Tattiche vincenti: il libro

libro tattiche vincentiTattiche vincenti. Come andare più veloci a vela e vincere le regate di Jobson Gary, Whidden Tom, Loory Adam.

Abbastanza un bel libro, anche se un po’ datato puo’ dare degli spunti interessanti. Peccato sia praticamente introvabile.

Chi conosce l’inglese si puo’ buttare su Championship Tactics (How Anyone Can Sail Faster, Smarter and Win Races), si trova in rete anche usato.

Per noi un po’ inutile tutta la parte che tratta delle tattiche da adottare nei vari campi di regata sparsi per gli Stati Uniti.

Libri di vela – Longitudine, Dava Sobel: il metodo del cane ferito

Longitudine di Dava Sobel

Fino al diciottesimo secolo il problema della misura della longitudine era vissuto come oggi puo’ essere vissuta la ricerca di una cura per il cancro o per l’aids. Navi cariche di migliaia uomini e di ricchezze incalcolabili andavano a scogli perche’ non erano in grado di conoscere la loro posizione sulla terra.

Questo libro di Dava Sobel racconta la vicenda di una scoperta rivoluzionaria per l’epoca e traccia i contorni di una figura, quella di John Harrison, un orologiaio inglese dilettante, che fu il primo a costruire un orologio abbastanza affidabile da risolvere il problema.

Tra le tante teorie sbocciate all’epoca segnalo quella, raccontata nel libro, del “cane ferito”

In quel periodo venne inventato un medicamento portentoso, la polvere simpatica, che cicatrizzava le ferite a distanza, bastava cospargere di tale polvere una benda che aveva avvolto la ferita…

Per risolvere il problema della misura della longitudine si penso’ quindi di portare a bordo un cane ferito. A mezzogiorno una persona a terra cospargeva con la polvere simpatica delle bende che in precedenza ne avevano avvolto le ferite. Il cane in quel momento avrebbe guaito per il dolore segnalando all’equipaggio che a Londra era, appunto, mezzogiorno.

Naturalmente il cane doveva rimanere ferito e quindi veniva purtroppo torturato per tutto il viaggio.

Le navi, ovviamente, continuavano ad andare a scogli.

Longitudine e’ un libro molto easy, costa poco, intorno ai 7 Euro, e si legge in fretta, ottimo anche da tenere in barca.

Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
Genere: letteratura straniera
Collana: La Scala. Saggi
Traduttore: Lonza G. – Crosio O.
Pagine: 160
ISBN: 8817112909
Data pubblicazione: 1999

Sailsquare – La vacanza a vela diventa social

sailsquare.com_homepage

Nato da un’idea di due appassionati di vela, Sailsquare è un sito di “social travel”, pensato per consentire agli utenti di creare la propria vacanza in barca, o di aderire a una già esistente, agevolando la formazione degli equipaggi.

Grazie alla piattaforma e alla forte integrazione con Facebook, il concetto della “User Generated Holiday” raggiunge il mondo dei velisti e dei navigatori meno esperti.

Decreto liberalizzazioni – Il noleggio tra privati

gazzetta ufficialeE’ stato pubblicato nel Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale di sabato (G.U. n. 71 del 24 marzo 2012 – Suppl. Ordinario n.53) il testo del Decreto Legge 24 gennaio 2012, n. 1, c.d. Decreto liberalizzazioni, coordinato con la legge di conversione 24 marzo 2012, n. 27, recante “Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività”.

Se non interpreto male lo spirito del legislatore la possibilità di noleggiare la propria imbarcazione viene data per recuperare in qualche modo il costo aggiuntivo derivante dalla nuova tassa di possesso, per questo il limite inferiore dei 10 metri.

Riassumento della grossa il testo della parte relativa al noleggio tra privati:

1. Gli armatori possono dare a noleggio occasionalmente (non ho capito in cosa mi si sostanzia l’occasionalità) imbarcazioni sopra i dieci metri di lunghezza, anche con leasing in corso.

Come si usa un sestante

Lo sai usare un sestante tu? io no. Ecco una gif animata che aiuta a capire come funzia.

come si usa il sestante

Ora manca solo di prendere una laurea in trigonomesfigmomanometria per riuscire a fare i calcoli.

Via Wikipedia

Miss Cindy – Il Mini Catamarano cabinato

catamarano Miss Cindy

Francesco di Marinai di terraferma ultimamente tira fuori delle perle che io non so come faccia a trovarle.

Tipo questo catamarano che un tizio si è progettato e autocostruito… e che trasporta sopra il tetto dell’auto.

