Aperte le iscrizioni e pubblicato il Bando di Regata della Rolex Giraglia 2018

Aperte le iscrizioni e pubblicato il Bando di Regata della Rolex Giraglia 2018. Meno di 90 giorni all’edizione numero 66 della classica del Mediterraneo; dal 10 al 15 giugno con molte novità, a cominciare dal nome!

Giraglia 2017 Partenza 01

Giraglia 2017 Partenza 01
Immagine 1 di 10

Con la pubblicazione del Bando di Regata della Rolex Giraglia 2018, sono state attivate le iscrizioni online. Il bando e i moduli per le iscrizioni sono scaricabili dal sito ufficiale della regata: rolexgiraglia.com

La 66ma edizione della classica d’altura organizzata dallo Yacht Club Italiano con la collaborazione nelle acque francesi della Societé Nautique de Saint Tropez, si terrà dal 10 al 12 Giugno con le regate inshore a St. Tropez e partenza per la offshore St. Tropez-Giraglia-Genova mercoledì 13.

Come di consuetudine ci sarà anche la ormai tradizionale regata Sanremo – St.Tropez con la suggestiva partenza notturna il giorno 8 giugno organizzata in collaborazione con lo Yacht Club Sanremo.

Tra le novità, una ‘priority lane’ per tutte le imbarcazioni che avranno perfezionato l’iscrizione entro il 31 Marzo 2018, sia per le regate inshore a St.Tropez che la offshore della St.Tropez – Giraglia – Genova; a queste, sarà infatti garantito un posto di ormeggio prioritario.

La data ultima, valida per le iscrizioni, è fissata per il 15 maggio.

Sailaway: The Sailing Simulator – Simulatore di Vela

Lo studio di sviluppo Orbcreation e l’editore The Irregular Corporation hanno annunciato che il 27 di febbraio il simulatore di navigazione Sailaway: The Sailing Simulator, abbandonerà la fase di early access.

Sailaway The Sailing Simulator 01

Sailaway The Sailing Simulator 01
Immagine 1 di 9

Sailaway può essere utilizzato per imparare a navigare o per migliorare le proprie abilità, per disputare regate virtuali o per fare pratica in vista di una lunga traversata. Il gioco simula la navigazione in tempo reale attraverso tutti gli oceani del mondo, e dunque per compiere lunghe tratte saranno necessari mesi anche nel mondo di gioco, online e persistente. Gli skipper virtuali avranno la possibilità di ricevere aggiornamenti della propria imbarcazione via mail, con tanto di dati meteorologici in tempo reale forniti dalla NOAA, in maniera tale da poter pianificare le proprie rotte al meglio.

Ogni elemento che influisce sulla traversata, breve o lunga che sia, è stato ricreato nel dettaglio con attenzione maniacale in Sailaway, dalla volta celeste che accompagna il viaggio, fino all’incidenza dell’umidità sull’imbarcazione. I capitani e gli equipaggi dovranno imparare a issare le vele, tirare gli argani, terzarolare, effettuare le manovre di alafuori e alabbasso, di virata, paterazzo e tanto altro ancora. I navigatori meno esperti, invece, potranno imparare con calma tutte le nozioni necessarie e avranno a disposizione una serie di aiuti per automatizzare alcune operazioni.

J24 World Championship 2018, Riva del Garda dal 23 al 31 agosto

Proseguono i lavori in vista del J24 World Championship 2018. Realizzato un sito dedicato all’evento con tutte le notizie utili. Il Garda e la Fraglia Vela Riva organizzeranno non solo l’evento clou della stagione ma anche il Campionato Nazionale J24.

Riva del Garda. Stanno proseguendo i lavori per organizzare il J24 World Championship 2018 che si svolgerà nelle acque del Lago di Garda dal 23 al 31 agosto, nello stesso campo di regata che dal 30 maggio al 3 giugno ospiterà anche il 38° Campionato Nazionale Open J24, un’eccellente opportunità per testare il campo di regata e la macchina organizzativa.

Esattamente dieci anni da Cannigione, quindi, il prestigioso evento ritorna in Italia: una grande soddisfazione per la Classe Italiana e per tutti gli equipaggi J24, che premia il lavoro e l’impegno di questi anni.

