A Cadice i Para World Sailing Championships 2019

Puerto Sherry, El Puerto de Santa María, Cadice, Spagna è stato selezionato da World Sailing per ospitare dal 1° al 7 luglio i Para World Sailing Championships 2019.

2.4 annuncio mondiale 2019

Massimo Dighe, Para World Sailing Manager, ha commentato: “World Sailing è lieta che Puerto Sherry ospiti l’edizione 2019 del Para World Sailing Championships. La Marina vanta una straordinaria esperienza nell’offrire importanti eventi velici internazionali. Le strutture per gli atleti del Para World Sailing sono di livello mondiale e non vediamo l’ora di lavorare con gli organizzatori per offrire un evento memorabile per tutti gli interessati. Sono sicuro che tutti gli atleti presenti riceveranno un caloroso benvenuto.”

Valle de la Riva, Presidente del Club Náutico Puerto Sherry e Marina Puerto Santa Maria, ha dichiarato: “I velisti saranno sopraffatti dalle condizioni del vento, del mare e dall’intrattenimento a Puerto Sherry. Abbiamo una sede unica di cui si innamoreranno.”

Rafael Martín-Prat, CEO di Puerto Sherry Para World Sailing Championships 2019, ha aggiunto: “Cadiz Bay è rinomata per il suo vento e per la sua classe mondiale. Oltre alla competizione in mare, i velisti potranno visitare un’antica città storica ricca di storia. L’Andalusia è un posto fuori da questo mondo e incoraggio tutti i marinai a venire e divertirsi. Puntiamo a organizzare uno dei migliori Campionati della storia di Para World Sailing e stiamo aspettando i concorrenti per venire a scoprirlo.”

Kiel, Germania, ha ospitato l’edizione più recente dei Para Worlds nel 2017 e oltre 80 velisti provenienti da 37 nazioni hanno gareggiato su Open 2.4 Norlin OD, Men’s Hansa 303 e Women’s 303.

Dal 16 al 22 settembre 2018, il Centro Velico statunitense di Sheboygan a Sheboygan, nel Wisconsin, USA ospiterà l’edizione 2018 con regate che si svolgeranno su Open 2.4 Norlin OD, Hansa 303 maschile, Hansa 303 femminile e RS Venture Connect. Nuovi formati saranno sperimentati a Sheboygan per garantire un’entusiasmante competizione per i concorrenti e per chi guarda a livello locale e da lontano.

Via | sailing.org

Campionato del Mondo 2018 della classe 420

Si è concluso ieri, 15 agosto 2018, a Newport, USA, il Campionato del Mondo 2018 della classe 420. Sei i giorni di regata, 12 le prove concluse per i 168 equipaggi divisi nelle categorie Women, Open e Under 17.

Mondiale 420 2018

Un campionato caratterizzato da condizioni difficili, da una situazione meteorologica complicata, che ha visto anche due giorni di forti piogge, tipiche del Nord Est americano.

Le Campionesse del Mondo sono le spagnole Maria e Pilar Caba Hernandez – e spagnolo è tutto il podio delle ragazze – troviamo quattro italiane una dietro l’altra dalla 15esima alla 18esima posizione, si tratta rispettivamente di Lucille Frascari e Arianna Lanzetta (CV3V), Irene Calici e Petra Gregori (SN Pietas Julia/CN Sirena), Elisabetta Fedele e Beatrice Martini (LNI Mandello) e Carlotta e Camilla Scodnik (YC Italiano).

Nella categoria Open, vittoria indiscussa dei neozelandesi Campioni del Mondo Seb Menzies e Blake McGlashan che concludono il Campionato con meno della metà dei punti del secondo classificato. Alessandro e Federico Caldari (CV Ravennate) sono settimi, Gabriele Romeo e Giulio Tamburini (CV3V) sono 13esimi, Tommaso Cilli e Bruno Mantero (YC Sanremo) sono 18esimi e Francesco Crichiutti e Francesco Ripandelli (SN Pietas Julia) sono 19esimi.

