Genova – Millevele 2013

Il 2 giugno 2013 – nel giorno della Repubblica – torna a Genova Millevele, la grande festa della vela aperta a tutte le imbarcazioni a vela dai 6,45 metri in su organizzata dallo Yacht Club Italiano, giunta alla 27° edizione.

Millevele 2012

I partecipanti si affronteranno su un percorso di regata a vertici fissi che li porterà a girare una boa davanti a Quarto e a dirigersi poi verso una boa al largo prima di fare ritorno a Genova. La veleggiata si svolgerà in tempo reale per tutte le categorie di imbarcazioni.

L’iscrizione a Millevele è gratuita. È possibile iscriversi alla Millevele 2013 direttamente online, sul sito dello Yacht Club Italiano (www.yci.it) fino alle ore 23.59 di sabato 1 Giugno 2013. Per chi preferisse l’iscrizione cartacea, è possibile scaricare dal sito www.yci.it il modulo di iscrizione che andrà consegnato entro le ore 17 di sabato 1 giugno presso le segreterie della manifestazione:

Rolex Capri Sailing Week 2013 – Trofeo Città di Gaeta

rolex-volcano-race-2013-01

rolex-volcano-race-2013-01
Immagine 1 di 20

NED 8385; PH3; Owner: Austin van't Wout; Type: MiniMaxi R/C; Model: Contest 72

Il Wally 100′ “Y3K” del tedesco C. Peter Offen, presidente dell’IMA, si è aggiudicato il “Trofeo Città di Gaeta”, tagliando per primo il traguardo della prima tappa (Gaeta-Capri), lunga circa 100 miglia marine, della “Rolex Capri Sailing Week/Volcano Race”.

Al secondo posto, “Caol Ila” dello statunitense Alexander Schaerer. “Jethou” del britannico Sir Peter Ogden, terza sulla linea di arrivo, ha vinto la regata in tempo compensato.

Il 20 e 21 maggio i maxi yacht regateranno su percorsi tecnici in acque capresi, mentre il 22 partirà da Capri il leg 4 (300 miglia) che porterà la flotta a doppiare le Isole Eolie per fare poi ritorno a Capri.

Via | www.regattanews.com – Photo by: Rolex / Kurt Arrigo

Quanto costa la tassa di possesso sulle barche

La tassa di possesso sulle imbarcazioni va pagata entro il 31 maggio ed è valida valida dal 1 maggio al 30 aprile.

Per il periodo che va dal 1 maggio 2013 al 30 aprile 2014 gli importi sono:

Lunghezza scafo – Tassa annuale
da 10,01 a 12 metri – 800 euro
da 12,01 a 14 metri – 1.160 euro
da 14,01 a 17 metri – 1.740 euro
da 17,01 a 20 metri – 2.600 euro
da 20,01 a 24 metri – 4.400 euro
da 24,01 a 34 metri – 7.800 euro
da 34,01 a 44 metri – 12.500 euro
da 44,01 a 54 metri – 16.000 euro
da 54,01 a 64 metri – 21.500 euro
superiore a 64 metri – 25.000 euro

riduzione barche a vela : 50%

riduzione per vetustà

  • 15% dopo 5 anni dalla data di costruzione dell’unità da diporto
  • 30% dopo 10 anni dalla data di costruzione
  • 45% dopo 15 anni

Tali periodi decorrono dal 1° gennaio dell’anno successivo a quello di costruzione.

La tassa non è dovuta per il primo anno dalla prima immatricolazione, va pagata dai cittadini italiani anche se l’imbarcazione batte bandiera estera

Dettagli sul pagamento su www.agenziaentrate.gov.it

Porto Ercole – Audi Sailing Series 2013 – Melges 20

melges-20-porto-ercole-borlenghi-2013-01

melges-20-porto-ercole-borlenghi-2013-01
Immagine 1 di 21

Porto Ercole, 19 maggio 2013 – Dopo il nulla di fatto della prima giornata, il Comitato di Regata ha chiuso la serie riuscendo a far disputare ai ventinove equipaggi protagonisti quattro prove nonostante il vento instabile tanto in nodi quanto in angolo.

La classifica della seconda tappa delle Audi Sailing Series Melges 20 premia Mascalzone Latino Jr (Onorato-Bressani-Ciampalini, 7-7-3-2), riuscito nell’impresa di scalare quattro posizioni in una sola regata.

