Category name:Storie di Vela

Una raccolta fondi per restaurare Victura, la barca a vela di John F. Kennedy

La John F. Kennedy Library Foundation ha lanciato una raccolta fondi su GoFundMe per preservare il Victura, iconica barca a vela in legno del presidente assassinato. L’obiettivo è di raccogliere 25.000 dollari entro il 19 aprile.

Acquistata dalla famiglia Kennedy quando lui aveva 15 anni, da maggio a novembre è in mostra all’esterno del John F. Kennedy Library and Museum di Boston, ed essendo sottoposta costantemente agli agenti atmosferici necessita ogni anno ha bisogno di oltre cento ore di lavoro.

“Il presidente Kennedy amava il mare”, ha detto Steven Rothstein, direttore esecutivo della Fondazione. “Dalle estati spese nelle acque al largo di Cape, al suo servizio in Marina, e anche nell’Ufficio Ovale, dove ha disegnato le barche a vela durante le riunioni, l’amore del presidente per il mare può essere visto in ogni fase della sua vita”

Il Victura, un 25 piedi in legno, è stato progettato e costruito da Crosby Yacht Yard a Cape Cod.

Tinkerbelle – L’Atlantico su 13 piedi nel 1965

Fino all’anno di grazia 1965 l’americano Robert Manry aveva principalmente navigato sulla Tinkerbelle, la barca a vela di famiglia, solo nei Grandi Laghi. Ma questo non lo ha fermato dal prendere questa barca di soli 13.5 piedi e attraversare l’Oceano Atlantico tra il giugno e l’agosto dello stesso anno.

All’epoca era la barca a vela più piccola ad avere effettuato questo viaggio.

Nel 1964 aveva parlato di fare la traversata con la barca di un amico ma dopo un viaggio di 200 miglia con il figlio di 10 anni, dal lago Erie alla Thunder Bay in Ontario, Canada, ha pensato che la sua Tinkerbelle fosse abbastanza grande per andare da Falmouth in Massachusetts al porto di Falmouth Cornovaglia.

Il suo incredibile viaggio dagli Stati Uniti all’Inghilterra ha avuto un enorme impatto sulla sua vita, ha scritto un libro, intitolato Tinkerbelle, che gli ha procurato legioni di fan.

Nel 1967 Manry e la moglie, Virginia, insieme ai due figli e animali domestici della famiglia, hanno iniziato un viaggio di un anno lungo la parte orientale degli Stati Uniti a bordo della loro Tartan 27, Curlew.

Vendée Globe – Conrad Colman – Disalbero ma non mollo

Per la serie “Uomini coi maroni in carbonio ad alto modulo”… Dopo aver disalberato venerdì 10 febbraio Conrad Colman è finalmente riuscito a mettere a punto un armo di fortuna e invece di puntare sul Portogallo, distante circa 300 miglia, punta a completare il Vendee.

Quando l’albero è venuto giù, Conrad non ha avuto altra scelta che tagliare il sartiame e lasciare andare l’albero per evitare che danneggi lo scafo. Ha tagliato la randa appena sopra la terza mano di terzaroli e recuperato il boma. Purtroppo, il boma è stato danneggiato durante il disalberamento, intorno a 3 metri dalla base. Per prendere in considerazione di mettere a punto un armo di fortuna, il primo passo è stato quello di vedere se fosse o no possibile ripararlo. Ecco quanto è successo negli ultimi 5 giorni…

Fase 1: dopo aver parlato con il suo piccolo team ed amici esperti, le soluzioni sono state trovate per riparare il boma. Conrad ha dovuto attendere condizioni favorevoli per iniziare il lavoro perché il mare era agitato e la barca senza un albero era davvero instabile. Domenica pomeriggio, ha iniziato a lavorare sulle riparazioni e Lunedi ha finito di consolidare il futuro “albero”.

