Monotipi – Il Classe Fun

maggio 16, 2013 | By Mistro
0

classe-fun-01

classe-fun-01
Immagine 1 di 7

Volendo soddisfare la propria voglia di regatare non è sempre necessario dotarsi di costosi barconi ottimizzati o da ottimizzare per i compensi o di monotipi all’ultimo grido. Esistono Classi che con costi ragionevoli permettono di misurarsi ad armi pari con altri equipaggi, anche di buona esperienza e livello. Perché, per come la vedo io, meglio arrivare ultimo ma imparare qualcosa da quelli bravi che arrivare primo perché il mio progettista ha saputo interpretare meglio il numeretto.

Una delle barche che permettono di competere con costi ragionevoli per esempio è il Fun, un monotipo disegnato oltre 30 anni fa da Joubert & Nivelt. Inizialmente costruito dal cantiere Jeanneau, lo scopo alla base del progetto era creare un monotipo veloce che potesse dare a quattro persone il piacere di regatare come su una deriva.

L’armo è a 7/8 con sartie volanti, il piano velico è composto da una randa di circa 14m², un genoa di circa 15m², un fiocco autovirante di circa 8m², tormentina e spinnaker di circa 40m².

Il timone è sospeso in pozzetto ed è completamente amovibile, la deriva mobile incernierata è comandata da un dispositivo a vite senza fine, cose che consentono l’ormeggio in bassi fondali ed un trasporto facile e sicuro sul rimorchio stradale.

Il peso contenuto – circa 900 kg – e le linee di carena tese permettono di planare sotto spi, di bolina è equilibrato, le numerose regolazioni a disposizione permettono di affinare la tecnica.

Pur essendo concepita per la regata, grazie anche al fiocco autovirante, è semplice da condurre e può essere utilizzata anche per un diporto “minimo”, l’ampio pozzetto può accogliere fino a sei persone e in cabina le quattro cuccette permettono, volendosi tanto bene, anche di pernottare.

E’ facilmente carrellabile, è sufficiente un’auto di media cilindrata e basta la patente B; l’albero appoggiato in coperta si arma e disarma facilmente a mano, sia in acqua che a terra, senza richiedere l’uso della gru. La deriva mobile consente di tenere basso il baricentro sul rimorchio e un apposito golfare fissato all’interno della barca, la sospendita, permette il varo e l’alaggio in un paio di minuti anche a barca alberata.

Oggi il Fun è costruito dal cantiere Lillia di Musso (CO). Il prezzo di listino della barca nuova, pronta a regatare, è di circa 25000 euro esclusa IVA e vele. Usati in buone condizioni sono nell’ordine dei 7000 Euro, in ottime condizioni sui 12000. Barche senza gravi problemi che necessitano di un po’ di manutenzione si trovano a 4000-5000 euro.

Link: associazione italiana www.classefun.it – zona del Garda www.fungarda.it – cantiere costruttore www.lillia.it

Comments: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.