Secondi gli statunitensi di Shimmer (Lucas-Melges-Michetti, 6-3-8-6) che, contando sull’esperienza del duo Melges-Michetti, hanno anticipato di un solo punto gli inglesi di Cinghiale (Wilber-Kotoon-Hughes, 1-16-4-3), vincitori della prima prova.

Regata dei Tre Golfi 2013 – Classifiche finali

Napoli, 19 maggio 2013 – Coprendo le 170 miglia in poco più di 26 ore e 13 minuti il TP52 Aniene vince in tempo reale la 59.ma regata dei Tre Golfi e si aggiudica per il secondo anno consecutivo la Coppa d’Andrea, Mandolino trionfa in classe ORC e Chestress3 in IRC.

tp52 aniene 1° classe

L’equipaggio di Aniene ha tagliato il traguardo alle ore 2.23 della notte tra sabato e domenica dopo aver condotto la regata attraverso i Golfi di Napoli, Salerno e Gaeta sempre in testa.

Cippa Lippa 8, il Cookson 50 dell’armatore Guido Paolo Gamucci della Lega Navale Italiana di Milano, è arrivato solo 20 minuti dopo. Terza in reale .G, il 52 piedi realizzata dai cantieri Latini, dell’armatore Gabriele Guerzoni con guidone toscano del C.N. Scarlino.

Quarto in reale ma primo in tempo compensato in classe ORC, Mandolino di Martino Orombelli che strappa ai detentori del Circolo Canottieri Aniene la Coppa senatore Matarazzo e la Vela d’oro che avevano conquistato nel 2012. Secondo è Chestress 3 (progetto Johnstone) dell’armatore ligure Giancarlo Ghislanzoni dello Yacht Club Italiano che però nella divisione IRC conquista il primo posto confermandosi, come nella passata edizione, il vincitore della Coppa Mariano Verusio.

Prima uscita a San Francisco di Luna Rossa

luna-rossa-san-francisco-borlenghi-2013-01

luna-rossa-san-francisco-borlenghi-2013-01
Immagine 1 di 5

Contravvenendo alla raccomandazione del Review Committee dell’America’s Cup, l’AC72 Luna Rossa è uscito ieri (18 maggio 2013) per un primo allenamento nella baia di San Francisco, dove dal prossimo 7 luglio si disputeranno le regate della Louis Vuitton Cup e dell’America’s Cup.

In circa tre ore di allenamento il team ha trovato inizialmente condizioni di vento molto leggero (3 nodi) in progressivo aumento fino a 12 nodi. Condizioni che hanno consentito di effettuare un significativo numero di manovre.

Max Sirena, skipper di Luna Rossa Challenge 2013 ha dichiarato: “E’ stata una giornata ideale per la prima navigazione; da un punto di vista tecnico abbiamo potuto testare e verificare sicurezza, carichi e manovre della barca. Ma è stata un’ uscita particolarmente significativa da un punto di vista psicologico: era importante che l’equipaggio ricominciasse a navigare sull’AC72 e riprendesse il ritmo normale di preparazione in vista degli appuntamenti agonistici ormai imminenti. Nei prossimi giorni proseguiremo il programma di sviluppo e di preparazione come previsto.

Via | luna-rossa-challenge-2013 – Foto Luna Rossa/Carlo Borlenghi

Downunder è arrivato a Noumea

Luna Rossa Press Conference Alameda 17/05/2013

Patrizio Bertelli supportato da tutto il team (alle sue spalle) ha tenuto una conferenza stampa dove sostanzialmente ha dichiarato che Luna Rossa resta in Coppa America ma chiede più attenzione alla sicurezza, come dotare gli equipaggi di caschi e protezioni fisiche e mettere in campo un’attività di gestione delle emergenze, idroambuanza, sommozzatori professionisti, paramedici e un elicottero per eventuali celeri trasferimenti.

L’altro intervento richiesto è sui limiti di vento. Ha ricordato che a Newport fu stabilito un limite per la LVC di 25 nodi per il round robin e di 28 per la finale. La proposta di LR è di scendere a 20 nodi, 25 nodi contro i 33 del Protocollo per la finale dell’AC. Inoltre c’è da valutare attentamente la sospensione della regata se il vento aumenta di 2 nodi oltre il limite massimo stabilito alla partenza.

