Tag name:2017

Rolex Sydney Hobart 2017 Risultati e Photogallery

Ichi Ban, Tp52 (disegno Botin) di Matt Allen, presidente di Yachting Australia, è il vincitore overall della 73° edizione della Rolex Sydney to Hobart Yacht Race.

WILD OATS XI, AUS10001, XI, Owner: The Oatley Family, State / Nation: NSW, Design: Reichel Pugh 100

WILD OATS XI, AUS10001, XI, Owner: The Oatley Family, State / Nation: NSW, Design: Reichel Pugh 100
Immagine 1 di 21

WILD OATS XI, AUS10001, XI, Owner: The Oatley Family, State / Nation: NSW, Design: Reichel Pugh 100

Vincendo in IRC Ichi Ban si aggiudica la Tattersall’s Cup. Secondo è Quest, Tp52 di Bob Steel, e terzo il Ker 46 Patrice di Tony Kirby. In ORCi vince Quest, secondo Ichi Ban e terzo Mascalzone Latino.

Primo in reale è LDV Comanche, che con un tempo di un giorno 9 ore, 15 minuti e 24 secondi stacca anche il record della regata. Vince dopo la protesta su Wild Oats XI, a cui è stata inflitta una penalizzazione di un’ora. terzo in reale Bloack Jack. Mascalzone Latino undicesimo.

Classifiche complete su www.rolexsydneyhobart.com

Date e località del CICO e dei Campionati Nazionali Giovanili 2018

01 Squizzato CICO 2017

01 Squizzato CICO 2017
Immagine 1 di 11

In occasione del Consiglio Federale di fine anno la commissione nominata al fine di valutare le candidature per organizzare le manifestazioni FIV del prossimo anno ha sottoposto al Consiglio le sue valutazioni; le date e le località delle manifestazioni FIV per il 2018 saranno le seguenti:

Campionati Italiani Classi Olimpiche – Genova dal 21 al 25 marzo
Coppa Primavela e Campionati Nazionali Giovanili in singolo – Viareggio dal 25 agosto al 2 settembre
Campionati Nazionali Giovanili in doppio – Loano dal 6 al 9 settembre

Sailing World Boat of the Year awards 2018

Mentre Cruising World con il suo Boat of the Year awards premia le barche prevalentemente da crociera Sailing World è orientato alla regata. Caratteristiche valutate sono design, qualità e prestazioni.

01-catamarano-hh_66

01-catamarano-hh_66
Immagine 1 di 4

I vincitori di categoria sono stati selezionati tra i nove nominati in partenza. Il catamarano HH 66 è il vincitore assoluto.

2018 Vincitori:

Best One-Design: ClubSwan 50
Best Dinghy: UFO Foiler
Best Crossover: J/121
Best Multihull: HH 66
Overall Winner: HH 66

2018 Nominati:

(altro…)

Boat of the Year (BOTY) awards 2018 – I vincitori

Newport, RI (12 Decembre 2017) – Cruising World magazine ha annunciato i vincitori del suo Boat of the Year awards 2018. I premi per i migliori modelli di barca a vela introdotti sul mercato nord americano nel corso dell’ultimo anno.

01-boreal-47

01-boreal-47
Immagine 1 di 8

Il Boreal 47, che guida la categoria Best Midsize Cruiser 44 to 47 Feet, è la vincitrice assoluta.

I nominati del 2018 hanno rappresentato la flotta più eclettica in 23 anni: un gruppo di 22 imbarcazioni tra i 18 e i 74 piedi di lunghezza e provenienti da costruttori di tutto il mondo – Cina, Francia, Germania, Slovenia… – questo ha sfidato le facili caratterizzazioni e ha prodotto una collezione diversificata di meritevoli vincitori.

La lista dei vincitori di categoria:

(altro…)

Concluso L’invernale 2017 de Il Portodimare

26 novembre 2017 – Si è conclusa a Chioggia la 41° edizione del Campionato Invernale di vela d’altura, organizzato da Il Portodimare in collaborazione con Darsena Le Saline.

Il forte vento di Bora che già dalla mattina presto soffiava sull’Alto Adriatico ha indotto il comitato di regata a differire le prove in programma, terminando così la manifestazione con le quattro regate disputate nei weekend precedenti.

Le classifiche restano quindi invariate rispetto lo scorso weekend ed in classe Orc 1 premiano per il secondo anno consecutivo l’X-41 del neo eletto presidente della Compagnia della Vela di Venezia Pier Vettor Grimani, davanti a Give Me Five di D’Angelo Enrico e Mister X 3 di Finco Filippo rispettivamente secondo e terzo ma entrambi con sette punti.

