Category name:Record

Jeanne Socrates ha fatto il giro del Mondo in solitaria no stop a 77 anni

Jeanne Socrates

L’inglese Jeanne Socrates (GBR) è tornata a Victoria, Canada, il 7 settembre dopo aver completato con successo una circumnavigazione in solitaria senza scalo e senza aiuto durata 320 giorni. Era partita da Victoria il 3 ottobre 2018 sul Najad 380 Nereida con l’intento di diventare la persona più anziana a navigare da sola intorno mondo. Jeanne Socrates ha 77 anni.

La Socrates era già stata la donna più anziana a fare un viaggio del genere quando nel 2012-13 aveva completato il giro in 259 giorni, iniziato e terminato sempre a Victoria. Dal 2016 ha fatto diversi tentativi ma è stata costretta ad abbandonare ogni volta a causa di mare mosso, danni alla barca o lesioni.

Il record non è ratificato perché il World Sailing Speed ​​Record Council, istituito che dal 1972 per fornisce standard coerenti e imparziali per i tentativi di record, ha una politica di non riconoscimento delle categorie basate sulla condizione delle persone.

La Socrates attraverso il suo viaggio ha raccolto fondi per la Royal National Lifeboat Institution in Gran Bretagna.

Foto via facebook

OceanCat ha raggiunto Guadalupa: si conclude la sfida di Picciolini e Sardi

OceanCat ha raggiunto Guadaloupe nel pomeriggio di martedì 19 febbraio, portando a termine il tentativo di record di traversata atlantica su un catamarano non abitabile di 6 metri.

OceanCat 01

OceanCat 01
Immagine 1 di 19

Il team ha percorso le 2551 miglia nautiche che separano Dakar da Guadaloupe in 14 giorni 3 ore e 40 minuti, un tempo che purtroppo non ha consentito di battere il primato stabilito nel 2017 dalla coppia Vittorio e Nico Malingri a bordo di Feel Good.

I protagonisti sono Tullio Picciolini, navigatore oceanico e pilota di linea in Alitalia, con oltre 50mila miglia di navigazione alle spalle e Gianmarco Sardi, atleta in classe formula 18 e Mini 6,50.

OceanCat ha superato la linea del traguardo alle 15.30 circa (in Italia), concludendo un’impresa che ha presentato più di un imprevisto, nei giorni precedenti infatti, i due navigatori hanno dovuto fare i conti prima con i danni subiti nello scontro con un oggetto galleggiante e successivamente col ribaltamento a 180° dell’imbarcazione. Una burrasca con vento oltre i 40 nodi e onde fino a 6 metri si è infatti abbattuta sui due navigatori che, nonostante la complessità della situazione, sono stati in grado di ristabilire l’assetto della barca.

Il catamarano oceanico di 20 piedi progettato dallo Studio Balance Arquitectura Naval da Sito Aviles Ramos è realizzato interamente in carbonio e caratterizzato dalla presenza di 14 compartimenti stagni che ne assicurano l’inaffondabilità.

Tra le dotazioni di bordo anche due pannelli solari flessibili SP23 ALLinONE prodotti dalla torinese Solbian, che oltre ad utilizzare celle back-contact di silicio monocristallino in grado di convertire il 24% della luce solare in elettricità, integrano, dentro un robusto guscio di protezione, un sofisticato regolatore di carica con algoritmo MPPT. Un circuito elettronico capace di ottimizzare la resa dei pannelli e di innalzare il valore della tensione al livello richiesto dalla batteria.

L’energia prodotta dai pannelli ha garantito il corretto funzionamento della strumentazione di bordo: bussola, sistemi di rilevamento della velocità, del vento e sistemi di sicurezza.

Tullio Picciolini e Giammarco Sardi per il record di traversata atlantica

La-storia-dei-record-Dakar-Guadeloupe

Si chiama Ocean Cat il catamarano sportivo di 20 piedi (6 metri) con cui Tullio Picciolini e Giammarco Sardi, due velisti con esperienza decennale alle spalle, tenteranno di battere il record di traversata atlantica senza assistenza da Dakar a Guadeloupe, un percorso di 2551 miglia nautiche (4724,45 km). Un progetto che nasce ad inizio del 2018 con l’acquisto dell’imbarcazione con la quale Vittorio e Nico Malingri nell’aprile 2017 hanno segnato su quella stessa tratta il primato di 11 giorni, 1 ora, 9 minuti e 30 secondi.

