Category name:Cronaca

La motonave Audace rischia di affondare

giugno 12, 2024 / Commenti disabilitati su La motonave Audace rischia di affondare

Comunicato stampa del 12-06-24 – ​​Questa mattina la Guardia Costiera di Trieste ha ricevuto un “MayDay” da parte della motonave “Audace”, che effettua attività di trasporto pubblico locale di passeggeri tra i porti di Trieste e Grado.

La motonave Audace rischia di affondare 01

La motonave Audace rischia di affondare 01
Immagine 1 di 3

La nave imbarcava acqua ed era quindi a rischio affondamento. Coordinate immediatamente le operazioni dal Centro di soccorso della Guardia Costiera di Trieste, sono stati inviati a circa 5 miglia dalla costa mezzi navali ed un aeromobile della Guardia Costiera.

Le 76 persone a bordo, che avevano preso posto sulle zattere di salvataggio, sono state tutte tratte in salvo e non si registrano feriti ma solo tanto spavento tra i passeggeri, in procinto di sbarcare a Grado in sicurezza con i mezzi navali della Guardia Costiera.

Via | www.guardiacostiera.gov.it

Orche affondano barca a vela nello stretto di Gibilterra

maggio 14, 2024 / Commenti disabilitati su Orche affondano barca a vela nello stretto di Gibilterra

MADRID, 13 maggio – Un numero imprecisato di orche ha affondato uno yacht a vela dopo averlo speronato nelle acque marocchine nello stretto di Gibilterra, ha riferito lunedì il servizio di salvataggio marittimo spagnolo, un nuovo attacco in quello che è diventato una tendenza in passato quattro anni.

La nave Alboran Cognac, che misurava 15 metri di lunghezza e trasportava due persone ha incontrato i predatori alle 9:00 ora locale (07:00 GMT) di domenica.

I passeggeri hanno riferito di aver sentito colpi improvvisi allo scafo e al timone prima che l’acqua iniziasse a penetrare nella barca. Dopo aver allertato i servizi di soccorso, una petroliera vicina li ha presi a bordo e li ha trasportati a Gibilterra. La barca è stata lasciata alla deriva e alla fine è affondata.

L’incidente è l’ultimo esempio di ricorrenti speronamenti di orche attorno allo stretto di Gibilterra che separa l’Europa dall’Africa e al largo della costa atlantica del Portogallo e della Spagna.

Gli esperti ritengono che si tratti di una sottopopolazione di circa 15 individui chiamata “Gladis”.
Secondo il gruppo di ricerca GTOA, che monitora le popolazioni della sottospecie di orca iberica, ci sono state quasi 700 interazioni da quando sono stati segnalati per la prima volta gli attacchi di orche alle navi nella regione nel maggio 2020.

I ricercatori non sono sicuri delle cause di questo comportamento, ma le principali teorie sostengono che si tratti di una manifestazione giocosa della curiosità dei mammiferi, di una moda sociale o di una presa di mira intenzionale di ciò che percepiscono come concorrenti per la loro preda preferita, il tonno rosso locale.

Rete da pesca responsabile della perdita di uno yacht di 42 piedi nel sud dell’Irlanda

aprile 18, 2024 / Commenti disabilitati su Rete da pesca responsabile della perdita di uno yacht di 42 piedi nel sud dell’Irlanda

Il rapporto del Marine Casualty Investigation Board (MCIB) ha concluso che una rete da traino abbandonata “è stata la causa principale” della perdita del Jeanneau Sun Odyssey 42i, Inish Ceinn

Secondo il Marine Casualty Investigation Board (MCIB), una rete da traino abbandonata che avvolgeva l’elica, il timone e la chiglia del Jeanneau Sun Odyssey 42i, Inish Ceinn, è stata la “causa principale” dell’incaglio dello yacht e della sua conseguente perdita.

Lo yacht era stato appena ristrutturato e aveva superato con successo le prove in mare prima del suo viaggio finale.

