Category name:Barche

Due nuovi modelli Italia Yachts in arrivo: Italia 11.98 e Italia 14.98

22 Settembre 2017 – Le prossime novità Italia Yachts sono state presentate dal CEO Franco Corazza durante un incontro con la stampa in occasione del Salone di Genova. Sul tavolo, la propensione a una forte espansione internazionale con l’apertura di nuovi mercati, una compagine societaria rafforzata e l’arrivo di due nuovi modelli, Italia 11.98 e Italia 14.98. Di seguito un breve estratto del comunicato stampa.

Lo sviluppo internazionale

I crescenti consensi e il successo di vendite apre le porte ad una intensificazione degli sforzi per posizionarsi nei prossimi anni sempre di più sul mercato internazionale. Italia Yachts ha pertanto deciso di rafforzare la rete vendita Europa e verificare le opportunità di sviluppo del progetto in altri paesi potenzialmente interessanti. Un buon esempio in questo senso può essere il mercato australiano, dove per la prima volta Italia Yachts era presente, assieme al suo nuovo dealer esclusivo, lo scorso Agosto in occasione del Sidney Boat Show con un esemplare di italia 13.98.

La nuova compagine societaria

La crescita repentina del volume d’affari complessivo ha portato Italia Yachts a prendere la decisione di allargare la compagine societaria. Questo proposito si è concretizzato recentemente, trovando affinità elettive in una famiglia di appassionati velisti ed industriali di successo, la famiglia Vitulano. Susanna Vitulano fa quindi oggi parte del management di Italia Yachts, e già in questi mesi sta apportando il suo contributo allo sviluppo dell’azienda, grazie al suo know-how industriale che va ad integrare il già presente DNA tecnico del team.

La gamma Italia Yachts: le due linee Blue Water e Sport

(altro…)

Beneteau Oceanis – Una versione 2018 piena di novità

Le Grand Large, Givrand, 12 SETTEMBRE, 2017 – [Comunicato stampa] Per il suo 30º compleanno, la gamma crociera più conosciuta al mondo procede sicura nel suo dinamismo.

01 Oceanis 51-1

01 Oceanis 51-1
Immagine 1 di 5

Accanto allo splendido nuovo Oceanis 51.1 che ha già conquistato alcuni professionisti durante le prime prove, Beneteau annuncia per quest’autunno quattro nuove proposte di Oceanis che sapranno esaudire i desideri più diversi. Se il nuovo Oceanis 55.1 perfeziona l’offerta “grande-crociera” giocando la carta dell’eleganza confortevole, i più piccoli Oceanis si arricchiscono, dal canto loro, di una versione performance in modo da soddisfare gli appassionati della velocità e di sensazioni forti.

Disegnato da Berret Racoupeau Yacht Design e allestito da Nauta Design, il nuovo Oceanis 51.1 è la prima unità della 7ª generazione Oceanis. Grazie a linee più slanciate sulla nuova carena a redan, beneficia di un piano di coperta libero che permette una maggiore sicurezza negli spostamenti a bordo ed una grande semplicità di utilizzo. L’ampio pozzetto, il numero ed il posizionamento delle zone relax oltre all’accesso alla piattaforma bagno di poppa, assicurano un raffinato benessere per la vita esterna a bordo. Per quanto riguarda gli ambienti interni, l’intento architettonico aumenta i volumi per gli alloggiamenti e offre un livello di equipaggiamenti inediti su una barca di queste dimensioni. I grandi oblò di murata diffondono fino al centro della barca una luce naturale sottolineando l’eleganza degli allestimenti e delle finizioni.

(altro…)

Una classe Joshua, one design, annunciata per la Golden Globe Race 2022

La storia della battaglia di Sir Robin Knox-Johnston per stare davanti a Bernard Moitessier nel Sunday Times Golden Globe del 1968/69 è una delle leggende della vela.

