Tag name:2.4 Mr

Secondo giorno di regate alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro

13 settembre 2016 – Meteo complicato nella seconda giornata di regate a Rio de Janeiro per gli atleti impegnati nelle regate paralimpiche, evento partito lunedì 11 nella baia di Guanabara.

raggi-solazzo-pira

I Comitati di Regata hanno dovuto aspettare molto tempo prima di poter dare il via a una prova per il Doppio Skud 18 e per il Triplo Sonar, mentre la flotta del Singolo 2.4 mR ha dovuto abbandonare a metà regata per un brusco calo del vento, rientrando a terra con un nulla di fatto, rimandando ad oggi il recupero delle prove perse (stesso discorso anche per la altre classi, che ne devono però recuperare solo una).

Nello Skud 18 (11 barche) Marco Gualandris e Marta Zanetti chiudono la prova al settimo posto e perdono una posizione in classifica, scalando dal terzo al quarto (in testa sempre gli australiani Fitzgibbon-Tesch, vincitori della regata), secondi i canadesi John McRoberts e Jackie Gay, terzi gli inglesi Alexandra Rickham e Niki Birrell.

Nel Sonar (14 barche), Gianluca Raggi, Fabrizio Solazzo e Gian Bachisio Pira sono undicesimi (al momento il miglior risultato dopo tre prove) e 14mi nella graduatoria generale. Primi sono gli australiani Colin Harrison-Russell Boaden-Jonathan HARRIS, secondi i canadesi Paul Tingley-Logan Campbell-Scott Lutes, terzi i greci Vasilis Christoforou-Anargyros Notaroglou-Thodoris Alexas.

(altro…)

Prima giornata di regate alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro

12 settembre 2016 – Nella prima giornata di regate alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro, con base logistica sempre al Marina da Gloria, la Squadra Italiana guidata dal DT Beppe Devoti si mette subito in evidenza con la buona partenza degli azzurri nel Singolo 2.4 mR e nel Doppio Skud 18.

Paralimpiadi Rio 2016 practice 01

Paralimpiadi Rio 2016 practice 01
Immagine 1 di 18

Due le prove disputate da tutte le classi, in una prima giornata caratterizzata da bel sole che una volta soppiantato il cielo grigio del primo mattino, ha offerto caldo e una brezza intorno ai 10 nodi d’intensità, più che sufficiente per far concludere il programma senza sbavature.

Nel 2.4 mR (16 barche), l’azzurro Antonio Squizzato ottiene uno score di 10-6 ed è settimo nella classifica generale (prima la favorita inglese Helena Lucas), nello Skud 18 (11 barche) Marco Gualandris e Marta Zanetti fanno anche meglio, e grazie a un secondo posto nella prima regata, seguito da un quarto nella successiva, si confermano ai vertici della classe chiudendo la giornata al terzo posto della graduatoria provvisoria, dietro gli australiani Fitzgibbon-Tesch e i canadesi McRoberts-Gay, ma davanti ai favoriti inglesi Rickham-Birrell.

Inizio più complicato invece per Gianluca Raggi, Fabrizio Solazzo e Gian Bachisio Pira, al momento ultimi nel Sonar (14 barche) con un 14-13 ottenuto nelle due prove del giorno.

Classifiche complete su www.sailing.org

Garda Trentino Olympic Week 2016 – Terzo giorno di regate

Pioggia, ma vento, nella terza giornata della Garda Trentino Olympic Week, evento organizzato dalla Fraglia Vela Riva in collaborazione con Eurosaf, Federazione Italiana Vela e Fraglia Vela Malcesine in programma fino a venerdì 13 maggio.

Garda Trentino Olympic Week 2016 01

Garda Trentino Olympic Week 2016 01
Immagine 1 di 26

Se le classi paralimpiche hanno i migliori in campo, a Riva del Garda le regate Laser hanno una forte valenza formativa, considerando l’età piuttosto giovane dei partecipanti, che iniziano a prepararsi per un sogno Olimpico, piuttosto in là nel tempo.