Lo skipper, che è Yachtmaster Offshore e istruttore di vela, e i quattro membri dell’equipaggio, hanno lasciato Baltimora in Irlanda il 6 giugno 2023 per un breve viaggio a Cape Clear Island; tutti indossavano giubbotti di salvataggio a bordo. Il tempo in quel momento era forza 3-4, con vento da est.

(altro…)

Arcona Yachts indaga sul naufragio di un Arcona 460 nell’Oceano Pacifico

aprile 12, 2024 / Commenti disabilitati su Arcona Yachts indaga sul naufragio di un Arcona 460 nell’Oceano Pacifico

L’asse del timone dell’Arcona 460 IdaLina, battente bandiera svedese, si è rotto sembra abbia perforato lo scafo, provocando l’affondamento della barca. Un video dell’asse del timone rotto è stato pubblicato sui social media.

L’incidente è avvenuto l’8 aprile e nessun membro dell’equipaggio è rimasto ferito nell’incidente, tutti sono stati salvati da imbarcazioni nelle vicinanze.

L’amministratore delegato di Arcona Yachts, Fredrik Malmqvist, ha dichiarato: “In Arcona Yachts, la sicurezza è la nostra priorità e quindi la prendiamo molto sul serio.

Abbiamo appreso dagli armatori dell’Arcona 460 che l’asse del timone era rotto, ma non sappiamo ancora come e perché. Stiamo lavorando a stretto contatto con i nostri fornitori e le persone chiave per indagare immediatamente e ulteriormente su questo grave incidente.

“I nostri pensieri sono con i proprietari, la famiglia e l’equipaggio e inviamo i nostri sinceri ringraziamenti all’equipaggio delle navi vicine che hanno contribuito al salvataggio. Non appena ne sapremo di più, rilasceremo ulteriori informazioni”, ha aggiunto Malmqvist.

Salvati i vincitori dei Caribbean 600

marzo 5, 2024 / Commenti disabilitati su Salvati i vincitori dei Caribbean 600

Due velisti su un Class40 che aveva vinto la Caribbean 600 nella propria categoria sono salvi grazie alla Guardia Costiera e ad una nave vicina dopo che la loro barca è stata colpita da un fulmine in Oceano Atlantico.

Funzionari della Guardia Costiera affermano di aver risposto a un emergency position indicating radio beacon (EPIRB) da parte dei due marinai sullo yacht da regata francese Sogestran Seafrigo LHOR One intorno alle 18:00 di domenica 3 marzo 2024.

La Guardia Costiera ha affermato di aver inviato l’equipaggio di un aereo HC-130 Hercules da Elizabeth City per aiutare la barca e di aver allertato altre navi vicine utilizzando l’Automated Mutual-Assistance Vessel Rescue (AMVER).

L’aereo della Guardia Costiera è arrivato alla barca che si trovava a 1726 miglia a est delle Bermuda intorno alle 4:45 ed è stato in grado di dirigere una nave di 505 piedi, la Frio Ionian, verso il punto in cui si trovava la barca da soccorrere.

L’equipaggio di Frio Ionian è arrivato alle 10 del mattino ed è riuscito a salvare due uomini, di 20 e 24 anni, dalla Sogestran Seafrigo LHOR One. I due hanno detto che la loro barca ha iniziato a imbarcare acqua dopo che un fulmine aveva causato un buco nello scafo.

Secondo la guardia costiera la Sogestran Seafrigo LHOR One stava navigando dalla Guadalupa alla Francia. Lo yacht stava tornando in Francia dopo essere arrivato primo al Royal Ocean Racing Club Caribbean 600 Class 40 ad Antigua.

Arek Pawelek salvato dalla Marina Portoghese

ottobre 31, 2023 / Commenti disabilitati su Arek Pawelek salvato dalla Marina Portoghese

Il polacco Arek Pawelek era impegnato nel tentativo di circumnavigare il globo in solitaria, senza soste e senza assistenza con la sua barca di 5 metri Elblag (vedi post precedente Arek Pawelek – Tentativo di giro del mondo in una barca a vela di 5 metri).

