Una rara concentrazione di uomini coi maroni in carbonio ad alto modulo

Una rara concentrazione di uomini coi maroni in carbonio ad alto modulo. Armel Le Cléac’h e Alex Thomson, che sui loro IMOCA viaggiano a medie stratosferiche nei paraggi delle isole Kerguelen, e l’elicotterista, perché anche per decollare e atterrare con quel mare e quel vento serve un uomo con i maroni in carbonio ad alto modulo.


Incroyable ! La Marine Nationale nous a envoyé… di VendeeGlobeTV

Il video è stato girato da un elicottero della marina francese decollato dalla fregata Nivôse che sta pattugliando territori francesi nell’Oceano Antartico. Mostra l’allora leader del Vendee Globe Le Cléac’h su Banque Populaire VIII e Thomson su Hugo Boss mentre viaggiavano a velocità di oltre 20 nodi con vento compreso tra 25 e 30 nodi.

Via | www.vendeeglobe.org

riprese-elicottero

Raddoppiano i prezzi dei biglietti per le Kornati

Le Incoronate (Kornati in croato) sono un arcipelago di isole posizionato di fronte alla Dalmazia (Croazia), a 15 miglia a ovest di Sebenico, 15 a sud di Zara e 7 a sud-ovest di Morter. Dal 1980 89 di esse, su un totale di 152, sono classificate come parco nazionale.

listino-prezzi-incoronate-kornati

Per accedere al parco nazionale è necessario pagare un biglietto (permesso a pagamento) che è possibile acquistare nei marina, in uno degli uffici preposti o dai guardiani che raggiungono la barca alla fonda, in quest’ultimo caso il prezzo è sensibilmente più alto.

Prezzo dei biglietti che secondo quanto riportato da SoloVela nel 2016 è sensibilmente aumentato, in alcuni casi raddoppiato.

Il costo per una barca fino a 10.99 metri da gennaio a giugno e da settembre a dicembre per un giorno di sosta è di 240 kune, luglio e agosto 300 kune (acquistando all’interno del parco 400 e 500 kune). I prezzi includono l’utilizzo della boa. Il cambio al 30 novembre 2016 è di 7.5 kuna per 1 Euro.

Thomas Coville dopo 23 giorni ha 2000 miglia di vantaggio su Joyon

30-11-2016-day-23

Thomas Coville è il suo maxi trimarano di 31 metri SODEBO ULTIM sono partiti da Brest per il tentativo di record del giro del mondo in solitario – partenza e arrivo tra l’isola di Ouessant e Lizard Point, nel sud dell’Inghilterra – il 6 novembre 2016. Il record attuale, di 57 giorni, 13 ore, 34 minuti e 6 secondi, è di Francis Joyon sul trimarano IDEC (29.8 metri) ed è del gennaio 2008.

Il 30 novembre, dopo 23 giorni di navigazione, Thomas Coville ha passato la Nuova Zelanda ed è a 3.400 miglia da Con Capo Horn. Nelle ultime 24 ore ha percorso 620.1 miglia, che gli hanno consentito di portare il suo vantaggio rispetto a Joyon a 1199.66 miglia.

Info su Team SodeboFacebookTracker

Trovato un iPhone 4 in fondo a un lago – e ancora funziona

iphone4-lagoMichael Guntrum, di Knox, Pennsylvania, nel marzo 2015 mentre stava pescando nel lago ghiacciato ha perso il suo iPhone 4, caduto giusto giusto dentro al foro sul ghiaccio. Normalmente, perdere lo smartphone in fondo a un lago ghiacciato segnerebbe la fine della storia.

Ma nel settembre 2015 a causa di carenze strutturali della diga il lago è stato prosciugato e Daniel Kalgren, in cerca di tesori con il suo metal detector, lo ha ritrovato sotto 6 pollici di fango e argilla.

Lo ha portato a casa, lo ha pulito e giusto per la curiosità di vedere se tornava a funzionare lo ha messo nel riso. Dopo due giorni lo ha acceso e, sorpresona, funzionava.

La storia completa su www.buzzfeed.com – Scoperto grazie a snipeout.blogspot.com

DIY Safe Antifouling Initiative 2017

Qualcosa che a noi manca è la RYA (Royal Yachting Association). Al contrario della Federvela italiana, che si occupa della vela praticamente solo a livello agonistico, la RYA si occupa anche di diporto in generale.

antifouling-your-boat-safely-image

Ora per esempio la RYA hanno messo insieme le forze con la British Coatings Federation (BCF), e British Marine per lanciare la DIY Safe Antifouling Initiative 2017.

C’è una lunga tradizione per gli armatori di applicare da soli l’antivegetativa sulle loro barche ed è importante che siano consapevoli che le pitture vanno date in modo appropriato e con equipaggiamenti di protezione della persona altrettanto appropriati.

L’obiettivo dell’iniziativa, che sarà lanciata ufficialmente in concomitanza con il London Boat Show a gennaio, è appunto quello di informare ed educare gli armatori sui pericoli connessi con l’applicare l’antivegetativa alle loro barche.

E’ già stato pubblicato un volantino con i consigli su cosa fare e cosa non fare. Un video di cinque minuti dal titolo “How to safely antifoul your boat” sarà inoltre disponibile nella primavera 2017.

Tutti i dettagli su www.coatings.org.uk

Jean-Marie Liot vince Mirabaud Yacht Racing Image award 2016

Malta, 29 Novembre 2016 – Il fotografo francese Jean-Marie Liot (FRA) ha vinto il Mirabaud Yacht Racing Image award con la sua straordinaria foto di Morgan Lagravière sul suo IMOCA Safran spinto alla massima velocità e completamente sommerso da un’onda mentre si allena in vista del Vendée Globe.