Negli Under 17 i Campioni del Mondo sono ancora spagnoli, si tratta di Jacobo Garcia Garcia e Antoni Ripoll Gonzales; Oscar Pouschè e Luca Coslovich (SN Pietas Julia) sono quinti, Giulia Sepe e Federico Romeo (CV3V) sono settimi e Demetro Sposato con Gabriele Centrone (CV Crotone/CV3V) sono noni.

Il prossimo Campionato del Mondo 420 si terrà in Portogallo dal 3 all’11 luglio 2019.

Ambrogio Beccaria vince la Sables – Les Açores – Les Sables

Già vincitore della prima tappa con 12 ore di vantaggio, Ambrogio Beccaria che poteva limitarsi a controllare per cogliere la vittoria finale, ha comunque spinto al massimo vincendo anche la seconda tappa.

Ambrogio Beccaria Geomag les sables 2018 arrivo

Lo skipper di Geomag, che ha completato il percorso di 1270 miglia Martedì 14 agosto alle 22:23 (ora di Parigi) dopo 6 giorni 3 ore 21 minuti e 43 secondi in mare, ha, come nella prima tappa, finito in testa tra le barche di Serie con un vantaggio di circa 8 ore sul secondo. Il navigatore italiano vince logicamente questa edizione della Sables – Les Açores – Les Sables e, con cinque vittorie su cinque gare disputate in questa stagione, conquista anche il “Championnat de France Promotion Course au Large en Solitarie” e nel ranking internazionale Mini 6.50 e il RECORD ASSOLUTO di vittorie consecutive nei Serie.

Sito della regata lessables-lesacores650.com

Ruggero Tita e Caterina Banti Campioni Mondiali Nacra 17

Si è conclusa con la vittoria del titolo iridato per Ruggero Tita e Caterina Banti (SV Guardia di Finanza – CC Aniene) nei Nacra 17 la settimana del Campionato del Mondo a classi unificate di Aarhus, in Danimarca. Il Mondiale si aggiunge all’Europeo all’Italiano tutti vinti nel 2018!

Mondiali 2018 Aarhus 12-08-2018 01

Mondiali 2018 Aarhus 12-08-2018 01
Immagine 1 di 5

Un titolo conquistato dopo tredici dure prove. Partiti in testa si sono ad un certo punto trovati fuori dai migliori dieci a metà settimana, e poi due ultime giornate brillanti, degne di quello che hanno dimostrato essere nell’ultimo anno, li hanno riportati in testa.

Ruggero Tita: “E’ fantastico concludere così con la vittoria mondiale, un anno in cui abbiamo vinto tutti gli eventi importanti! L’anno scorso l’abbiamo perso all’ultima prova e ci ha lasciato l’amaro in bocca, ma rende ancora più bello questo momento”.

Caterina Banti: “Non ci sono segreti per noi, non abbiamo trucchi, abbiamo vinto tutto perchè amiamo quello che facciamo, ci divertiamo in barca e ci alleniamo il più possibile cercando di fare del nostro meglio in regata”.

Golden Globe Race, Philippe Péché: chiamata di emergenza per timone rotto

Philippe Péché, 57 anni, ha fatto una chiamata di emergenza al Golden Globe Race HQ alle 18:10 UTC di ieri, 10 agosto 2018, per riferire che il timone del suo Rustler 36 PRB si era rotto con un vento da 45-50 nodi e non poteva governare.

2018 Golden Globe Race. Lorient - 20 March 2018. French skipper Philippe Péché sail training on his Rustler 36 PRB, sloop, in preparation for the start of The 2018 Golden Globe Race race from Les Sables d'Olonne on July 1

PPL Photo Agency – Photo Credit: Yvan Zedda/GGR/PPL 1018 Golden Globe Race.

