Pasquavela 2013 – Classifiche finali

Porto Santo Stefano, Lunedì 1 Aprile 2013 – Pasquavela 2013 si conclude con cinque prove valide, due per le classi IRC e ORC e tre per la classe J24, disputate con sole e vento su un mare piatto.

Pasquavela 2013

Nei J24 La Superba (SVMM) ottimamente condotta da Ignazio Bonanno ha saputo regolare – con ben cinque primi di giornata – gli ungheresi di Budapest Bank (Farkas Litkey) ed i tedeschi di JJONE.

In IRC 1 lo Swan 45 Swanted di Stefano Piccolo (tre primi e tre secondi posti) precede Javal (F. Gioia) e Pierservice Luduan (E. De Crescenzo).

In IRC 2, vince Vag 2 (A. Canova) precedendo Tinker Bell (M. Loberto) e Razza Clandestina (Lani Bari Brunelli). In IRC 3 Vulcano (E. Masciarri, cinque primi e un DNF) è sul gradino più alto del podio, seguito da Oxygenet (T. Cerulli) e ID&A (A. Massaccesi). In ORC A dominio assoluto dell’ M37 Low Noise di G. Giuffrè (cinque primi e un terzo posto); seguono Swanted e Vag 2.

Meeting del Garda Optimist 2013 Classifiche finali

Meeting Garda Optimist

Meeting Garda Optimist
Immagine 1 di 23

III Tappa Optimist Italia Kinder + Sport, CV Arco- ph. E. Giolai

Sei le regate complessivamente disputate in condizioni spesso di maltempo e freddo con vittoria finale italiana e al femminile al 31° Meeting del Garda Optimist: Alexandra Stalder (Bardolino del Garda) stravince nella categoria juniores. Dominio polacco tra i cadetti; primo italiano il portacolori della Fraglia Vela Riva Gregorio Moreschi, quinto.

Nella categoria Juniores (854 partecipanti di 12-14 anni) lotta tutta italiana per il podio e per la conquista della vittoria finale. Nell’ultimo giorno di regate l’italiana Alexandra Stalder, grintosa ragazzina di Bardolino sul Garda già in squadra agonistica nazionale della classe Optimist Italia,, ha dimostrato oltre che bravura tecnica, gran carattere. Alexandra infatti (Circolo Nautico Bardolino) ha stravinto nella classifica assoluta con ben 12 punti di vantaggio sull’inglese Clapp.

Terzo classificato il turco Aslan e quarto, primo maschio degli italiani il vicentino Alberto Tezza (Fraglia Vela Riva). Quinto il francese Vincent, sesto il croato Marfat, settimo il tedesco Jordan, ottavo lo svizzero Van Cauwenberghe, nono il tedesco Schülter e decimo il portoghese Serra.

Barche classiche – Lo Shipman 28

Di Luciano: Chi ama le barche classiche, le linee aggraziate ed eleganti, la certezza di una buona tenuta di mare, l’abbondanza di legno curato con sapienza ed amore oltre che con dosi massicce di coppale ed epossidica, si ritrova spesso in banchina a sognare davanti a vecchie signore tanto belle quanto irraggiungibili dal portafoglio medio. Eppure, oltre ai velieri dei soliti cantieri che fabbricavano “stradivari” del mare, si trovano in giro molte occasioni alla portata della tasca non solo del velista medio ma addirittura di quello squattrinato, cosa che, in questi tempi di crisi, rappresenta un’opportunità interessante.

Shipman 28

Una di queste opportunità è rappresentata dallo Shipman 28, fabbricata dall’omonimo cantiere ancora in attività e prodotta dalla fine degli anni ’60 in circa 1300 esemplari presso gli stabilimenti di Irlanda e Svezia. La somiglianza con le Alpa di quell’epoca è impressionante, chissà chi ha copiato l’altro, fatto sta che essendo le Alpa molto più conosciute sul mercato italiano le quotazioni sono molto più alte, anzi spesso gli armatori di queste ultime, convinti di avere per le mani un gioiello di inestimabile valore, chiedono cifre improponibili.