In classe Orc 2 a vincere è un’altro Presidente, quello de Il Portodimare Stefano Genova, che grazie ai tre primi posti ottenuti lo scorso fine settimana, guida la classifica davanti all’Italia 12.98 Pax Tibi di Marco Moro e all’Imx 40 Hacker X di Bevilacqua Michele.

(altro…)

Scanstrut Para Sailing System vince il DAME Awards 2017

Amsterdam, Paesi Bassi (14 novembre 2017) – Il concorso annuale DAME Design Award 2017 ha scelto Scanstrut come vincitore del DAME 2017 per il suo RS Venture Connect Conversion Kit.

Scanstrut Para Sailing System è un kit per convertire un RS standard in una deriva che può essere utilizzata da persone con diverse disabilità. Completamente autonomo, consente di convertire e riconfigurare facilmente la barca tra diverse sessioni in base alle diverse esigenze.

Il dispositivo, dotato di batteria ricaricabile e azionabile attraverso un joystic o soffiando in un apposito tubicino, consente di comandare la barra del timone e la scotta della randa.

Mini Transat La Boulangère – Partita la seconda tappa

Las Palmas de Grand Canaria. Alle ore 14.00 (ora italiana) di mercoledì 1 novembre, con un vento leggero da Nord Est e onda formata, i Mini 6.50 hanno preso il largo verso la seconda tappa della Mini Transat La Boulangère, quella più lunga e con il vero sapore di Oceano.

Usciti dal porto di Las Palmas le barche hanno fatto rotta verso Sud per uscire dalla copertura dell’isola ed agganciare gli alisei per raggiungere il waypoint obbligatorio a Capo Verde, imposto dal comitato di corsa per allontanare gli skipper da una zona a rischio uragano tropicale.

Secondo i modelli matematici infatti a causa della temperatura dell’acqua molto alta per il periodo c’è un 20% di possibilità che si possa formare un ciclone tropicale tra le Bahamas e le Azzorre. Il cancello obbligatorio più a Sud renderà la navigazione più sicura e fuori dalla zona ritenuta pericolosa.

Beccaria e Fornaro subito all’attacco.

Dopo la partenza ai primi rilevamenti due italiani hanno subito ingranato la marcia. Andrea Fornaro su Sideral, per i Proto, ed Ambrogio Beccaria su Alla Grande Ambeco, per i Serie, erano dati al comando e con buone velocità.

(altro…)

Mini Transasat – Le sensazioni prima della partenza dei 4 skipper italiani

Tutti pronti per la tappa atlantica della Mini Transasat. L’Oceano aspetta i Mini 6.50 con 2700 miglia di percorso. Le sensazioni dei 4 skipper italiani.

Ambrogio Beccaria_Foto Pitscheider

Ambrogio Beccaria_Foto Pitscheider
Immagine 1 di 4

Las Palmas de Gran Canaria. Ancora poche ore e poi tutto avrà il sapore e i rumori dell’Oceano per i Mini 6.50 pronti alla seconda e ultima tappa di questa Mini Transat.

Dopo una lunga pausa a Las Palmas, archiviata la prima parte della regata, gli skipper hanno avuto il tempo per cambiare registro a bordo delle loro barche ed entrare nel vero e proprio spirito oceanico.

Si cambia assetto, si alleggerisce l’abbigliamento e si prepara una nuova cambusa, più ricca, per coprire le 2700 miglia del percorso, che prevede l’arrivo a Le Marine in Martinica.

Sulla linea di partenza, per la Classe Mini 6.50 Italia, supportata da Ambeco S.r.l., 4 skippalier itani.

Ambrogio Beccaria skipper di ITA 539 Alla Grande Ambeco (Pogo 2) si sente pronto ed è tranquillo. Dopo il suo sesto posto alla prima tappa non c’è pressione per l’Oceano, ma consapevolezza di poter dimostrare ancora tanto e un obiettivo sportivo: “arrivare tra i primi dieci”. Ambrogio ha ampiamente dimostrato le sue doti di navigatore e la tratta La Rochelle – Las Palmas è stata ben gestita sia dal punto di vista della tattica che dal punto di vista della conduzione del suo Mini.

Sempre in categoria serie Andrea Pendibene, skipper di Pegaso Marina Militare ITA 883 (Pogo 3), ha ritrovato una sintonia importante per affrontare l’Oceano. “La prima tappa è stata come un allenamento e lo stop a Las Palmas è servito per l’ultimo set up prima della traversata vera e propria.” Dichiara Pendibene, “mi sento sicuro e ho voglia di sciogliermi un po’ di più per sfruttare al meglio la mia esperienza maturata negli anni sia in questa regata che in Marina Militare.”