Il francese di La Trinité Sur Mer, che si trovava in seconda posizione, ha riferito di aver ammainato tutte le vele e di aver lasciato che la barca vada alla deriva fino a quando i venti non si saranno calmati prima di valutare le sue opzioni. Ieri sera ha detto agli organizzatori della gara che i pezzi di ricambio da lui trasportati per la speciale barra telescopica in lega montata su PRB erano già stati utilizzati per riparare l’autopilota.

PRB è attualmente in pieno Atlantico, a circa 1.500 miglia ad ovest di Città del Capo, il porto più vicino. Péché ha dichiarato di non essere in pericolo immediato, ma altri due concorrenti, il leader della corsa Jean-Luc Van Den Heede (Matmut) e l’olandese Mark Slats (Ohpen Maverick) sono vicini, con il resto della flotta che lo segue.

Don McIntyre, il presidente della corsa ha detto: “Philippe Péché ci ha detto che non è in pericolo immediato. Il suo yacht è molto sicuro ed è un marinaio di grande esperienza con due precedenti circumnavigazioni alle spalle. Stiamo continuando a monitorare la situazione, ma ci aspettiamo che l’attuale tempesta si calmi entro le prossime 24 ore quando spera di mettere a punto un altro timone.

Ha anche fatto una chiamata via satellite al suo partner, non consentita dalle regole GGR, che lo relega alla classe di Chichester e ora è fuori dalla classifica GGR.

Jean-Luc Van Den Heede che sta navigando con gli stessi forti venti, ha riferito problemi con l’autopilota sul suo Rampler 36 Matmut.

golden-globe-race-2018 DAY 42

Per le ultime posizioni www.goldengloberace.com/livetracker

L’Italia qualificata per Tokio 2020 anche nei Nacra 17 e RS:X

Aarhus, Denmark is hosting the 2018 Hempel Sailing World Championships from 30 July to 12 August 2018. More than 1,400 sailors from 85 nations are racing across ten Olympic sailing disciplines as well as Men's and Women's Kiteboarding. 40% of Tokyo 2020 Olympic Sailing Competition places will be awarded in Aarhus as well as 12 World Championship medals. ©JESUS RENEDO/SAILING ENERGY/AARHUS 2018 10 August, 2018.

Aarhus, Denmark is hosting the 2018 Hempel Sailing World Championships from 30 July to 12 August 2018. More than 1,400 sailors from 85 nations are racing across ten Olympic sailing disciplines as well as Men's and Women's Kiteboarding. 
40% of Tokyo 2020 Olympic Sailing Competition places will be awarded in Aarhus as well as 12 World Championship medals. ©JESUS RENEDO/SAILING ENERGY/AARHUS 2018
10 August, 2018.
Immagine 1 di 6

Dopo le qualifiche per le Olimpiadi di Tokyo 2020 nei 470 e Laser Radial da Aarhus, al Campionato del Mondo di vela a classi unificate arrivano anche le qualifiche nelle classi RS:X maschile, RS:X femminile e Nacra 17.

Nei Nacra 17 Ruggero Tita e Caterina Banti (SV Guardia di Finanza – CC Aniene) arrivano alla Medal Race (che si tiene domenica 12 agosto) in testa alla classifica, con un solo punto di margine sugli australiani Nathan e Haylee Outteridge. Garantiscono così la qualifica della nazione ai prossimi Giochi Olimpici.

Nelle tavole a vela RS:X femminili: Marta Maggetti (SV Guardia di Finanza) chiude in sesta posizione le fasi finali di un Campionato che l’ha vista sempre tra le migliori atlete, e domenica potrà affrontare la Medal Race serena per aver già qualificato l’Italia a Tokyo 2020, ma con la speranza di arrivare al podio che è distante dodici punti. Anche Flavia Tartaglini (SV Guardia di Finanza) entra in Medal Race, in decima posizione con un bel secondo posto finale.

