Tag name:megayacht

Nuova commessa per il Wally 145

Monaco, 10 maggio 2017 – Wally ha annunciato la vendita di un Wally 145 (cito testualmente): un 44 metri di prestazioni, comfort e stile sviluppato per un velista con esperienza che vuole navigare in giro per il mondo con ogni condizione, dai venti molto leggeri a quelli molto forti in completo comfort.

Wally 145_01

Wally 145_01
Immagine 1 di 6

I segni distintivi di Wally e l’architetto navale German Frers hanno prodotto un mega yacht con un rapporto superficie velica/dislocamento più alto di qualsiasi altro nella categoria, risultando veloce anche in solo 6 nodi di vento. Allo stesso tempo in venti forti è molto stabile e potente grazie alla forma dello scafo e alla lifting keel che pesca fino a sette.

Il Wally 145 combina grandi volumi e un dislocamento di sole 171 tonnellate, circa 100 tonnellate più leggero di qualsiasi mega yacht simile, grazie alle ultime tecnologie delle fibre di carbonio, l’architettura navale e lo sviluppo del sistema allo stato dell’arte e ingegneria.

La caratteristica principale è la propulsione ibrida basata unicamente su DC Bus e batterie al litio per fornire energia ai sistemi in modalità silenziosa, fornisce autonomia per tutta la notte con l’aria condizionata e tutti i servizi ausiliari in funzione.

(altro…)

Shaddai – Concept di superyacht da Gabriele Teruzzi

Shaddai è il concept di un superyacht di 150 metri disegnato dall’italiano Gabriele Teruzzi.

Gabriele Teruzzi Shaddai superyacht 01

Gabriele Teruzzi Shaddai superyacht 01
Immagine 1 di 6

Elemento caratterizzante la cabina sopraelevata di 40 metri sul livello del mare con una terrazza di oltre 100 metri quadrati dove trovano posto un angolo bar, un salottino che all’occorrenza si trasforma in sala da pranzo e una piscina.

Teruzzi spiega: “Shaddai significa Onnipotente, per cui la barca prende un nome che corrisponde perfettamente al concetto principale che avevo in mente fin dall’inizio. Elevarsi dalla terra è stato un desiderio nel genere umano fin dall’inizio.

Ci sono esempi preziosi come la Torre di Babele, le Piramidi in Egitto e oggi nei magnifici grattacieli, il desiderio di toccare le nuvole continua ad essere presenti nelle più potenti menti. La forma futuristica dello yacht si ispira all’architetturaa contemporanea”

Star Destroyer, un nuovo concept di Mega Yacht a motore

Disegnato dal noto architetto navale Stanislao Moulinsky e vincitore dell’edizione 2015 dell’Estiqaatsi Yacht Award, lo Star Destroyer classe Imperial I rappresenta lo stato dell’arte del design nautico nell’ambito Mega yachts.

Star Destroyer classe Imperial I

Caratterizzato dalle particolari linee delle carene e della sovrastruttura che conservano le caratteristiche tipiche navali della serie e garantiscono efficienza e autonomia, è Dotato di un’ampia serie di equipaggiamenti e si distingue per l’avanzato sistema di propulsione, i motori di uno ‘Star Destroyer classe Imperial I sono sette: tre primari e quattro secondari. Il sistema di iperguida è di classe 2.0, è inoltre presente un motore di backup di classe 8.0.

Ideale per ogni crociera, è stato progettato per chi desidera navigare all’insegna dell’efficienza, del comfort, della sicurezza e in totale autonomia. Gli spazi esterni si sviluppano su 5 ponti. Il ponte superiore, il Wellness Deck, ospita un’area dedicata interamente al benessere attrezzata con palestra, sauna e idroterapia. Gli interni, dallo stile elegante caratterizzato dai forti richiami futuristici, sono stati ideati da Tetsuya Tsurugi.

(altro…)

Spectrum 52, il catamarano più grande del mondo… e non solo

La Sedlmayer ha presentato il progetto dello Spectrum 52, un catamarano a vela di 52 metri di lunghezza e 22,2 di larghezza. Il più grande catamarano al mondo… e con buone probabilità anche il più brutto.

spectrum-52-catamarano-01

spectrum-52-catamarano-01
Immagine 1 di 12

Il ponte principale avrà una superfice prossima ai 1.000 metri quadrati. La superficie velica prevista sarà di 1.700 metri quadrati, che dovrebbero consentire al coso di raggiungere anche i 20 nodi in navigazione alle portanti.

Il coso sarà dotato di due motori da 2000 cavalli l’uno. Spinto da cotanta potenza termica dovrebbe poter navigare a 20 nodi con un’autonomia di 5 giorni e mezzo, coprendo 2.600 mg, oppure fare il giro del mondo a 11 nodi con appena due pieni di carburante e mezzo, 100 tonnellate di carburante a pieno. spectrum 52 catamarano 01