Tag name:antifouling

Foto di uno scafo dopo due anni di antivegetativa Coppercoat

Premessa: Riassumendo della grossa, l’antifouling Coppercoat è un’antivegetativa composta da resina epossidica e polvere di rame puro ad alta resistenza. Chi la sceglie per la propria barca lo fa per non pensarci più per almeno dieci anni (è anche un ottimo trattamento antiosmosi).

Coppercoat Comet 375 01

Coppercoat Comet 375 01
Immagine 1 di 9

Le foto sopra sono di un Comet 375 rimasto in acqua per due anni dopo l’applicazione. Ad esclusione di un po’ di fisiologico limo l’opera viva appare perfettamente pulita.

Il poco sporco sulla pinna probabilmente è dovuto al fatto che la barca all’ormeggio lì sotto è a pochissima distanza dal fondo. Infatti la pala del timone che pesca quasi uguale ma si trova su 4 metri di fondo non ha problemi.

La barca è ormeggiata a Monfalcone e naviga prevalentemente in Golfo di Trieste.

Gli armatori, che ringrazio per le foto, hanno detto di essere molto soddisfatti della scelta. Ora, una volta fatte le periodiche manutenzioni al sail drive e data una passata veloce di idropulitrice allo scafo, la barca torna in acqua.

DIY Safe Antifouling Initiative 2017

Qualcosa che a noi manca è la RYA (Royal Yachting Association). Al contrario della Federvela italiana, che si occupa della vela praticamente solo a livello agonistico, la RYA si occupa anche di diporto in generale.

antifouling-your-boat-safely-image

Ora per esempio la RYA hanno messo insieme le forze con la British Coatings Federation (BCF), e British Marine per lanciare la DIY Safe Antifouling Initiative 2017.

C’è una lunga tradizione per gli armatori di applicare da soli l’antivegetativa sulle loro barche ed è importante che siano consapevoli che le pitture vanno date in modo appropriato e con equipaggiamenti di protezione della persona altrettanto appropriati.

L’obiettivo dell’iniziativa, che sarà lanciata ufficialmente in concomitanza con il London Boat Show a gennaio, è appunto quello di informare ed educare gli armatori sui pericoli connessi con l’applicare l’antivegetativa alle loro barche.

E’ già stato pubblicato un volantino con i consigli su cosa fare e cosa non fare. Un video di cinque minuti dal titolo “How to safely antifoul your boat” sarà inoltre disponibile nella primavera 2017.

Tutti i dettagli su www.coatings.org.uk

Antivegetativa Coppercoat, e per dieci anni non ci pensi più

coppercoatE’ primavera, le giornate si allungano, gli uccellini cinguettano e nei piazzali delle darsene i primi assonnati timidi armatori escono dal letargo facendo capolino da sotto gli invasi delle loro barche. Si rinnova un rito vecchio di secoli: le antivegetative.

E allora perché non approfittare per togliersi il pensiero per i prossimi dieci anni e optare per una Coppercoat.

Il procedimento è un po’ più complicato e costoso delle normali antivegetative ma alla fine della fiera più economico. Proprio in funzione del fatto che – nei nostri mari – per almeno dieci anni non ci pensi più.

L’antifouling Coppercoat è un’antivegetativa a base di acqua e senza solventi, composta da resina epossidica e polvere di rame puro ad alta resistenza.

Il prodotto si presenta in 3 componenti, 2Kg di polvere di rame, 0,5l di epoxy resin e 0,5l di indurente, che andranno poi miscelati e stesi sulla carena portata a gelcoat e pulita con attenzione.

Con il passare del tempo l’unica cosa che si forma sulla carena è una leggera patina di limo, che si rimuove facilmente con una spugna, con spazzola di media durezza, oppure, con acqua a pressione se la barca è fuori dall’acqua. (altro…)