Il Melges 14 disponibile per prove al Varazze Club Nautico

Il nuovo Melges 14 disponibile per prove presso Varazze Club Nautico.

PH-Melges-14_100

PH-Melges-14_100
Immagine 1 di 18

Dalle 10:00 alle 18:00 di sabato e domenica 1 e 2 Ottobre 2016 gli appassionati che si saranno prenotati registrandosi potranno mettersi al timone di questa nuova deriva, disegnata dallo studio Reichel/Pugh, lunga 4,27 metri, larga 1,58, fornita con una randa con due diverse superfici, 9,1 m2 (Full-Range) e 7,8 m2 (Mid-Range).

Per aggiungere un po’ di adrenalina, vento permettendo, Melges Europe equipaggerà l’imbarcazione con il GPS Makai di Velocitek, apparato stagno nato per il SUP e per il kite-surf: al timoniere più veloce andrà un gadget esclusivo.

Caratteristiche della barca:

Con le Régates Royales di Cannes termina il Panerai Classic Yacht Challenge 2016

SETTEMBRE 2016 – Con la conclusione delle Régates Royales di Cannes, ultimo appuntamento della stagione 2016, è terminata a Cannes la dodicesima edizione del Panerai Classic Yacht Challenge, il principale circuito internazionale riservato alle vele d’epoca.

Regates Royales di Cannes 2016 01

Regates Royales di Cannes 2016 01
Immagine 1 di 22

Oltre ottanta scafi tra i più belli della storia della vela si sono sfidati per aggiudicarsi gli orologi Panerai in premio per i vincitori dell’evento ed i Trofei destinati ai trionfatori della stagione. Le tre imbarcazioni che hanno scritto il proprio nome nell’Albo d’Oro del Circuito sono state Moonbeam IV nella categoria Big Boats, Chinook tra gli Yachts d’Epoca e Ganbare tra gli Yachts Classici.

Dopo le vittorie conseguite nel 2011, 2012 e 2015, il cutter aurico Moonbeam IV, un 35 metri varato nel 1914 presso il cantiere scozzese William Fife & Son, si è aggiudicato per la quarta volta il prestigioso titolo stagionale tra le Big Boats, conquistando un primato mai raggiunto precedentemente da nessuna altra imbarcazione. L’armatore francese Xavier Tancogne e lo skipper Mikaél Créac’h hanno anche festeggiato dieci anni da quando hanno deciso di fare tornare a navigare questa barca famosa, sulla quale si era svolta la luna di miele tra il Principe Ranieri di Monaco e la diva americana Grace Kelly. Nel 2016 Moonbeam IV, che fa base in Spagna e batte il guidone del Real Club Nautico di Palma di Maiorca, ha partecipato a tre delle quattro tappe stagionali. A Cannes ha vinto nella sua classe tutte e quattro le regate disputate, battendo altre titolate Big Boats come Moonbeam of Fife (1903), Hallowe’en (1926), Elena of London (2009) e Cambria (1928).

Miglior compleanno per i cento anni dal varo non poteva essere festeggiato dal cutter aurico Chinook, sceso in mare nel 1916 presso il cantiere americano Herreshoff. Questa barca lunga 19,80 metri è uno dei quattro NY40 (New York 40) naviganti al mondo sui 14 realizzati tra il 1916 e il 1926 ed ha iscritto per la seconda volta il proprio nome nell’Albo d’Oro del Trofeo Panerai tra gli Yachts d’Epoca. Stavolta a vincere è stato l’armatore Paolo Zannoni, che nel 2015 aveva acquistato Chinook dall’inglese Graham Walker, già plurivincitore del Trofeo con Rowdy del 1916, anch’esso presente a Cannes. Quest’anno Chinook ha partecipato a tutte le tappe del circuito e corso in totale 14 regate, battendo altre aspiranti al titolo finale come il Q-Class Leonore del 1925 e la stessa Rowdy.

Alcatel J/70 World Championship 2016 – Primo giorno di regate

San Francisco, 27 settembre 2016 – San Francisco nella prima giornata dell’Alcatel J/70 World Championship ha visto il campo di regata posizionato tra Alcatraz e Treasure Island battuto da un forte vento proveniente dal quarto quadrante.

mondiale-j-70-01

Le raffiche oltre i 25 nodi hanno permesso lo svolgimento di due prove decisamente impegnative per attrezzature ed equipaggi, anche obbligando il Comitato a due richiami generali ed all’uso della bandiera nera prima di dare inizio alla come terza rassegna iridata della classe J/70.