Come si sperava il maltempo ha portato almeno il vento da nord mattutino e in entrambi i campi di regata, posizionati davanti Riva del Garda per le Classi Laser Stardard e Radial e davanti Malcesine per le Paralimpiche 2.4, Sonar e Skud, hanno disputato il numero massimo di prove giornaliero fissato in tre. Considerate le previsioni dei prossimi giorni che continuano a dare brutto tempo, anche domani mattina la partenza è prevista per le 9. Intanto sulle acque gardesane si cominciano a vedere navigare i primi GC32, i catamarani volanti che a fine maggio inaugureranno alla Fraglia Vela Riva il Circuito 2016 con ben 10 Team al via, assicurando grande spettacolo.

(altro…)

Megan Pascoe vince il Mondiale 2.4 2016

Con una sequenza da paura (2 1 2 3 (5) 1 1 1) l’inglese Megan Pascoe vince con un giorno di anticipo il 2.4mR Open World Championship organizzato dal Royal Yacht Club of Tasmania a Hobart, in Australia.

Megan Pascoe mondiale 2016

2.4mR – Open World Championship – after 8 races of 10 (32 iscritti)

1st GBR 121 Megan PASCOE 2 1 2 3 -5 1 1 1 16 11 pts
2nd AUS 36 Matt BUGG 6 4 5 -9 3 7 3 2 39 30 pts
3rd FIN 184 Rikard BJURSTROM 4 11 11 12 -15 6 2 3 64 49 pts
4th NZL 105 Paul FRANCIS -16 6 16 6 6 8 5 7 70 54 pts
5th AUS 40 Peter THOMPSON 12 5 7 -33 2 21 4 8 92 59 pts
6th FIN 173 Niko SALOMAA 7 8 10 -24 1 5 19 12 86 62 pts
7th AUS 43 Stephen MCCULLUM -21 7 18 2 9 16 6 4 83 62 pts
8th AUS 46 Michael LEYDON 10 9 1 4 7 -18 15 18 82 64 pts
9th FIN 133 Jan FORSBOM 8 2 -19 14 13 4 7 17 84 65 pts
10th FIN 131 Janne LAINE 5 15 9 10 -33 2 18 6 98 65 pts

I Campionati Mondiali IFDS assegnati alla Fraglia Vela Riva

Proprio mentre è in corso di svolgimento il Meeting del Garda Optimist arriva con una lettera dell’ISAF Disabile Sailing Association, la commissione ISAF composta da ex membri dell’associazione mondiale della vela per disabili recentemente entrata a far parte della federvela mondiale, l’ufficializzazione che sarà la Fraglia Vela Riva ad ospitare l’edizione 2019 dei Campionati Mondiali IFDS, la rassegna iridata dedicata alle classi paralimpiche Sonar, Skud 18 e 2.4 mR.

marta zanetti skud18

Si tratta dell’ennesimo riconoscimento internazionale della sempre intensa attività velica sul Garda, nonché delle capacità organizzative dei sodalizi che si affacciano sulla celebre “palestra della vela”, una notizia che fa molto piacere anche se lascia un po’ di amaro in bocca alla luce della recente decisione del Comitato Internazionale Paralimpico di escludere la vela dal programma delle Paralimpiadi di Tokyo 2020.

“E’ stato molto difficile, ma abbiamo raggiunto il nostro scopo e non posso che esserne molto felice”, ha dichiarato Rodolfo Bergamaschi, Consigliere Federale con delega all’attività paralimpica. “La concorrenza era di alto livello, ma il nostro lavoro di squadra è stato premiato. Poi è chiaro che il giudizio estremamente positivo che molti stranieri hanno nei confronti del Garda ha avuto il suo peso, ma non voglio scordare anche la forte spinta che è arrivata da parte della Presidenza federale, che ringrazio, e il grande lavoro che ha visto in prima fila il nostro Massimo Dighe”.

