Genova – Campionati Mondiali 2.4 – Primo giorno di regate

ottobre 17, 2019 | By Mistro
0

Onde, vento e condizioni molto impegnative a Genova per la seconda giornata, la prima dopo l’annullamento delle prove del primo giorno, dei Campionati Mondiali 2.4.

Mondiale 2.4 2019 Genova day 1 01

Mondiale 2.4 2019 Genova day 1 01
Immagine 1 di 42

Genova, martedì 15 ottobre 2019 – Il sole ha scacciato la pioggia di ieri con un vento rafficato intorno a 15 nodi e mare mosso, queste le condizioni del day_2.

Tre prove segnate da numerosi ritiri – una ventina di imbarcazioni sono rientrate a inizio regate – dominio della britannica Megan Pascoe, che ha indovinato 3 regate perfette (1,1,2). Alle sue spalle il finlandese Marko Dahlberg (2,2,1) e la svedese Fia Fjelldahl (9,5,9).

Primo tra gli italiani Antonio Squizzato (Canottieri Garda Salò) che con 13, 18 e 4 si posiziona 6° in classifica generale.

La barca

Il 2.4 nasce a Stoccolma nel 1983 progettato da designer locali che utilizzarono la regola “R Metre” per creare un’imbarcazione singola a bulbo, la 2.4 mR. Si tratta di una vera e propria barca purosangue caratterizzata da una complessità e sofisticatezza da imbarcazione a bulbo, ma ai costi e con la sensibilità di una più semplice deriva. Si tratta di una sorella minore, in termini di dimensioni, ma non di stile di vela, delle più grandi imbarcazioni metriche 6m, 8m e 12m (queste ultime utilizzate per la Coppa America, la generazione di Azzurra tanto per intenderci). Nel 1992 la classe ha ottenuto lo status di Classe Internazionale e da allora ogni anno viene disputato il campionato del mondo con una partecipazione compresa fra le 60 e le 100 unità. Poiché il 2.4mR è adatto a velisti diversamente abili è stato scelto come classe in singolo per le Paraolimpiadi a Sydney nel 2000. Le principali flotte si trovano nei paesi scandinavi, in Italia, in Inghilterra, in Germania, in Australia e negli USA.

Classifiche complete su www.yachtclubitaliano.it Foto di Martina Orsini via www.facebook.com/yachtclubitaliano

Comments: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.