Joshua replica 01

Joshua replica 01
Immagine 1 di 7

La Golden Globe Race 2018, nata per celebrare il cinquantesimo anniversario della vittoria di Knox-Johnston su Suhaili, ha attirato 27 velisti provenienti da 14 paesi. Questa regata, partendo da Plymouth il 30 giugno del prossimo anno ha attirato tanto interesse che molti potenziali concorrenti, incapaci di prepararsi in tempo, stanno puntando all’edizione del 2022.

Oggi per celebrare la partenza di Moitessier da Plymouth 49 anni fa viene annunciata una seconda classe di barche one design replica del Joshua.

La storia la conosciamo più o meno tutti, Moitessier partì 79 giorni dopo Knox-Johnston, che a Cape Horn aveva un vantaggio di soli 17 giorni. Molti si aspettavano che a questo ritmo il francese avrebbe presto superato l’inglese ma invece di puntare verso l’arrivo fece prua a Est e iniziò un’altra circumnavigazione. Da allora si discute su chi avrebbe vinto se Moitessier non avesse fatto questa scelta.

(altro…)

Il nuovo Hanse 418

L’Hanse 418 è – insieme al 348, al 388 e al 548 – uno dei quattro modelli che il cantiere tedesco ha annunciato a luglio 2017.

Hanse_418_2017_07_16_Exterior_0010_B

Hanse_418_2017_07_16_Exterior_0010_B
Immagine 1 di 18

Oltre all’alberatura elevata e agli interni creati su misura, il nuovo Hanse 418 si distingue per le finestre dello scafo e le superfici in vetro sui lati della scala di discesa. Sono disponibili diversi layout per gli interni e due diverse versioni di chiglia.

Caratteristiche tecniche:

LOA 12.40 m 40′ 8″
Hull length 11.99 m 39′ 4″
LWL 11.40 m 37′ 5″
Beam 4.17 m 13′ 8″

Draft
shallow keel 1.74 m 5′ 9″
L-keel, medium 2.10 m 6′ 11″

(altro…)

Balmain Bug, un guscio con un armo assurdamente grande

Australiano, ne esistono ancora solo due replica. Sei piedi di lunghezza scafo con diciotto fuori tutto per un baglio massimo di 5 piedi. Tredici metri quadri di superficie velica di bolina. Praticamente la forma di un guscio di noce con una superficie velica assurda.

La prima regata è stata nel 1899 a Balmain, Sydney. La flotta è cresciuta dopo il 1900 finché non hanno iniziato a prendere piede gli ormai iconici Skiff da 18 piedi.

Via| www.yachtingworld.com – scoperto grazie a snipeout.blogspot.com

Zen sailstyle si allarga e presenta il nuovo Zen +

Nata ancora una volta dalla collaborazione tra lo studio di design PGYD di Paolo Giordano e lo storico Cantiere navale Checchi, Zen + si configura come un vero e proprio “day sailer da spiaggia”, semplice da gestire ma capace di regalare ottime prestazioni a vela.

zen+_00

zen+_00
Immagine 1 di 5

A prima vista colpiscono le sue proporzioni: il baglio massimo importante e le linee tese di prua la fanno sembrare più grande di quello che è realmente; Zen + si pone infatti a metà strada tra la deriva da spiaggia ed il piccolo dayboat, coniugando semplicità di gestione a stabilità e confort.

La deriva zavorrata e pivotante scompare totalmente sotto lo scafo, permettendo di spiaggiare senza problemi e dando la possibilità di alare facilmente la barca. Alla stabilità contribuisce la geometria dello scafo a doppio spigolo che garantisce un angolo di stabilità positiva paragonabile a quella di un multiscafo. Il piano velico è moderno, con albero arretrato, randa square top e fiocco al 105% su rotaie trasversali, code0 / Gennaker avvolgibile a prua per incrementare le prestazioni nelle andature di lasco.

(altro…)

Bavaria Yachts – Bavaria C65

Bavaria C65 è la nuova ammiraglia della flotta a vela Bavaria Yachts e, facendo seguito alla presentazione del Bavaria C57 in primavera, è il prossimo passo logico nell’espansione della gamma C-Line. E’ il più grande yacht mai costruito dal cantiere tedesco.