“Siamo davvero molto contenti di questa notizia”, ha sottolineato Giancarlo Mirandola, Presidente della Fraglia Vela Riva, “perché si tratta di una regata a cui teniamo particolarmente. Faremo del nostro meglio per dare a tutti, regatanti e accompagnatori, un grande evento, come è nella nostra tradizione. Tra altro la nuova legge provinciale in fase di presentazione, prevede numerosi benefici per chi promuove eventi sportivi per persone con disabilità, quindi avremo anche un buon supporto dalle istituzioni per raggiungere il nostro scopo”.

Olimpionico a Londra 2012 con il Sonar e tra i promotori della candidatura di Riva del Garda, Massimo Dighe non nasconde la sua soddisfazione.

“E’ la prima volta che l’Italia ospita un Mondiale IFDS, quindi è una vittoria che riguarda tutti. Io mi sono solo limitato a presentare il progetto alla Commissione ISAF, durante le ultime riunioni di Palma, un progetto valido che è stato subito apprezzato e che giustamente ha ottenuto il riconoscimento che gli spettava. Ora dobbiamo metterci tutti al lavoro per fare in modo che questo Mondiale IFDS sia all’altezza dei precedenti”.

Campionato Zonale 2.4 a Jesolo

Domani, domenica 29 marzo, a Jesolo (Venezia) si terrà il primo Campionato Zonale della classe 2.4… e molto probabilmente sarò anche io da quelle parti (non in regata però).

2.4 in regata

Il Campionato è organizzato dal Circolo della Vela Mestre in condivisione con la Compagnia della Vela.

Si attendono diversi iscritti tra i quali il Campione Italiano Antonio Squizzato, il vice Campione Angelo Boscolo e la medaglia di bronzo IFDS, Stefano Maurizio. Sono previste 3 prove ed il campionato sarà valido con una sola prova.

Iscrizioni ed informazioni presso la Segreteria del Circolo della Vela Mestre.

Approfitto dell’occasione per comunicare che Uguali Nel Vento Onlus cerca persone che abbiano voglia di provare – e semmai poi continuare a uscire – quella meraviglia di barca che è il 2.4. Se qualcuno che passa di qua è interessanto mi faccia un fischio attraverso il form del blog e io lo indirizzerò verso le persone giuste.

Magnus Liljedah – Vela e Paralimpiadi, un diverso punto di vista

Magnus Liljedahl, oro olimpico in Classe Star nel 2000 a Sydney, fondatore nel 2005 di Team Paradise, un’organizzazione con base a Miami che offre a persone disabili l’opportunità di fare della vela sia per puro godimento personale che a livello agonistico, ci offre un punto di vista differente e controcorrente sull’esclusione del nostro sport dai Giochi Paralimpici 2020.

marta zanetti skud18

Magnus Liljedah dice che l’aspetto Paralimpico della vela è stato un fattore trainante al momento di fondare Team Paradise, tutto ciò che ha a che fare con le Olimpiadi è quello che vuole fare. E ora è estremamente incoraggiante vedere l’enorme sostegno sui social media affinché continuai ad essere disciplina paralimpica. Infatti invita tutti a firmare la petizione per la sua reintegrazione.

Ma la vita ci rifila un sacco di sòle, ed è importante trovare luce in tempi oscuri, trasformando un fatto da negativo a positivo. Così offre un punto di vista diverso, che è di come la rimozione della vela dai Giochi Paralimpici possa essere la cosa migliore che le sia mai capitata.

Essendo classi Paralimpiche, i 2.4mR (singolo), gli SKUD18 (doppio) e i Sonar (triplo) hanno un sacco di regole, regolamenti e classificazioni sulla disabilità che rende tutto estremamente limitativo e costoso.