Dieci le regate previste alle quali parteciperanno numerosi equipaggi di talento, attratti non solo dallo straordinario campo di gara, dominato da venti costanti e sostenuti come il Peler e l’Ora, ma anche dallo splendido scenario di Riva del Garda -situato nella parte settentrionale del Lago di Garda, il cosiddetto Garda Trentino, in una stretta gola vicino alle Dolomiti- e dalla rinomata abilità organizzativa della Fraglia della Vela Riva, uno dei più prestigiosi circoli velici d’Italia.

Il J24 è una delle Classi Monotipo più amate e diffuse in tutto il mondo con 50.000 velisti e oltre 5.000 barche in quasi 40 Paesi, con un’attività competitiva dinamica sia a livello italiano che internazionale.

Dal 2018 titolazione di Campionato Italiano per (quasi) tutte le Classi

Il Consiglio federale ha deliberato che dal 2018 verrà estesa la titolazione di Campionato Italiano ai campionati di tutte le Classi – e non più solo quelle olimpiche come nel passato – (ndr. prima quelle non olimpiche venivano definiti Campionati Nazionali) per tutte le manifestazioni finalizzate all’assegnazione di Titolo di Campione d’Italia.

Per cui ci saranno tanti Campionati Italiani quante sono le Classi e tanti Campioni Italiani quanti saranno i vincitori di questi eventi.

L’assegnazione del titolo non è in automatico ma, per salvaguardare i contenuti tecnici e prestativi propri di un Campionato Italiano, avverrà solo se in regata non vi saranno meno di quindici barche.

Via | www.federvela.it

Campionato Italiano Assoluto ORC, Forio d’Ischia dal 19 al 23 giugno 2018

Nel corso di “E’ vela in Campania”, la manifestazione della V Zona Fiv andata in scena presso il Nauticsud alla Mostra d’Oltremare di Napoli, il Reale Yacht Club Canottieri Savoia e il Circolo Punta Imperatore hanno presentato il Campionato Italiano Assoluto ORC, in programma a Forio d’Ischia dal 19 al 23 giugno 2018. La manifestazione mette in palio il Trofeo DHL, sponsor del campionato, ed è organizzata dai due sodalizi presieduti da Carlo Campobasso e Pasquale Orofino.

Presenti in sala i rappresentanti della Capitaneria di Porto, dell’Accademia Aeronautica, il Presidente del Comitato Regionale Paralimpico Carmine Mellone, il Presidente della Federazione Regionale Canottaggio Lino Giugno, il Presidente dell’USSI Campania Mario Zaccaria, i rappresentanti dell’Università Parthenope e tanti Presidenti e dirigenti di Circolo. Presente anche Fabrizio Gagliardi Presidente dell’Unione Vela d’Altura Italiana che ha ricordato i tanti appuntamenti del Calendario Nazionale programmati in V Zona ed insieme al Sindaco di Forio Francesco Del Deo ed ai Presidenti del Reale Yacht Club Canottieri Savoia Carlo Campobasso, del Circolo Nautico Punta Imperatore Pasquale Orofino e della Lega Navale Isola d’Ischia Francesco Buono, ha presentato le regate che la FIV ha assegnato ad Ischia come contributo al rilancio turistico dell’Isola.

“Il Circolo Savoia – spiega Campobasso – ha voluto contribuire al rilancio della stagione turistica dell’isola d’Ischia e per questo motivo ha deciso di spostarsi a Forio, dove affluiranno circa 100 barche e 700 velisti. Con il sindaco di Forio Francesco Del Deo abbiamo programmato un’accoglienza speciale per gli iscritti”.

Orofino evidenzia: “Siamo felici di ospitare questa regata velica a Forio. Il Circolo Punta Imperatore nasce come una costola del Savoia a Ischia, siamo gemellati e questa manifestazione è il prosieguo di una collaborazione che ci ha portato a organizzare altri eventi”.
Il primo cittadino di Forio, Del Deo, afferma: “Cerchiamo di animare Forio con grandi eventi legati al mare, principalmente di vela ma anche di motonautica e di altri sport. Spero che le istituzioni possano impegnarsi sempre più per la nautica, il mare è libertà ma anche lavoro, un volano di sviluppo per il territorio”.

Per il presidente di Zona Francesco Lo Schiavo l’evento “E’ Vela in Campania” oltre a premiare atleti, tecnici, dirigenti e circoli campioni del 2017 è anche l’occasione per attrarre attenzione sugli eventi più importanti del 2018 che è già partito a gonfie vele con oltre 600 velisti tra Trofeo Campobasso e Italia Cup classe Laser. La concentrazione di regate su Ischia è un chiaro segnale di come la Vela può rappresentare anche un incentivo al turismo e quindi continueremo a promuovere organizzazioni coinvolgenti su tutta la costa campana isole comprese”.

