ISAF World Cup Final ad Abu Dhabi – Risultati finali

dicembre 1, 2014 | By Mistro
0

Conclusa ieri, 30 novembre 2014, ad Abu Dhabi l’ISAF Sailing World Cup Final 2014, appuntamento che ha riunito nelle acque della capitale degli Emirati Arabi i migliori velisti delle dieci classi olimpiche e della Formula Kite.

©Pedro Martínez / Sailing Energy / ISAF

Dopo le Medal race l’Italia ottiene un ottimo terzo posto con Giulia Conti e Francesca Clapcich nella classe 49er FX – l’ennesima, ottima prestazione delle due azzurre dopo il bronzo conquistato ai Mondiali di Santander a metà settembre – e un quarto con Francesco Marrai nella classe Laser Standard.

Chiudono nella top ten delle rispettive classi anche Michele Paoletti e Filippo Baldassari (Finn), Francesca Komatar-Sveva Carraro ed Elena Berta-Giulia Paolillo (470 F), Flavia Tartaglini e Laura Linares (RS:X F), Vittorio Bissaro-Silvia Sicouri e Federica Salvà-Francesco Bianchi (Nacra 17).

I risultati classe per classe

Laser Standard – Dopo aver dominato le regate di qualificazione, l’australiano Tom Burton si aggiudica anche la Medal race ed è primo in classifica con un buon vantaggio sul secondo, il croato Stipanovic, e il terzo, il francese Bernaz. Francesco Marrai è sesto nella Medal, dopo una regata in rimonta, e termina questa finale della World Cup al quarto posto, a quattro punti dal podio (18-3-2-2-7-10-12 lo score). Giovanni Coccoluto è 11mo, Alessio Spadoni 20mo.

Laser Radial – La belga Evi Van Acker vince la Medal race e conclude la Finale di Abi Dhabi al primo posto, seguita dalla finlandese Tuula Tenkanen e dalla danese Anne Marie Rindom. Undicesimo posto finale per Silvia Zennaro.

Finn – Lo sloveno Vasilij Zbogar è secondo nella Medal race e si aggiudica la medaglia d’oro, precedendo il croato Gaspic e l’americano Paine. Michele Paoletti, sesto nella Medal, chiude le regate di Abi Dhabi all’ottavo posto, mentre Filippo Baldassari (settimo nella Medal), è decimo, Giorgio Poggi 16mo ed Enrico Voltolini 19mo.

470 maschile – La vittoria nella Medal race va agli austriaci Bargher-Mahr, ma il successo finale, e relativa medaglia d’oro, è per i soliti australiani Belcher-Ryan, che dominano la scena seguiti in classifica dai greci Mantis-Kagialis e dagli statunitensi Mcnay-Hughes. Quattordicesimo posto per Simon Sivitz Kosuta-Jas Farneti e 16mo per Pilati-Rubagotti.

470 femminile – Francesca Komatar-Sveva Carraro ed Elena Berta-Giulia Paolillo confermano l’ottavo e il nono posto finale, dopo aver concluso la Medal race con lo stesso, identico risultato. Vittoria e medaglia d’oro alle austriache Vadlau-Ogar, argento per le inglesi Weguelin-McIntyre (vincitrici della Medal) e bronzo per le giapponesi Yoshida-Yoshioka.

49er – I polacchi Januszewski-Nowak chiudono la Medal race al quinto posto, sufficiente per conquistare la medaglia d’oro nel doppio acrobatico. L’argento è per gli spagnoli Paz-Paz Blanco e il bronzo per gli inglesi Pink-Bithell, mentre gli italiani sono 17mi (Ruggero Tita-Giacomo Cavalli) e 18mi (Luca e Roberto Dubbini).

49er FX – Dopo il recente bronzo ottenuto ai Mondiali di Santander, Giulia Conti e Francesca Clapcich – splendide seconde nella Medal race di oggi – si ripetono anche ad Abu Dhabi e ottengono un bel terzo posto (2-1-2-13-14-7-7-6-9-4) dietro le neozelandesi Maloney-Meech (oro) e le svedesi Ericson-Klinga (argento). Un’altra medaglia, quindi, ottenuta nel corso di una stagione che pur essendo stata condizionata dagli infortuni e dalla sfortuna, ha comunque dato alle due azzurre parecchie soddisfazioni e molte certezze per il futuro.

Nacra 17 – Gli equipaggi Vittorio Bissaro-Silvia Sicouri e Federica Salvà-Francesco Bianchi terminano la Medal race rispettivamente al settimo e al sesto posto: niente rimonta quindi, e un ottavo posto finale per Bissaro-Sicouri, seguiti al nono da Salvà-Bianchi (Francesco Porro-Caterina Marianna Banti sono 14mi ed Elena e Paolo Trevisan 17mi). Podio tutto francese per il catamarano olimpico, con Besson-Riou al primo posto, Ogereau-Vandame al secondo e Vaireaux-Audinet al terzo.

RS:X maschile – Vittoria nella Medal e primo posto in classifica per il francese Louis Giard, che precede il greco Kokkalanis e l’inglese Dempsey. Mattia Camboni è 16mo, Marco Baglione 18mo.

RS:X femminile – Flavia Tartaglini e Laura Linares, rispettivamente sesta e decima nella Medal race, chiudono questa Finale della World Cup all’ottavo e al nono posto. L’oro va all’inglese Bryony Shaw (seconda nella Medal), l’argento alla francese Charline Pichon (Campionessa del Mondo in carica) e il bronzo alla spagnola Blanca Manchon.

La dichiarazione del Direttore Tecnico della FIV Michele Marchesini: “L’edizione zero della finale di Coppa del Mondo ISAF di Abu Dhabi si chiude per noi con un bilancio positivo: l’appuntamento era importante per i nostri equipaggi ai fini della preparazione, un momento di confronto diretto in un contesto di alto livello, anche se dobbiamo sottolineare che, a differenza dei migliori stranieri, i nostri equipaggi hanno regatato tutti con scafi forniti dall’organizzazione. Una scelta per noi obbligata.

Ancora una volta saliamo sul podio grazie alla splendida prestazione di Conti-Clapcich, la cui stagione si chiude con un crescendo perentorio. Francesco Marrai, quarto nel Laser, conferma una crescita notevole e di essere oggi ad un livello vicinissimo a quello dei migliori interpreti della disciplina. Agrodolce la regata degli altri due equipaggi preselezionati per i Giochi Olimpici: Bissaro-Sicouri hanno patito il materiale sorteggiato dall’organizzazione e Flavia Tartaglini un doloroso infortunio al piede destro, in cui è incappata durante il secondo giorno. Silvia Zennaro sfiora invece la Medal race pari punti con la decima e fornisce un ulteriore segnale.

In generale la Squadra c’è e aumenta di solidità. Ora pensiamo a continuare la preparazione invernale, che si articolerà con sessioni e regata a Rio de Janeiro a dicembre per gli equipaggi più prestativi e quindi Miami per tutta la Squadra a gennaio. Nei mesi di febbraio e marzo solcheremo invece le acque del Golfo di Cagliari”.

Classifiche complete su www.sailing.org

Comments: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.