Mascalzone Latino vince la Rolex Middle Sea Race 2016

ottobre 27, 2016 | By Mistro
0

Mascalzone Latino, il Cookson 50 di Vincenzo Onorato che regata con i colori dello Yacht Club de Monaco, ha vinto la 37ma Rolex Middle Sea Race, che nella flotta IRC contava ben 94 partenti.

Rolex Middle Sea Race 2016 31

Rolex Middle Sea Race 2016 31
Immagine 1 di 71

Un primo grande trionfo per l’equipaggio che regata su questa barca da un paio di stagioni, nel corso delle quali hanno preso parte sempre e solo alle due classiche del Mediterraneo: la Giraglia Rolex Cup e la Rolex Middle Sea Race, sfiorando proprio a Malta nel 2015, per soli 9 secondi in tempo corretto, la vittoria in IRC.

Il tempo è di 3 giorni, 3 ore, 8 minuti e 3 secondi in tempo reale, pari a 4 giorni, 6 ore, 56 minuti e 1 secondo in tempo corretto, per un totale di 641 miglia navigate effettivamente. Prima di dichiarare ufficialmente la vittoria è stato necessario accertarsi dell’impossibilità di essere superati all’ultimo dagli avversari più temibili di questa regata, Artie e Foggy Dew, due imbarcazioni di Class 5 e 6 che hanno impiegato un giorno in più per completare il lungo percorso della Middle Sea, caratterizzato dal periplo completo della Sicilia e degli arcipelaghi che la circondano, con partenza e arrivo dal porto de La Valletta a Malta, ma che sino a Favignana avevano marcato molto stretto i Mascalzoni nella classifica generale.

Primo assoluto in tempo reale e tra i Multiscafi il trimarano Maserati, Multi 70 di Giovanni Soldini. Primo in tempo reale tra i monoscafi Rambler 88 di George David, con a bordo anche gli italiani Lorenzo Mazza e Silvio Arrivabene.

Hanno fatto parte dell’equipaggio di Mascalzone Latino, vincitore alla 37ma Rolex Middle Sea Race: Matteo Savelli, Marco Savelli, Adrian Stead, Lorenzo Bressani, Branko Brcin e Ian Moore nell’afterguard, insieme a Leonardo Chiarugi, Andrea Ballico, Pierluigi De Felice, Daniele Fiaschi, Stefano Ciampalini e Davide Scarpa.

Vincenzo Onorato, armatore di Mascalzone Latino, che per impegni di lavoro ha dovuto rinunciare a prendere parte alla regata all’ultimo minuto, ha dichiarato: “Lo stesso equipaggio da oltre trent’anni. Abbiamo portato a casa 6 titoli mondiali, non so quanti europei, vinto grandi classiche come la Key West Race Week, la Tre Golfi, la Coppa del Re, la Giraglia Rolex Cup, il Trofeo Zegna, la Block Island Race Week ed ora la Rolex Middle Sea Race, nuovo ma non ultimo orgoglio di Mascalzone Latino”.

I commenti dell’equipaggio

Matteo Savelli, co-skipper e afterguard: “L’anno scorso per soli 9 secondi abbiamo sfiorato la vittoria, ma dentro di noi avevamo rimandato tutto a quest’edizione. È andato tutto perfettamente, tutti i ragazzi dell’equipaggio hanno fatto un ottimo lavoro. Da Capo Passero a Trapani avremo fatto 20 cambi di vele di prua per sfruttare tutti i cambiamenti del vento, il tutto senza alcun genere di intoppo. La velocità della barca, dopo tutti i lavori svolti durante l’inverno per migliorarne le performance, hanno dato i frutti sperati. E le indicazioni strategiche di Ian, nostro navigatore, sono state azzeccate. Non poteva andare meglio di così. L’unico dispiacere è non aver avuto Vincenzo a bordo”.