Nella foto da sinistra Carlo Campobasso, Francesco Del Deo e Pasquale Orofino.

Luna Rossa New Generation

Cagliari, 14 febbraio 2018 – Luna Rossa New Generation è il programma di osservazione e selezione che coinvolge giovani velisti italiani di talento all’interno del team Luna Rossa, affiancandoli a velisti più maturi con precedenti partecipazioni in Coppa America, i quali avranno il compito di trasmettere le proprie esperienze e di far crescere il nuovo nucleo nel programma di formazione. Scopo del progetto è assicurare il ricambio generazionale, mantenendo intatto il livello sportivo di eccellenza che ha sempre contraddistinto gli equipaggi di Luna Rossa.

A Cagliari sono in corso sessioni serrate di allenamenti in mare e a terra, tattica e strategia, regolazioni e manovre, sviluppo della sensibilità e dell’intuizione, ma non solo: anche il carattere, la predisposizione al lavoro di gruppo e la gestione dello stress costituiranno parte integrante della formazione e della valutazione finale.

Come sottolineato da Max Sirena, Team Director e Skipper di Luna Rossa, “Lo sviluppo giovanile e l’incoraggiamento a far crescere i talenti del proprio paese sono da sempre punti saldi nella filosofia di Luna Rossa. Abbiamo molte giovani promesse nel nostro paese e l’obiettivo è allargare il vivaio di selezione dell’equipaggio, coinvolgendo i giovani più qualificati e promettenti della vela agonistica italiana”.

Sono inoltre entrati ufficialmente a far parte di Luna Rossa due velisti di grande talento ed esperienza: Shannon Falcone – sesta partecipazione all’America’s Cup di cui due vittoriose, due partecipazioni alla Volvo Ocean Race, detentore del record di Transatlantic, Transpac e Hobart Race – e Pietro Sibello – due partecipazioni olimpiche, tre medaglie di bronzo e campione europeo di 49er e alla sua seconda partecipazione alla Coppa America con Luna Rossa – avranno un importante ruolo sia come membri dell’equipaggio che come osservatori e preparatori nel progetto “New Generation”.

Via | www.lunarossachallenge.com

Optimist – Bper Banca Crotone International Carnival Race 2018 – Vince Gradoni

L’edizione 2018 della Bper Banca Crotone International Carnival Race di quest’anno sarà ricordata per la qualità degli atleti partecipanti, con il mostro sacro dell’Optimist Marco Gradoni che ha resistito all’assalto del campione europeo, il serbo Stefan Yuill.

Bper Banca Crotone International Carnival Race 2018 01

Bper Banca Crotone International Carnival Race 2018 01
Immagine 1 di 5

Nonostante le perturbazioni avessero preso di mira il Sud Italia Crotone non ha tradito le attese e ha permesso il perfetto svolgimento di un evento partecipato da più di duecentoventi atleti provenienti da 12 nazioni e da 60 circoli. Ben nove prove, alla fine, per la flotta Gold Juniores, otto per la flotta Silver e sette per i Cadetti.

In acqua le emozioni non sono davvero mancate. Pareva che l’ultimo giorno dovesse riservare un finale thrilling dopo l’undicesimo posto del campione del mondo Marco Gradoni (Tognazzi Marine Village) nella prima prova e il conseguente avvicinamento degli inseguitori, Schulteis (sesto) Davide Nuccorini (primo). Così come pareva che il giovanissimo atleta di casa Alessandro Cortese (Club Velico Crotone) fosse destinato a insidiare lo stesso Nuccorini, dal quale, dopo la seconda prova, lo separavano solo cinque punti. Invece, le ultime regate hanno rimesso ordine nella classifica: Gradoni con due vittorie ha consolidato il primato; Schulteis (secondo) ha confermato di essere il suo vero rivale; Nuccorini ha scalzato dal podio Yuill; Cortese ha mostrato tutto il suo valore non perdendo mai il contatto con i primi; e Cante ha chiuso quinto alle sue spalle. Prima fra le ragazze Sophie Fontanesi (Tognazzi Marine Village), seguita dalla olandese Yanne Boers e da Beatrice Sposato (Club Velico Crotone).

Volvo Ocean Race – Turn the Tide on Plastic incontra una barca alla deriva in pieno oceano

Turn the Tide on Plastic ha avvistato una barca alla deriva, il cui equipaggio fu salvato lo scorso ottobre dalla marina statunitense.