Partito il 28 settembre da Plymouth, in Inghilterra, il 17 ottobre è stato costretto ad abbandonare l’impresa a causa del meteo difficile e degli infortuni fisici.

Dopo che una tempesta ha danneggiato il suo pilota a vento e un’onda lo ha trascinato fuori bordo, è riuscito a risalire in barca ma ha dovuto governare a mano con abiti bagnati, era ipotermico e avvertiva un forte dolore alla colonna vertebrale e al petto con difficoltà a respirare.

A causa delle previsioni del tempo che prevedevano forti temporali nei giorni successivi e del peggioramento delle condizioni fisiche, ha preso la decisione di evacuare ed è iniziata l’operazione di salvataggio .

La prima ad avvicinarsi a Elbląg è stata una petroliera, ma Pawelek non è stato fisicamente in grado di salirvi. Sono stati inviati un elicottero e una nave SAR, ma queste unità non hanno potuto effettuare l’evacuazione a causa delle difficili condizioni meteorologiche. Alla fine è stata inviata una nave della Marina.

Dopo diversi tentativi, Pawelek è stato prelevato dalla sua imbarcazione il 18 ottobre dall’equipaggio di una nave della Marina portoghese, più di 15 ore dopo l’inizio dell’operazione.

Il 21 ottobre Elbląg è stata trovata su una spiaggia sabbiosa in Portogallo e sarà trasportata a casa di Pawelek in Polonia.

Foto via www.facebook.com/ArekPawelek1968

Ocean Globe Race – Evacuazione in elicottero a lungo raggio in corso per un ferito

settembre 18, 2023 / Commenti disabilitati su Ocean Globe Race – Evacuazione in elicottero a lungo raggio in corso per un ferito

Data: lunedì 18/09/2023 – Il Centro portoghese di coordinamento dei soccorsi sta lavorando con il team di gestione delle crisi del McIntyre Ocean Globe per coordinare il salvataggio in elicottero a lungo raggio del marinaio ferito Stéphane Raguenes a bordo dello yacht francese TRIANA. Lo yacht è uno dei 14 partecipanti che stanno attualmente gareggiando nella McIntyre Ocean Globe Race. Triana si trova attualmente a 210 miglia nautiche a sud-ovest del Portogallo.

McIntyre OCEAN GLOBE 2023 – COPYRIGHT FREE for Editorial Use.
Triana (66) FR, Swan 53, is currently involved in a long-range helicopter medivac to evacuate an injured crew member. Credit: OGR 2023/ Margault Demasles.
Credit: Team Triana

Alle 07:20 UTC il Capitano di Triana (66) FR, Jean d’Arthuys, ha contattato il centro di controllo della Ocean Globe Race per richiedere un’emergenza medica urgente dalla nave.

Ieri alle 13.00 UTC il membro dell’equipaggio Stéphane Raguenes è scivolato sul ponte a causa del maltempo provocandosi una grave lacerazione sulla parte posteriore della gamba dietro il ginocchio. Stéphane è stato portato di sotto per i primi soccorsi immediati per fermare il flusso sanguigno. Era cosciente, parlava e veniva messo a suo agio dai suoi compagni di equipaggio.

McIntyre OCEAN GLOBE 2023 – COPYRIGHT FREE for Editorial Use.
Crew member Stéphane Raguenes onboard Triana.
Aïda Valceanu/ OGR2023

Sono stati contattati MSOS, il team di telemedicina 24 ore su 24 delle OGR e il supporto di telemedicina internazionale di TMAS e le foto delle lesioni sono state trasmesse via satellite per la diagnosi. All’equipaggio è stata fornita consulenza medica. La OGR hanno dichiarato codice arancione e sono stati adottati i relaticvi protocolli. I parenti prossimi sono stati informati.

