Mini 6.50 – Partirà il primo Giugno da Ravenna il Trofeo Simone Bianchetti

Partirà il primo Giugno da Ravenna il Trofeo Simone Bianchetti, regata in doppio riservata alla Classe Mini 6.50 ed organizzata dal Circolo Nautico “Amici della Vela” di Cervia in collaborazione con MARINARA, il Porto Turistico di Ravenna, su un percorso di circa 200 miglia.

L’evento vuole ricordare il grande navigatore romagnolo, scomparso nel 2003, attraverso i due elementi che più lo rappresentano; l’Adriatico, il mare dove è cresciuto, ed il Mini 6.50, piccola barca di appena 6 metri e cinquanta a bordo della quale partecipò alla traversata atlantica in solitario nel 1995.

La regia della regata è affidata al Circolo Nautico Cervia “Amici della Vela”, con il supporto logistico del Cantiere Pier 12 e di MARINARA, il Porto Turistico di Ravenna, base dei Mini 6.50 e di Spot la barca con cui ad Ottobre Matteo Rusticali, skipper forlivese e consigliere della Classe Mini 6.50, parteciperà alla Mini Transat 2017.

“Siamo molto contenti di aver pensato al Trofeo Bianchetti proprio nell’anno della Transat” – dichiara Matteo Rusticali. – “Anche Simone si trovò sulla linea di partenza di questa regata in rappresentanza della nostra terra e sarà per me un onore, da Romagnolo, portare lo spirito della nostra terra e del nostro mare ad una regata così prestigiosa.”

Vele bianche

Cosa non ci si inventa per mettere su tanta tela quando si regata nella categoria “Vele bianche”

IMG_3381_DxO_std

Prime tre regate al 37° Campionato Nazionale Open J24: al comando La Superba

18 maggio 2017, La Maddalena (Ot) – Con le prime tre prove disputate nel campo di gara posizionato tra Punta Sardegna-Spargi e Cala Francese, ha preso il via ufficialmente il XXXVII Campionato Nazionale Open J24, valido anche come terza tappa del Circuito Nazionale 2017.

La prima prova di giornata ha visto imporsi Aurelio Bini al timone di Ita 405 Vigne Surrau del Club Nautico Arzachena seguito da Ita 443 Aria della LNI Olbia timonato dal Capo Flotta sardo Marco Frulio, dai pluricampioni di Ita 416 La Superba timonato da Ignazio Bonanno-, da Ita 460 Botta Dritta armato e timonato dall’organizzatore ed ex presidente della Classe Italiana J24 Mariolino Di Fraia -che ha come sempre in equipaggio il Sindaco di Maddalena, Luca Montella- e da Ita 501 Avoltore armato dall’inossidabile Capo Flotta J24 dell’Argentario Massimo Mariotti e timonato da Francesco Cruciani.

Nella seconda regata, invece, il J24 del Centro Velico di Napoli della Marina Militare La Superba ha avuto la meglio sul gallurese Vigne Surrau, sull’americano Usa 5399 Furio capitanato dal fuoriclasse Keith Whittemore, su Avoltore e sul padrone di casa Botta Dritta.

Tre inglesi salvati dopo che il loro Hallberg-Rassy 48 si scontra con una balena

L’equipaggio di un Hallberg-Rassy 48 inglese è stato salvato al largo delle Azzorre perché in seguito alla collisione con una balena la loro barca ha iniziato ad affondare. I soccorsi sono stati coordinati dalla Marinha Portuguesa.

L’incidente è avvenuto il 22 maggio, i tre velisti stavano navigando circa 350 miglia a Nord Est di Terceira, Azzorre, quando la barca – Destiny of Scarborough – ha avuto una collisione con una balena. Hallberg-Rassy 48 ha iniziato a imbarcare acqua e lo skipper ha lanciato un May Day.

la Marina portoghese ha inviato sul posto una corvetta e due aerei, ha chiesto inoltre assistenza alle navi che incrociavano in zona. L’equipaggio della nave mercantile Justine ha risposto, raccogliendo i tre marinai intorno alle 15:13 ora locale. Ora sono in viaggio verso il porto della città spagnola di Aviles.

La Marina portoghese ha detto che gli uomini “non hanno avuto bisogno di cure mediche”.

Foto via www.hallberg-rassy.com

La Maddalena – Parte il Campionato Nazionale Open J24 2017

La Maddalena (Ot) – Con la regata di prova, la cerimonia di apertura e il rito dell’alza bandiera all’albero dei segnali nel porto di Cala Gavetta eseguito dal picchetto armato della Marina Militare, ha preso il via ufficialmente la XXXVII edizione del Campionato Nazionale Open J24.

Sino a domenica 28 maggio, infatti, una trentina di equipaggi del Monotipo più diffuso al Mondo saranno grandi protagonisti nelle splendide acque dell’arcipelago di La Maddalena di regate agguerrite e spettacolari che decreteranno i nuovi campioni Nazionali.

Il Campionato è organizzato dalla sezione di La Maddalena della Lega Navale Italiana, sotto l’egida della FIV, in collaborazione con l’Associazione Nazionale Classe J24, il patrocinio del Comune di La Maddalena e il prezioso supporto della Marina Militare, di Elica -Discover Nikolatesla- e della Delcomar.

Sailing Yacht A a vele spiegate nel golfo di Napoli

Alla fine qualcuno è riuscito perfino a filmare Sailing Yacht A di Andrey Melnichenko a vele spiegate nelle acque di Capri, nel golfo di Napoli. Quanto le vele contribuiscano nella propulsione non è dato sapere.

Laser Italia Cup Campione Univela 2017 – Classifiche e Foto

In 300 sono arrivati sul Garda per l’Italia Cup ospitata alla base di Univela Sailing. Regata co-organizzata con YC Acquafresca, CV Gargnano e Cv Toscolano-Maderno.