Pasquavela 2013 – Classifiche Day 3

Porto Santo Stefano, 31 Marzo 2013 – La terza giornata della Pasquavela è pesantemente condizionata dal meteo. CdR e concorrenti hanno penato sotto un bel sole ma con mare “morto” formato (circa due metri di onda) in attesa di un vento mai arrivato.

Pasquavela 2013

La prova dell’Altura, regata costiera alle Formiche di Grosseto e ritorno, è stata accorciata al cancello di metà percorso. I J24, nonostante i ripetuti tentativi del CdR di riposizionare il campo, non sono riusciti a completare nessuna prova.

I vincitori del premio speciale, l’uovo di Pasqua, sono pertanto:

in IRC 1 Pierservice Luduan di E. De Crescenzo che ha preceduto Swanted; Razza Clandestina di Landi-Bari-Brunelli che si è imposto in IRC 2 precedendo Vag 2; Vulcano di E. Masciarri che ha preceduto Oxygene in IRC 3; Vag 2 di G. Giuffrè in ORC A.

Per i J24 il premio speciale di Pasqua verrà invece assegnato al vincitore di classe della Pasquavela.

Classifiche complete su www.ycss.it/pasquavela.htm

Pasquavela – Classifiche Day 1

Porto Santo Stefano, 29 Marzo 2013 – E’ iniziata con tre prove valide per i J24 e 2 per IRC/ORC l’edizione 2013 di Pasquavela.

Pasquavela 2013

Come da programma, alle ore 12 sono partiti i J24 e subito dopo l’Altura; il vento inizialmente da 180° si è poi stabilizzato sui 140° rimanendo costante in direzione ed intensità tra i 15 e i 12 nodi.

La Superba, imbarcazione della SVMM, con 2 primi ed un secondo di giornata ha regolato gli ungheresi di Budaperst Bank (2,2,1) di F. Litkey e Jamaica (8,3,3) del carrarino P. Diamanti.

Lo Swan 45 di S. Piccolo (1,1) è in testa in IRC1; Tinker Bell di M. Loberto (2,1) guida il gruppo IRC2 mentre in IRC 3 è Vulcano di E. Masciarri ad avere la meglio. In ORC A è in testa Low Noise, l’M37 di G. Giuffrè.

Classifiche complete su www.ycss.it

Meeting del Garda Optimist 2013 in diretta Live

liveye on livestream.com. Broadcast Live Free

La diretta streaming della regata Juniores del Meeting del Garda Optimist 2013.

Primi a portare a termine il programma i cadetti (9-11 anni), 272 iscritti suddivisi in due batterie, con 2 regate disputate in condizioni di vento da nord sui 5-8 nodi rafficato. Protagonista assoluto il polacco Szmit con due vittorie parziali, secondo posto dello svedese Westerlind, sesto nella prima prova e primo nella seconda. Posizioni invertite per l’altro polacco Abramowicz, terzo a parità di punteggio con lo svedese. Primo italiano, quinto assoluto, Bruno Mantero (CN Costaguta) ottimamente secondo nella prima regata e ottavo nella seconda. Subito dietro Federico Caldari (CN Cesenatico). Prima femmina e ottava assoluta la statunitense Maddle Hawkins (4-7).

La categoria juniores, 855 iscritti suddivisi in 5 batterie, è scesa in acqua verso le 13, ma con vento girato da sud sempre leggero sui 6-8 nodi. Due prove portate a termine, tranne per la batteria dei “bianchi” (equipaggi che si distinguono da un nastrino bianco sulla penna), che non sono riusciti a concludere la seconda regata.

Molta Italia nelle primissime posizioni in quasi tutte le batterie: primo nel gruppo blu il portacolori della Fraglia Vela Riva Matteo Bedoni, ancora un italiano primo in batteria verde, Luca Valentino del CV Cesenatico; batteria rossa con il tedesco Schlüter primo (ma seguito dai locali Alberto Tezza, Fraglia Vela Riva e Nicola Duchi-Circolo Vela Torbole. Tripletta italiana in batteria bianca, con le femmine super agguerrite: prima Arianna Passamonti (Tibi Sail Roma), secondo Massimiliano Casali (CV Ravennate) e terza Arianna Forelli (Fraglia Vela Malcesine). Vittoria del croato Stevanovic tra i “gialli”. Le classifiche della seconda regata sono al momento in elaborazione e, comunque, non sarà possibile stilare la classifica provvisoria dopo due prove, finchè anche il gruppo dei “bianchi” non disputerà la seconda regata.

