Tag name:one design

Brand new Melges 14

Lo presentano così: Costruito dalla Melges e progettato da Reichel Pugh, il Melges 14™ trasuda innovazione ed eccellenza in una barca a vela one design. Velocità, qualità, durata, comfort e divertimento avvolti in un unico pacchetto di navigazione dinamico e moderno.

PH-Melges-14_100

PH-Melges-14_100
Immagine 1 di 18

In sviluppo da oltre due anni, offre una esperienza divertente ed emozionante rispetto ad altre imbarcazioni delle stesse dimensioni. Perfetto per tutte le età, è dotato di un ampio e comodo pozzetto aperto. Albero e boma in carbonio completano il piano velico moderno, flessibile (pieno o ridotto).

È possibile trasportarlo sul tetto dell’auto o trainarlo con qualsiasi veicolo.

Product overview

(altro…)

Farr280 One Design

Il Farr 280 è un nuovo monotipo disegnato dallo studio Farr Yacht Design e costruito da Premiere Composite Technologies a Dubai.

farr208-02

farr208-02
Immagine 1 di 18

Mainsail 31.5 m2 / 339 ft2
Headsail 19.5 m2 / 210 ft2
Asymmetric Spinnaker 92 m2 / 990 ft2

I 11.36 m / 37.3 ft
J 3.19 m / 10.5 ft
P 11.69 m / 38.4 ft
E 4.10 m / 13.5 ft
ISP 12.89 m / 42.3 ft
TPS 5.02 m / 16.5 ft

Bowsprit 1.64 m / 5.38 ft

(altro…)

Brand New C&C 30 One Design

C&C Yachts, un cantiere con un glorioso passato alle spalle, dopo un lungo periodo di stasi ha cambiato proprietà – ora è della USWatercraft – e presenta una nuova (per loro) generazione di barche. Il primo dei due modelli presentati ad essere varato è il C&C 30 One Design.

the-cc-30-one-design-rocket-ship-launches-26-1024x682

the-cc-30-one-design-rocket-ship-launches-26-1024x682
Immagine 1 di 19

Il progetto del C&C 30 è stato affidato a Mark Mills e negli obiettivi del cantiere c’è proporre al mercato un monotipo facile da condurre e da gestire fuori acqua (come il Melges 32), veloce tra le boe ma potenzialmente capace di affrontare regate di altura (il piano di coperta e il pozzetto si ispirano ai TP52).

Secondo quanto leggo su www.yachtworld.com il prezzo è di 124.000 dollari, in offerta limitata per i primi 20 scafi.

Un po’ di dettagli tecnici

(altro…)

Il punto sul J/70

Di Beppe Zavanone – Siamo giunti a metà della prima stagione del J/70 in Italia, quello che possiamo definire “anno zero”, e come avevo promesso al blogger a cui affido i miei scritti di velista col vizio della tastiera, darò qualche aggiornamento sulla barca ed i suoi appassionati.

j70-alassio-2014-day-1-01

j70-alassio-2014-day-1-01
Immagine 1 di 31

Proprio in queste ore è stato costruito lo scafo 700, in meno di due anni si è battuto ogni record, alla faccia della crisi del nostro continente dall’altra parte dell’oceano il pil continua a galoppare e come sempre comprano barche, specialmente monotipi, li càmbiano e regatano come pazzi. Ad ogni evento di quelli aperti a varie classi quella dei J70 è quasi sempre la flotta più numerosa, negli eventi esclusivi, come il North America Championship o il Mondiale i posti disponibili vanno via in poche ore dall’apertura delle iscrizioni, e vengono contingentati per bilanciare zone, corinthians etc. E parliamo di eventi di un centinaio o più di iscritti.

Il resto del pianeta è ovviamente lento, ma con ritardo si sta partendo dappertutto ed al costruttore francese verrà ora aggiunto un terzo cantiere per coprire le richieste orientali. In Europa ci sono i numeri importatanti della Britannia, con molte regate e grossa partecipazione, e della Francia Atlantica.

Poi molte flotte di una dozzina di barche ciascune, in Svizzera e Germania soprattutto, che organizzano regate all’interno di circuiti di club spesso confinati nello stesso lago. Manca un coordinamento, non esiste in pratica un vero circuito europeo e le regate internazionali sono tutte inserite in classiche come la Primo Cup, Cowes Week, Spi Ouest, Kiel e quindi l’unica, forse la prima Regata Internazionale J/70 sarà l’Europeo in Italia, a fine settembre sul Garda.

