Tag name:2019

Trofeo Optimist Italia Kinder + Sport 2019 – Crotone, classifiche e foto

Oltre 200 giovani velisti hanno disputato a Crotone le regate del Trofeo Optimist Italia Kinder + Sport in condizioni decisamente primaverili dal punto di vista della temperatura, anche se il vento non è stato così generoso, come il mare di Crotone ci ha ormai abituato.

Optimist trofeo Kinder Crotone 2019 01

Optimist trofeo Kinder Crotone 2019 01
Immagine 1 di 23

Nel primo giorno concluse due prove, la seconda con riduzione di percorso. La flotta è eterogenea con i campionissimi della squadra azzurra, affiancati da giovanissimi alle prime esperienze agonistiche. È tutto il gruppo agonistico nazionale a mettersi in evidenza nella prima giornata che non è stata facile da interpretare per i salti di vento e la corrente. Lo staff del Club Velico Crotone è stato pronto a posizionare il campo di regata secondo le indicazioni del Comitato di Regata FIV, che ha gestito in acqua le operazioni di partenza iniziate verso le ore 13.

Le prime tre posizioni della categoria juniores sono appannaggio di atleti romani: Marco Gradoni (Tognazzi Village) ha inanellato due vittorie, seguito da Davide Nuccorini (3-1, Circolo della Vela Roma); terzo Niccolò Pulito (sempre del circolo Tognazzi Village), che nella propria batteria ha piazzato un primo e un terzo. Regolare il gardesano (Fraglia Vela Malcesine) e figlio d’arte Zeno Marchesini, che con un 3-2 occupa la quarta posizione. Prima femmina juniores Rebecca Geiger (CV Muggia), ottava in generale.

Tra i più giovani cadetti (9-10 anni) due vittorie di Francesco Carrieri (Lega Navale Bari), seguito dal triestino Tesser (3-2, Triestina della Vela) e dall’anconetano Alessio Lucantoni (5-5, LNI Ancona). La siciliana Gilda Nasti (CN Nic Catania) con un dodicesimo e un terzo è quinta assoluta e prima della categoria cadetti femminile.

(altro…)

BPER Banca Crotone Carnival Race 2019 – Risultati Finali e Foto

Optimist Crotone Carnival Race 2019 04

Optimist Crotone Carnival Race 2019 04
Immagine 1 di 14

Quarto e ultimo giorno della BPER Banca Crotone International Carnival Race divenuto un classico del calendario della Classe Optimist e palcoscenico di una flotta variopinta di 183 giovani velisti da Croazia, Spagna, Francia, Germania, Grecia, Israele, Malta, Olanda, Svizzera, Svezia e Italia. Oggi, con l’orario limite fissato per le 13, Eolo dopo aver tanto soffiato nei giorni scorsi si è preso una pausa. Le classifiche pertanto sono rimaste invariate.

PREMIAZIONE E RISULTATI FINALI: DAY 4 – La premiazione festosa ha coinvolto direttamente il waterfront di Crotone, si è aperta con un saluto speciale all’atleta di casa Tony Cili, fuoriclasse del Kiteboard e istruttore del Club Velico Crotone, appena tornato da Capo Verde dove ha conquistato un fantastico bronzo alla World Cup.

Nella categoria dei Cadetti (i più giovani, 9-11 anni), il podio è formato dall’italiano Tommaso Geiger, davanti al connazionale Francesco Tesser e al maltese Timmy Vassallo. Tra le ragazze il podio è tutto azzurro col primo posto di Flavia Viscoli Coratella, il secondo di Carlotta Tenderini e il terzo di Daphne Lupo.

(altro…)

BPER Banca Crotone Carnival Race 2019 – Risultati

Per 10 giorni Crotone capitale della vela giovanile del Mediterraneo: dal 2 al 10 marzo 400 giovanissimi velisti da tutto il mondo per la BPER Banca Crotone Carnival Race e per la prima tappa del Trofeo Optimist Italia Kinder+Sport

Optimist Crotone Carnival Race 2019 01

Optimist Crotone Carnival Race 2019 01
Immagine 1 di 14

Regate di sabato 2 marzo – 20-23 nodi di vento da Nord, onda di un metro e mezzo, sole caldo, tre prove su tre completate come da programma per gli Juniores. In classifica primo l’israeliano Aviv Ashraf, secondo il maltese Richard Schiltheis e terza la tedesca Louisa Muller. Nelle classifiche di categoria terzi posti per gli italiani Antonio Gasperini e Sophie Fontanesi. In gara 183 concorrenti da Croazia, Spagna, Francia, Germania, Grecia, Israele, Malta, Olanda, Svizzera, Svezia e Italia.