Adrian Stead, tattico (GBR): “È stata una Middle Sea Race complicata, ma sono molto soddisfatto del lavoro svolto dalla squadra di Mascalzone Latino. Eravamo molto concentrati nel mantenere la barca veloce e nel toglierci rapidamente da situazioni difficili. I ragazzi hanno fatto un ottimo lavoro nel cercare di ottenere sempre la massima velocità dalla barca, nel cambiare vele e modificare le regolazioni a seconda dei cambiamenti di intensità e di direzione del vento. Ci sono stati molti momenti importanti nel corso della regata ma, probabilmente, quello chiave si è verificato sabato notte, con il passaggio dalla brezza proveniente da est, che soffiava a nord della Sicilia, al forte vento di sud-est nella zona di Trapani. Abbiamo prima operato una scelta strategica verso nord, ma successivamente abbiamo ripreso una rotta più vicina alla costa avendo visto altre barche posizionarsi nelle nostre vicinanze. Abbiamo lottato fino all’ultimo, cambiando vele per far avanzare la barca. Arrivati a terra, siamo stati seduti a osservare sugli schermi dove si trovavano le piccole barche. Eravamo perfettamente consapevoli di doverci procurare più vantaggio possibile – l’equipaggio sa bene che si può perdere questa regata per pochi secondi. Siamo stati fortunati ad avere barche più grandi vicine nelle ultime 400 miglia di regata: rispetto alla nostra, Wild Joe è più lunga di 4 metri ed è più veloce, perciò cercare di tenere il suo passo ci ha fatto dare il massimo in navigazione. Ian Moore ha fatto delle eccellenti chiamate e ha fatto sì che dessimo il meglio in termini di performance e scelta di rotta”.

Ian Moore, navigatore (GBR): “Dopo essere arrivati così vicini alla vittoria l’anno scorso, la sensazione era di non aver completato del tutto il lavoro. D’altra parte, le performance del passato non sono garanzie per un futuro successo! A questo giro sapevamo tutti che se avessimo voluto avere una chance concreta per vincere questa regata avremmo dovuto navigare veramente bene e avere un pizzico di fortuna con il meteo: dal canto loro i ragazzi hanno fatto un lavoro straordinario. Ma sappiamo che, in queste regate, prima di gioire bisogna attendere l’arrivo degli scafi più piccoli. C’è da dire inoltre che Matteo, Marco, Davide e Daniele hanno fatto un grande lavoro nello scorso inverno nel fare dei miglioramenti sulla barca: differenze che abbiamo facilmente riscontrato con le nuove vele e attrezzature.”

Lorenzo Bressani, afterguard (ITA): “È stato per me un grande piacere regatare ancora con il team Mascalzone Latino. In passato avevo già navigato in diverse in-port race con ciascuno dei ragazzi dell’equipaggio, ma sono rimasto davvero impressionato su come hanno affrontato la regata i due anglosassoni a bordo: Adrian Stead, ma soprattutto il navigatore, Ian Moore. Nella mia carriera ho preso parte a molte regate lunghe sia nel ruolo di responsabile della ricerca della velocità della barca che delle scelte tattiche. In questo caso, avendo a bordo uno dei migliori navigatori del mondo, ho ritenuto più producente lasciarmi “guidare” per le 600 miglia del percorso senza condizionare i “piani” di Ian, concentrandomi quindi sul far correre la barca il più possibile. Questo, unito alla passione e grinta che hanno tutti gli altri ragazzi, ci ha permesso di portare a casa a questo importante risultato. Mi è dispiaciuto che Vincenzo non abbia potuto essere a bordo con noi e lo ringrazio per questa opportunità”.

Pierluigi De Felice, trimmer (ITA): “È stata certamente una bellissima regata, dove abbiamo navigato veramente bene sia dal punto di vista della performance della barca che durante tutte le transizioni dei venti nello stretto di Messina, girando Stromboli e San Vito Lo Capo. Tutti gli upgrade della barca e delle vele sono stati ottimi”.

Link www.mascalzonelatino.it e www.rolexmiddlesearace.com – Foto Rolex/Kurt Arrigo

Comments: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.