Tag name:Marco Rossato

Cambio rotta: Io e Muttley 1648 miglia sotto costa in cerca di porti senza barriere

Marco Rossato Simona Merlo Cambio RottaIl viaggio in solitario su Foxy Lady, un trimarano a vela di 8 metri, di Marco Rossato, velista disabile, che ha percorso 1648 miglia lungo le coste italiane, accompagnato solamente dal suo inseparabile cagnolino Muttley, è il racconto di una splendida avventura, ma anche un invito a lottare per ciò che si desidera veramente.

A parlarne con Marco Rossato in “Cambio Rotta. Io e Muttley 1648 miglia sotto costa in cerca di porti senza barriere” (Mursia, pagg. 242 con inserto fotografico, Euro 17,00) la giornalista e scrittrice Simona Merlo che dichiara: “Marco ha trascorso oltre cinque mesi in mare su un trimarano costruito in realtà per i laghi del Nord Europa e non per i mari italiani, fluttuando sull’acqua con la sola compagnia dell’inseparabile meticcio Muttley, con i campioni degli agenti inquinanti da prelevare, l’accessibilità dei porti da controllare, la presenza di plastica da documentare, le condizioni atmosferiche da monitorare… insomma un matto, una persona forse fin troppo modesta o, forse, un supereroe mascherato nato per le sfide, un uomo che ha scelto di vivere il mare ed ha fatto della vela la sua passione, che ha seguito la sua sofferenza, l’ha smontata ed ha scelto che tipo di persona sarebbe stata da quel preciso momento in poi.”

Partito dall’Arsenale di Venezia il 22 aprile 2018, Marco ha concluso il suo itinerario a Genova il 22 settembre 2018, rivelando una grande forza di volontà e di adattamento.

“I miei amici esperti di vela continuano a ripetermi quanto sia stato bravo, per me però è stato come sempre, uscire al mattino in barca a vela e rientrare alla sera, l’unica differenza l’ha fatta la durata. Certo i momenti duri non sono mancati, come quando cercavo di raccogliere l’acqua piovana con metodi di fortuna durante le giornate di pioggia, ma ora sto già preparandomi per il mio nuovo viaggio”, commenta Marco Rossato, “Prima però voglio ringraziare tutti coloro che mi hanno accompagnato in questa avventura ad iniziare dagli sponsor B.Braun, Armare Ropes, Raymarine, alle associazioni che mi hanno dato il loro supporto come la Lega Navale Italiana sezione di Padova, il Comitato Italiano Paralimpico, il CONI, la Federazione Italiana Vela, l’Associazione Nazionale Marinai d’Italia, un grazie speciale va anche alla Marina Militare ed alla Guardia Costiera ma anche e soprattutto a tutti coloro che mi hanno accolto con calore nei porti dandomi forza con i loro affetto.”

Marco, insieme a Muttley, ha percorso sessanta tappe intorno alla Penisola navigando entro le sei miglia, un giro lungo ma necessario per poter parlare di un mondo della vela aperto a tutti, dei diritti delle persone con disabilità, della patente nautica, dell’allarmante livello di inquinamento dei mari e degli oceani, dell’accessibilità dei porti italiani.

Marco-Rossato e Muttley su Foxy Lady

L’impresa di Marco rientra all’interno del progetto TRI Sail4All che ha come obiettivo quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema delle microplastiche presenti anche nei nostri mari e soprattutto quello di spingere le aree portuali e cantieristiche ad offrire nuove opportunità a tutte quelle persone con difficoltà motorie più o meno gravi.

Marco Rossato

Marco Rossato è nato nel 1974 a Vicenza dove vive. S’innamora del mare nel 1998 quando al largo delle coste cubane riceve il suo battesimo in barca a vela. Nel 2001 un incidente in moto lo costringe sulla sedia a rotelle ed al contempo segna un punto di svolta nella sua carriera da velista. Istruttore di vela per oltre dodici anni, agonista, a quarant’anni inizia questa nuova avventura che ha come obiettivo finale quello di attraversare l’Atlantico in barca a vela in solitaria: tornare ai Caraibi non è più solo un sogno.

Simona Merlo

Simona Merlo è nata a Palermo nel 1977 e vive a Siena. Laureata in Scienze della Comunicazione nel 2003, è giornalista dal 2008. Dal 2014 ad oggi ha pubblicato numerose poesie, short stories, racconti ed il romanzo noir SessantunoChiodi. Mistero e morte in Toscana (2015).

Cambio rotta: Io e Muttley 1648 miglia sotto costa in cerca di porti senza barriere è disponibile su Amazon a 9,99 Euro per il formato Kindle e a 14,99 con copertina flessibile.

Marco Rossato al Circolo della Vela Mestre

TRI è un obiettivo di Marco Rossato ed è frutto di anni d’esperienze velistiche svolte fra mare e lago. Il progetto viene supportato dalle associazioni Sailability Onlus di cui è a capo e fondatore dal lontano 2005 e da molte altre sparse fra l’Italia, Francia, Spagna, Svizzera e USA.

TRI è un sogno nato nel lontano 1998 e che oggi, dopo anni di esperienza trova finalmente modo di prendere vita e trasmettere così un messaggio. Le regole del mare vanno riscritte.

Giovedì 7 settembre 2017 Marco Rossato sarà alla sede del Circolo della Vela Mestre a San Giuliano per presentare il suo progetto.

My dream is tri – Il progetto Atlantico di Marco Rossato

My dream is tri è un progetto di Marco Rossato la cui fase finale prevede la traversata dell’Atlantico in solitario su un’imbarcazione di oltre 13 metri governabile in totale autonomia da una persona in sedia a rotelle.

progetto-mytri-marco-rossato

Il progetto si sviluppa in tre fasi, la prima è dedicata alla costruzione o, meglio, alla modifica di un trimarano Dragonfly che permetta a Marco di gestirlo in completa autonomia. Con questo compiere il periplo del nostro “stivale” in 8 tappe, con partenza dalla Liguria e soste presso le Marine Militari e nei porti dove sono presenti circoli ed associazioni con le quali ha stretto amicizia negli anni. L’arrivo a Trieste, per essere presente, nell’ottobre del 2018, alla 50ª edizione della Barcolana.

Da Trieste partirà alla volta di Genova per poi dirigersi verso lo Stretto di Gibilterra e raggiungere Tenerife, dove sostera qualche giorno in attesa di partire per la fase finale del progetto TRI, ovvero la traversata Atlantica in solitario, mia meta d’arrivo la Florida.

Il viaggio avrà inizio nell’estate del 2019, per raggiungere Tenerife a novembre, mese in cui le condizioni meteo sembrano essere ottimali per compiere la traversata.

(altro…)