Alla presentazione ufficiale presso la Sala conferenze del Porto Turistico di Roma, ad accompagnare Tullio Picciolini e Giammarco Sardi c’erano il presidente della Lega Navale Italiana Maurizio Gimignani, l’Assessore allo Sport del X Municipio Silvana Denicolò ed Andrea Cicini in rappresentanza del Porto Turistico.

Dopo un periodo di messa a punto della barca, i due velisti romani hanno effettuato un periodo di allenamento lungo le coste laziali e sul Tirreno con continue traversate dalle basi di appoggio a Roma – la Lega Navale Italiana di Ostia ed il Porto Turistico di Roma – e la sede dello Yacht Club Porto Rotondo.

(altro…)

Nuovo record sulle 24 ore per monoscafi da 60 piedi

Il World Sailing Speed Record Council ha ratificato un nuovo record di percorrenza sulle 24 ore per monoscafi di 60 piedi. Il record è stato stabilito da Alex Thomson sul suo IMOCA Hugo Boss. Tra il 19 e il 20 luglio 2018 Thomson ha percorso una distanza 539.71 miglia nautiche ad una media di 22.49 nodi. Thomson batte il suo precedente record stabilito nel 2017 di 536,81 nm.

The WSSR Council announces the establishment of a new World Record:

Record: 60 ft Monohull 24 Hour Record
Yacht: “Hugo Boss” 60 ft Monohull.
Name: Alex Thomson. GBR
Dates:. 19th to the 20th July 2018.
Start time: 08;00;00. UTC on 19/07/18
Start position: 43.31822° / -58.23088°
Finish time: 08;00;00 UTC on 20/07/18
Finish position: 47.30244° / -46.74426°
Elapsed time: 24 hours.
Distance: 539.71 NM
Average speed: 22.49 kts
Comments: Previous record: “Hugo Boss” Alex Thomson. GBR. 2017. 536.81 NM

Via | www.sailspeedrecords.com

Tom Goron, 12 anni, batte il record di traversata della Manica in Optimist

Il bretone Tom Goron, uno skipper di 12 anni, mercoledì 27 giugno ha battuto il record di traversata del Canale della Manica in Optimist. Ha raggiunto Cherbourg dalle Isole Needles in 14 ore e 20 minuti.

Tom Goron Manica Optimist

Partito mercoledì 27 giugno alle 7 del mattino dalle Isole Needles, al largo dell’isola di Wight (Regno Unito), ha tagliato il traguardo all’ingresso della baia di Cherbourg alle ore 21 h 20. All’arrivo, ha acceso i razzi di segnalamento e suonanto la sirena per salutare la folla, come i professionisti.

Il giovane skipper ha coperto le 60 miglia del percorso a una velocità media di 4,19 nodi, supervisionato dal padre a bordo di una barca a vela, in contatto radio permanente e a una distanza ragionevole per poter intervenire in caso di difficoltà.

“Per 14 ore, il mal di mare non lo ha lasciato e lo ha stancato. A un certo punto voleva rinunciare ma poi è arrivato di nuovo il vento. L’arrivo è stato una liberazione”, dice il padre. “Abbiamo avuto un po ‘meno vento del previsto. Con buone condizioni, avrebbe potuto metterci 12 o 13 ore.”

Tom Goron ha battuto il record di Violette Dorange, all’età di 15 anni, che aveva completato la traversata in 14 ore e 56 minuti. È stata proprio la sua traversata a far sì che il giovane skipper volesse provare a battere il record.

Tom al suo arrivo ha detto di voler fare come François Gabart, la Route du Rhum, la Solitaire du Figaro; “è sempre stato il mio idolo, mi ha mandato un messaggio prima della mia traversata […] Vedremo tra 10 anni” Sono orgoglioso di lui, ci è riuscito, è andato fino alla fine ed è felice. È testardo, ambizioso, perseverante e… deve essere seguito” ha detto la madre Sophie.

Legalmente l’impresa è stata possibile perché l’optimist rimanendo entro 300 metri dalla barca del padre è stato considerato come un annesso della barca a vela che lo ha accompagnato.

Szymon Kuczynski – Il Giro del Mondo senza scalo su un 20 Piedi

Szymon Kuczynski

17 maggio 2018 – Tagliando il traguardo della Plymouth Breakwater, Inghilterra, il polacco Szymon Kuczynski, 37 anni, è riuscito a condurre la sua barca a vela da 6,36 m (20 piedi) non-stop intorno al mondo. Era partito da Plymouth il 19 agosto del 2017. Ha completato la circumnavigazione percorrendo circa 29.000 miglia in 270 giorni, 10 ore e 29 minuti.