Italia qualificata matematicamente anche negli RS:X maschili, qui per stabilire chi sarà l’autore della qualifica bisognerà attendere la Medal Race di domenica, perchè Mattia Camboni (GS Fiamme Azzurre) e Daniele Benedetti (SV Guardia di Finanza) sono entrambi nei primi dieci e si trovano appaiati rispettivamente in settima ed ottava posizione a soli quattro punti di distanza. Troppo lontano per loro il podio, ma possono andare fieri entrambi per la qualifica dell’Italia ai Giochi Olimpici giapponesi.

Classifiche complete su aarhus2018.sailing.org

L’Italia qualificata per Tokio 2020 nei 470 e Laser Radial

Come per i Mondiali o gli Europei nel calcio, anche nella vela le nazioni di devono qualificare per partecipare alle Olimpiadi. Lo si fa conquistando determinate posizioni in una serie predeterminata di eventi. Il Campionato del Mondo a classi unificate in corso ad Aarhus è uno di questi eventi sono in palio un 40% di posti nelle varie specialità.

Mondiali 2018 Aarhus day 4 01

Mondiali 2018 Aarhus day 4 01
Immagine 1 di 7

L’Italia in questo evento si è, a oggi, qualificata per le Olimpiadi di Tokio 2020 in tre classi:

Nel Laser Radial a compiere l’impresa è stata la giovane Laserista triestina Carolina Albano (CV Muggia) non ancora ventenne. La Albano, fresca della medaglia d’argento al Mondiale U21 in Polonia, ha chiuso le due prove di giovedì 9 agosto con un 18esimo ed un sesto posto che la portano in 17esima posizione – e nel Radial si qualificano ad Aarhus 18 nazioni.

Nel 470 maschile Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (Marina Militare) sono arrivati nella Medal Race, la regata finale a punteggio doppio a cui accedono solo i primi dieci. Hanno vinto oggi davanti ad equipaggi di 10 anni più grandi di loro con 10 anni di esperienza in più a bordo del doppio olimpico, chiudono la trasferta di Aarhus in nona posizione conquistando la qualifica a Tokyo per la classe con un giorno di anticipo.

Benedetta Di Salle e Alessandra Dubbini (YC Italiano), entrando in Medal Race, hanno invece qualificato l’Italia nella classe del 470 femminile. Erano infatti otto i posti che questo evento qualificava per il 470 W e le nostre ragazze erano in Medal Race con otto nazioni, di queste una era il Giappone, che in quanto Host Country aveva già il posto garantito in ogni classe. Quindi a prescindere dal risultato della prova a punteggio doppio la coppia Di Salle – Dubbini hanno qualificato l’Italia a Tokyo 2020 per i 470 femminili.

Classifiche complete su aarhus2018.sailing.org

Silent Yachts – Silent 79 – Catamarano di serie a energia solare

Con sede in Austria, Silent Yachts vuole cambiare il modo in cui gli armatori fruiscono delle proprie barche e crede che quella dell’energia solare sia la strada da percorrere.

Silent Yachts Silent 79 01

Silent Yachts Silent 79 01
Immagine 1 di 17

Produce catamarani già da 55 piedi (16,7 metri) a 64 piedi (19,43 metri) e ora ha un nuovo, più grande yacht in costruzione, il Silent 79. Questo catamarano a energia solare si impegna, come afferma il nome della compagnia, a navigare senza rumore e senza fumo. anche la cucina è alimentata dall’energia prodotta dai pannelli.

L’architettura navale è di Insenaval, che ha una vasta esperienza in nautica da diporto e imbarcazioni commerciali. La costruzione è in fibra di carbonio. Lo styling è di Marco Casali – Too Design.

Di profilo, il Silent 79 sembra essere un normale catamarano contemporaneo ma la vista dall’alto mostra 92 metri quadrati di pannelli solari, pannelli che hanno una garanzia di 25 anni e che alimenta il banco di batterie che mantiene in funzione gli apparecchi e le comodità dei dispositivi creature dipendenti dall’elettricità. Alimenta, ovviamente, anche i motori elettrici.

