Loro Piana Superyacht Regatta 2019, secondo giorno di regate

giugno 6, 2019 | By Mistro
0

Porto Cervo, 5 giugno 2019. Il secondo giorno di regate alla Loro Piana Superyacht Regatta, evento organizzato dallo Yacht Club Costa Smeralda, è stato caratterizzato da condizioni di vento ideali per questa tipologia di imbarcazioni, tra i 18 e i 23 nodi da Sudest, che hanno permesso alla flotta di esprimersi al meglio su un percorso di regata a dir poco spettacolare.

Loro Piana Superyacht Regatta 2019 16

Loro Piana Superyacht Regatta 2019 16
Immagine 16 di 18

Per la prima volta nelle regate dei superyacht, le barche della divisione Performance hanno sperimentato, con successo e tanta adrenalina, la partenza su un’unica linea con boa di disimpegno al vento, al posto dell’abituale sequenza individuale, mantenuta invece per la divisione Cruising. Jim Pugh, dello studio Reichel-Pugh Yacht Design a bordo di Magic Carpet 3: “La partenza di flotta oggi è stata veramente bella, con dieci superyacht sulla stessa linea. Siamo molto felici di essere presenti a questo evento a Porto Cervo, è fantastico. Quando hai un vento che dai 18 nodi si intensifica fino ai 25 e affronti un percorso di circa 30 miglia nautiche ci sono tutti gli elementi per ottime condizioni in cui regatare”.

Perfetta infatti la scelta del percorso da parte del Comitato di Regata, che ha mandato la flotta Performance a circumnavigare le isole di Caprera e La Maddalena in senso antiorario, con l’obbligo di lasciare a sinistra una boa esterna all’isola di Barettinelli di Fuori per far poi ritorno a Porto Cervo attraverso il canale di La Maddalena e il passo delle Bisce per un totale di 30,5 miglia.

Per i Cruising la circumnavigazione di Caprera e La Maddalena era invece in senso orario lasciando a sinistra l’Isola di Barettini, un percorso lungo 24,30 miglia. Lo spettacolo dell’incontro tra le due divisioni all’altezza dell’Isola di Spargi è stato unico, un vero paradiso per chiunque sia appassionato di vela: mentre il 50 metri Silencio, al comando dei Cruising, doppiava Punta Marginetto di La Maddalena, la goletta aurica Mariette of 1915, condotta con grande maestria marinaresca davanti a Meteor e Q, ha incrociato il modernissimo WallyCento Magic Carpet 3 alla testa della flotta Performance. In quella parte di percorso il vento soffiava a 23 nodi con raffiche di 29 registrate dagli strumenti posti in testa agli alberi dei superyacht, a un’altezza di oltre 50 metri.

Magic Carpet 3 ha bissato il successo di ieri, ottenendo un’altra autorevole vittoria parziale, questa volta davanti al 33 metri elvetico Inoui. Terzo posto di giornata per il Wally Open Season, seguito da Ribelle e da Magic Blue, che hanno concluso con il medesimo tempo compensato: una situazione abbastanza rara che ha portato ad attribuire a entrambi lo stesso punteggio medio. La classifica generale provvisoria vede naturalmente Magic Carpet 3 al primo posto, seguita da altri due Wally: Open Season e Magic Blue.

Nella divisione Cruising seconda vittoria parziale per il Perini Navi Silencio, seguito da Mariette. Meteor e Q, arrivati sul traguardo nell’ordine al terzo e quarto posto, hanno dato vita a un’appassionante battaglia tra giganti di 50 metri per tutta la durata della regata. Stephane Luca e Chris Main rispettivamente comandante e tattico di Inoui, hanno dichiarato: “Per la prima volta i superyacht sono partiti in maniera classica, in linea, e non singolarmente come sempre, ma è stata una partenza in assoluta sicurezza per tutti. Noi siamo partiti molto bene e questa è stata la chiave della giornata che, combinata con manovre perfette su tutto il percorso, ci ha permesso di ottenere un ottimo secondo posto. Siamo felici del risultato odierno e di essere qui a regatare a Porto Cervo, un luogo dove amiamo ritornare”.

Per quanto concerne il Southern Wind Trophy, il SW105 Kiboko Tres si è imposto oggi sul SW82 Grande Orazio e il SW-RP 90 custom All Smoke. La classifica provvisoria del Trofeo dopo due regate vede una situazione di grande parità, con Kiboko Tres a condividere la leadership con All Smoke e Grande Orazio. Jim Schmicker, vice presidente di Farr Yacht Design, a bordo del SW105 Kiboko Tres: “La barca è spettacolare e sempre veloce. La partenza di flotta è stata molto interessante qui siamo tutti professionisti, sappiamo come fare le partenze ed evitare situazioni di potenziale rischio”.

Classifiche complete su www.yccs.it – Foto credit: Carlo Borlenghi

Comments: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.