Il Regno Unito mette al bando le microplastiche nei cosmetici

gennaio 11, 2018 | By Mistro
1

Hai presente quelle microsfere di plastica del dentifricio che ti danno quella bella sensazione di pulito quando ti lavi i denti? Ecco, smetti di comprarli perché inquinano i nostri amati mari.

Nel Regno Unito infatti è entrato in vigore il divieto di fabbricazione di cosmetici e prodotti per la cura della persona contenenti questi piccoli pezzi di plastica, noti anche come microperle o microgranuli. La mossa è finalizzata a proteggere l’ambiente marino da una fonte di inquinamento plastico, poiché le microsfere possono raggiungere i mari e essere inghiottite da pesci e crostacei con effetti potenzialmente dannosi.

I produttori di cosmetici e prodotti per la cura della persona non potranno aggiungere i minuscoli pezzi di plastica ad articoli come scrub viso e corpo, dentifrici e gel doccia. Questo divieto sarà seguito da quello di vendita dei medesimi prodotti.

Il ministro dell’Ambiente Therese Coffey ha dichiarato: “I mari e gli oceani del mondo sono tra i nostri beni naturali più preziosi e sono determinato a intervenire ora per combattere la plastica che devasta la preziosa vita marina. Le microparticelle sono del tutto inutili quando ci sono così tante alternative naturali disponibili e sono lieto che da oggi i produttori di cosmetici non saranno più in grado di aggiungere questa plastica dannosa ai loro prodotti.”

“Ora abbiamo raggiunto questo importante traguardo, esploreremo come estendere il divieto a livello mondiale e affrontare altre forme di rifiuto in plastica”. Il dott. Sue Kinsey, alto funzionario dell’inquinamento presso la Marine Conservation Society, ha accolto con favore il divieto, che a suo dire è stato il più forte e completo al mondo. “Riteniamo che questo segnali un reale impegno da parte di questo governo a ripulire i nostri mari e spiagge e speriamo che questo sia un primo passo per ulteriori azioni volte a combattere i rifiuti di plastica”.

La laburista Mary Creagh, presidente della commissione parlamentare di controllo ambientale, che aveva chiesto il divieto, ha affermato che si tratta di un passo nella giusta direzione, ma occorre fare ancora di più. “I nostri mari sono soffocati da enormi quantità di microplastiche inquinanti, che assorbono sostanze chimiche, vengono mangiati dalla fauna selvatica e entrano nella catena alimentare. Le microsfere nei cosmetici sono una parte evitabile del problema, motivo per cui abbiamo chiesto un divieto”.

Ha inoltre aggiunto: “Da quando abbiamo chiesto un divieto, la mia commissione ha anche raccomandato un sistema di restituzione dei depositi per le bottiglie di plastica, un prelievo per le tazze di caffè rivestite di plastica e riforme per rendere i produttori responsabili per il loro imballaggio”

Comments: 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *