Category name:Libri di vela

Rotta a ponente – Il secondo libro di Luciano Piazza

Intraprendere un nuovo cammino, che sia per mare o per terra, implica il confronto con l’imponderabile, se non con l’ignoto, in un’emozione mista di attrazione e timore. È questo il sentimento che sottende alla narrazione di Rotta a ponente, il racconto del viaggio di Piazza Grande da Marsala a Lisbona, oltre le colonne d’Ercole e oltre i limiti – psicologici, ancor più che fisici – che esse rappresentano nell’immaginario di ogni uomo di mare.

Con lo stile e l’ironia che hanno contraddistinto il precedente Rotta a Levante, Luciano Piazza narra la sua navigazione nel Mediterraneo occidentale e in Atlantico descrivendo, con occhio attento e acuto, luoghi, persone e situazioni incontrati lungo la rotta.

Miglio dopo miglio, con la meravigliosa lentezza di una piccola barca a vela di serie, lungo le coste di Italia, Francia, Spagna, Portogallo e Marocco, per poi risalire il fiume Guadalquivir fino a Siviglia, passando infine per Alborán, l’isola piccolissima e proibita che dà nome al mare che la circonda.

Migliaia di miglia, spesso in solitaria, che diventano l’occasione di un percorso introspettivo profondo. Ricco di informazioni utili alla navigazione, di riflessioni personali, di spunti storici e di passione per il viaggio nel suo significato reale e simbolico Rotta a Ponente è una vera e propria dichiarazione d’amore per la vela, per il mare e per la meravigliosa dimensione di vita che regalano.

In vendita a 15,30 Euro su www.amazon.it

Carta Nautica della Laguna di Venezia per smartphone

Dall’editore Mare di Carta la prima cartografia lagunare in versione App corredata di marina, porticcioli, distributori e altre informazioni utili per la navigazione, l’applicazione dispone di un pratico tachimetro per il navigante con la visualizzazione della velocità massima consentita nel canale che si sta navigando e il nome del canale. La App segnala visivamente quando la velocità massima è superata.

Per chi invece si muove con i mezzi pubblici, l’applicazione visualizza le fermate dei vaporetti ACTV con informazioni sugli orari dei vaporetti in arrivo per ogni fermata.

Per tutti sono disponibili informazioni storiche, isola per isola, e ambientali per una miglior visita e comprensione della laguna di oggi, comprese le modifiche dovute ai lavori di salvaguardia. Sono anche disponibili i dati in tempo reale su marea, temperatura e altre informazioni di carattere ambientale.

« Carta della laguna » è dunque uno strumento indispensabile per conoscere la laguna, con una funzione di guida per il visitatore, ma anche un contenitore di informazioni pratiche per chi invece conosce già bene la laguna ed apprezza di trovare in un’unica applicazione tante informazioni sovrapponibili.

In download a 7.69 Euro su play.google.com

Sul greco mare – Il secondo libro di Carlo Peris

Carlo Peris, del quale avevo già segnalato il blog qui While slowly going nowhere, ha avviato una campagna di crowdfunding per pubblicare il secondo libro, Sul greco mare.

Questo l’incipit della campagna:

Lo scorso anno, proprio in questo periodo, avevo utilizzato i servizi di ProduzioniDalBasso per la raccolta fondi necessaria alla pubblicazione del mio primo libro.

Il “successo editoriale” che ne era seguito avrebbe potuto facilmente darmi alla testa, ma invece di utilizzare il denaro, come pur promesso, per comprarmi una terza villa ad Ibiza, avevo tradito la fiducia dei miei sostenitori accontentandomi di acquistare il nuovo fiocco terzarolabile con il quale Duna, la mia anziana barca, ha potuto proseguire la sua navigazione in Egeo.

Con grande sconforto della comunità dei miei spaventati lettori, questo mi ha permesso tra l’altro di raccogliere materiale per nuove storie.

E se questa e la premessa il libro non potrà essere altro che estremamente ironico e godibile.

Per partecipare www.produzionidalbasso.com

A Basso Pescaggio – Il Portolano dei Marinai di Terraferma

a-basso-pescaggio-portolano-marinai-di-terraferma Secondo lo studioso francese Pierre Levy la diffusione delle tecniche di comunicazione su supporto digitale ha permesso la nascita di nuove modalità di legame sociale, non più fondate su appartenenze territoriali, relazioni istituzionali, o rapporti di potere, ma sul radunarsi intorno a centri d’interesse comuni, sulla condivisione del sapere, sull’apprendimento cooperativo, su processi aperti di collaborazione.

Questo fenomeno dà vita all’idea di “intelligenza collettiva

Un esempio di intelligenza collettiva lo abbiamo, secondo me, nel Portolano dei Marinai di Terraferma, nato dalla condivisione delle esperienze dei grandi velisti con piccole barche che ogni giorno tengono vivo il forum omonimo.

Il titolo è A Basso Pescaggio. Ridossi, approdi e rade. Appunti per la crociera costiera con piccole barche.

Il libro, i cui contenuti sono però completamente disponibili anche nel sito, è dedicato alle barche carrellabili, che per definizione sono a basso pescaggio e possono spingersi in luoghi dove a chi non ha la “pancia liscia” non è consentito di arrivare. Non mancano i cenni storici e gli usi e costumi dei luoghi recensiti.

Il portolano www.mezzomarinaio.com/portolano il forum www.mezzomarinaio.com/mdt

Gli Yachts che hanno fatto lo Yachting

Gli Yachts che hanno fatto lo Yachting 01

Gli Yachts che hanno fatto lo Yachting 01
Immagine 1 di 4

Gli Yachts che hanno fatto lo Yachting è il nuovo libro di Davide Besana.

