Tag name:Film di vela

La Voce del Mare – Film sul rapporto che l’uomo ha instaurato con il mare

Da un’idea di Marco Simeoni, regia di Fabio Dipinto, La Voce del Mare è un film documentario (Italia, 83’) che intende raccontare, da diverse angolazioni e punti di vista, le emozioni universali e il rapporto che l’uomo ha instaurato con il mare.

La Voce del Mare film

Il film arriverà al cinema nelle principali città italiane a partire dal 10 Ottobre 2019 con movieday.it – la prima piattaforma italiana di film on demand nei cinema.

Perché da millenni l’uomo si relaziona in innumerevoli modi al mare? Qual è il filo invisibile che li tiene uniti? Partendo da queste domande il film dà vita a un percorso di ricerca nelle profondità dell’animo umano e del Grande Blu. Attraverso un lungo viaggio in barca a vela nel cuore del Mediterraneo e nei mari del Nord il docufilm vuole essere un inno d’amore verso il viaggiare lento e il costruire se stessi. Condotti da una misteriosa voce fuoricampo, numerosi personaggi a cui non scorre sangue ma acqua salata nelle vene – l’apneista Davide Carrera, lo scrittore Björn Larsson, il direttore d’orchestra Roberto Soldatini, il viaggiatore Stefano Tiozzo e molti altri – guideranno lo spettatore in profonde riflessioni sulla natura umana.

(altro…)

All Is Lost – Tutto è perduto – Il film con Robert Redford

Selezionato per partecipare fuori concorso al Festival di Cannes 2013, All Is Lost – Tutto è perduto (Titolo originale All Is Lost) è un film del 2013 scritto e diretto da J. C. Chandor. Interpretato unicamente da Robert Redford.

Immagine anteprima YouTube

Una mattina il protagonista si sveglia a causa di un colpo sordo, la sua barca, la Virginia Jean, ha urtato contro un container alla deriva e a causa di una falla nello scafo imbarca molta acqua. I sistemi di navigazione e di comunicazione sono stati danneggiati dall’impatto e si ritrova disperso in Oceano Indiano, a 1.700 miglia marine dallo stretto di Sumatra”.

Dopo qualche tentativo di chiudere la falla e far funzionare la radio una tempesta si abbatte su di lui, viene scaraventato in acqua ma riesce a risalire a bordo. Poi la barca si capovolge e perde l’albero. A quel punto è seriamente danneggiata e in fase di affondamento, così il protagonista decide di abbandonarla salendo su una zattera gonfiabile.

Da qui in poi mi fermo per rovinare la visione del film a chi ancora non lo avesse visto.

Una piccola curiosità su qual è la barca utilizzata nel film, è un Cal 39s della Cal Yachts (aka Jensen Marine). Per girare il film ne sono stati acquistati tre nel sud della California, costruiti nel 1978. Uno è stato utilizzato per il girato in mare aperto, un altro per le riprese interne e un terzo per gli effetti speciali. Le tre barche, battezzate Tahoe, Tenacious e Orion, hanno ricevuto una menzione speciale nei titoli di coda.

La frase iniziale recita “Mi dispiace. So che adesso questo significa ben poco, ma mi dispiace. Ci ho provato. Sarete tutti d’accordo che ci ho provato. A essere vero, a essere forte, a essere gentile, ad amare, a essere giusto. Ma non lo sono stato. Tutto è perduto.”

Nel 2014 la colonna sonora ha ricevuto una Nomination come Miglior montaggio sonoro a Steve Boeddeker e Richard Hymns agli Oscar, e un Golden Globes come Migliore colonna sonora a Alex Ebert.

“All Is Lost – Tutto è perduto” – in va onda in prima visione su Iris lunedì 25 aprile alle ore 21.00.

all is lost

Esense, una barca a vela protagonista al Festival Internazionale del film di Roma

locandina last summerIl 18 ottobre, nella sezione “Prospettive Italia” del Festival Internazionale del Film di Roma, sarà presentato Last Summer di Leonardo Guerra Seràgnoli, interamente girato sul 43 metri Esense di Wally.

La barca costruita interamente in carbonio dal marchio monegasco è un mix di eleganza, tecnologia e design. E’ unica al mondo anche nel design degli interni che porta la firma di Odile Decq (autrice del MACRO di Roma). A bordo di questo pezzo unico divenuto un’icona di design il regista Leonardo Guerra Seràgnoli ha girato Last Summer, il suo primo lungometraggio, scritto con il fumettista Igort, con la collaborazione di Banana Yoshimoto e prodotto da Elda Ferri, Luigi Musini, Essentia e dalla costumista premio Oscar Milena Canonero, con il finanziamento di Apulia Film Commission.

LA TRAMA – Il film racconta di una giovane donna giapponese che ha quattro giorni per dire addio al figlio di sei anni, di cui ha perso la custodia, a bordo dello yacht della facoltosa famiglia occidentale dell’ex-marito. Sola con l’equipaggio, che ha il mandato di sorvegliarla a vista, la donna affronta la sfida di ritrovare un legame col bambino prima di doversene separare per molti anni.

«Una barca come questa dà la dimensione di una prigione molto lussuosa sulla quale avviene il dramma della separazione. Mi piaceva il contrasto tra quell’atmosfera chic e la tragedia che avviene sotto la superficie della bellezza» dichiara Seràgnoli.

ESENSE, UN’OPERA D’ARTE SUL MARE – Esense è un Wally di 43 metri varato nel 2006 dal design innovativo sia in coperta sia negli interni, che unisce elementi vintage e contemporanei. Questo mega yacht rappresenta la quarta rivoluzione Wally che ha concepito e sviluppato il progetto, coinvolgendo Bill Tripp per progettare le linee idrodinamiche, mentre l’interior design è opera dell’archistar francese Odile Decq, autrice del MACRO di Roma, alla prima esperienza nello yachting.

Info su www.facebook.com

In solitario – Film 2013 con Christophe Offenstein

In solitario (titolo originale En Solitaire) è un film del 2013 diretto da Christophe Offenstein con protagonisti principali Christophe Offenstein (Quasi Amici) e Samy Seghir. Nei “cinemi” italiani a partire dal 21 novembre 2013.

Immagine anteprima YouTube

Offenstein interpreta Yann Kermadec, un velista che vede il suo sogno realizzarsi quando si ritrova improvvisamente a dovere sostituire un altro skipper alla partenza del Vendée Globe. Dopo alcuni giorni di gara Yann è costretto ad una sosta per riparare il timone danneggiato.

Quando riparte si ritrova con un clandestino a bordo, Mano Ixa, interpretato da Samy Seghir. Un ragazzo originario di Nouakchott, in Mauritania, abbandonato dai contrabbandieri su un’isola delle Canarie che ha intenzione di raggiungere la Francia per trovare uno specialista nel trattamento di problemi respiratori e diventare un calciatore professionista.

(altro…)