Laser Italia Cup Campione 2017 01

Laser Italia Cup Campione 2017 01
Immagine 1 di 19

Nel Laser 4.7 vince il cagliaritano Cesare Barabino che batte i due di Cannigione Marco Stangoni e Matteo Paulon, prima ragazza Chiara Benini di Riva.

Il Radial registra la solita cavalcata vincente di Guido Gallinaro, il bresciano della Fraglia di Riva, che scarta, come peggior risultato, un 2° posto (per il resto tutti primi). Sul podio salgono Lorenzo Masetti di Como ed Emil Toblini di Fraglia Vela Riva, prima femmina Claretta Tempesti di Livorno.

L’azzurro di Rio 2016, il livornese Francesco Marrai si impone nello Standard (olimpico) davanti a Samuele Naldi di Malcesine e Lorenzo Dattilo del Tognazzi Marine Roma.

Paolo Viacava e Mailin conquistano Trofeo SIAD-Bombola d’Oro 2017

Ultimo giorno di regata per la flotta dei Dinghy. Vento leggerissimo per le ultime prove del bombolino. Il portofinese Viacava riesce nell’impresa e si aggiudica per la quattordicesima volta il Trofeo.

Condizioni di vento leggero per la seconda giornata di regate del Trofeo SIAD-Bombola d’Oro, il comitato di regata è però riuscito a dare lo start per le ultime due regate e consentire così una riapertura dei giochi per la zona alta della classifica. Zona dove i primi tre erano separati da pochissimi punti, ma con la possibilità dello scarto della prova peggiore. Con una stringa di risultati eccellenti delle due giornate precedenti (2-1-2-3), Paolino Viacava, l’ultimo dinghy a uscire da Portofino, ha affrontato le regate di oggi con la consapevolezza di avere un margine molto sottile sui diretti concorrenti, pessimi clienti come Enrico Negri e Paco Rebaudi.

Platoon vince il Rolex TP52 World Championship 2017

Platoon vince il 52 SUPER SERIES al Rolex TP52 World Championship di Scarlino, l’armata tedesca capitanata dal suo armatore-timoniere Harm Müller-Spreer riesce a contenere l’avanzata degli americani di Quantum, ottimi secondi. Azzurra terza.

TP52 World Championship 2017 final 01

TP52 World Championship 2017 final 01
Immagine 1 di 18

L’ultima giornata della terza tappa delle 52 SUPER SERIES si chiude con la vittoria di Platoon dell’armatore timoniere Harm Müller-Spreer, alla tattica John Kostecki, che ha saputo dare tranquillità ad un timoniere molto dotato, a volte un po’ sotto pressione, per i tedeschi una vittoria meritata per la costanza dimostrata in queste cinque giornate di regate, una barca che è stata portata al massimo delle sue potenzialità, un progetto che ha dato i frutti sperati da inizio stagione, quando nei primi due eventi in America, il team ha chiuso sempre al secondo posto.

Quantum le ha provate tutte, onore ai vincitori è il commento a terra di Hutchinson, sportivo e convinto di avere consegnato nella mani di Platoon un titolo meritato. Dietro agli americani medaglia d’argento, la battaglia tra Alegre e Azzurra ha messo al collo del team capitanto da Parada e Vascotto la medaglia di bronzo, un mondiale a fasi alterne, un po’ di fortuna, qualche accanimento tattico in meno subito da altri team forse avrebbe cambiato le sorti, oggi con condizioni dure, Azzurra ha dimostrato tutto il suo valore, vincendo di potenza l’unica regata disputata.

Il ritorno del Grand Soleil 34

Progettato da Finot negli anni 70 è rimasto in produzione fino agli anni 80, ne sono stati realizzati circa 300 scafi, il mitico Grand Soleil 34 è, secondo molti, una leggenda. Oggi al Cantiere del Pardo è iniziata la costruzione di un nuovo GS 34 basato sullo stesso concetto, con forme più moderne e più veloce dotata di ampi spazi, comfort e alta qualità.

Grand Soleil 34 01

Grand Soleil 34 01
Immagine 1 di 12

Il settore nautico del Mediterraneo si compone oggigiorno di clienti sempre più esigenti, che desiderano barche divertenti, adatte a rapidi trasferimenti, veloci in regata, ma con un’estetica ed un’innovazione ricercate. Non è un caso che siano sempre più numerosi gli armatori che vogliono una barca su misura ed adatta alle loro esigenze, in un mercato che non incontra totalmente le loro esigenze. Un altro elemento caratterizzante del nuovo GS 34, è la possibilità di acquistarla anche in versione natante. La sintesi di un attento studio fatto da Skyron e l’unione con 40 anni di storia e di successi di Cantiere del Pardo, hanno dato vita ad un nuovo Piccolo Grand Soleil 34.

GRANDI OBIETTIVI

Il progetto è dedicato agli armatori che amano il divertimento, la crociera sportiva e le regate offshore, ed è stato ispirato dagli open oceanici. Un design ed un’architettura navale estremamente accurati hanno dato vita ad una barca da regata offshore, facile da manovrare e con le massime performance possibili, ma che mantiene al contempo il comfort di un fast cruiser.

Il nuovo GS 34 Performance è stato realizzato per regate offshore con un sistema di rating IRC e anche in ORC con una opportuna ottimizzazione del piano velico e delle appendici. In questo modo la barca può diventare competitiva in entrambi i regolamenti di stazza internazionali, sia offshore che per le regate a bastone.

Velocità, stile ed eleganza completano il DNA del prodotto che riprende il family feeling dell’ammiraglia GS 58 Performance.

COSTRUZIONE