(altro…)

Jean d’Artigues – Una traversata atlantica in sedia a rotelle

cata-lagoon-transat-dans-un-fauteuil-equipage-8

cata-lagoon-transat-dans-un-fauteuil-equipage-8
Immagine 1 di 3

Partito da Trinité-sur-Mer (Bretagna) l’8 ottobre 2016, Jean d’Artigues, un imprenditore 52enne che soffre di tetraplegia e sclerosi laterale amiotrofica, è arrivato a Port du Marin a Fort-de-France (Martinique) domenica 27 novembre riuscendo a realizzare il suo sogno di attraversare l’Oceano Atlantico a bordo di un catamarano di 52 piedi dotato solo degli impianti più elementari (ndr. immagino intendano non particolarmente attrezzato per una persona in sedia a rotelle).

“Une transat dans un fauteuil” (letteralmente Una traversata atlantica in sedia a rotelle), è al tempo stesso il compimento di un sogno d’infanzia di Jean e un modo per lui di aumentare la consapevolezza su questa malattia neurodegenerativa incurabile che ha contratto di cinque anni fa e per la quale ad oggi non esiste cura.

Jean ha trascorso otto settimane a bordo del catamarano – un Lagoon 52 – insieme a due skipper, nonché un medico pneumologo, un infermiere e un fisioterapista. Insieme, hanno viaggiato per circa 4.400 miglia, dalla Bretagna alla Martinica passando per Portogallo, Madeira, Isole Canarie e Capo Verde. Viaggio è stato reso possibile grazie ad una campagna di crowdfunding.

La Race To Alaska in sedia a rotelle su un trimarano di 27 piedi

La Race To Alaska è una gara di 750 (settecentocinquanta) miglia che va dai Lower 48, come i canadesi chiamano gli Stati Uniti, all’Alaska. Vale qualsiasi mezzo galleggiante a patto che non sia dotato di motore. Un sfida durissima.

Team Alula – Spike Kane da Liverpool, Zach Tapac dalle Hawaii e il Sudafricano Bruno Hansen, tre uomini in sedia a rotelle – ha affrontato questa sfida su un trimarano Formula 27. Sfida dura fin da subito perché hanno dovuto una lunga scalinata prima di arrivare.

Purtroppo al Campbell River, in British Columbia, Hansen ha lasciato il gruppo, rendendo a Kane e Tapac impossibile di finire la gara da regolamento. Kane ha chiesto aiuto all’organizzazione e due volontari si sono fatti avanti per le due tappe mancanti.

Team Alula è arrivato a Ketchikan a luglio, dopo 16 giorni e 10 ore di navigazione, non ufficialmente, la ventunesima barca a terminare la Race To Alaska nel 2016.

Great Big Films in collaborazione CNN Films ha raccontato la loro storia. Un mini-film bellissimo, sia per la storia, per la qualità delle immagini e per la bellezza dei panorami.

Il documentario è il primo di una serie di 12 film intitolati “Really Great Big Stories” che saranno pubblicati nel corso dell’anno sul sito www.greatbigstory.com

Shane Freeman parte dall’Australia per partecipare alla Golden Globe Race

L’australiano Shane Freeman è partito l’11 dicembre 2016 da Port Phillip Bay, Melbourne, con rotta su Capo Horn per un viaggio di 14.500 miglia che lo porterà fino in Inghilterra per partecipare alla Golden Globe Race 2018.

Il velista di 61 anni prima di partire ha detto: effettivamente navigherò per mezzo mondo solo per partire per una circumnavigazione completa, ma sto utilizzando questo viaggio per testare sia me stesso che la barca, Mushka, un Tradewind 35.

La Golden Globe solo round the world race è organizzata per celebrare i 50 anni della prima Sunday Times Golden Globe Race. Le regole sono molto semplici, partenza da Falmouth il 14 giugno 2018 e giro del mondo a vela in solitario senza scalo passando per i cinque grandi capi con passaggio obbligato nella Storm Bay di fronte a Hobart.

