Tag name:Carnival Race

BPER Banca Crotone Carnival Race 2019 – Risultati Finali e Foto

Optimist Crotone Carnival Race 2019 04

Optimist Crotone Carnival Race 2019 04
Immagine 1 di 14

Quarto e ultimo giorno della BPER Banca Crotone International Carnival Race divenuto un classico del calendario della Classe Optimist e palcoscenico di una flotta variopinta di 183 giovani velisti da Croazia, Spagna, Francia, Germania, Grecia, Israele, Malta, Olanda, Svizzera, Svezia e Italia. Oggi, con l’orario limite fissato per le 13, Eolo dopo aver tanto soffiato nei giorni scorsi si è preso una pausa. Le classifiche pertanto sono rimaste invariate.

PREMIAZIONE E RISULTATI FINALI: DAY 4 – La premiazione festosa ha coinvolto direttamente il waterfront di Crotone, si è aperta con un saluto speciale all’atleta di casa Tony Cili, fuoriclasse del Kiteboard e istruttore del Club Velico Crotone, appena tornato da Capo Verde dove ha conquistato un fantastico bronzo alla World Cup.

Nella categoria dei Cadetti (i più giovani, 9-11 anni), il podio è formato dall’italiano Tommaso Geiger, davanti al connazionale Francesco Tesser e al maltese Timmy Vassallo. Tra le ragazze il podio è tutto azzurro col primo posto di Flavia Viscoli Coratella, il secondo di Carlotta Tenderini e il terzo di Daphne Lupo.

(altro…)

BPER Banca Crotone Carnival Race 2019 – Risultati

Per 10 giorni Crotone capitale della vela giovanile del Mediterraneo: dal 2 al 10 marzo 400 giovanissimi velisti da tutto il mondo per la BPER Banca Crotone Carnival Race e per la prima tappa del Trofeo Optimist Italia Kinder+Sport

Optimist Crotone Carnival Race 2019 01

Optimist Crotone Carnival Race 2019 01
Immagine 1 di 14

Regate di sabato 2 marzo – 20-23 nodi di vento da Nord, onda di un metro e mezzo, sole caldo, tre prove su tre completate come da programma per gli Juniores. In classifica primo l’israeliano Aviv Ashraf, secondo il maltese Richard Schiltheis e terza la tedesca Louisa Muller. Nelle classifiche di categoria terzi posti per gli italiani Antonio Gasperini e Sophie Fontanesi. In gara 183 concorrenti da Croazia, Spagna, Francia, Germania, Grecia, Israele, Malta, Olanda, Svizzera, Svezia e Italia.

Regate di domenica 3 marzo – Secondo giorno di regate nello stadio del vento di Crotone per i 183 giovani velisti da Croazia, Spagna, Francia, Germania, Grecia, Israele, Malta, Olanda, Svizzera, Svezia e Italia. Meteo: 17 nodi di vento nella prima prova, sceso a 13 nodi nell’ultima, e onda di circa 1 metro.

Tra i Cadetti, tripletta italiana in testa con Tommaso Geiger primo, davanti a Alessandro Maria Ricci e Mattias Zappia. Nella classifica femminile due italiane ai primi due posti: Carlotta Tenderini e Flavia Viscoli Coratella, seguite dalla svizzera Daphne Lupo al terzo posto.
La classifica Juniores vede al comando il forte maltese Richard Schultheis, con due israeliani alle piazze d’onore: Aviv Assraf e Roy Levy. Classifica femminile guidata dall’olandese Yanne Broers davanti alla tedesca Louisa Muller e all’azzurrina Sophie Fontanesi. La top-5 overall della Carnival Race, maschile e femminile insieme, vede nell’ordine Richard Schultheis (MLT), Yanne Broers (NED), Louissa Muller (GER), Aviv Assraf (ISR) e Roy Levy (ISR).

L’onda caratteristica di Crotone ha origini lontane, spiegazioni geografiche, termiche, orografiche, come spiega il Professor Alberto Vega, che insegna Navigazione e Meteorologia all’Istituto Nautico di Crotone, e il fenomeno lo ha studiato a fondo.

“Dipende tutto dai venti dominanti di quest’area: Crotone è battuta tutto l’anno da venti dai quadranti settentrionali, la Tramontana da Nord e il Grecale da Nord Est, prevalentemente sostenuti, che per questo hanno favorito lo sviluppo dell’attività velica. E’ una peculiarità, una vera unicità di questo tratto di costa. I giorni di bonaccia, senza vento, sono pochissimi, una rarità. D’estate si aggiunge il fenomeno della brezza termica, che si somma ai venti dominanti.”

L’onda è una diretta conseguenza della forza di questi venti, ma ha un’altra ragione, una specie di segreto, nascosto sott’acqua… “A creare quell’onda speciale è la morfologia dei fondali – conferma il Professor Vega – Le carte nautiche indicano chiaramente, a circa 300 metri da costa, la presenza di una scogliera naturale sommersa, a una profondità tra 10 e 20 metri, che si estende dalla spiaggia cittadina fino ai piedi dell’Irto, dove comincia il promontorio del famoso Capo Colonna.