Regate di domenica 3 marzo – Secondo giorno di regate nello stadio del vento di Crotone per i 183 giovani velisti da Croazia, Spagna, Francia, Germania, Grecia, Israele, Malta, Olanda, Svizzera, Svezia e Italia. Meteo: 17 nodi di vento nella prima prova, sceso a 13 nodi nell’ultima, e onda di circa 1 metro.

Tra i Cadetti, tripletta italiana in testa con Tommaso Geiger primo, davanti a Alessandro Maria Ricci e Mattias Zappia. Nella classifica femminile due italiane ai primi due posti: Carlotta Tenderini e Flavia Viscoli Coratella, seguite dalla svizzera Daphne Lupo al terzo posto.
La classifica Juniores vede al comando il forte maltese Richard Schultheis, con due israeliani alle piazze d’onore: Aviv Assraf e Roy Levy. Classifica femminile guidata dall’olandese Yanne Broers davanti alla tedesca Louisa Muller e all’azzurrina Sophie Fontanesi. La top-5 overall della Carnival Race, maschile e femminile insieme, vede nell’ordine Richard Schultheis (MLT), Yanne Broers (NED), Louissa Muller (GER), Aviv Assraf (ISR) e Roy Levy (ISR).

L’onda caratteristica di Crotone ha origini lontane, spiegazioni geografiche, termiche, orografiche, come spiega il Professor Alberto Vega, che insegna Navigazione e Meteorologia all’Istituto Nautico di Crotone, e il fenomeno lo ha studiato a fondo.

“Dipende tutto dai venti dominanti di quest’area: Crotone è battuta tutto l’anno da venti dai quadranti settentrionali, la Tramontana da Nord e il Grecale da Nord Est, prevalentemente sostenuti, che per questo hanno favorito lo sviluppo dell’attività velica. E’ una peculiarità, una vera unicità di questo tratto di costa. I giorni di bonaccia, senza vento, sono pochissimi, una rarità. D’estate si aggiunge il fenomeno della brezza termica, che si somma ai venti dominanti.”

L’onda è una diretta conseguenza della forza di questi venti, ma ha un’altra ragione, una specie di segreto, nascosto sott’acqua… “A creare quell’onda speciale è la morfologia dei fondali – conferma il Professor Vega – Le carte nautiche indicano chiaramente, a circa 300 metri da costa, la presenza di una scogliera naturale sommersa, a una profondità tra 10 e 20 metri, che si estende dalla spiaggia cittadina fino ai piedi dell’Irto, dove comincia il promontorio del famoso Capo Colonna.

“Il rialzamento brusco del fondale origina la forma dell’onda, ricercata specialmente dagli appassionati del Kite Surf, e che rende tecnico il campo delle regate veliche. Il fenomeno vale sia con vento da Nord che da Scirocco e da Levante, i venti che si susseguono con il passaggio delle depressioni atmosferiche.”

Perché i venti sono solitamente così forti? “Dipende dalla conformazione del territorio. Davanti a Crotone non c’è nulla, mentre alle sue spalle ci sono la dorsale della Sila e più a sud quella dell’Aspromonte. Il vento del Nord arriva diretto dai Balcani senza ostacoli e per questo aumenta di intensità. Poi i fondali pensano a formare l’onda… È la natura che ha voluto che Crotone fosse la città della vela!”

Classifiche complete su www.clubvelicocrotone.it

Aperte le iscrizioni alla Rolex Giraglia 2019

202, Sail No MON666, TANGO, Owner: OLE HANSEN, Group 0 IRC

202, Sail No MON666, TANGO, Owner: OLE HANSEN, Group 0 IRC
Immagine 1 di 7

202, Sail No MON666, TANGO, Owner: OLE HANSEN, Group 0 IRC

Una veste inedita caratterizza l’edizione numero 67 della Rolex Giraglia 2019, con l’arrivo della regata offshore nelle acque del Principato di Monaco e tante novità anche a Saint-Tropez “Offrire un punto di arrivo alternativo della Rolex Giraglia, come già accaduto nel passato, ne sottolinea l’importanza e l’unicità, offrendo ai partecipanti un’alternanza che contribuisce alla costruzione del fascino della regata d’altura più bella del Mediterraneo”.

