Tag name:AC75

America’s Cup – Pubblicata la AC75 Class Rule

Il Royal New Zealand Yacht Squadron e il Circolo della Vela Sicilia, insieme ai loro rispettivi team, Emirates Team New Zealand e il Challenger of Record – Luna Rossa, hanno pubblicato l’AC75 Class Rule per la 36a America’s Cup.

America-s Cup AC75 04

America-s Cup AC75 04
Immagine 1 di 10

La AC75 Class Rule definisce i parametri entro i quali i team possono progettare una barca idonea a competere nella 36° America’s Cup. Regola tutti gli aspetti dell’imbarcazione per garantire regate giuste ed emozionanti, lasciando allo stesso tempo ampia libertà per l’innovazione.

Lo sviluppo della Class Rule è stato un processo di quattro mesi guidato da Emirates Team New Zealand, in collaborazione con Luna Rossa Challenge.

“Siamo lieti di pubblicare la Regola di Classe in tempo secondo il Protocollo. È stata una collaborazione dettagliata con il Challenger of Record su tutti gli aspetti, incluso il design e le parti fornite. Riteniamo di aver svolto un ottimo lavoro contenendo i costi su alcuni aspetti, lasciando al contempo aperta la regola affinché l’America’s Cup continui come forza trainante dell’innovazione e della tecnologia nella vela”, ha dichiarato Dan Bernasconi, Design Coordinator di Emirates Team New Zealand.

I punti salienti della regola di classe AC75 includono:

  • Limitazioni rigorose sul numero di componenti che possono essere costruiti compresi scafi, alberi, timoni, foil e vele, incoraggiando così i team a fare più ricerca e sviluppo nella simulazione e successivamente meno costruzione e test fisici;
  • Foil e chiglie basculanti saranno uguali per tutti i partecipanti, al fine di risparmiare tempo di progettazione e costi di costruzione;
  • Anche il sartiame sarà fornito uguale per tutti;
  • L’albero della barca sarà monotipo e uguale per tutti.

Inoltre la nuova randa ad ala morbida che è stato sviluppata per la Regola di Classe Ac75 dovrebbe avere in futuro una ricaduta importante su altre tipologie di imbarcazioni.

Si potranno costruire massimo due scafi la cui progettazione è libera nell’ambito di parametri stabiliti dalla regola di Classe. Una barca può essere in seguito modificata al massimo per il 25 per cento della sua superficie. Saranno libere la realizzazione dei timoni e delle vele sempre nell’ambito di parametri che indicano un valore minimo e uno massimo.

Link per scaricare la AC75 Class Rules

America’s Cup – Pubblicato il concept della AC75

Sono stati pubblicati i concept di quella che sarà la AC75, la barca con la quale si disputerà la America’s Cup 36. Come anticipato sarà un monoscafo full foiling ad altissime prestazioni.

America-s Cup AC75 01

America-s Cup AC75 01
Immagine 1 di 10

I team di design di Emirates Team New Zealand e Luna Rossa hanno trascorso gli ultimi quattro mesi valutando un’ampia gamma di ipotesi di monoscafo. I loro obiettivi sono stati quello di progettare una classe che sia stimolante e impegnativa da portare, premiando il massimo livello di abilità per gli equipaggi; questa idea di barca potrebbe diventare il futuro delle corse e persino dei monoscafi da crociera oltre all’America’s Cup.

L’AC75 combina altissime prestazioni e grande competizione con la sicurezza di una barca che si può raddrizzare in caso di rovesciamento. Il concetto rivoluzionario è ottenuto mediante l’utilizzo di due foil a T inclinati, zavorrati per fornire il momento di raddrizzamento durante la navigazione e la stabilità a basse velocità.

La modalità di navigazione normale vede il foil di sottovento abbassato per fornire il sollevamento e consentire il volo, con il foil al vento sollevato, fuori dall’acqua, per massimizzare il braccio di leva di zavorra e ridurre la resistenza. In pre-partenza e durante le manovre, entrambe i foil possono essere abbassati per fornire un extra di sollevamento e controllo sul rollio, utile anche in condizioni di mare più difficili, fornendo una finestra più ampia di condizioni per regatare.

(altro…)

Annunciato il Protocollo della 36° America’s Cup

Auckland (Nuova Zelanda), 29 settembre 2017 – A seguito della vittoria di Emirates Team New Zealand nella Coppa America a Bermuda e dopo un periodo di approfondite e amichevoli negoziazioni tra il Defender e il Challenger of Record – Circolo della Vela Sicilia -, il Protocollo della 36^ America’s Cup è stato reso pubblico oggi nella sede del Royal New Zealand Yacht Squadron.

Questo Protocollo intende riportare l’America’s Cup ai valori originali del Deed of Gift (“challenge perpetuo per una competizione amichevole tra nazioni”) e ha inoltre lo scopo di porre l’America’s Cup all’avanguardia della tecnologia, di ispirare tutti gli appassionati di sport e di essere un elemento di coesione per la comunità velica a livello mondiale.

Grant Dalton – CEO di Emirates Team New Zealand – ha illustrato il Protocollo in diretta Facebook, evidenziando tempistiche e regolamenti con cui la prossima America’s Cup sarà disputata.

“E’ per me un grande onore presentare il nuovo Protocollo“ ha dichiarato Dalton. “Dal momento in cui abbiamo vinto la Coppa ci siamo sentiti investiti della responsabilità di pubblicare questo documento nel più breve tempo possibile per fornire i dettagli necessari affinché i potenziali team potessero porre le basi per una futura sfida”.

(altro…)