Tag name:Jeanneau

Jeanneau Sun Odyssey 319

I franzosi di Jeanneau hanno annunciato l’arrivo di una nuova compatta, con lunghezza scafo sotto i 10 metri.

Sun Odyssey 319 01

Sun Odyssey 319 01
Immagine 1 di 3

Il nuovo Sun Odyssey 319 avrà una poppa ampia e sarà quindi dotato di due pale del timone. Sarà disponibile con chiglia fissa o basculante a profondità variabile. Il piano velico prevede la randa (ovviamente), un piccolo Genoa (105 percento di sovrapposizione) o in opzione un autovirante. Anche la piccola Jeanneau avrà una delfiniera per armare code zero o gennaker.

Il pozzetto mostra una disposizione convenzionale con due winch sulla tuga e due a lato della ruota (non è previsto timone a barra).

Il layout degli interni prevede due cabine doppie indipendenti, una a poppa, uno a prua. Cucina a sinistra e dinette con tavolo centrale e divani contrapposti, che possono essere utilizzati come cuccette portando il totale dei posti letto a sei.

Specifiche Sun Odyssey 319

(altro…)

Jeanneau Sun Fast 3200 R2

Oltre al Jeanneau 51 il cantiere francese ha annunciato anche un restyling (leggi anche ottimizzazione) del Sun Fast 3200, che prende il nome di Sun Fast 3200 R2.

Jeanneau-Sun-Fast-3200-R2-01

Jeanneau-Sun-Fast-3200-R2-01
Immagine 1 di 6

Prima evoluzione è la poppa aperta. Il Sun Fast 3200 aveva un’ampia traversa a poppa e un ingombrante gavone (tra le due barre del timone) che conteneva la zattera autogonfiabile a pruavia di questa. Nel nuovo R2 la traversa è stata eliminata ed è stato eliminato il gavone della zattera, che ora è stata arretrata ed è appoggiata in pozzetto in una apposita nicchia. Il pozzetto ne risulta molto più spazioso e le manovre ergonomiche. Il trasto della randa a poppa delle barre, sopra la zattera. La manovra del paterazzo è ora rinviata a centro pozzetto.

Un kit con questa nuova configurazione – più leggera della precedente – è disponibile per gli armatori del “vecchio” Sun Fast 3200, che possono semplicemente rimuovere la vecchia e installare la nuova in piena autonomia.

(altro…)

Jeanneau annuncia il Jeanneau 51

Jeanneau ha annunciato il quarto modello della gamma Jeanneau Yacht. Con una lunghezza dello scafo di poco meno di 15 metri il 51 eredita molte delle caratteristiche presentate con il Jeanneau 54.

Jeanneau 51 01

Jeanneau 51 01
Immagine 1 di 9

Il pozzetto prevede diverse zone destinate agli ospiti, con divani/prendisole che si allungano fino a oltre l’ingresso. A poppa un’ampia zona è destinata al timoniere, dove sono rinviate tutte le manove, che corrono recesse sotto coperta.

Mutuata dalle barche a motore di fascia alta la piattaforma da bagno non è basculante ma ad ascensore. In navigazione è parte integrante del piano di calpestio mentre a barca ferma si trasforma in una spiaggetta di poppa.

Le dimensioni della barca, lunghezza, baglio e dislocamento sono identiche a quelle del Sun Odyssey 519 ma il cantiere assicura che Briand ha disegnato uno scafo completamente nuovo.

Gli interni disegnati da Andrew Winch prevedono due soluzioni, a tre cabine e tre bagni o due cabine due bagni.

Il prezzo sarà di 330.000 euro, circa 70.000 euro in meno rispetto la sua sorella maggiore Jeanneau 54 (399,360 euro)

Specifiche Jeanneau 51

(altro…)

Jeanneau Sun Fast 3600

Uno sguardo al Jeanneau Sun Fast 3600, la barca che – con TIP di Gilles Pages – ha vinto l’edizione 2016 della Giraglia Rolex Cup.

Jeanneau-Sun-Fast-3600_01

Jeanneau-Sun-Fast-3600_01
Immagine 1 di 15

Progettata dall’architetto Daniel Andrieu e costruita interamente con il sistema dell’infusione, la Sun Fast 3600 trae vantaggio dagli ultimi progressi di questa tecnologia che le conferisce rigidità e resistenza eccezionali con una significante riduzione del peso.