La giornata si è chiusa con gli statunitensi Africa (Smith-Madrigali, 1-5) e Catapult (Ronning-Kostecki, 2-4) appaiati al vertice della classifica: veloci e titolari di un ottimo boat handling, i due equipaggi sono stati guidati egregiamente dai rispettivi tattici, Jeff Madrigali e John Kostecki, entrambi medaglia olimpica.

Le Foiling Week 2016

Due Foiling Week nel 2016, la prima a Malcesine sul lago di Garda e la seconda a Newport negli Stati Uniti in Rhode Island. Sul Lago di Garda si è svolta la terza edizione, la partecipazione crescente conferma il sempre maggior interesse che il foiling sta avendo nel mondo degli appassionati di vela. L’attenzione del pubblico non è più limitata al mondo della vela da competizione ed il mercato offre sempre più proposte per il puro divertimento ed il cruising.

le-foiling-week-2016

Newport è stata la prima edizione overseas di Foiling Week, la passione genuina dei partecipanti ricordava molto la prima edizione nel 2014 sul Garda. Foiling Week abbraccia la sostenibilità ambientale adottando il protocollo di Sailorsfor the Sea nell’organizzazione delle regate ed è stato supportato da Lega Ambiente per completare gli eventi nella maniera più ecologica.

I Forum Gurit offrono la possibilità unica di creare un confronto tra i professionisti della Vela moderna, ingegneri, costruttori e velisti hanno un confronto diretto e condividono idee e feedback sulle proprie esperienze, sia pratiche che teoriche. I Forum Gurit fanno di Foiling Week un momento di crescita per il foiling, non soltanto una competizione o uno show ma il momento in cui le idee nascono, i progetti avanzano, le visioni si ampliano. I Forum Gurit sono la vera differenza tra Foiling Week e qualunque altra manifestazione nautica. Sul lago di Garda, Persico, il prestigioso cantiere italiano coinvolto in costruzioni per Coppa America e Volvo Ocean race, ha affiancato Gurit nella realizzazione dei Forum portando contenuti e testimonianze che hanno arricchito i termini teorici espressi nel Forum Gurit con la visione industriale che sta iniziando a rendersi necessaria per affrontare una diffusione su larga scala del foiling.

Concluso sul Trasimeno il Trofeo Optimist Italia Kinder + Sport 2016

25 settembre 2016 – Conclusa sul lago Trasimeno la stagione 2016 del Trofeo Optimist Italia Kinder + Sport. Regate fino al tramonto nel primo giorno con due prove concluse e nulla di fatto nel secondo per assenza di vento.

Optimist Zucchero a vela 2016 01

Optimist Zucchero a vela 2016 01
Immagine 1 di 9

Dall’Alto Garda Emma Mattivi vince in assoluto tra i cadetti. Vittoria ex aequo con Marco Gradoni e Marco Gambelli tra gli juniores e Giulia Sepe tra le femmine Under 16.

Ospiti del Club Velico Castiglionese i timonieri della classe Optimist hanno disputato la quinta ed ultima tappa del Circuito itinerante Trofeo Optimist Italia Kinder + Sport 2016. Oltre 250 regatanti sono accorsi da tutta Italia (dalla Sicilia al Trentino) sul bellissimo e rilassante lago Trasimeno e fortunatamente nel primo giorno di regate si sono riuscite a disputare due prove, nonostante il vento sia arrivato tardi. I cadetti hanno addirittura concluso la seconda ed ultima prova al tramonto, ma è stato bene approfittare della prolungata durata del vento dato che il giorno successivo lo stesso vento, che sembrava distendersi in un’orario utile, si è invece ritirato, costringendo il Comitato di regata a rientrare con un nulla di fatto.

Il Jonathan Livingston di nuovo oltre le Colonne d’Ercole

L’X-Yachts X-512 Jonathan Livingston ha ancora una volta attraversato le Colonne d’Ercole per lanciarsi in una nuova avventura, questa volta con armatori diversi, Monica e Stefano.

jonathan-livingston-oltre-le-colonne-d-ercole

Su www.giringiro.altervista.org il diario di bordo del trasferimento da Gibilterra a Lanzarote con tante emozioni e tra le righe qualche consiglio utile per che desideri affrontare le medesime rotte.

Mostravento fatta in casa

Ieri abbiamo installato quello che possiamo definire lo stato dell’arte in fatto di tecnologia nei mostravento per barche a vela.

mostravento-small

Con l’ausilio di una calibrata quantità di biadesivo abbiamo fissato alle sartie venti centimetri (mi raccomando che siano venti, non un millimetro in più né uno in meno) di nastro cannibalizzato da una videocassetta (che tanto il videoregistratore è in discarica da mo’).

Per essere consoni con l’utilizzo sulla videocassetta era registrato il film Via col vento.