Szymon aveva già fatto un giro ma con scalo e non doppiando tutti i grandi Capi, cosa che ha fatto questa volta.

La barca è Atlantic Puffin, un Maxus 22 adattato alla bisogna.

Con questa impresa conquista il record per la barca più piccola ad aver circumnavigato in solitario senza scalo.

Maserati Multi70 e Giovanni Soldini conquistano anche il record della Rotta del Tè

Maserati Multi70 e Giovanni Soldini dopo aver conquistato quello sulla “Rotta dell’Oro” da New York a San Francisco e quello sulla “Rotta del Tè” da San Francisco a Shanghai, conquistano anche il record della Rotta del Tè, da Hong Kong a Londra, passando per il Capo di Buona Speranza.

Maserati ha tagliato il traguardo a Londra, sotto il ponte Queen Elizabeth II, alle ore 13, 20 minuti e 26 secondi UTC di venerdì 23 febbraio, dopo 36 giorni, 2 ore, 37 minuti e 2 secondi di navigazione.

Il precedente record era di 41 giorni, 21 ore, 26 minuti e 34 secondi, conquistato da Lionel Lemonchois con 9 membri di equipaggio nel 2008 a bordo del catamarano di 100 piedi Gitana 13.

François Gabart batte il record sul giro del mondo in solitario

François Gabart, che aveva lasciato Ouessant il 4 novembre nel tentativo di stabilire un nuovo record in solitario sul giro del mondo, ha tagliato il traguardo situato tra Lizard Point e Ouessant il 17 dicembre 2017 alle 02:45 UTC + 1 con un tempo di 42 giorni, 16 ore, 40 minuti e 35 secondi.

Sul suo trimarano di 30 metri MACIF, Gabart, al suo primo tentativo, ha battuto il tempo stabilito da Thomas Coville il 25 dicembre 2016 di 6 giorni, 10 ore, 23 minuti e 53 secondi. Ha percorso una distanza effettiva di 27.859.7 miglia, con una media reale su questo corso di 27.2 nodi.

Solo IDEC Sport (Francis Joyon ed equipaggio) è riuscito a ottenere un tempo migliore nel Trofeo Jules Verne (40 giorni, 23 ore, 30 minuti e 30 secondi).

Tra i record più significativi battuti da Gabart in questo giro c’è quello in solitario sulle 24 ore, 851 miglia tra il 13 e il 14 novembre, contro 784 miglia, che era il suo personale primato e quello assoluto (sia in equipaggio che in solitario) tra Ouessant e Capo di Buona Speranza 12 giorni, 20 ore e 10 minuti, la traversata dell’Oceano Pacifico (da Tasmania a Capo Horn in 7 giorni, 15 ore e 15 minuti) e Capo Horn-equatore (6 giorni, 22 ore e 15 minuti).

I nudi numeri di questo giro del mondo a tempo di record:

(altro…)

Yves le Blevec scuffia, soccorso dalla Guardia costiera cilena

Yves le Blevec ha scuffiato al largo di Capo Horn ed è stato soccorso dalla Guardia costiera cilena. Era partito il 24 novembre sul suo Nigel Irens, un trimarano Ultim di 31 metri, ex Sodebo.

L’incidente è avvenuto la mattina presto a causa del cedimento di una delle traverse del trimarano, il vento era un Nord-Ovest tra i 30 e i 40 nodi. Dopo la scuffia lo skipper si è rifugiato all’interno dello scafo e lì ha atteso i soccorsi, arrivati nel pomeriggio.

Il record che cercava di battere è stato stabilito nel 2004 da Jean Luc Van Den Heede, che ha completato il percorso in 122 giorni 14 ore 3 minuti 49 secondi su un monoscafo da 85 piedi.

Photos and video courtesy of Armada de Chile.

www.teamactual.eu

François Gabart aggira l’Alta pressione delle Azzorre

14 dicembre 2017, giorno 40 – François Gabart ha scavalcato l’alta pressione delle Azzorre a ovest ed è prossimo a mettere la prua a est verso il traguardo tra Francia e Inghilterra per completare il suo tentativo di migliorare il tempo sul giro del mondo in solitario.

Con poco meno di 1300 miglia rimanenti, lo skipper del trimarano da 30 m MACIF ha coperto circa 550 miglia nelle ultime 24 ore e ha aumentato il suo vantaggio sul record a 2750 miglia.

L’attuale ETA è domenica pomeriggio (17 dicembre), con un tempo di poco sopra i 43 giorni.

Link SitoTrackerFacebook