“Il rialzamento brusco del fondale origina la forma dell’onda, ricercata specialmente dagli appassionati del Kite Surf, e che rende tecnico il campo delle regate veliche. Il fenomeno vale sia con vento da Nord che da Scirocco e da Levante, i venti che si susseguono con il passaggio delle depressioni atmosferiche.”

Perché i venti sono solitamente così forti? “Dipende dalla conformazione del territorio. Davanti a Crotone non c’è nulla, mentre alle sue spalle ci sono la dorsale della Sila e più a sud quella dell’Aspromonte. Il vento del Nord arriva diretto dai Balcani senza ostacoli e per questo aumenta di intensità. Poi i fondali pensano a formare l’onda… È la natura che ha voluto che Crotone fosse la città della vela!”

Classifiche complete su www.clubvelicocrotone.it

Carnival Race 2019 – Classifiche e Foto

Carnival race 2019 01

Carnival race 2019 01
Immagine 1 di 7

Con le ultime due prove disputate domenica 24 febbraio è terminata la quinta edizione della Carnival Race, manifestazione organizzata dallo Yacht Club Sanremo che ha visto 180 equipaggi provenienti da 18 nazioni delle classi 470 e 420 sfidarsi nelle acque antistanti la Marina degli Aregai di Santo Stefano al Mare nel ponente ligure.

Vincitori nella classe olimpica 470 gli svedesi Anton Dahlberg e Fredrik Bergstrom seguiti dai francesi Hippolyte Machetti/Sidoine Dantes e dai fratelli turchi Deniz e Ates Cinar, in sesta posizione l’equipaggio della Marina Militare formato da Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò e in ottava posizione Matteo Capurro con Matteo Puppo dello Yacht Club Italiano.

Nella classifica 420 open prima posizione per l’equipaggio francese Delerce/Rossi, al secondo posto gli svizzeri Casco/Schick e medaglia di bronzo per l’equipaggio italiano formato da Paolo Bozzano e Michele Casano (YC Imperia).

Nella classifica 420 femminile medaglia d’argento per Irene Calici e Petra Gregori (SN Pietas Julia), medaglia d’oro per le greche Pappa/Tsamopoul e medaglia di bronzo per le tedesche Steinlein/Hausmann, in quarta e quinta posizione gli equipaggi italiani formati da Giorgia Sinigoi e Sara Zuppin (YC Cupa/CNT Sirena) e da Carlotta e Camilla Scodnik (YC Italiano).

Le classi 420 e 470 torneranno a regatare in queste acque per la regata nazionale in programma dal 1 al 3 marzo mentre per la classe olimpica 470 dal 6 al 14 maggio lo Yacht Club Sanremo organizzerà il Campionato Europeo 2019.

Classifiche complete su www.yachtclubsanremo.it

Optimist – Bper Banca Crotone International Carnival Race 2018 – Vince Gradoni

L’edizione 2018 della Bper Banca Crotone International Carnival Race di quest’anno sarà ricordata per la qualità degli atleti partecipanti, con il mostro sacro dell’Optimist Marco Gradoni che ha resistito all’assalto del campione europeo, il serbo Stefan Yuill.

Bper Banca Crotone International Carnival Race 2018 01

Bper Banca Crotone International Carnival Race 2018 01
Immagine 1 di 5

Nonostante le perturbazioni avessero preso di mira il Sud Italia Crotone non ha tradito le attese e ha permesso il perfetto svolgimento di un evento partecipato da più di duecentoventi atleti provenienti da 12 nazioni e da 60 circoli. Ben nove prove, alla fine, per la flotta Gold Juniores, otto per la flotta Silver e sette per i Cadetti.

In acqua le emozioni non sono davvero mancate. Pareva che l’ultimo giorno dovesse riservare un finale thrilling dopo l’undicesimo posto del campione del mondo Marco Gradoni (Tognazzi Marine Village) nella prima prova e il conseguente avvicinamento degli inseguitori, Schulteis (sesto) Davide Nuccorini (primo). Così come pareva che il giovanissimo atleta di casa Alessandro Cortese (Club Velico Crotone) fosse destinato a insidiare lo stesso Nuccorini, dal quale, dopo la seconda prova, lo separavano solo cinque punti. Invece, le ultime regate hanno rimesso ordine nella classifica: Gradoni con due vittorie ha consolidato il primato; Schulteis (secondo) ha confermato di essere il suo vero rivale; Nuccorini ha scalzato dal podio Yuill; Cortese ha mostrato tutto il suo valore non perdendo mai il contatto con i primi; e Cante ha chiuso quinto alle sue spalle. Prima fra le ragazze Sophie Fontanesi (Tognazzi Marine Village), seguita dalla olandese Yanne Boers e da Beatrice Sposato (Club Velico Crotone).

(altro…)