Rolex Swan Cup Caribbean 2017 – Freya e Cuordileone campioni

marzo 7, 2017 | By Mistro
0

Virgin Gorda, Isole Vergini Britanniche, 6 marzo 2017. Dopo quattro giorni di regate nella sede caraibica dello Yacht Club Costa Smeralda, lo Swan 90 Freya dell’armatore Don Macpherson e Cuordileone, il ClubSwan 50 di Leonardo Ferragamo, sono stati incoronati campioni della Rolex Swan Cup Caribbean 2017.

FREYA, Model: Swan 90, Sail n: 9010, Owner: Donald Macperson

FREYA, Model: Swan 90, Sail n: 9010, Owner: Donald Macperson
Immagine 2 di 17

FREYA, Model: Swan 90, Sail n: 9010, Owner: Donald Macperson

Freya, con alla tattica il veterano della Volvo Ocean Race Kimo Worthington, ha collezionato tre vittorie su quattro. Ferragamo, al timone di Cuordileone, ha lottato fino dall’inizio con il secondo ClubSwan 50 in gara, Earlybird. Le due barche hanno tagliato il traguardo con soli quattro secondi di differenza nell’ultima prova e alla fine a spuntarla è stata la barca italiana con il tattico Ken Read, totalizzando, come l’altro campione, tre vittorie su quattro.

Una flotta di 18 imbarcazioni, dai 13,5 metri dello Swan 44 Best Buddies agli imponenti 35 metri degli Swan 115 Highland Fling e Shamanna, fino allo storico vincitore della Whitbread Sayula, varato nel 1973, ed il ClubSwan 50 Earlybird battezzato la scorsa settimana allo YCCS, hanno descritto l’intera gamma di modelli del cantiere Nautor’s Swan.

La quarta e ultima giornata dell’evento è stata animata da una leggera brezza di circa 15 nodi e sia i Maxi che i Grand Prix/Mini Maxi sono andati alla volta di un percorso costiero che li ha portati verso le Dog Islands, al largo di Virgin Gorda. Due punti di penalità sono stati assegnati a Freya a seguito di una manovra aggressiva compiuta in partenza, tuttavia considerate le tre vittorie incassate di fila nei giorni precedenti, la barca americana è riuscita a conquistare agevolmente la vittoria overall. Lo Swan 80 spagnolo Plis-Play si è piazzato al secondo posto nella gara finale che gli ha assicurato anche la seconda posizione overall davanti a Selene, altro Swan 80 in gara, al terzo gradino del podio.

Nella divisione Grand Prix/Mini Maxi Cuordileone è stato in testa fin dal primo giorno e ha intascato la vittoria nonostante la rottura dello spinnaker, durante il penultimo giorno di competizioni, abbia causato la riduzione del vantaggio a un solo punto dal concorrente Earlybird. Con un secondo posto nella giornata finale, lo Swan 66 Bounty si piazza al secondo overall lasciandosi alle spalle Earlybird di Hendrik Brandis, terzo classificato.

Info e classifiche complete su www.yccs.it

Comments: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.