SailLaser Garda – Due giornate di prova gratuite

Campione del Garda – 13 – 14 Aprile 2013. SailLaser organizza presso Campione Univela (Centro Velico Federale) due giornate di prova gratuite su Laser, Laser Pico, Laser Bug, Laser Vago, Laser Bahia, Sunfish. Ospite l’olimpionica Giulia Conti.

sailLaser-prova-gratuita

Un’occasione per vivere un fine settimana dedicato alla vela, due giornate di prove gratuite godendosi il centro, da soli o con la famiglia, per entrambi i giorni o anche solo uno, si potrà dormire al suo interno ad un prezzo convenzionato, cenare insieme agli istruttori e alla olimpionica Giulia Conti. Il sabato sera Giulia terrà una conferenza sulla sua esperienza alle Olimpiadi.

Meeting del Garda Optimist 2013 – Day 1

Riva del Garda – 29 marzo 2013. E’ iniziato ieri con la quota record di 1127 iscritti provenienti da 30 nazioni il 31° Meeting del Garda Optimist. Prima giornata però che a causa dell’assenza di vento ha visto disputata una prova per la sola batteria “rosa” della categoria cadetti, vinta dal polacco Abramowicz. Terzo l’italiano Giovanni Sandrini.

Gli equipaggi preso regolarmente il largo verso le 11 ma il vento, inizialmente sufficiente per partire, è calato non permettendo di proseguire le prove.

Solo i cadetti (9-11 anni) della batteria “rosa” sono riusciti a concludere una prova, mentre gli altri hanno atteso inutilmente l’arrivo di un vento che non ha voluto saperne.

Nella sola regata disputata vittoria del polacco Abramowicz, seguito dal connazionale Kosmalski, terzo l’italiano Giovanni Sandrini (CV Gargnano). Prima femmina l’italiana Alessia Palanti (FV Malcesine).

Comar – Comet 26 – Foto e impressioni

comar_comet_26_01

comar_comet_26_01
Immagine 1 di 21

Il Comet 26 è una barca disegnata, per il Comet 21, da Sergio Lupoli (che sul 21 ha fatto un lavoro niente male).

Cinque più uno i posti letto (secondo me però sono un filino ottimisti a dichiararne 5), deriva mobile e timone sollevabile, albero abbattibile, armo senza paterazzo (quindi ci va su una bella randa square top). L’albero è parecchio avanzato, quindi lì davanti ci va un pratico fiocchetto.

Interessante l’idea della delfiniera/bompresso fisso per armare gennaker o Code Zero. E’ da capire a quanto porta la dimensione fuori tutto, per il costo del posto barca intendo, se eccede gli 8 metri andiamo a pagare per un 9.

La mancanza di entrobordo aumenta lo spazio interno a disposizione e dovrebbe abbattere i costi. A me l’idea di un fuoribordo (ci andrà minimo un 10 Cv) montato disassato lì a poppa non è che mi faccia impazzire… sto invecchiando e non mi fa più impazzire l’idea del fuoribordo in generale… ma non si può pretendere di avere botte piena e moglie ubriaca.

AltreOnde – Impiombature, videomanuale per la nautica

Già vista in altre occasioni su questo blog, AltreOnde è una casa editrice che si rivolge a tutti gli appassionati di nautica, di barche, di mare, di navigazione e di marineria.

Impiombature, videomanuale per la nautica, descrive in modo semplice come si eseguono le impiombature e i lavori di rigging con tutte le cime.

Descritte nel libro per le loro caratteristiche tecniche e applicazioni pratiche, le impiombature sono analizzate nel DVD – della durata di ben due ore – , in fase di esecuzione, con l’esatta prospettiva di chi le realizza. Grazie a questo metodo anche la più complessa diventa facile da imparare e di immediata realizzazione.