Tag name:barche d’epoca

Barcolana Classic Trofeo Siad 2017 – Vince Aria

Trieste – Aria si è classificata prima per la categoria Epoca sia in tempo reale sia in tempo compensato alla Barcolana Classic 2017. Una regata difficile dove un vento debole di circa 3-4 nodi ha costretto tutti i partecipanti alla massima attenzione durante le manovre.

Barcolana classic 2017 01

Barcolana classic 2017 01
Immagine 1 di 18

La Barcolana Classic, organizzata dallo Yacht Club Adriaco in collaborazione con la Società Velica di Barcola e Grignano, è cominciata alle 10.30 di sabato 7 ottobre con una sfilata delle signore del mare nelle acque del bacino di San Giusto che è stata seguita da un vasto pubblico di appassionati. Il segnale di partenza è stato dato alle 12.00. Novanta le imbarcazioni partecipanti e come sempre, a questa celebre regata dedicata alle barche d’epoca, non sono mancate imbarcazioni affascinanti come gli scafi progettati dall’indimenticabile Carlo Sciarrelli e le famose “passere”, tipiche imbarcazioni istriane ancora oggi in uso nell’alto Adriatico.

La premiazione si è svolta presso lo Yacht Club Adriaco e l’armatrice di ARIA Serena Galvani, oltre alla rituale coppa della Barcolana Classic, ha ricevuto il premio per essere arrivata prima in tempo reale, premio al quale era abbinata un’insolita ricompensa: l’armatrice ha selezionato il “meno leggero” del suo equipaggio che, una volta pesato, ha permesso di far vincere ben 90 kilogrammi di birra! Inoltre ARIA è stata scelta come immagine di copertina della Barcolana Classic 2017.

(altro…)

S.M. Nicopeja

Durante la Fincantieri Cup, disputata a Trieste nell’ambito della Barcolana, ai fotografi è scappato l’obiettivo sulla S. M. Nicopeja, un cutter bretone del 1901 che Luca Casaril ha restaurato a fondo con molta cura e competenza in ogni dettaglio.

SM Nicopeja ph Borlenghi 01

SM Nicopeja ph Borlenghi 01
Immagine 1 di 7

Fincantieri Cup@Barcolana

Costruita da cantieri Belfleur in Normandia, secondo fonti storiche originariamente era adibita ad imbarcazione per la pesca. Il restauro è durato cinque anni. La barca, lunga 13 metri, è stata varata a Cannareggio, Venezia, sabato 25 giugno 2016.

Info trovate su www.veniceboats.com – Foto Borlenghi

I ragazzi del Nautico di Trieste in vela su ARIA

Trieste 5 maggio 2016. Gli studenti del Nautico di Trieste hanno cominciato la serie di uscite in mare didattiche sull’imbarcazione storica ARIA

Aria-YCA 01

Il programma di attività velica per il 2016 riservato agli studenti dell’Istituto Statale di Istruzione Superiore ISIS Nautico “Tomaso di Savoia Duca di Genova / Luigi Galvani” e nato nell’ambito della didattica nazionale della FIV (Federazione Italiana Vela) è cominciato con l’uscita in mare a bordo di ARIA (8 m SI, progetto Costaguta, 1935). Nell’ambito del progetto sono coinvolti la Lega Navale Italiana sez. di Trieste e lo Yacht Club Adriaco.

L’esperienza in mare fa parte del conseguimento di competenze concernenti la costruzione e la conduzione d’imbarcazioni a vela cui si aggiunge una parte dedicata alla sicurezza. Lo sport velico, soprattutto in questo caso, svolge un ruolo importante per la formazione e permetterà ai giovani studenti del Nautico Trieste di migliorare la propensione al lavoro di squadra e acquisire conoscenze decisive per la loro futura attività.

(altro…)

ARIA di mare per i ragazzi del Nautico di Trieste!

Trieste 5 febbraio 2016. ARIA, imbarcazione storica (8 m SI, progetto Costaguta, 1935) sarà messa a disposizione degli studenti del Nautico di Trieste per una serie di uscite in mare didattiche.

Aria-YCA

Presso l’Istituto Statale di Istruzione Superiore ISIS Nautico “Tomaso di Savoia Duca di Genova / Luigi Galvani” (il caso vuole che l’armatrice Serena Galvani sia diretta discendente del celebre scienziato bolognese!) è stato presentato il progetto di attività velica per il 2016 riservato agli studenti e nato nell’ambito della didattica nazionale della FIV (Federazione Italiana Vela).