Secondo Magnus in buona sostanza uscire dagli steccati della vela paralimpica potrebbe aumentare in modo importante il bacino di potenziali velisti, aprendo a diversi gradi di disabilità fino alle regate Open, con anche equipaggi misti, disabili e non.

(altro…)

La Maddalena – Primo raduno velico classe 2.4

acquelibereUna grandissima occasione per regatare in un luogo straordinariamente suggestivo e visitare una terra stupenda.

Grazie al patrocinio del Comune de La Maddalena e alla partecipazione del Rotary Club La Maddalena, con il supporto della compagnia di navigazione Moby Lines, del Centro velico di Caprera e della Lega Navale Italiana di La Maddalena, si terrà dal 18 al 21 settembre 2014 nelle acque dell’Arcipelago de La Maddalena il Primo raduno velico classe 2.4 mR.

La regata si svolgerà nella rada dell’isola di Santo Stefano dove si sfideranno le imbarcazioni dei partecipanti.

Grazie alla partecipazione e al contributo di Moby Lines, ogni partecipante potrà viaggiare gratuitamente da e per la Sardegna.
Potrà trasportare auto e imbarcazione su apposito carrello, tutto a costo zero.

Acque Libere si avvale inoltre della collaborazione di diverse strutture ricettive totalmente accessibili e presenti sull’isola de La Maddalena, nelle quali sarà possibile prenotare il proprio soggiorno.

Per trasporti con le linee Moby e per il pernottamento nelle varie strutture alberghiere, è necessario contattare la Segreteria Organizzativa di Acque Libere.

Per Info: acquelibereblog.wordpress.com – Segreteria Organizzativa di Acque Libere – Tel. + 39 339 695 8647 e-mail: acquelibere.lm@gmail.com

2.4 – Trofeo Città di Jesolo 2014 a Uguali nel Vento

L’edizione 2014 del Trofeo Città di Jesolo, valida come regata nazionale team race per la classe paralimpica 2.4 va alla squadra di Uguali nel Vento, portacolori della Compagnia della Vela di Venezia, circolo che insieme al porto Turistico di Jesolo, diretto da Giorgio Dalla Pietà, ha ospitato per il weekend le sette squadre in gara.

trofeo citta jesolo 2014

Rodato il format di regata, che, grazie alla presenza di giudici nazionali come il capo degli arbitri Ezio Fonda e il presidente del Comitato di Regata Giorgio Battinelli, si è svolto senza intoppi fino al dodicesimo volo in due giorni di prove serratissime “sorvegliate” da ben undici mezzi di assistenza a mare.

Il Trofeo, supportato dal Comune di Jesolo e dal socio della Compagnia della Vela Renato Ravizza, da sempre vicino alle attività di Uguali nel Vento, ha visto prevalere il team composto da Marco Collinetti, Maurizio Stefano e Antonio Squizzato, che da buoni padroni di casa hanno saputo sfruttare al meglio il campo di regata amico per superare – con punteggio pieno di 12 voli vinti su 12 disputati – atleti di grande levatura come Cristiano Dagaro, Manuel Polo e Piero Fabbro, componenti della squadra della SVOC di Monfalcone (giunti secondi con 9 voli vinti su 12), e il team del Circolo della Vela Mestre, vincitore di 8 voli, con Paolo Bianchini, Riccardo Boscolo e Gianni Genovese.

(altro…)

A vela in galleria del vento

Per il secondo anno consecutivo Sailing Team Germany conduce dei test all’interno della galleria del vento Audi a Ingolstadt.

Immagine anteprima YouTube

Il velista paralimpico Heiko Kröger ha portato il suo 2.4mR per scoprire come aumentare la resistenza durante la navigazione in poppa.

Lo scorso anno, Tina Lutz e Susann Beucke aveva fatto esattamente il contrario: avevo cercato di trovare la posizione del corpo con la minor resistenza al vento.