Una nuova energia anche per Emanuele Grassi, skipper del Pogo 2 Penelope Glam ITA 603, che dopo una prima tappa impegnativa e limitata dalla falla a poppa, causata dalla rottura di uno dei timoni, ha voglia di riscattarsi e di giocare la partita con tutti gli assi nella manica che sa di avere. “Alla partenza a La Rochelle avevo molti pensieri e c’era tanta emozione che oggi invece ho convertito in energia pura. Quindi a questa seconda tappa voglio veramente dare il massimo e dimostrare le mie capacità.”

Per la categoria Proto sarà lo skipper toscano Andrea Fornaro a portare i colori italiani a bordo del suo Sideral ITA 931. “La Mini Transat è una regata impegnativa, forse la più impegnativa del panorama delle traversate in solitario. Dopo i lavori fatti in questi giorni non vedo l’ora ti tirare le marce in Oceano per riprendere qualche posizione persa durante la prima tappa.”

Mercoledì 1 novembre 2017 alle 14.00 (ora italiana) la partenza dal porto di Las Palmas sarà con vento leggero e variabile, a causa dell’orografia dalle isole circostanti. Sarà quindi importante trovare il canale libero e regolare per poter uscire dalle Canarie ed agganciare gli alisei, già presenti lungo il percorso ma non troppo energici come solitamente ci si aspetta in queste zone.

Nave Scuola Amerigo Vespucci a La Maddalena – Giorni e Orari di Visita

Nella penultima tappa 2017 del periplo dell’Italia la Nave Scuola della Marina Militare Amerigo Vespucci dal 2 al 3 novembre farà sosta presso la banchina Zonza del porto di La Maddalena, dove torna dopo una lunga assenza durata ben 33 anni.

Nave Scuola Amerigo Vespucci 01

Nave Scuola Amerigo Vespucci 01
Immagine 1 di 41

Al termine della Campagna d’istruzione 2017, l’Amerigo Vespucci è ripartita a fine settembre da Livorno per effettuare una navigazione lungo le coste del nostro Paese che l’ha già vista accogliere a bordo circa 53.000 visitatori nel corso delle soste a Civitavecchia, Chioggia, Venezia, Trieste, Taranto e a Castellammare di Stabia, città campana dove ben 86 anni fa, sotto la supervisione del Direttore e responsabile della progettazione, Tenente di Vascello del Genio Navale Francesco Rotundi, fu impostata, costruita e varata.

Venerdì 3 novembre, alle ore 11.00, il comandante dell’Amerigo Vespucci, Capitano di Vascello Roberto Recchia, terrà una conferenza stampa in cui sarà illustrata la nave e le attività che l’hanno vista protagonista durante il recente periodo.

Nave Amerigo Vespucci, sarà aperta alle visite a bordo da parte della popolazione nei seguenti orari:

– Venerdì 3 novembre dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17.30.

Per visitare la Nave Scuola della Marina Militare Amerigo Vespucci non si paga nessun biglietto e le visite non sono prenotabili.

Campionati Europei Star 2017 a Sanremo – Vince Torben Grael

Concluso allo Yacht Club Sanremo un bellissimo Campionato Europeo Star, con i grandi nomi della vela, che una volta di più hanno dimostrato il fascino della ex classe olimpica Star.

Europeo Star Sanremo 2017 06

Europeo Star Sanremo 2017 06
Immagine 1 di 10

Negri-Lambertenghi sfiorano la vittoria ai Campionati Europei Star: nonostante il primo nell’ultima prova concludono secondi a 2 punti da Torben Grael, che si aggiudica il Campionato Open

Podio giocato con l’ultima e decisiva regata in una classifica rimasta cortissima almeno per i primi 4 equipaggi (3 punti)

Ottimo argento per l’Italia con Diego Negri (Yacht Club Sanremo) e Sergio Lambertenghi (Circolo Vela Torbole), che hanno chiuso il Campionato Europeo Star come meglio non potevano fare: hanno vinto la sesta ed ultima regata iniziata in condizioni di vento leggero sui 6 nodi, che poi è aumentato fino ai 15. “E’ stato un bel modo di concludere il Campionato – ha commentato appena rientrato a terra il timoniere Diego Negri – purtroppo le regate si vincono o si perdono per episodi, che alla fine decidono il risultato finale; la primissima prova in cui ho chiuso quindicesimo, è quella che mi ha compromesso un po’ tutto il campionato: è stata data la partenza in condizioni ancora non stabili del vento e da lì tutto è andato storto. Dalla seconda regata in poi ho dovuto essere quindi il più possibile conservativo, perchè conoscendo il posto so che in un attimo il vento può cambiare direzione, rischiando così di rimanere molto dietro. In queste regate poi sono tutti molto forti, nessuno sbaglia e non è facile recuperare, anzi, impossibile. Ora ci prepariamo per la finale della Star Sailors League di Nassau e vediamo di dare il meglio in una classe che rimane sempre molto competitiva” – ha concluso Negri.

(altro…)