Queste le parole del Presidente dello Yacht Club Italiano Nicolò Reggio, per introdurre l’edizione 2019 della classica dell’altura che, giunta alla sua 67ma edizione, ripropone l’alternanza dei percorsi come in passato. Lo Yacht Club Italiano e lo Yacht Club de Monaco, gemellati dal 1996, proprio per rafforzare i rapporti di condivisione degli ideali dello sport della vela, della solidarietà sul mare e dello spirito agonistico, riportano dopo 5 anni l’arrivo della Rolex Giraglia a Montecarlo.

Nella sua lunga storia infatti la Giraglia é partita da Cannes, da Le Lavandou, da Tolone, da Sanremo, da St. Tropez; è arrivata: a Monaco, a Le Lavandou, a St. Tropez, a Tolone, a Genova ed a Sanremo. Il percorso della regata lunga rimane di 241 miglia.
Con la pubblicazione del Bando di Regata della Rolex Giraglia 2019, sono state attivate le iscrizioni online. Il bando ed i moduli per le iscrizioni sono scaricabili dal sito ufficiale della regata: rolexgiraglia.com

(altro…)

Aperte le iscrizioni alle regate offshore del Circolo Nautico Santa Margherita

Il percorso offshore a Caorle sta per cominciare: da giovedì 21 febbraio sono aperte le iscrizioni per le regate targate Circolo Nautico Santa Margherita, che compongono il TrofeoCaorle X2 XTutti, quattro percorsi di diversa difficoltà, dalla costiera all’altura più impegnativa, che porteranno gli appassionati a solcare le acque adriatiche da aprile a ottobre, per un totale di circa 830 miglia.

La-500-2018-05

La-500-2018-05
Immagine 1 di 23

“Lo scorso anno le regate d’altura del Circolo Nautico Santa Margherita sono cresciute e grazie alla collaborazione con il Comune di Caorle e la Fondazione Città dello Sport, siamo riusciti a dare ai partecipanti anche un assaggio dell’ospitalità e delle peculiarità del nostro borgo marinaro, che vanta una grande tradizione nella pesca e nel turismo.” Dichiara Gian Alberto Marcorin, Presidente CNSM “Il grande interesse dimostrato da tanti velisti, molti già pre-iscritti alle nostre regate, è per noi uno stimolo per continuare a migliorare l’organizzazione delle nostre manifestazioni e far vivere a tutti un’esperienza unica”.

Ad aprire la stagione ci penserà La Ottanta il 6 e 7 aprile, una regatacostiera che in pochi anni ha saputo ritagliarsi un posto speciale nel cuore di molti velisti, grazie al suggestivo percorso da Caorle alla bella baia di Pirano, con passaggio a Grado e ritorno.

Maggio sarà dedicato ai due appuntamenti clou di Caorle, La Duecento e La Cinquecento Trofeo Pellegrini, valide per il Campionato Italiano Offshore della Federazione Italiana Vela con i coefficienti 2.5 e 3.0.

La venticinquesima edizione de La Duecento, supportata dal Main Partner Paulaner, si disputerà dal 3 al 5 maggio nelle categorie X2 e XTutti.

Il record da battere è quello stabilito nel 2012 dallo scafo oceanico E1, il Vor70 dell’austriaco Aegyd Pengg, che ha impiegato 26h, 31′ e 54″ per completare le duecento miglia del percorso da Caorle a Sansego e ritorno, con passaggio per Grado.

L’appuntamento con il fascino senza tempo della grande altura è fissato al 26 maggio, con la partenza della quarantacinquesima edizione de La Cinquecento Trofeo Pellegrini, che si concluderà sabato 1 giugno.

La prima regata in doppio del Mediterraneo porterà gli equipaggi da Caorle alle Isole Tremiti, passando per l’isola croata di Sansego: un percorso che in quasi mezzo secolo di vita ha messo alla prova campioni, marinai e semplici appassionati, rivelandosi sempre tecnico, affascinante, impegnativo.

L’edizione 2019 de La Cinquecento potrà contare sul Title Sponsor Pellegrini Impresa di Costruzioni e su Montura, azienda manifatturiera italiana che crea abbigliamento tecnico e calzature per l’alpinismo e numerose attività outdoor, tra le quali la vela, Technical Partner dell’evento.

La chiusura di stagione sarà affidata a La Cinquanta, la più veloce delle regate del Trofeo, che si disputerà il 26 e 27 ottobre sulla rotta Caorle-Lignano-Grado.

Al termine della regata saranno premiati anche i vincitori assoluti del Trofeo Caorle X2 XTutti, al meglio di tre prove.