Il capitano Jean d’Arthuys prese in considerazione varie opzioni , inclusa un’evacuazione di emergenza su una vicina nave portacontainer o il trasferimento del dottor Tanneguy Raffray da Neptune (56) FR, un altro partecipante francese alle OGR. Neptune in quel momento si trovava a sole 12 miglia nautiche di distanza. Sfortunatamente, il mare a 4 metri e le condizioni di vento moderato hanno escluso entrambe le opzioni. E’ stata presa in considerazione anche la deviazione verso il Portogallo, ma si è deciso di proseguire verso sud fino a Las Palmas e successivamente a Madeira. Questa opzione offriva il rischio complessivo minimo per tutti i soggetti coinvolti.

Durante la notte le condizioni di Stéphane sono peggiorate e la velocità dello yacht è diminuita a causa dei venti più deboli. Alle 07:20 UTC il Capitano di Triana (66) FR, Jean d’Arthuys, ha contattato il controllo della Ocean Globe Race per richiedere un’immediata evacuazione medica dalla nave.

Il codice OGR ARANCIONE è stato elevato a CODICE ROSSO. La decisione è stata presa dopo una notte difficile per la vittima, Stéphane Raguenes, con continue perdite di sangue.

L’MRCC Portugal è responsabile dell’operazione di salvataggio con CROSS Gris-Nez, la Guardia costiera britannica e l’MRCC Morocco sono in attesa. L’EPIRB di Triana NON è stato attivato poiché è stata stabilita una comunicazione stabile con Jean d’Arthuys e il team di gestione della crisi delle OGR tramite voce e testo.

Via | https://oceangloberace.com/

Trio salvato dopo che gli squali hanno attaccato una barca nel Mar dei Coralli

settembre 7, 2023 / Commenti disabilitati su Trio salvato dopo che gli squali hanno attaccato una barca nel Mar dei Coralli

Secondo quanto reso noto dall’Autorità australiana per la sicurezza marittima tre persone su un catamarano gonfiabile nel Mar dei Coralli al largo della costa nord-orientale dell’Australia sono state salvate dopo che la loro imbarcazione era stata danneggiata da degli attacchi di squali.

Le foto satellitari e un video pubblicato sul sito dell’Amsa mostrano che gran parte della poppa dello yacht è stata strappata via.

“La nave è partita da Vanuatu ed era diretta a Cairns (Australia) quando è stato stabilito il contatto. Entrambi gli scafi della nave sono stati danneggiati a seguito di diversi attacchi di squali”, ha affermato l’AMSA.

Le squadre di soccorso sono intervenute mercoledì 6 settembre mattina presto a un segnale di posizionamento di emergenza registrato sul Tion, un catamarano gonfiabile di nove metri impegnato in una spedizione intorno al mondo. Lo yacht si trovava a circa 835 km a sud-est di Cairns, nel Mar dei Coralli.

L’AMSA ha richiesto l’aiuto di una nave da trasporto battente bandiera panamense, che ha effettuato con successo il salvataggio.

I tre passeggeri – due cittadini russi (Evgeny Kovalevsky e Stanislav Beryozkin) e un francese (Vincent Thomas Garate) – arriveranno a Brisbane giovedì 7, ha detto l’AMSA.
I tre uomini a bordo della barca sono rimasti illesi, ha detto Anna Kosikhina, portavoce del viaggio, che secondo lei aveva lo scopo di promuovere la Russia e la Siberia ed è iniziato due anni fa.

Questo non è stato il primo incidente durante il viaggio, ha detto Kosikhina, con il dispositivo di governo di una nave precedente che si era guastato durante una tappa precedente dal Cile all’Isola di Pasqua.

L’equipaggio ha continuato la spedizione su un catamarano gonfiabile dello stesso produttore, rimasto in deposito sull’isola per diversi anni.

Via | amsa.gov.au – Altre foto e video su spaces.hightail.com

La goletta Eleonora è affondata dopo essere stata colpita da una nave

giugno 15, 2022 / Commenti disabilitati su La goletta Eleonora è affondata dopo essere stata colpita da una nave

Venerdì 10 giugno la goletta Van der Graaf di 49,5 metri Eleonora E, una replica della Westward, varata nel 2000, è stata colpita da una nave da rifornimento offshore di 60 metri a Port Tárraco, Tarragona, in Spagna.