Gli iscritti devono utilizzare barche e tecnologie con caratteristiche simili a quelle utilizzate da Robin Knox-Johnston 50 anni fa, quindi niente GPS (che sarà presente ma sigillato e da utilizzare solo in caso di emergenza), solo sestante e mappe di carta, niente piloti automatici di ultima generazione, niente dissalatore, niente routing meteo (solo un barometro).

Dovranno partecipare su barche tra i 32 e i 36 piedi disegnate prima del 1988 e dotate di chiglia lunga con pala del timone attaccata alla parte finale di questa, simili nel concetto a Suhaili.

My dream is tri – Il progetto Atlantico di Marco Rossato

My dream is tri è un progetto di Marco Rossato la cui fase finale prevede la traversata dell’Atlantico in solitario su un’imbarcazione di oltre 13 metri governabile in totale autonomia da una persona in sedia a rotelle.

progetto-mytri-marco-rossato

Il progetto si sviluppa in tre fasi, la prima è dedicata alla costruzione o, meglio, alla modifica di un trimarano Dragonfly che permetta a Marco di gestirlo in completa autonomia. Con questo compiere il periplo del nostro “stivale” in 8 tappe, con partenza dalla Liguria e soste presso le Marine Militari e nei porti dove sono presenti circoli ed associazioni con le quali ha stretto amicizia negli anni. L’arrivo a Trieste, per essere presente, nell’ottobre del 2018, alla 50ª edizione della Barcolana.

Da Trieste partirà alla volta di Genova per poi dirigersi verso lo Stretto di Gibilterra e raggiungere Tenerife, dove sostera qualche giorno in attesa di partire per la fase finale del progetto TRI, ovvero la traversata Atlantica in solitario, mia meta d’arrivo la Florida.

Il viaggio avrà inizio nell’estate del 2019, per raggiungere Tenerife a novembre, mese in cui le condizioni meteo sembrano essere ottimali per compiere la traversata.

(altro…)

Le Tartarughe salvate dai velisti tornano in mare

Sabato 15 ottobre saranno liberate in mare due splendidi esemplari di tartaruga Caretta caretta battezzate “Bolina” dalla Lega Navale Italiana – Sezione Palermo Centro e “Arch”, in onore del fondatore della Rotary Foundation, dalla International Yachting Fellowship of Rotarians.

campionato-italiano-altura-2016-09

Le due tartarughe sono state ritrovate in grandi difficoltà in mare e grazie al prezioso soccorso operato dagli armatori e dal loro equipaggio, sono state affidate al “Centro di Referenza Nazionale sul benessere, monitoraggio e diagnostica delle malattie delle tartarughe marine” che ha sede all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia, Palermo.

Dopo un lungo periodo di riabilitazione passato presso il Centro, ora le tartarughe hanno recuperato completamente le loro funzionalità e sono pronte per essere reintrodotte nel loro habitat naturale, il mare aperto. Sarà proprio un’imbarcazione della L.N.I., il Vismara 41 “QQ7”, che ridarà la libertà rendendole libere nelle acque protette della riserva di Capo Gallo.

L’evento, programmato per sabato 15 ottobre alla Cala alle ore 12, si svolgerà presso il Pontile delle LNI “Oltre le Barriere” dove per l’occasione saranno descritte le cure alle quali sono state sottoposte le due tartarughe che saranno rilasciate e si procederà, inoltre, con un incontro tra i tre Enti (Istituto Zooprofilattico Sperimentale, Lega Navale Italiana e Rotary). L’incontro fornirà l’occasione per poter stringere accordi di collaborazione per la tutela di tartarughe e cetacei in Sicilia.

Il Jonathan Livingston di nuovo oltre le Colonne d’Ercole

L’X-Yachts X-512 Jonathan Livingston ha ancora una volta attraversato le Colonne d’Ercole per lanciarsi in una nuova avventura, questa volta con armatori diversi, Monica e Stefano.

jonathan-livingston-oltre-le-colonne-d-ercole

Su www.giringiro.altervista.org il diario di bordo del trasferimento da Gibilterra a Lanzarote con tante emozioni e tra le righe qualche consiglio utile per che desideri affrontare le medesime rotte.