Le quattro regate del Trofeo Caorle X2 XTutti 2019 sono supportate dal Comune di Caorle e godono della partnership di Dial Bevande, Trim per le previsioni meteo, Cantina Colli del Soligo, produttrice di pregiati vini con cui da sempre si festeggiano le vittorie e gli arrivi in casa CNSM, Antal, produttore di attrezzatura di coperta per barche a vela e Astra Yacht, azienda specializzata in sistemi ad alto contenuto tecnologico e innovativo per migliorare l’esperienza della navigazione.

Per la logistica il CNSM si affiderà alle darsene cittadine Marina 4 e Darsena dell’Orologio, che offriranno gli ormeggi in occasione delle regate, con la possibilità di contare anche sull’ospitalità di Marina Sant’Andrea per le imbarcazioni con pescaggio superiore ai 3 metri.

Bandi e moduli d’iscrizione: cnsm.org. Per foto, video e curiosità: pagina Facebook Circolo Nautico Santa Margherita. FOTO: Andrea Carloni-CNSM

Italia Cup Laser Andora 2019 – Classifiche e Foto

17 febbraio 2019 – Niente di fatto a causa della mancanza di vento domenica 17 febbraio al Circolo Nautico Andora per la prima tappa 2019 della Italia Cup Laser, dove erano presenti 178 Laser 4.7, 154 Laser Radial e 53 Laser Standard.

Laser Italia Cup Andora 2019 01

Laser Italia Cup Andora 2019 01
Immagine 1 di 14

Intorno alle 15:30 il Comitato di Regata ha deciso di far tornare a terra tutti gli atleti e di assegnare quindi le medaglie della prima tappa di Italia Cup Laser sulla base delle classifiche maturate nei giorni precedenti.

Nella classe Laser Standard si piazza sul primo gradino del podio della classifica overall l’azzurro Giacomo Musone (CN Rimini) seguito sul secondo da Giovanni Saccomani (Compagnia Vela Venezia) e sul terzo da Paolo Giargia (CN Varazze).

Tra i Laser Radial a vincere la classifica overall maschile è l’azzurro Matteo Paulon (YC Cannigione) seguito dal francese Matisse Pacaud (YC De Cannes), secondo e da Andrea Crisi (YC Cannigione), terzo. Sempre nei Laser Radial, la prima classificata overall femminile è Matilda Zoy Talluri (CN Livorno), la seconda è Joyce Floridia (SV Guardia di Finanza) e la terza è Chiara Benini Floriani (FV Riva).

Nella classe Laser 4.7 vince la classifica overall maschile Niccolò Nordera (RYCC Savoia) seguito da Attilio Borio (CV La Spezia) e da Mattia Cesana (FV Riva). La classifica overall dei Laser 4.7 femminili vede come prima Alessia Palanti (CV Torbole), seconda Sara Savelli (CV Bellano) e terza Alina Iuorio (CV Portocivitanova).

L’appuntamento con la seconda tappa di Italia Cup Laser sarà a Marina di Ragusa, in Sicilia, dall’8 al 10 marzo 2019.

Classifiche complete su www.italialaser.org

Trofeo Campobasso 2018, bis del campione del mondo Marco Gradoni

Trofeo Campobasso 2019 01

Trofeo Campobasso 2019 01
Immagine 1 di 4

NAPOLI, 5 Gennaio 2019 – Marco Gradoni del Tognazzi Marine Village ha vinto il Trofeo Campobasso 2019. Per il velista romano del Tognazzi Marine Village, due volte campione del mondo, si tratta del secondo successo consecutivo nella rassegna velica organizzata dal Circolo Savoia. Dopo le 6 prove disputate giovedì e venerdì, quest’oggi il vento irregolare non ha permesso ai 247 velisti di affrontare altre regate. Dopo un paio d’ore, il Comitato ha deciso di far rientrare tutti nel porticciolo di Santa Lucia. Al secondo posto del Campobasso 2019, un altro velista del Tognazzi Marine Village, Tommaso Mesolella, mentre terzo è il lettone Martin Atilla.

Il Trofeo Unicef (categoria Cadetti) è invece andato a Tommaso Geiger del Circolo Vela Muggia, davanti a Christian Andreoli del Cv Toscolano Maderno ed a Manuel Scacciati del Cv Torre Lago Puccini. La ragazza prima classificata tra i Cadetti è Victoria Demurtas (Fraglia Vela Riva).