Grazie allo scafo a spigolo leggero e potente, i doppi timoni e la chiglia di piombo, coniuga velocità e stabilità di rotta a tutte le andature. Perfettamente adatta alle regate in solitario, in coppia o con equipaggio.

Le caratteristiche:

(altro…)

Jeanneau annuncia Assisted Sail Trim

Il cantiere francese Jeanneau ha annunciato l’Assisted Sail Trim, un sistema automatico di regolazione delle vele sviluppato in collaborazione con Harken.

Assisted Sail Trim 01

Assisted Sail Trim 01
Immagine 1 di 10

Il sistema, il cui sviluppo ha richiesto tre anni di lavoro, sarà disponibile in tre pacchetti:

1. Il pacchetti base Auto Tacking fa cambiare mure e regola la vela di prua seguendo la manovra di chi sta al timone. Dei sensori I sensori rilevano la velocità del vento e il vento apparente per la sicurezza.

2. Auto Trim. Si imposta la regolazione iniziale, si preme il bottone per attivare l’Auto Trim e si lascia che sistema regoli le vele. Il sistema monitorizza il vento apparente per fare in modo che l’assetto delle vele sia sempre quello giusto. Un sistema integrato controlla e limita lo sbandamento in funzione di quanto preimpostato.

3. Sail Management package, che debutterà nelle prossime stagioni, in grado di issare e ammainare Randa o Genova. Sensori di carico rilevano gli inceppamenti e permettono di limitare il carico sulla drizza per un funzionamento sicuro.

Tutte le funzioni sono azionate attraverso un display posizionato di fronte a chi sta al timone, così come con un comando a pulsante su ogni verricello.

Tutto l’ambaradan può facilitare molto l’utilizzo della barca a vela da parte di persone anziane, persone con barche di dimensioni ragguardevoli ma con poco equipaggio, persone disabile che hanno difficoltà a muoversi in pozzetti e, last but not least, persone che fanno lunghe navigazione e hanno poca voglia di stare sempre lì a regolare le vele.

Jeanneau inizierà a commercializzare l’Assisted Sail Trim nel 2015 sul Sun Odyssey 519 e manterrà l’esclusiva per tutto il 2016.

Un Sun Odyssey 37 fa 100 miglia senza chiglia

Nel 2010 una barca a noleggio è stata charterizzata tre volte e ha percorso oltre 100 miglia prima che qualcuno realizzasse che aveva perso la chiglia, pinna e scarpone.

Polbream_1.jpg

Polbream_1.jpg
Immagine 1 di 4

Caroline McGunigall era sul Polbream, un Jeanneau Sun Odyssey 37 costruito nel 2001, in navigazione col marito e un’altra coppia quando ha riscontrato quello che apparentemente sembrava essere un serio problema al timone, ha quindi ammainato le vele, acceso il motore e fatto ritorno a Falmouth dove l’agenzia di charter, la Cornish Cruising, le ha offerto un’altra barca, un Bénéteau Océanis Clipper 331.

Tornati dalla crociera hanno visto il Polbream sull’invaso: “Con mio grande stupore, la chiglia era completamente mancante. Sembrava tagliata di netto” ha detto Mrs McGunigall.

Nick Jordan, proprietario della Cornish Cruising, ha detto che chi aveva noleggiato la barca in precedenza aveva “cozzato” a Little Kittern Rock, a nord di Tresco nelle isole Scilly, lì la chiglia era stata persa. Costui aveva poi navigato fino a Falmouth dove il signor Jordan gli aveva fatto le domande come da procedura standard. “Gli ho fatto, come da prassi, le tre domande: sei andato in secca? Hai colpito qualcosa? Nulla è andato sull’elica? Questo ha risposto “No” a tutte e tre le domande.

La barca è stata poi noleggiata da un altro che ha navigato fino a Plymouth. Lo skipper in questa occasione ha telefonato al signor Jordan e lo ha avvertito che c’era un problema con il timone. Gli è stato chiesto di farlo controllare da un professionista locale ma non lo ha fatto.

(altro…)

Eco Sailing Project

Quattro giovini franzosi neolaureati in ingegneria, Bérenger, François, Martin e Pierre, hanno un progetto: circumnavigare il mondo a tappe con una barca con una barca a vela a zero emissioni… ma zero proprio.

