Prime regate all’ISAF World Cup Final ad Abu Dhabi

novembre 27, 2014 | By Mistro
0

Prime regate ad abu dhabi per la tappa finale dell’isaf sailing world cup, il circuito mondiale delle classi olimpiche: in evidenza, tra gli azzurri, Giulia Conti-Francesca Clapcich (49er Fx), Silvia Zennaro (Laser Radial) E Vittorio Bissaro-Silvia Sicouri (Nacra 17).

ISAF World Cup Final ad Abu Dhabi 05

ISAF World Cup Final ad Abu Dhabi 05
Immagine 5 di 5

Brezza tra i 10 e i 14 nodi, 30 gradi di temperatura e cielo azzurro, questo lo scenario offerto da Abu Dhabi per la prima giornata di regate dell’ISAF Sailing World Cup Final 2014, il gran finale del circuito mondiale delle classi olimpiche iniziato oggi nelle acque degli Emirati Arabi. Condizioni ideali e programma rispettato perfettamente da tutte le classi scese in acqua nei quattro campi di regata allestiti per l’occasione: due prove per Laser Standard, Laser Radial, Finn, 470 M e 470 F, e tre per 49er, 49er FX, RS:X M, RS:X F e Nacra 17. A seguire, i risultati classe per classe.

Laser Standard: L’australiano Tom Burton è primo in classifica generale (e vincitore della seconda regata), seguito dal croato Stipanovic e dall’inglese Thompson. Francesco Marrai, terzo nella seconda prova, è undicesimo (18-3), Giovanni Coccoluto 15mo e Alessio Spadoni 19mo.

Laser Radial: Buon inizio per Silvia Zennaro, quarta, con un secondo nella prima prova del giorno (2-8 i parziali), a pari punti con la seconda (l’inglese Young) e la terza (la belga Van Acker); al comando della classifica la finlandese Tuula Tenkanen.

Finn: Protagonista del giorno lo sloveno Vasilij Zbogar, che vince le due prove e si porta in testa nella classifica provvisoria: gli italiani occupano il nono posto con Giorgio Poggi (10-9), il decimo con Michele Paoletti, il 12mo con Filippo Baldassari e il 19mo con Enrico Voltolini.

470 Maschile: Leadership provvisoria per i campionissimi australiani Belcher-Ryan, seguiti (a pari punti) dai greci Mantis-Kagialis e dagli austriaci Bargehr-Mahr: gli italiani Simon Sivitz Kosuta-Jas Farneti sono noni (6-14), mentre i giovanissimi Pilati-Rubagotti sono 16mi.

470 Femminile: Subito un duello al vertice tra le cinesi Chen-Gao e le austriache Vadlau-Ogar, entrambe al comando della graduatoria con una vittoria e un secondo posto: ottava posizione provvisoria per Elena Berta-Giulia Paolillo (8-7), decima per Francesca Komatar-Sveva Carraro e undicesima per Roberta Caputo-Alice Sinno.

49er: Partenza difficile per i due equipaggi italiani: Ruggero Tita-Giacomo Cavalli sono 17mi, Luca e Roberto Dubbini 18mi. Al comando della classifica i polacchi Januszewski-Nowak.

49er FX: Le azzurre Giulia Conti e Francesca Clapcich, bronzo ai Mondiali di Santander, partono subito alla grande con una vittoria e due secondi posti, e sono seconde in classifica dietro le neozelandese Maloney-Meech, che scartano però un decimo posto come peggior risultato. Terza posizione per le svedesi Ericson-Klinga.

Nacra 17: Dominio francese nella prima giornata di regate del catamarano olimpico: i Campioni del Mondo Besson-Riou sono in testa con i parziali 2-2-1, seguiti dai connazionali Ogereau- Vandame e Vaireaux-Audinet. Buon inizio per Vittorio Bissaro-Silvia Sicouri, quinti (6-7-3), mentre Federica Salvà-Francesco Bianchi sono decimi, Francesco Porro-Caterina Marianna Banti 13mi ed Elena e Paolo Trevisan 16mi.

RS:X Maschile: Tre prove anche per le tavole a vela e leadership provvisoria per il polacco Tarnowski, seguito dal francese Giard e dall’altro polacco Myszka. Gli italiani: Mattia Camboni è 14mo e Marco Baglione 17mo.

RS:X Femminile: Tre vittorie su tre prove per la forte inglese Bryony Shaw, apparsa subito in gran forma, e prima in classifica davanti alla cinese Weng e alla Campionessa del Mondo in carica Charline Pichon: decimo posto invece per Flavia Tartaglini (9-6-18), seguita in classifica da Laura Linares, undicesima (8-8-7).

Classifiche complete su www.sailing.org

Comments: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.