Questi gli altri premi assegnati:

Targa Irene Campobasso, destinata alla ragazza meglio classificata tra gli Juniores, a Ginevra Caracciolo della Lega Navale Italiana, sezione di Napoli;

Targa Laura Rolandi, al miglior club, al Tognazzi Marine Village;

Coppa Branko Stancic, al concorrente proveniente da più lontano, a Christopher Marsh (Royal Varuna Y.C. Pattaya, Thailandia);

Premiato come concorrente più giovane Giuseppe Tacconi Acton (Club Velico Crotone), nato il 19 dicembre 2010.

(altro…)

Gli appuntamenti istituzionali 2019 della Federazione Italiana Vela

La Federazione Italiana Vela ha reso noti gli appuntamenti istituzionali 2019 dedicati all’altura, alle classi giovanili e a quelle olimpiche.

CICO 22-03-2018 01

CICO 22-03-2018 01
Immagine 1 di 25

Il primo appuntamento è per il 14 luglio con il Campionato Italiano di Vela d’Altura che per quattro giorni avrà come scenario le acque della città di Crotone.

A fine agosto, sempre in Calabria, si disputeranno i Campionati Italiani Giovanili in singolo e la Coppa Primavela cui è abbinato il Meeting nazionale delle scuole vela FIV. La manifestazione giovanile animerà per dieci giorni il litorale e lo specchio di mare antistante Reggio Calabria.

Dal 5 al 9 settembre, sarà Bari ad ospitare i Campionati Italiani Giovanili delle classi in doppio, mentre il lago di Garda sarà la sede ideale per il CICO – Campionato Italiano Classi Olimpiche – che si disputerà dal 10 al 14 settembre a Gargnano. Lo spostamento di date per quest’ultimo evento – che da qualche anno era stato anticipato a marzo – è dovuto alla presenza di numerosi eventi internazionali già calendarizzati in primavera.

I Campionati Mondiali IFDS assegnati alla Fraglia Vela Riva

Proprio mentre è in corso di svolgimento il Meeting del Garda Optimist arriva con una lettera dell’ISAF Disabile Sailing Association, la commissione ISAF composta da ex membri dell’associazione mondiale della vela per disabili recentemente entrata a far parte della federvela mondiale, l’ufficializzazione che sarà la Fraglia Vela Riva ad ospitare l’edizione 2019 dei Campionati Mondiali IFDS, la rassegna iridata dedicata alle classi paralimpiche Sonar, Skud 18 e 2.4 mR.

marta zanetti skud18

Si tratta dell’ennesimo riconoscimento internazionale della sempre intensa attività velica sul Garda, nonché delle capacità organizzative dei sodalizi che si affacciano sulla celebre “palestra della vela”, una notizia che fa molto piacere anche se lascia un po’ di amaro in bocca alla luce della recente decisione del Comitato Internazionale Paralimpico di escludere la vela dal programma delle Paralimpiadi di Tokyo 2020.

“E’ stato molto difficile, ma abbiamo raggiunto il nostro scopo e non posso che esserne molto felice”, ha dichiarato Rodolfo Bergamaschi, Consigliere Federale con delega all’attività paralimpica. “La concorrenza era di alto livello, ma il nostro lavoro di squadra è stato premiato. Poi è chiaro che il giudizio estremamente positivo che molti stranieri hanno nei confronti del Garda ha avuto il suo peso, ma non voglio scordare anche la forte spinta che è arrivata da parte della Presidenza federale, che ringrazio, e il grande lavoro che ha visto in prima fila il nostro Massimo Dighe”.

“Siamo davvero molto contenti di questa notizia”, ha sottolineato Giancarlo Mirandola, Presidente della Fraglia Vela Riva, “perché si tratta di una regata a cui teniamo particolarmente. Faremo del nostro meglio per dare a tutti, regatanti e accompagnatori, un grande evento, come è nella nostra tradizione. Tra altro la nuova legge provinciale in fase di presentazione, prevede numerosi benefici per chi promuove eventi sportivi per persone con disabilità, quindi avremo anche un buon supporto dalle istituzioni per raggiungere il nostro scopo”.

Olimpionico a Londra 2012 con il Sonar e tra i promotori della candidatura di Riva del Garda, Massimo Dighe non nasconde la sua soddisfazione.

“E’ la prima volta che l’Italia ospita un Mondiale IFDS, quindi è una vittoria che riguarda tutti. Io mi sono solo limitato a presentare il progetto alla Commissione ISAF, durante le ultime riunioni di Palma, un progetto valido che è stato subito apprezzato e che giustamente ha ottenuto il riconoscimento che gli spettava. Ora dobbiamo metterci tutti al lavoro per fare in modo che questo Mondiale IFDS sia all’altezza dei precedenti”.