Link al post di Francesco Vado pazzo per Cindy

Pilot charts mediterraneo

Iniziamo da cosa sono: La Pilot chart e’ una rappresentazione grafica delle condizioni climatiche statisticamente piu’ frequenti in un determinato luogo per un determinato periodo.

Per trovarne di disponibili online senza necessita’ di registrazione al sito si puo’ andare su Windfinder selezionare la zona di interesse, alla pagina successiva (quella dell’immagine) si seleziona “wind statistic” e poi il periodo del quale vogliamo conoscere la rosa dei venti dominanti e la loro intensita’.

pilot charts

Prove di barche – Dufour 385 Grand Large

Tre cabine, due bagni (uno per lato), circa 75 metri quadri di superficie velica per un dislocamento a vuoto di 6980 kg. L’armatore del Dufour 385 Grand Large in prova ha scelto di prendere in optional delle vele più performanti, 4000 Euro ben spesi visti i risultati. Per chiudere con la scheda tecnica: lunghezza fuori tutto 11,72 m, lunghezza scafo 11,36 m, lunghezza al galleggiamento 9,84 m, baglio massimo 3,93 m, pescaggio 1,76 m.

Il Dufour 385 Grand Large è stato un po’ una conferma e un po’ una sorpresa. Una conferma perché la firma di Felci ormai lo sappiamo che è una garanzia, una sorpresa perché (nonostante il disegno di Felci) non ti aspetti che una barca tanto votata alla crociera sia anche tanto capace di saper cogliere anche le più misere bavette di vento.

Siamo usciti nonostanze la quasi assenza di vento per sfruttare il tempo in attesa della termica per testare le performance a motore ed invece ci siamo ritrovati con una barca che con 4 nodi e mezzo di aria è riuscita a prendere i suoi quasi 4 nodi di passo senza grandi difficoltà e senza farci penare troppo per trovare le giuste regolazioni.

Prove di barche – Dufour 34

dufour 34

Ho provato il Dufour 34 in regata, in una strordinaria giornata di sole e bora abbastanza pesante, non tantissimissimo vento ma tanto tanto mare, soffiava ininterrottamente da almeno tre giorni con punte piuttosto alte. Pensavo che vento e mare sarebbero andati giù, con un così bel sole non poteva non andare giù, “quanto bassa vuoi che sia la bassa sulla Sicilia, non puo’ essere tanto bassa, al massimo a mezzogiorno va giù, gira e spiana tutto

E’ andata giù alle quattro del pomeriggio.

Il Dufour 34 è una gran bella barca, ottimamente organizzata per una conduzione crocieristica in solitario, un disastro per la regata in equipaggio. I winch del genoa sono troppo arretrati, buono se li deve manovrare chi sta al timone ma il tailer dovrebbe avere gli occhi dietro la schiena. Nonostante il mare la barca tiene abbastanza bene, molto asciutta nonostante l’onda, onda che non saprei quantificare ma era alta, molto alta… e corta, tipico quando c’è bora a Caorle.

SatSleeve trasforma l’iPhone in un telefono satellitare

SatSleeveSatSleeve di Thuraya è un accessorio che in modo molto semplice e pratico trasforma un comune iPhone in un telefono satellitare.

Inserendo l’iPhone in questo guscio la telefonia satellitare è a portata di mano di tutti consendo chiamate e SMS anche in assenza di copertura cellulare: in barca, in montagna, in viaggio in luoghi remoti. Infatti, in ogni luogo o situazione in cui non c’è segnale è possibile utilizzare i servizi satellitari.

L’utilizzo è immediato, è sufficiente inserire l’iPhone nel SatSleeve e lanciare l’applicativo disponibile gratuitamente sull’Apple Store. La rubrica sarà accessibile come di consueto, così come restano invariate tutte le funzionalità dell’iPhone, su cui si potrà continuare ad operare tramite l’interfaccia semplice ed intuitiva.

Inoltre la batteria del SatSleeve consente un prolungamento dell’autonomia del telefono; la SIM Thuraya all’interno del dispositivo garantisce le chiamate sempre, anche in situazioni di emergenza, a tariffe spesso molto più convenienti di quelle in roaming.

SatSleeve sarà distribuito, nella versione per iPhone 4 e 4S, a partire da metà aprile nei punti vendita Intermatica, Service Provider esclusivo per l’Italia. Successivamente uscirà anche la versione per iPhone 5 e l’accessorio per adattare l’attuale SatSleeve all’iPhone 5.

Info su www.iphonesat.it