Un’iniziativa di crowdfunding per La Barchetta Magica

settembre 25, 2018 | By Mistro
0

Un team di ingegneri, ricercatori e professori dell’università di Firenze, stanno sviluppando un drone a vela a guida autonoma per il monitoraggio ambientale. Per testare la capacità del veicolo sviluppato proveranno ad attraversare l’oceano Atlantico.

La Barchetta Magica è un progetto realizzato da un team di ingegneri e ricercatori dell’Università di Firenze finalizzato allo sviluppo di droni completamente autonomi e azionati solo da energia solare ed eolica rinnovabile. Le flotte di questi “droni verdi” possono essere utilizzate per raccogliere preziosi dati scientifici per studiare i cambiamenti climatici, la diffusione di inquinanti e le condizioni di vita marina. La prima unità sarà testata attraversando l’Oceano Atlantico.

Il drone è stato progettato cercando di mantenere bassi i costi di produzione e dimensioni contenute per essere usato in grande quantità e in molte applicazioni differenti avendo la possibilità di coordinare una flotta di droni intelligenti che realizzano missioni di controllo coordinate

Dal 2010 esiste una competizione per barche a guide autonoma che ha come obiettivo la traversata dell’Oceano Atlantico: The Microtransat Challenge; ad oggi ancora nessuno è riuscito nell’impresa, motivo per il quale qualcuno ha persino parlato di tale obbiettivo come dell’Everest
della navigazione autonoma. Per dimostrare l’affidabilità e le capacità del veicolo sviluppato vogliono riuscire proprio in tale obbiettivo, e lo faranno seguendo la cosiddetta “rotta di Colombo”.

I fondi che stanno cercando di raccogliere tramite un’iniziativa di crowdfunding servono per completare la barca (mancano delle parti meccaniche in materiale tecnico e alcuni componenti elettronici), la spedizione a Las Palmas da dove salperà per raggiungere le Americhe e per la comunicazione satellitare necessaria
per la ricezione della telemetria durante la traversata.

Info su www.labarchettamagica.it
Crowdfunding su https://igg.me/at/magicboat

Comments: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.