Bertelli alla fine ha inoltre precisato che ogni modifica dovrà essere conforme al Protocollo e che se sull’onda dell’emozione causata dall’incidente, saranno stravolte le regole (per favorire il defender) il team Luna Rossa non parteciperà a qualunque costo.

Ecco il video della conferenza stampa che Bertelli ha tenuto in italiano volendo che fosse il legale del team a tradurre, per essere sicuro che qualche concetto non andasse perso per strada.

Aggiornamento America’s Cup – Intervista di Bertelli a La Stampa

Dopo l’incidente che ha causato la morte di Andrew Simpson l’America’s Cup tutta è un tantino in fermento. Tanto per iniziare la Commissione d’Inchiesta ha chiesto ai team di sospendere la navigazione sugli AC72 e pure sugli AC45 sino a metà della prossima settimana.

Secondo poi Patrizio Bertelli ha rilasciato un’intervista a La stampa, dalla quale estrapolo due passaggi secondo me interessanti:

D: Si parlava, prima dell’incidente di Artemis, di un limite massimo per regatare di 33 nodi, circa 60 chilometri l’ora.

R: Noi ad Auckland abbiamo provato la nuova barca a 20 nodi, senza problemi. Ma 33 nodi è troppo. Queste sono barche che al lasco (cioè col vento di poppa) con 20 nodi di vento corrono sull’acqua a 35-38 nodi. Ma ha idea di che velocità sia? È come lanciarsi con una moto a 250 chilometri l’ora… Quelle vecchie, monoscafo, la vecchia Luna Rossa, alla stessa andatura raggiungeva al massimo i 15-18 nodi. E così anche di bolina: massimo 12 nodi le vecchie imbarcazioni, almeno 25 questi catamarani. Che poi non è tanto il problema della bolina, quanto il passare da quest’ultima andatura al lasco. Il problema c’è quando dalla bolina si poggia (si lasca la randa che è tutta esposta al vento, alla massima pressione e non si può controllare; il rischio è di cappottarsi in avanti). Insomma, è tutto moltiplicato all’estremo. E noi a questo gioco al massacro non ci stiamo. Spero che gli organizzatori, Oracle, il defender, lo capiscano».

D: Che c’entra Oracle?

R: Hanno programmato le regate di selezione dello sfidante, la Louis Vuitton Cup, da luglio ad agosto, in un periodo in cui nella baia di San Francisco c’è molto vento. La finale della Coppa America, invece, è a settembre, quando ci sono mediamente 15 nodi. Loro stanno lì, a guardarci massacrare, spaccare tutto e aspettano. No, noi non ci stiamo».

Traduco la prima risposta per quelli a cui il concetto non fosse chiaro: Nel passaggio tra bolina e poppa, lascando la randa, il baricentro si sposta in avanti, il mostro si ingavona e tende a fare la capriola in avanti. Cosa che può anche essere “ragionevolmente” gestibile in allenamento quando puoi prenderti il tempo che ti serve ma in regata quando il tempo non c’è?

La seconda risposta non necessita di traduzione, immagino.

L’intervista completa su www.lastampa.it

Rolex Capri Sailing Week/Volcano Race 2013

La vela firmata Rolex inizia sabato 18 maggio la stagione velica 2013 con la Rolex Capri Sailing Week/Volcano Race 2013, evento organizzato dall’IMA insieme allo Yacht Club Gaeta EVS e allo Yacht Club Capri.

rolex-volcano-race-2012

I maxi yacht – provenienti da 7 Paesi: Italia, Gran Bretagna, USA, Ungheria, Olanda, Spagna e Germania – faranno rotta su Capri per la prima tratta, valida come Trofeo Città di Gaeta. Una volta raggiunto il porto turistico di Capri, le barche in gara, le cui dimensioni vanno dai 18.29 metri dei più “piccoli” mini maxi fino agli oltre 30 del Wally 100 Y3K, disputeranno due giornate (lunedì 20 e martedì 21) di regate in acque capresi.

Per mercoledì 22 invece è prevista la partenza della regata offshore, oltre 300 miglia da Capri fino alle isole Eolie, arcipelago vulcanico a nord della Sicilia, e ritorno.