Disponibile in solo trecento copie, su preziosa carta acquarello, è un librone con i ritratti di oltre cinquanta barche che hanno cambiato la storia.

E’ una perfetta riproduzione del manoscritto sul quale Davide ha ripercorso la storia dello Yachting attraverso le barche protagoniste, quelle che hanno segnato la storia e di cui ancora oggi si parla.

Le copie acquistate su www.davidebesana.com verranno tutte personalizzate ad acquarello e firmate dall’autore.

Sparkman & Stephens Swan – A Legend

Verrà presentato ufficialmente il 17 novembre 2016 alle ore 18 presso la galleria d’arte Salamon & Co di Via S. Damiano 2 a Milano “Sparkman & Stephens Swan – A Legend”, volume dedicato alla storia delle barche a vela Swan costruite dal cantiere finlandese Nautor su progetto dello studio americano Sparkman & Stephens. Un’opera unica al mondo realizzata dal milanese Matteo Salamon, fondatore della S&S Swan Association.

01 MASCALZONE LATINO Swan 38 1974_Photo P Maccione

01 MASCALZONE LATINO Swan 38 1974_Photo P Maccione
Immagine 1 di 6

Queste barche, spesso paragonate alle Bentley del mare, sono state tutte costruite dal cantiere finlandese Nautor, fondato nel 1966 da Pekka Koskenkylä e oggi di proprietà del tycoon della moda Leonardo Ferragamo. Il volume “Sparkman & Stephens Swan – A Legend” è opera di Matteo Salamon, il mercante d’arte milanese fondatore nel 2000 della S&S Swan Association, il sodalizio internazionale che riunisce tutti gli armatori e gli appassionati di questo marchio. Dopo oltre 10 anni di ricerche e di raccolta della documentazione, è stato dato finalmente alle stampe quello che può essere ritenuto il più importante testo di riferimento sull’argomento S&S Swan. Quanto ricavato dalla vendita del libro, per volere dell’autore, sarà interamente devoluto ad associazioni benefiche che operano nel settore dell’aiuto all’infanzia e all’adolescenza.

(altro…)

Il Piccolo Portolano del Golfo di Davide Besana

Piccolo Portolano del Golfo Davide Besana 01

Piccolo Portolano del Golfo Davide Besana 01
Immagine 1 di 3

Il Piccolo Portolano del Golfo è un volumetto di 16 pagine scritto e illustrato da Davide Besana per aiutare i diportisti a navigare nelle acque della Spezia.

Realizzato in collaborazione con il Circolo della Vela Erix, Autorità Portuale della Spezia, Capitaneria di Porto della Spezia, di foce Magra, Lerici e Portovenere, e con il contributo di aziende e artigiani.

Viene distribuito gratuitamente da circoli e capitanerie.

Via | www.facebook.com/Besanopoli

Di pance lisce. Gusci di noce e piccoli marinai.

pance lisce banner cadore

Di pance lisce. Gusci di noce e piccoli marinai, il libro di Luca Da Damos verrà presentato sabato 26 settembre a San Pietro di Cadore e giovedì 9 ottobre, alle 18, 30, presso la sala convegni della lega navale Italiana di trieste, nell’ambito delle manifestazioni legate alla Barcolana.

Di pance lisce. Gusci di noce e piccoli marinai è la storia di una barca che si muove sulle ruote, la storia di un capitano che non sa navigare e di sua moglie che non sa nuotare. E di tanti bambini birichini.

Un manuale di piccolo turismo nautico che è più un diario di viaggio. Un racconto che è quasi una filosofia di vagabondaggio.

Info su http://catamaranotomtom.blogspot.it/

Moby Dick – Incipit

I • Qualcosa appare in lontananza

[In Italiano] Chiamatemi Ismaele. Alcuni anni fa – non importa quanti esattamente – avendo pochi o punti denari in tasca e nulla di particolare che mi interessasse a terra, pensai di darmi alla navigazione e vedere la parte acquea del mondo. E’ un modo che io ho di cacciare la malinconia e di regolare la circolazione. Ogni volta che m’accorgo di atteggiare le labbra al torvo, ogni volta che nell’anima mi scende un novembre umido e piovigginoso, ogni volta che mi accorgo di fermarmi involontariamente dinanzi alle agenzie di pompe funebri e di andar dietro a tutti i funerali che incontro, e specialmente ogni volta che il malumore si fa tanto forte in me che mi occorre un robusto principio morale per impedirmi di scendere risoluto in istrada e gettare metodicamente per terra il cappello alla gente, allora decido che è tempo di mettermi in mare al più presto.

Loomings

[In Inglese] Call me Ishmael. Some years ago — never mind how long precisely — having little or no money in my purse, and nothing particular to interest me on shore, I thought I would sail about a little and see the watery part of the world. It is a way I have of driving off the spleen and regulating the circulation. Whenever I find myself growing grim about the mouth; whenever it is a damp, drizzly November in my soul; whenever I find myself involuntarily pausing before coffin warehouses, and bringing up the rear of every funeral I meet; and especially whenever my hypos get such an upper hand of me, that it requires a strong moral principle to prevent me from deliberately stepping into the street, and methodically knocking people’s hats off—then, I account it high time to get to sea as soon as I can. This is my substitute for pistol and ball. With a philosophical flourish Cato throws himself upon his sword; I quietly take to the ship. There is nothing surprising in this. If they but knew it, almost all men in their degree, some time or other, cherish very nearly the same feelings towards the ocean with me.