Secondo il cantiere il Silent 79 può navigare in crociera da 8 a 10 nodi e superare, a seconda del pacchetto motore elettrico selezionato, i 20 nodi. Grazie al fatto che la batteria viene costantemente alimentata Silent Yachts afferma che non si è limitati nell’autonomia. Per il backup è comunque presente un gruppo elettrogeno diesel.

Le caratteristiche del Silent 79

Le barche nominate all’European Yacht of the Year 2019 (EYotY)

Sono state comunicate le barche nominate per l’European Yacht of the Year 2018 (EYotY). I vincitori saranno premiati a gennaio al Boot di Dusseldorf dal 19 al 27 gennaio 2019, durante la serata di gala dedicata.

01_Arcona-435

01_Arcona-435
Immagine 1 di 19

A rappresentare l’Italia in giuria la rivista Vela e Motore, insieme ad altre dieci tra le più importanti riviste nautiche europee.

Cinque le categorie in gara: Family Cruiser, Performance Cruiser, Luxury Cruiser, Multiscafi e Special Yacht.

Ecco tutte le barche nominate:

Categoria Performance Cruiser
Arcona 435
Grand Soleil 48
X46

Categoria Luxury Cruiser
Hallberg-Rassy 57
Sunbeam 46.1
Pilot Saloon 42

Categoria Family Cruiser
Oceanis 46.1
Dufour 390 Grand Large
Hallberg-Rassy 340
Mojito 1088
Swallow Coast 250

Campionati del Mondo 2018 – Quinto giorno di regate

Vento leggero ad Aarhus nella quinta giornata del Campionato del Mondo a classi unificate che assegna ben il 40% dei posti Nazione per Tokyo 2020, che ha reso complicato lo svolgimento del programma su tutti i campi e ha generato proteste e conseguenti squalifiche.

Mondiali 2018 Aarhus day 4 02

Mondiali 2018 Aarhus day 4 02
Immagine 1 di 7

Come nei Nacra 17, dove nella gialla, in cui regatavano i nostri Ruggero Tita – Caterina Banti (SV Guardia di Finanza – CC Aniene), Vittorio Bissaro – Maelle Frascari GS Fiamme Azzurre – CC Aniene) e Lorenzo Bressani – Cecilia Zorzi (CC Aniene – Marina Militare), hanno concluso due prove e neanche una nella blu. Per Tita – Banti davvero una spiacevole giornata, registrano un 16 nella seconda prova e vengono squalificati nella prima – dopo aver finito quarti – per aver perso una protesta voluta da un equipaggio britannico per una collisione in fase di pre-partenza. Bissaro – Frascari segnano nello scoresheet di oggi un 16esimo ed un 20esimo posto (che scartano); Bressani – Zorzi hanno un 27esimo ed un 11esimo (scartano il primo); Gianluigi Ugolini – Maria Giubilei (Compagnia della Vela Roma – CV Ventotene) dopo un bell’11esimo devono scartare un DNF nella seconda prova. Non esiste una classifica generale aggiornata a causa del diverso numero di prove tra le due flotte. In quella blu, dopo due tentativi di partenza, sono stati fatti rientrare gli equipaggi a terra con quattro di questi con una squalifica per la prova 4 di domani.

Nessuna prova disputata per i ragazzi degli RS:X, una per le donne con vento leggerissimo con Marta Maggetti (SV Guardia di Finanza) che ha chiuso in 27ma posizione, risultato scartato rimanendo così al sesto posto in classifica; Flavia Tartaglini (SV Guardia di Finanza), che con un nono posto è nona in generale. Veronica Fanciulli (Aeronautica Militare) è 40esima con un 14esimo di giornata. In testa alla classifica troviamo la polacca Zofia Noceti-Keplacka.