I referenti del progetto Davide Battistin prof. di Fisica all’ISIS Nautico e Adriano Filippi prof. di Scienze della Navigazione, hanno posto l’accento sugli obiettivi del programma che vede nello sport velico un’attività decisiva per la formazione poiché consentirà ai ragazzi di acquisire non solo le necessarie conoscenze e capacità nautiche ma anche di condividere questa esperienza unica con i compagni incoraggiando l’attitudine al lavoro di squadra.

(altro…)

Video – Alera – Herreshoff New York 30 hull #1

Immagine anteprima YouTube

A guardare come progettavano e costruivano le barche 100 e più anni fa si possono trovare degli spunti estremamente innovativi per migliorare il comfort a bordo.

Il tavolo smontabile in dinette per esempio, che una volta assolto il suo compito diventa ripiano. O il paranco volante da armare su un anello fissato alla drizza della vela di prua per aumentare la tensione all’aumentare del vento.

Da vedere poi il tocco finale da veri marinai che come ultima cosa prima di andarsene fissano le drizze alle sartie per evitare che a causa del vento sbattano sull’albero quando la barca è a riposo. Azione trascuriamo per pigrizia ma che dovremmo compiere tutti, per salvaguardare le stesse drizze, l’albero e sopratutto l’altrui riposo.

Il restauro di una barca d’epoca grazie al crowdfunding

Alessio, insieme a suo padre, sta cercando di realizzare un sogno a cui pensa da tempo: perché solo poche persone possono permettersi il lusso di passare la notte o fare una veleggiata a bordo di una barca d’epoca firmata da un famoso designer?

513

Da poco sono riusciti ad acquistare una barca a vela del 62 progettata da Laurent Giles nel 59. Il loro obiettivo è restaurate questa barca per portarla alla sua originale bellezza ed eleganza e in seguito metterla a disposizione di tutti a prezzi davvero accessibili.

Per realizzarlo stanno lavorando duramente ma a livello finanziario la cosa è molto impegnativa, per questo hanno deciso di avvicinarci al crowdfunding e in particolare al sito internet Take Off grazie al quale hanno organizzato una raccolta fondi.

Tra le molte ricompense per tutti quelli che vorranno aiutarli c’è da una notte a bordo a un intero week end con veleggiate tra Portovenere e le Cinque Terre.

Il link al sito per la raccolta fondi www.takeoffcrowdfunding.com

Il restauro di Bamba, 8 metri Stazza Internazionale

Il Cantiere Pezzini di Viareggio, fondato oltre cento anni fa è oggi diretto dal maestro d’ascia Massimo Pezzini, sta restaurando Bamba, un 8 metri Stazza Internazionale lungo 14 metri, costruito nel 1927 dal cantiere Baglietto di Varazze su progetto di Francesco Giovannelli.

Bamba 8 m SI cantiere Pezzini 07

Bamba 8 m SI cantiere Pezzini 07
Immagine 1 di 12

Il progetto del restauro è seguito dallo Studio Faggioni di La Spezia, diretto da Stefano Faggioni, già coinvolto in passato nel recupero di scafi storici come Orion, La Spina, Sant’Antonino, Lulworth, Pianosa, Patience e Javelin.

Foto di James Robinson Taylor via pagina Facebook del Cantiere Pezzini.

Black Swan – Camper&Nicholson in vendita a 800.000 Euro

Secondo quanto leggo su La Stampa è la barca di Amedeo Matacena, noto in questo periodo per le vicende giudiziarie sue, della moglie Chiara Rizzo e dell’ex ministro Claudio Scajola.

black-swan-01-matacena

black-swan-01-matacena
Immagine 1 di 9

Black Swan, born as Brynhild, built by Camper&Nicholson in 1898 is a big boat, 33,80 m on deck. About 40 meters out of bowsprit. Winner of the King’s Cup, His Majesty Cup, the Squadron King’s Cup and the Town Cup between 1900-1905.

Her long life saw this yacht changing rig and inside layout. Recently, after an extensive restoration project at the Beconcini yard in La Spezia, between 2002-2004 she is now carrying a gaff-rig, designed by the Faggioni Yacht Design Studio, and built by Harry Spencer. She has accommodation for 10.

(altro…)