Tag name:Carlo Potestà

Carlo Potestà vince l’appello sulla squalifica alla Roma-Giraglia 2014

Qualcuno ricorderà che alla fine della Roma-Giraglia 2014 Carlo Potestà, primo in reale sul suo Elan 410 Phantomas, fu accusato dallo stesso CdR di aver acceso il motore durante la regata e di conseguenza squalificato, fu applicata la RRS 69, comportamento antisportivo. La vittoria fu assegnata a Matteo Miceli.

carlo potesta 01

Ora leggo su Facebook che l’appello è stato discusso, lo stesso Potestà scrive:

E’ un anno che sono tormentato da accuse infamanti sul comportamento antisportivo per aver usato il motore per vincere la Roma-Giraglia 2014 e secondo alcuni anche la Roma per 1 2014 e la Roma per 2 2013, questa solo in tempo compensato. La prima udienza, 29 giugno 2014, in cui prima i giudici mi propongono il ritiro e al mio rifiuto mi squalificano con applicazione della reg 69, alla mia richiesta di chiarimento, dicono e scrivono: lei non si preoccupi, lo sappiamo noi. Faccio subito richiesta di Appello a Genova, per fortuna nella FIV, Giuria d’Appello ci sono persone competenti che accolgono l’Appello, sentenziando non solo vizi procedurali ai giudici, ma anche mancanza del contraddittorio e doppia versione. Il 18 luglio è stata convocata l’udienza finale, praticamente è stata rifatta la prima udienza con procedure corrette e la presenza del giudice Michele Micalizzi, la sentenza ufficializzata ieri sera 23 luglio vede respinte le 3 testimonianze portate dal presidente del CdP, recepite le prove fotovideo e meteo, Zigrib e Lamma 3 km da me portate e altresì respinte le proteste perchè in mancanza di prove non ci sono fatti accertati. Scusate se Vi ho tediato, ma è un anno che aspetto questo momento, spero che i giornalisti diano lo stesso spazio a questa notizia di quello dato un anno fà, anche se i contenuti sono notevolmente cambiati.

Per correttezza va detto che la “sentenza” non scagiona completamente Potestà, è un po’ un’assoluzione per mancanza di prove. Quello che è certo è che il CDR ne esce malissimo per come ha gestito la protesta e tutta la situazione nel suo complesso.

Via | www.facebook.com

Roma-Giraglia 2014 – GiragliOne, squalifica per Potestà, vince Miceli

Carlo Potestà con Phantomas è arrivato primo in tempo reale ma è stato protestato (non ho capito se dalla stessa organizzazione della regata) per comportamento antisportivo, RRS 69, avrebbe acceso il motore. Mi chiedo se lo avessero piombato o meno, cosa che ricordavo una prassi nelle regate lunghe.

miceli giraglione

Primo al traguardo del GiragliOne in solitario risulta quindi Matteo Miceli (Eco 40), giunto alle 12:15:08 di sabato 28 giugno, che ha superato solo nella parte finale di questa combattutissima regata Mario Girelli (Patricia II), arrivato alle 12:20:20. Nel pomeriggio gli arrivi di Sergio Frattaruolo (Extreme Sail Academy) 14:07:57 che ha preceduto di nemmeno due minuti dopo una lunga rincorsa Riccardo Capociuchi (Gaiarda!!), arrivato alle 14:09:18. Oscar Campagnola ha chiuso le fila domenica mattina all”alba.

In compensato IRC il vincitore è invece Gaiarda!!, Riccardo Capociuchi, con al secondo posto Patricia II seguita dall”Eco 40 di Matteo Miceli.

Giraglione gaiarda

La Roma-Giraglia in equipaggio va a Diabolika (IRC) e a Nautilus X (ORC); la Per 2 (IRC) a Sventola.

(altro…)

Roma-Giraglia 2014 – Carlo Potestà vince il GiragliOne

[Aggiornamento di domenica 29 giugno] Carlo Potestà è stato squalificato per comportamento antisportivo (RRS 69, avrebbe acceso il motore durante la regata). La vittoria va a Matteo Miceli con il Class 40 Eco 40. [fine aggiornamento]

Alle 8:36 di questa mattina, sabato 28 giugno 2014, l’Elan 410 Phantomas di Carlo Potestà, dopo aver vinto la recente Roma x 1 e avar passato primo assoluto la Giraglia ha tagliato per primo anche il traguardo del GiragliOne, la Roma-Giraglia in solitario.

Carlo Potesta giraglione

Carlo Potestà, a causa della classica “caramella” allo spi, era partito in ritardo in fondo al gruppo ma è presto uscito dall’impasse e ha trovato la via d’uscita che solo lui conosce. Quasi tutti puntano l’Argentario, Phantomas invece su Giannutri, che lascia a dritta. Lontano da Giannutri, al largo del Giglio. La sua fuga per la vittoria la costruisce qui.

Stanco e bisognoso di una doccia rilassante. “Non ho dormito – è la prima cosa che dice dopo aver ormeggiato – e non capisco come mai. Nessun sonnellino, neanche per qualche minuto. Non ci sono riuscito. Ora devo andare a fare una doccia e poi voglio dormire”.

Ricostruiamo con lui la regata. Una partenza sbagliata?

(altro…)