Vendée Globe – Pieter Heerema diciassettesimo

marzo 3, 2017 | By Mistro
0

L’olandese Pieter Heerema e il suo No Way Back hanno tagliato il traguardo del Vendée Globe alle 21:26 UTC del 2 marzo 2017, conquistando il diciassettesimo posto. Heerema, che ha 65 anni, completa questo epica ottava edizione diventando il primo skipper dai Paesi Bassi a completare il Vendée Globe. Il suo tempo è di 116 giorni 9 ore, 24 minuti e 12 secondi. Ha navigato 29,747 miglia a una velocità media di 10,65 nodi.

Durante il passaggio del Golfo di Biscaglia Heerema ha avuto diversi piccoli problemi tecnici alla sua barca – un disegno VPLP-Verdier con foil costruito in Italia per Andrea Mura -, in particolare con l’hook della randa e una pala del timone che si è sollevata diverse volte. l’olandese ha anche sofferto di dolori alla schiena per diversi giorni alla partenza della regata. Questi problemi si sono risolti ma ha perso miglia rispetto alla maggior parte della flotta ed era al 25° posto al largo delle coste del Portogallo.

L’elenco dei lavori di riparazione e di problemi tecnici ha continuato a crescere. Heerema ha presto sfogato la sua frustrazione criticando apertamente i produttori di apparecchiature e il modo in cui la sua barca è stata allestita. Ha inoltre realizzato le sue vele non erano adatte alle condizioni che stava affrontando. Con il tempo ha raggiunto le calme equatoriali, si trovava in una meteo diversa da quello che avevano sperimentato quelli davanti a lui e le piccole perdite a poco a poco sono scresciute di importanza. No Way Back ha attraversato l’equatore alle 20:00hrs UTC del 19 novembre, dopo 13 giorni e 7 ore.

Le condizioni erano molto più piacevoli mentre scendeva la costa del Brasile, ma sapeva di aver bisogno per preparare pienamente la sua barca per l’Oceano del Sud. Tuttavia, Heerema presto si è abituato al moto ondoso del sud e alle velocità più elevate. A metà dicembre nell’Oceano Indiano, Heerema ha avuto diversi problemi con il suo pilota automatico con gli strumenti, vivendo alcuni momenti molto stressanti. Ancora una volta, questo gli ha portato tanta frustrazione, che non riusciva ad ottenere il parere tecnico che cercava su come impostare il suo pilota automatico.

Dopo 79 giorni, il 24 gennaio, Heerema ha doppiato Capo Horn, un momento molto emotivo per lo skipper.

L’inizio della risalita dell’Atlantico è stata tutt’altro che confortevole. “I colpi e il fraccasso mi preoccupano. Non per le otturazioni che possono cadere dai miei denti. No, no. Non per i denti che potrebbero cadere delle mie mascelle. No, no. Non per le mascelle che possono cadere fuori dalla mia testa. No, no. Sono preoccupato che la mia testa cada dal mio torso”

Nei Doldrums le condizioni erano molto umide e soffriva la mancanza di vento. Ha paragonato le condizioni con l’essere in una foresta pluviale tropicale. Per le condizioni la penultima settimana è andata bene ma ha continuato a soffrire di problemi elettronici e di strumenti. Durante la sua ultima settimana in mare, lo skipper olandese è stato costretto a rallentare per permettere a una brutta tempesta di passare il Golfo di Biscaglia, dove erano previste onde alte 9m.

Via | www.vendeeglobe.org

Comments: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.