ragionevolmente performanti anche nella linea votata alla crociera pura come la GrandLarge.

Questo nuovo Dufour 310 GrandLarge mi si presenta con una doppia ruota, capisco l’appeal verso un certo “tipo” di velista e la logica (migliorare in qualche modo l’accesso in pozzetto) ma io ne farei volentieri a meno, su un 31 farei a meno della ruota in generale liberando qualche metro quadro in pozzetto, forse qualche centimetro in cuccetta di poppa… e magari qualche cento Euro sul costo della barca.

Ottimo risultato per l’Italia ai Mondiali giovanili 2013

19 Luglio 2013 – Si è concluso oggi a Limassol (Cipro) il Sail First ISAF Youth Sailing World Championship, il Campionato Mondiale giovanile di vela che ha riunito in acqua 351 velisti in rappresentanza di 61 Nazioni.

isaf-youth-marta-maggetti-rsx-f

isaf-youth-marta-maggetti-rsx-f
Immagine 1 di 4

Finale eccezionale per il team azzurro, che conquista due medaglie d’argento (nel 420 maschile con Matteo Pilati-Michele Cecchin della Fraglia Vela Malcesine e nel windsurf RS:X femminile con Marta Maggetti del Windsurfing Club Cagliari) e una di bronzo (nel 420 femminile con Ilaria Paternoster-Benedetta di Salle dello Yacht Club italiano) e vince, per la seconda volta nella sua storia, il Nations Trophy, la classifica a squadre che assegna l’ambito Trofeo delle Nazioni.

Un risultato molto importante per tutta la vela italiana, che dopo i due recenti bronzi conquistati ai Giochi del Mediterraneo, ottiene un’altra eccellente affermazione con i ragazzi del movimento giovanile, grazie alle prestazioni della squadra capitanata dal Team
Leader Gigi Picciau, affiancato dai Tecnici federali Francesco Caricato e Mauro Covre.

Tutti i risultati classe per classe

A Marina di Ravenna il Campionato Italiano Assoluto Vela Altura 2013

italiano altura 2013 logoDal 23 al 27 luglio Marina di Ravenna ospiterà il Campionato Italiano Assoluto Vela Altura, assegnato da Federazione Italiana Vela e Uvai (Unione Vela Altura Italiana) al Circolo Velico Ravennate.

Il borgo all’ingresso del porto canale Candiano pronto ad ospitare 40 equipaggi. Tra gli iscritti i campioni del mondo di Hurakan e Scugnizza, tailer di Shosholoza Pierluigi Fornelli; il campione del mondo Melges 24 Carlo Fracassoli, lo skipper Stefano Raspadori, l’ex olimpico del Tornado Lorenzo Bodini, Tommaso Chieffi e Duccio Colombi, due volte campione del mondo, campione europeo e sette volte campione italiano in diverse classi.

Un altro team da tenere d’occhio in vista delle sfide tricolore sarà il Low Noise, pluri iridato M37 (progetto Maurizio Cossutti) e campione continentale 2012.

Mondiale Optimist 2013 – Risultati day 2

Riva del Garda, 18 luglio 2013. Nella seconda giornata di Mondiale Optimist la squadra di Singapore si conferma fortissima. Germania e Gran Bretagna recuperano e si portano tra i primi. Giornata non brillante per l’Italia: Dimitri Peroni rimane comunque nel primissimo gruppo: è quarto.

1011300_299925680144836_1633035932_n

1011300_299925680144836_1633035932_n
Immagine 1 di 8

Condizioni meteo molto variabili, durante la prima prova di giornata sembrava entrasse un temporale, che però si è dissolto senza alcuna conseguenza sul Garda Trentino e le regate Optimist. Il vento si è assestato sugli 8-10 nodi, permettendo così a quei timonieri più leggeri di riscattarsi dopo il vento medio-forte del primo giorno di gare. A metà pomeriggio, dopo una pausa forzata in attesa che il vento tornasse regolare, il Comitato di regata ha fatto ripartire le flotte per un’altra prova, portando così a 4 regate il bilancio dopo due giorni di questa manifestazione organizzata dalla Fraglia Vela Riva in collaborazione con la classe Internazionale Optimist.

Video – La costruzione del VO65

Un nuovo video della serie Building the Future, in questo episodio la costruzione della nuova Volvo Ocean 65, la barca, monotipo, che sarà utilizzata nella prossima edizione della Volvo Ocean race.

Un aggiornamento dal cantiere inglese Green Marine, dove si sta concludendo l’assemblaggio della coperta, costruita dalla francese Multiplast, e dello scafo prodotto dal cantiere italiano Persico, della barca numero 1.

Rick Deppe mostra alcune delle principali caratteristiche della coperta, le cui innovazioni permetteranno ai velisti oceanici di ottenere le massime prestazioni dal nuovo VO65. Poi Deppe visita la veleria dove è iniziata la seconda fase della produzione delle vele. Il project manager James Dadd spiega il funzionamento della chiglia basculante e quali saranno gli effetti sulla navigazione in regata. Per finire, il montaggio del motore Volvo Penta D2-75.