Tag name:Coast Guard

Chiamata di soccorso porta a sequestro di droga

Se hai droghe a bordo e stai avendo problemi di batteria sulla barca forse non dovresti chiamare la Guardia Costiera per aiutarti. È accaduto a San Diego domenica mattina, portando alla sequestro di 1.200 libbre di marijuana.

La chiamata di soccorso è arrivata alla Guardia Costiera da una persona sulla barca, che ha detto che avevano problemi di batteria. Quando i “militi” sono arrivati hanno scoperto più di un problema con una batteria. Durante l’ispezione della barca sono stati scoperti circa 50 pani di erba, per un peso di oltre 1.200 libbre.

Entrambe le persone a bordo della barca sono state arrestate.

Velista inglese in salvo grazie al suo PLB

Il 10 maggio un uomo che stava navigando in solitario, che quando si è sentito male ha attivato il suo personal locator beacon (PLB), è stato soccorso e portato in ospedale.

La guardia costiera del Regno Unito ha ricevuto l’avviso alle 2:40 del pomeriggio e grazie al fatto che l’uomo aveva registrato il proprio dispositivo ha potuto fare le necessarie verifiche contattando il suo parente più prossimo. La moglie dell’uomo ha confermato che stava navigando tra Portland e Portsmouth.

A quel punto la guardia costiera ha inviato un elicottero e richiesto che venga inviata una Lifeboat della base RNLI di Weymouth sul luogo dal quale proveniva il segnale. Una volta localizzato, l’uomo, trovato privo di conoscenza all’interno della sua barca a vela di 20 piedi, è stato trasportato in elicottero all’ospedale di Dorchester.

Parlando a nome della Guardia Costiera, Aimee Phillimore, ha detto che questa operazione ha mostrato l’importanza di un personal locator beacon. “Questo è un grande esempio di come un localizzatore personale, se usato correttamente e registrato, può salvare la vita di una persona”.

La RNLI ha rimorchiato la barca a Weymouth Harbour.