Bavaria Yachts Bavaria C65 01

Bavaria Yachts Bavaria C65 01
Immagine 1 di 13

Con la C65, Bavaria Yachts dà nuovo impulso a un segmento di mercato in forte espansione, quello di barche a vela tra i 55 a 75 piedi. Il Bavaria C65 grazie al suo design elegante e moderno impressiona sia sopra che sotto coperta, dove offre un elevato livello di personalizzazione con numerose opzioni di differenti layout disponibili.

Il Bavaria C65 è un capolavoro di design, ingegneria e tecnologia. È stata progettata per i marinai che ripongono grandi aspettative sul loro yacht. Le sue prestazioni a vela veloci e affidabili sono impressionanti. Anche nei lunghi viaggi, il C65 può essere condotto in equipaggio ridotto o anche in solitario. E’ classificato come un fast cruiser ed è la barca ideale anche per la vela d’altura.

Le linee pulite dello scafo, la coperta abbastanza piatta e l’armo sportivo definiscono il suo design. L’ampia piattaforma da bagno a poppa ospita il garage tender ed è il luogo perfetto per la balneazione, la preparazione per un tuffo emozionante, o per godersi un po’ di sole. C’è abbastanza spazio nel garage da stivarci facilmente un tender e altre attrezzature.

Per gli interni sono previste tre o quattro cabine, con la possibilità di una cabina skipper aggiuntiva a prua.

Caratteristiche:

(altro…)

Beneteau Figaro 3, prime foto in navigazione

Beneteau Figaro III navigazione 01

Beneteau Figaro III navigazione 01
Immagine 1 di 48

Beneteau ha pubblicato nel proprio profilo facebook le prime foto del Figaro 3 in navigazione accompagnandole con questo testo:

Une révélation. Des sensations.
Le Figaro 3 a tiré ses premiers bords au large de Saint Gilles Croix de Vie.
Les architectes du cabinet VPLP design étaient présents pour officialiser ce moment. Le prototype a quitté le port hier matin sous une légère brise et un joli ciel bleu.

Dudley Dix Didi 40cr autocostruito varato a Ravenna

Io non ho ancora deciso se per gli autocostruttori di barche provare una totale e incondizionata ammirazione o se pensare che per loro andrebbe chiesto un TSO (Trattamento Sanitario Obbligatorio), perché imbarcarsi in un’impresa del genere va oltre ogni mia immaginazione.

Didi 40 CR Ravenna 2017 01

Didi 40 CR Ravenna 2017 01
Immagine 1 di 4

Come questo Didi 40cr, progetto Dudley Dix, varato a Marina di Ravenna, autocostruito da Stefano e sovradimensionata in tutto per uso esclusivo in crociera.

Complimenti a Stefano per la forza e il coraggio di essersi imbarcato in un progetto tanto grande. Ma sopratutto per la costanza di averlo portato fino in fondo.

Caratteristiche del Didi 40

(altro…)

Jeanneau Sun Odyssey 440

Philippe Briand e Jeanneau hanno annunciato la loro ultima collaborazione, il 44-piedi (13.4-metri) SO 440, un nuovo modello della gamma di barche da crociera Sun Odyssey, che Briand disegna fin dal 2012.

Jeanneau Sun Odyssey 440 01

Jeanneau Sun Odyssey 440 01
Immagine 1 di 39

Briand ha svelato tre nuovi modi diversi in cui l’architettura navale del SO 440 renderà la vita a bordo più facile e più confortevole per proprietari e gli ospiti.

Prima di tutto, la forma dello scafo ispirata alle barche da lavoro a scow, che presentano sezioni di prua squadrate e offrono un grande baglio proprio lì davati. Questo assicura alla cabina armatoriale un volume generoso e lussuoso.

“Il margine a poppa è molto limitato in quanto i proprietari da lì si aspettano già molto, quindi ho cercato lo spazio a prua, ispirato ai Mini 6.50 con le prue tonde, per portare il baglio massimo in avanti e aumentare il volume interno senza perdere in termini di prestazioni”, ha spiegato Briand.

(altro…)