(Abbiamo utilizzato il nastro da videocassetta perché leggerissimo e sensibile al minimo alito di vento. Si potrebbe utilizzare anche un filo di lana annodato ma le fibre di questo deteriorandosi molto velocemente tendono ad “aggrapparsi” alla sartia)

Il Moro di Venezia si aggiudica la ChioggiaVela 2016

Chioggia, 26 settembre – Sole e clima estivo per la V edizione di ChioggiaVela, manifestazione nata con lo scopo di riproporre la centralità della vita di mare in una città tradizionalmente, culturalmente ed economicamente votata al mare.

chioggiavela 2016 01

chioggiavela 2016 01
Immagine 1 di 18

Un fine settimana iniziato giovedì 22 con le prime regate del Trofeo Meteorsharing. Venerdì sera l’auditorium San Nicolò a Chioggia ha quindi ospitato la serata dal titolo “Silvia Zennaro alle Olimpiadi, dalle qualificazioni a Rio 2016”, presentata ed introdotta da Dario Malgarise, dove la velista chioggiotta ha avuto modo di illustrare tutto il proprio percorso sportivo nel corso del quadriennio.

Sabato 24 la disputa del Trofeo Sopraiventi riservato alle imbarcazioni con progetto pluriventennale, da quest’anno aperto anche alle imbarcazioni più moderne grazie all’inserimento della categoria Sottoiventi. Ad aggiudicarsi la regata è Victory di Pirrami Raffaella, vincitore anche della categoria Sopraitrenta. In classe C vittoria di Maramao, l’Este 24 di Davide Ravagnan mentre in classe D la vittoria va a Strafantino di Ferro Massimiliano. Nella categoria Sottoiventi vittoria di Movida dell’armatore Leuci Emanuele in classe M e di Impetuosa di Dario Mesini in classe A. Grandi emozioni e tanto entusiasmo anche per la Meteor al Crepuscolo, dove 14 meteor al tramonto si sono sfidati al tramonto in uno scenario spettacolare ed unico che solo il bacino di Vigo, nel pieno centro storico di Chioggia. Ad aggiudicarsi l’edizione 2016 della Meteor al Crepuscolo è Asyatico di Corrado Perini, che ha preceduto Anemos di Tom Stahl e Marasca di Augusto Toson.

Video – Un rollafiocco fatto in casa

Il video è in inglese ma non necessita di spiegazioni. Il nostro sfrutta il mozzo di una bicicletta per autocostruirsi un piccolo rollafiocco fatto in casa.

Immagine anteprima YouTube

Considerati gli sforzi cui è sottoposto normalmente un mozzo di bicicletta (e la loro durata) probabilmente sarà più affidabile di uno dei tanti rollafiocchi di marca.

Il costo dell’operazione è di circa 10 dollari.

Scoperto grazie a terrafermasailors.blogspot.it

Presentata a Genova la 151 Miglia 2017

24 settembre 2016 – Il comitato organizzatore della 151 Miglia ha presentato oggi a Genova, nellʼambito del Salone Nautico Internazionale, la prossima edizione di quello che è considerato un evento cult del calendario agonistico di vela dʼaltura.

151 miglia 2016 ft taccola 06

151 miglia 2016 ft taccola 06
Immagine 1 di 9

La presentazione è andata di scena poco prima delle ore 14 al Teatro del Mare, nellʼambito della giornata dedicata alla vela dʼaltura e prima della premiazione del Campionato Italiano Offshore 2016 della Federazione Italiana Vela, con la presenza dei rappresentanti dei circoli organizzatori e sponsor della 151 Miglia, che hanno potuto illustrare le novità dellʼedizione 2017, che prenderà il via giovedì 1 giugno sulla classica rotta tra Livorno e Punta Ala, con passaggi davanti a Marina di Pisa, allʼisolotto della Giraglia e alle Formiche di Grosseto.

Sul palco, Alessandro Masini, Presidente dello Yacht Club Punta Ala, Francesco Bianciardi, Consigliere dello Yacht Club Repubblica Marinara di Pisa presieduto da Roberto Lacorte – i due circoli organizzatori che si avvalgono della preziosa collaborazione dello Yacht Club Livorno – e Martina Pescioli, in rappresentanza del main sponsor Pharmanutra, che hanno gettato le basi dellʼedizione 2017 della 151 Miglia, la cui organizzazione è già in moto per continuare a garantire il medesimo standard qualitativo degli anni precedenti, uno dei punti di forza di questa regata che dalle 50 barche della prima edizione, datata 2010, è passata rapidamente alle quasi 200 dellʼultima, dimostrazione pratica che quando una regata offre un percorso magnifico e unʼorganizzazione impeccabile, al lavoro 365 giorni lʼanno e cucita addosso sulle esigenze
di armatori e regatanti, il successo è garantito.