(altro…)

Fondata a Torino la J/70 Italian Class

Imitando quelli che si credono dei giornalisti veri… Noi di VelaBlog (che poi sono io solo ma il plurale maiestatico fa molto più fico) siamo stati i primi a crederci in questa nuova classe, già nel lontanissino settembre 2013 pubblicammo la prima prova in mare del J/70, HA!.

 Eugenio Ramassotto, Gianluca Grisoli, Andrea Magni, Beppe Zavanone e Carlo Alberini

Oggi l’associazione di classe è una realtà. E’ infatti fondata ieri pomeriggio – 21 maggio 2014 – a Torino, presso lo studio del notaio Dr. Paolo Bonomo, la J/70 Italian Class, associazione di classe destinata a riunire gli armatori e a programmare l’attività del più recente tra i one design prodotti dalla statunitense J-Boats.

Alla sottoscrizione dello statuto hanno presenziato Paolo Boido, Andrea Magni, Giuseppe Zavanone, Carlo Alberini, Gianluca Grisoli ed Eugenio Ramassotto.

(altro…)

Inizia oggi ad Alassio la Coppa Italia J/70

Inizia oggi, 14 marzo 2014, nelle acque di Alassio la prima tappa della neonata Coppa Italia J70, circuito riservato al monotipo della statunitense J-Boats, che tra marzo e settembre impegnerà gli equipaggi in sei frazioni.

j-boats-j70-01

j-boats-j70-01
Immagine 1 di 35

Tra i protagonisti del circuito c’è Calvi Network di Carlo Alberini, armatore da sempre impegnato nella monotipia e da diverse stagioni costante presenza tra le boe delle classi più affermate come Mumm 30, Farr 40, Audi Melges 20 e Melges 32.

(altro…)

Prima Uscita in J/70

j-boats-j70-01

j-boats-j70-01
Immagine 1 di 35

Di Beppe Zavanone

Dopo 10 stagioni in Melges 24 era tempo di cercare nuove emozioni monotipiche. Sostituire la “barca perfetta” non è stato facile, fui tra coloro che contribuirono a lanciarlo definiticamente in Italia, arrivai nella classe italiana che annoverava numeri piccoli anche se Zuccoli e poi Favini avevano già vinto i mondiali 2000 e 2001. Formammo una flotta alassina, creammo un circuito italiano spostando gli sponsor che avevamo sui terribili Beneteau 25 ed i numeri si fecero rapidamente enormi. Nessun monotipo, anche affiancandolo alle nostre tappe, riuscì a decollare, Ufetti, H22, J22, J80, Este24, SB3 non sono mai riusciti a raggiungere numeri decenti né presenze di campioni anche internazionali così importanti. Sono stati i monotipi storici come i FUN o i J/24 quelli a resistere di più. Con gli anni gli unici numeri importanti si sono rivisti, in misura inferiore sui Melges 20 e poi sui Melges 32 che però come budget sono più gli eredi dei Mumm 30 ed i Farr 40.

Per una serie di ragioni che sarebbe troppo lungo raccontare qui, il Melges 24 ha ridotto di molto i suoi numeri italiani ed americani, pur amplificando quelli europei. Ma le caratteristiche adrenaliniche ma anche marine del 24 sono fuori di ogni dubbio, ed anche la formula Corinthian è stata la fortuna di quel barchino. Ancora oggi dopo 20 anni non è facile far di meglio.

(altro…)

H22 One Design riparte e ti invita alla prova

L’Associazione di classe Italiana H22 One Design e New Wind, distributore esclusivo della barca, hanno preparato una offerta per invogliare nuovi armatori ad approcciare la barca e le regate del circuito 2013.

H22_lasco_aria_media

Ai primi 4 nuovi associati alla classe H22, verrà concesso un’incredibile sconto sull’acquisto di un H22 One Design nuovo fiammante. Sconto che porta il prezzo di acquisto a soli € 16.950,00 Euro. I quattro nuovi H22 sono pronti per la partecipazione al Campionato Italiano 2013 a Domaso (CO).

Chi non conoscesse ancora l’H22, potrà apprezzarne le caratteristiche prenotando una prova “gratuita”, a partire dal 10 al 20 di giugno e dall’1 al 10 di luglio, sempre nell’alto Lago di Como.

Roberto Spata ed il suo staff ti aspettano per provare le potenti planate dell’H22 e la semplicità di conduzione in condizioni di vento forte di una barca così sportiva e performante come l’H22.

(altro…)