01-jean-marie-liot-safran

Nico Martinez ha vinto lo Yacht Racing Forum award, scelto tra i delegati della World Sailing’s annual conference di Barcelona in Novembre e lo Yacht Racing Forum. Christophe Huchet (FRA) ha vinto il publicc award, selezionato dai voti del pubblico su Internet.

A questa edizione hanno partecipato 149 fotografi da 25 paesi.

Mirabaud Yacht Racing Image 2016 – Top 10:

Jean-Marie Liot (FRA)
Benoît Stichelbaut (FRA)
Mark Lloyd (UK)
Guy Nowell (UK)
Richard Gladwell (NZL)
Claire Matches (UK)
Nico Martinez (ESP)
Eugenia Bakunova (RUS)
Alex Irwin (UK)
Tim Thomas (UK)

Yacht Racing Forum award – Top 5:

B&G® presenta il nuovo chartplotter e sistema di navigazione Zeus3

Romsey, UK – B&G® presenta il nuovo chartplotter e sistema di navigazione Zeus3. Pensato per soddisfare le esigenze dei blue water cruiser e dei regatanti.

beg-zeus3_16_split

Con l’aggiunta di un’interfaccia di facile utilizzo e una nuova tecnologia per uno schermo ad alta definizione, con angoli di visibilità incredibilmente ampi, le ultime novità della linea B&G permetteranno ai velisti di vedere le informazioni essenziali anche nelle peggiori condizioni di navigazione.

Con la consapevolezza della necessità di poter visualizzare i dati da diversi punti a bordo dell’imbarcazione, Zeus3 è stato progettato con uno schermo multifunzione high-performance disponibile in versione 7-, 9-, 12- e 16-pollici con tecnologia SolarMAX™ HD per una straordinaria visibilità alla luce del sole e angoli di visualizzazione molto ampi.

Grazie alla nuova tecnologia SolarMAX™ HD, Zeus3 consente un uso completo dei controlli di navigazione in tutte le situazioni e condizioni, combinando un touchscreen perfetto in tutti i climi, che funziona perfettamente anche quando bagnato da un’onda o uno spruzzo. Una manopola rotante e una tastiera garantiscono il controllo di tutte le funzioni di Zeus3 anche quando le condizioni si fanno difficili. I set di controllo possono essere usati contemporaneamente e Zeus3 può passare alla modalità non-touch se si prevedono condizioni meteo davvero estreme.
Zeus3 fornisce anche informazioni in modo ultra-rapido grazie al suo nuovo processore high-performance che consente di ritracciare le carte in modo rapido in navigazione, in fase di panning o zoom. Questo permette ai velisti di vedere in modo istantaneo cosa accade intorno alla barca, senza rallentamenti o ritardi.

La barca caduta dal carrello a Falmouth

falmouth-helston-police-barca-caduta-dal-carrello

La scorsa notte una pattuglia della polizia di Falmouth & Helston ha casualmente trovato una barca di 35 piedi che era caduta dal carrello che la trasportava e al quale non era stata adeguatamente assicurata.

L’autista aveva lasciato il luogo per un numero di ore senza segnalare il fatto alla polizia, così barca e rimorchio sono stati lasciati nella più completa oscurità per qualche tempo su una strada stretta. Questo ha costituito un grave pericolo per gli utenti della strada e avrebbe potuto causare un incidente.

Via | Facebook

41mo Campionato Invernale Golfo del Tigullio – Classifiche prima manche

Con la quinta prova si chiude la prima manche del 41mo Campionato Invernale Golfo del Tigullio, la tradizionale competizione di vela d’altura organizzata dal locale Comitato Circoli Velici, composto da Pro Scogli Chiavari, CN Lavagna, CN Rapallo, CV Santa Margherita Ligure, LNI Chiavari e Lavagna, LNI Rapallo, LNI Santa Margherita Ligure, LNI Sestri Levante e YC Sestri Levante.

vela_invernaletigullio_novembre2016

Cinquanta barche in acqua nelle classi ORC, IRC, J80 e Libera, tre sfide disputate complessivamente nelle giornate di sabato e domenica: Capitani Coraggiosi (Federico Felcini, Guido Santoro) si impone nelle classi ORC 1-3 in ragione anche dei successi maturati nella terza e quinta prova; piazza d’onore per Storm (Franco e Giacomo Loro Piana), terza Amelie di Clavarino e Profumo.

Tutto facile per Tekno di Piero Arduino: quattro vittorie su cinque e leadership incontrastata nelle classi ORC 4-5 davanti ad Aria di Burrasca (Franco Salmoiraghi) e Aia de Ma (Luca Olivari).

Vendee Globe – In tre battono il record del passaggio del Capo di Buona Speranza

vendee-tracking-25-11-2016

25 novembre 2016 – Con Sébastien Josse su Edmond de Rothschild, che ha passato la longitudine del Capo di Buona Speranza oggi alle alle 00:44 GMT, sono ben tre gli skipper (tutte e tre con barche dotate di foil) di questa edizione del Vendee Globe ad aver abbondantemente superato il precedente tempo di riferimento per questo passaggio, 22 giorni 23 ore e 46 minuti, stabilito da Armel le Cléac’h nel 2012.

Il primo è stato Alex Thomson con un tempo 17 giorni, 22 ore e 58 minuti, sbriciolando di record di 5 giorni e 48 minuti. Il secondo lo stesso ex detentore Armel le Cléac’h, con 18 giorni, 3 ore e 32 minuti, 4 ore e 32 minuti in più di Alex Thomson. E Sébastien Josse, con un tempo di 18 giorni, 12 ore e 42 minuti, 13 ore e 44 minuti dopo il leader della regata, partita il 6 Novembre da Les Sables d’Olonne.