Immagine anteprima YouTube

Così cercano degli sponsor, comprano Amasia, un vecchio Jeanneau Gin Fizz 38 del 1978 armato a ketch, lo restaurano, sbarcano il motore termico e ne installano due elettrici, tappezzano la coperta di pannelli solari, montano un generatore eolico e un’elica Ewol che quando la barca va a vela contribuisce a ricaricare il banco di batterie (che sarebbe un po’ anche un mio sogno, non il giro del mondo che sono troppo pigro, avere una barca a emissioni zero). Si sono perfino comprati un forno solare.

Amasia eco sailing 01

Completati i lavori si tagliano i capelli e partono, anzi no, partono e arrivati in Galizia si tagliano i capelli.

Partiti dalla Francia a settembre, hanno navigato verso sud lungo le coste dell’Europa e dell’Africa, per raggiungere Capo Verde in novembre. Da lì hanno attraversato l’Atlantico per raggiungere i Caraibi a fine anno.

A febbraio 2015 attraverseranno il Canale di Panama e si butteranno in Oceano Pacifico. Faranno tappa alle isole Galapagos, Marchesi, Tahiti… Dopo Fiji e Tonga, attraversando la Stretto di Torres tra Australia e Nuova Guinea nel mese di agosto 2015, raggiungeranno l’Oceano Indiano.

Dopo aver visitato il Madagascar nel novembre 2015 faranno una meritata sosta in Sud Africa. Poi di prua a nord, per iniziare la risalita dell’Atlantico per arrivare in Brasile entro gennaio 2016. Da lì di nuovo Caraibi, Azzorre e Francia, dopo due anni di navigazione.

Amasia eco sailing percorso

Info su www.ecosailingproject.com

Video – La prova del Sun Fast 3600

Yachting World ha testato il Sun Fast 3600, nuovo cruiser racer (più racer che cruiser) di casa Jeanneau disegnato da Daniel Andrieu.

Immagine anteprima YouTube

La schena tecnica del Sun Fast 3600

Length overall 11.25 m / 36’10”
Hull length 10.8 m / 35’5″
Hull beam 3.55 m / 11’7″
Light displacement 4700 kg / 10362 lbs
Standard keel draught 2.15 m / 7′
Fuel capacity 75 L / 20 US GAL
Water capacity 100 L / 26 US GAL
Cabins 2
Motor 21 Hp / 15 Kw
Total standard sail area 72 m² / 775 sq ft
CE Category A6 / B8 / C10
Designer/s Andrieu Yacht Design

Brand New Jeanneau Sun Odyssey 349

Di quello che c’è non manca niente in questo nuovo Jeanneau Sun Odyssey 349, che verrà presentato al prossimo Salone di Parigi.

sun-odyssey-349-01

sun-odyssey-349-01
Immagine 1 di 12

Progetto di Marc Lombard sarà disponibile con pescaggi di 1,98 e 1,49 metri, più una futura versione con con deriva mobile. Layout interni a due o tre cabine.

Di base il nuovo Sun Odyssey 349 presenta le caratteristiche di un po’ tutte le barche presentate di recente: Scafo a spigolo, doppia pala e doppia ruota, tuga piuttosto bassa per conferire linea sportiva. La scotta randa in tuga è rimandata sulla tuga senza trasto.

La catteristiche tecniche

(altro…)

Brand New Jeanneau 64

boat-jeanneau-64_exterieur_20130923152817

boat-jeanneau-64_exterieur_20130923152817
Immagine 1 di 11

Lunghezza fuori tutto 20.1 m / 65’11”
Lunghezza scafo 19.55 m / 64’1″
Larghezza scafo 5.4 m / 17’8″
Dislocamento a barca scarica 31000 kg / 68343 lbs
Pescaggio col carico standard 2.95 m / 9’8″
Capacità serbatoio carburante 825L / 218 US Gal
Capacità serbatoio acqua 1000L / 265 US Gal
Cabine 3/4/5/6
Motorizzazione 180 Cv Hp / 132 kW
CategoriaCE A12 / B13 / C18 ( en cours – in process)
Superficie velica totale standard 170 m² / 1830 sq ft
Philippe Briand Andrew Winch

Info su it.jeanneau.com