 



Lo scorso ottobre 2017, due veliste delle Hawaii e un cane vennero salvate dalla Marina USA, e la loro barca da crociera Sea Nymph fu abbandonata a 1.000 miglia (oltre 1.800 chilometri) dalle coste del Giappone, dopo aver vagato per cinque mesi.

Quattro mesi dopo, Turn the Tide on Plastic, una delle barche che partecipano alla sesta tappa della Volvo Ocean Race da Hong Kong ad Auckland, ha avvistato la barca abbandonata, che è a galla e sta derivando nelle acque del Pacifico.

Turn The Tide on Plastic ha avvistato Sea Nymph mercoledì 14 febbraio a circa 360 miglia ad est di Guam, e ha inviato a terra delle immagini girate dal drone e un blog su quello che l’equipaggio ha visto.

La skipper di Turn the Tide on Plastic Dee Caffari ha inviato a terra questo blog in cui racconta quanto avvenuto.

Cosa si deve fare quando si vede una barca alla deriva senza alcun segno di vita a bordo? E’ una domanda che ci siamo fatti su Turn the Tide on Plastic ieri.

Il Cantiere del Pardo Grand Soleil 48 Performance

Il Cantiere del Pardo ha annunciato il Grand Soleil 48 Performance, uno scafo nato dalla collaborazione tra l’ufficio tecnico del Cantiere del Pardo, lo studio Nauta Yacht Design che ha curato interni e coperta, e Marco Lostuzzi per l’architettura navale.

01-gs48-exterior-A-fin-centrali

01-gs48-exterior-A-fin-centrali
Immagine 1 di 11

Dall’unione delle competenze di questo trio è nato un progetto che ha avuto come primo obiettivo quello di mettere in acqua una barca veloce e performante.

Da questo spirito nasce il Grand Soleil 48 Performance, che trova nella versione Race la sua vera anima da “cavallo da corsa”, grazie anche alla collaborazione di “armatori vincenti” Grand Soleil che hanno contribuito in maniera determinante nello sviluppo del progetto. Le già ottime prestazioni della versione “Performance” vengono esaltate nella versione “Race” dove una attrezzatura di coperta completa, ben dimensionata e correttamente ottimizzata permette di competere ai livelli più alti in regate inshore e offshore, grazie a linee di carena studiate nei minimi dettagli.

COSTRUZIONE AL TOP DI GAMMA
 E PERSONALIZZABILE

Per questo importante progetto sono stati scelti materiali e tecniche di costruzione di primissimo livello. Caratteristica unica del Grand Soleil 48 è che l’armatore può scegliere tra tre diverse tipologie di costruzione: la versione Race in infusione può essere realizzata in epossidica e vetroresina o in epossidica e carbonio con ben quattro paratie in composito, mentre la versione Performance, laminata a mano, è in vinilestere e vetroresina (con la paratia maestra in composito).

COPERTA: DA PERFORMANCE A RACE


The Mercy – Il film sulla disavventura di Donald Crowhurst

Dei nove che nel 1968 sono partiti per partecipare al Sunday Times Golden Globe race – tutti con lo scopo di passare alla storia diventando il primo uomo a circumnavigare il globo in solitaria e senza scalo – Donald Crowhurst era certamente il più improbabile.

Nato vicino a Delhi nell’India coloniale britannica nel 1932, Crowhurst ebbe un’infanzia esotica e da giovane si era arruolato sia nella Royal Air Force che nell’esercito. Nel 1968, era sposato con figli piccoli e gestiva una piccola azienda di elettronica a Bridgwater, nel Somerset, dove era anche consigliere comunale del partito liberale.

Gli piaceva navigare ma era solo un dilettante; possedeva una piccola barca, Pot of Gold, sulla quale portava la sua famiglia a navigare sul Canale di Bristol.

Ma Crowhurst era un sognatore ed era incredibilmente determinato, il 31 ottobre 1968 salutò la sua famiglia e, in camicia e cravatta, partì da Devon a bordo del suo trimarano, il Teignmouth Electron. Non è mai tornato.

La straordinaria storia di Crowhurst e il mistero che circonda la sua scomparsa sono le basi del nuovo film The Mercy (Il mistero di Donald C.), con Colin Firth e Rachel Weisz, diretto da James Marsh.

Il film è in uscita nei cinema a febbraio 2018.