Allarme rinnovi patente nautica per chi porta gli occhiali

settembre 30, 2014 | By Mistro
0

La prima volta ne ho parlato nel 2010 pubblicando la lettera di un lettore – velista nonchè medico oculista – al Giornale Della Vela che in sintesi diceva che per la nuova normativa basta un piccolo difetto della vista per non avere il rinnovo della patente nautica.

carraro occhiali venice-116

Poi di nuovo nel 2011 pubblicando l’annuncio di una petizione attivata per per tentare di cambiare questa norma.

Ora la questione si è riproposta e si sta diffondendo in modo virale su facebook, con conseguente attivazione di una nuova petizione su www.activism.com

Oggetto: allegato I (articolo 27) del D.M. 29 luglio 2008 n. 146 – Rinnovo patenti nautiche da diporto

On. Ministro,

l’allegato I (articolo 27) del D.M. 29 luglio 2008 n. 146 pubblicato sul supplemento ordinario della G.U. del 22 settembre 2008 (regolamento di attuazione del Codice della Nautica da Diporto) stabilisce al Paragrafo 3 che, per ottenere o rinnovare la patente nautica per imbarcazioni da diporto, occorrono minimo 3/10 naturali nell’occhio migliore. E’ necessario, pertanto, che un soggetto veda almeno la terza riga del tabellone alla distanza prescritta con un occhio privo di correzione.

Basta un modesto difetto della vista perché ciò non sia possibile, e, addirittura chiunque porti un paio di occhiali non potrebbe richiedere né rinnovare la patente nautica, nonostante un visus, con la correzione di lenti, di 10/10 per occhio.

La norma appare non giustificata in quanto per pilotare un elicottero il limite è 1/10, per non parlare dell’automobile che non ha limiti di visus naturale ma bastano 10/10 corretti complessivi, ovvero sommando il visus dei due occhi con lenti correttive.

Ora, è evidente che si è trattata di una svista del redattore del regolamento: appare, infatti, senza nessuna logica giuridica, medica o di qualsiasi altro tipo richiedere per la guida di imbarcazioni da diporto un visus maggiore a occhio nudo di un pilota di aerei o di elicotteri, o anche della semplice conduzione di un’autovettura, tutti mezzi che sono infinitamente più veloci di qualsiasi barca e che, quindi, dovrebbero richiedere una maggiore acutezza visiva.

La rivista “Nautica” ha calcolato che non saranno rinnovate circa il 30% delle patenti a vela e motore con danni evidenti all’industria nautica, già provata, come molti altri settori, dalla crisi economica.

Le chiediamo pertanto di agire urgentemente e tempestivamente anche con misure transitorie per porre rimedio a questa gravissima svista regolamentare che rischia di paralizzare a breve l’attività diportistica in Italia e che ha già creato nel corso di questi due anni innumerevoli disagi ai diportisti che non sono riusciti a rinnovare la patente.

Ora però io vorrei anche sapere se nel frattempo – dal 2008, anno di approvazione della legge, a oggi – a qualche portatore di lenti è stato negato il rinnovo della patente nautica.

Foto degli occhiali rubata a www.otticacarraro.it

Comments: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.