L’incidente è avvenuto intorno alle 08 e 15 di mattina, quando la nave offshore stava manovrando in porto ed è rimasta bloccata in retromarcia. La nave da rifornimento ha colpito con forza Eleonora circa a centro barca sul lato di dritta, prima di allontanarsi.

Lo yacht era ormeggiato lungo la diga, ma ha iniziato rapidamente ad affondare. Le riprese dei droni dal porto mostrano lo yacht completamente sommerso, con solo la punta degli alberi sopra l’acqua. Sono inoltre visibili barriere di contenimento, per prevenire possibili inquinamenti da combustibile.

Un’importante operazione per recuperare lo yacht è partita immediatamente. Si tratta di uno degli yacht classici moderni più ambiziosi degli ultimi tempi. Costruita nei cantieri Van der Graaf in Olanda, Eleonora E è una replica della Westward progettata da Herreshoff, una delle golette da regata più famose al mondo che gareggiò contro yacht come Britannia e Lulworth nei primi anni del 1900.

Ha subito un importante refitting nel 2014 ed è stata messa in vendita a 6,9 milioni di sterline. Lungo circa 160 piedi, durante la navigazione, ha a riva circa 12.000 piedi quadrati di vela sui due alberi a gaff. Può ospitare otto ospiti e quattro membri dell’equipaggio in interni in stile tradizionale e viene fornito completo di due classici tender in legno: un motore e uno a remi, entrambi in clinker secondo i progetti originali di Herreshoff.

Attacchi di orche in Atlantico – Un racconto e cosa fare per

maggio 12, 2022 / Commenti disabilitati su Attacchi di orche in Atlantico – Un racconto e cosa fare per

Da circa tre anni in Atlantico si stanno verificando attacchi di orche verso i diportisti che incrociano in quelle acque. Attacchi rivolti prevaletemente alla pala del timone e che ad oggi nessuno è riuscito a spiegare.

Il magazine online Practical Boat Owner ha pubblicato il racconto di uno di questi attacchi al Sun Odyssey 40 di una coppia, racconto corredato da foto e video.

Alla fine dell’articolo inserisce alcune buone prassi da mettere in atto per tentare, per quanto possibile, di evitare gli attacchi e cosa fare per limitare i danni, sempre per quanto possibile, in caso si venga attaccati.

Come parte della normale pianificazione del percorso di passaggio, la RYA raccomanda che gli equipaggi delle barche consultino le informazioni fornite dall’Atlantic Orca Working Group su www.orcaiberica.org

Le mappe che mostrano le aree in cui si sono verificati incidenti o le restrizioni alla navigazione sono disponibili all’indirizzo: www.orcaiberica.org/last-interactions

Per indicazioni su cosa fare durante le interazioni con le orche, visitare: www.orcaiberica.org/safety-protocol

Le orche, conosciute anche come balene assassine, sono una specie protetta e i marinai non dovrebbero intraprendere alcuna azione che possa danneggiarle.

Cosa fare?

  • Mantenere accesa la radio per informazioni
  • Tieni d’occhio, in particolare a poppa, le balene che emergono o soffiano
  • Mantieni la distanza da tutte le balene viste
  • Assicurarsi che i giubbotti di salvataggio siano indossati e che i dispositivi di sicurezza siano a portata di mano

Se le balene vengono avvistate entro 500 m o si avvicinano all’imbarcazione:

  • Spegnere il motore e l’ecoscandaglio
  • Disattiva il pilota automatico
  • Riduci al minimo qualsiasi rumore (non urlare)
  • Preparati a lasciare andare la ruota/timone per evitare lesioni

Se la tua barca viene colpita da una balena:

  • Riduci al minimo rumore e luce
  • Siediti per evitare di essere sbalzato dai piedi e di farti male
  • Avvisare le autorità marittime (vedi Protocollo di sicurezza locale), mantieni la calma e siediti tenendoti saldamente

La RYA rileva inoltre che i danni al timone rafforzano la necessità di trasportare una barra di emergenza.

Via | Practical Boat Owner