Tag name:record

L’onda significativa più alta mai registrata

Un comitato di esperti della World Meteorological Organization ha stabilito che l’onda dall’altezza significativa più alta mai registrata è stata misurata da una boa in Nord Atlantico.

Era alta 19 metri ed è stata registrata da una boa automatizzata alle 0600 UTC del 4 febbraio 2013 tra l’Islanda e il Regno Unito (circa 59° N, 11° W). E’ stata causata dal passaggio di un forte fronte freddo che sulla zona ha prodotto venti fino a 43,8 nodi.

L’altezza delle onde è definita come la distanza tra la cresta di un’onda e il cavo della successiva. Il termine “altezza significativa delle onde” indica la media più alta di un terzo di quelle misurate da uno strumento, ed è paragonabile a quello che un osservatore vedrebbe come media di circa 15-20 onde ben formate su un periodo di circa 10 minuti.

Il precedente record di 18.275 metri è stato misurato l’8 dicembre del 2007, sempre in Nord Atlantico. Il Comitato era composto da scienziati provenienti da Regno Unito, Gran Bretagna, Canada, Stati Uniti d’America e Spagna.

Via | public.wmo.int

Vendee Globe – In tre battono il record del passaggio del Capo di Buona Speranza

vendee-tracking-25-11-2016

25 novembre 2016 – Con Sébastien Josse su Edmond de Rothschild, che ha passato la longitudine del Capo di Buona Speranza oggi alle alle 00:44 GMT, sono ben tre gli skipper (tutte e tre con barche dotate di foil) di questa edizione del Vendee Globe ad aver abbondantemente superato il precedente tempo di riferimento per questo passaggio, 22 giorni 23 ore e 46 minuti, stabilito da Armel le Cléac’h nel 2012.

Il primo è stato Alex Thomson con un tempo 17 giorni, 22 ore e 58 minuti, sbriciolando di record di 5 giorni e 48 minuti. Il secondo lo stesso ex detentore Armel le Cléac’h, con 18 giorni, 3 ore e 32 minuti, 4 ore e 32 minuti in più di Alex Thomson. E Sébastien Josse, con un tempo di 18 giorni, 12 ore e 42 minuti, 13 ore e 44 minuti dopo il leader della regata, partita il 6 Novembre da Les Sables d’Olonne.

(altro…)

Team Malingri da Marsiglia a Cartagine in 42 ore e 54 minuti

Ci sono tanti modi di battere un record: arrivare al traguardo sul filo dei minuti o dei secondi, oppure, se si appartiene al Citroën Unconventional Team, “tirare giù” quasi undici ore rispetto al record precedente.

Malingri record 2016 01

Malingri record 2016 01
Immagine 1 di 5

E’ così che Team Malingri, cioè Vittorio e Nico Malingri, a bordo di Feel Good (Citroën), hanno attraversato il Mediterraneo da Marsiglia a Cartagine in 42 ore e 54 minuti, impiegando 10 ore e 58 minuti in meno rispetto al tempo di riferimento.

Feel Good è il nome del catamarano di 6,5 metri, senza ripari fissi, di loro progettazione, che è stata per quasi due giorni la loro unica casa, il solo riparo in condizioni meteo estreme, con più di 30 nodi di vento e onde di 4 metri.
D’altronde, questo è il fascino dell’ Extreme-Sailing: da una parte il fascino della navigazione a vela, fatto di tempi e spazi infiniti da riempire con i propri pensieri, circondati da suoni ancestrali quasi dimenticati; dall’altra parte l’impresa sportiva, spingere il mezzo sempre più veloce in condizioni estreme, alla ricerca del limite da spostare ogni volta un po’ più in là, pensando già alla prossima avventura.

Il WSSR ratifica il record di velocità a vela in solitario sulle 24 ore di Macif

Il World Sailing Speed Record (WSSR) Council ha annunciato la ratifica del nuovo record di velocità sulle 24 ore per un solitario.

trimarano macif gabart 03

Macif, Timarano di 30 metri condotto dallo skipper francese Francois Gabart dalle 19.20 del 2 luglio alle 19.20 del 3 luglio 2016 ha percorso 784 miglia nautiche nelle 24 ore ad una media di 32.67 nodi.

Il record precedente era di Thomas Coville, francese anche lui, sul trimarano di 120 piedi Sodebo4. In giugno Coville aveva percorso 718 miglia ad una media di 32.67 nodi.

(altro…)

Comanche batte il record di traversata Atlantica

comanche record atlantico 2016 02

Alle 12:19:41s GMT di oggi, giovedì 28 luglio 2016, Comanche ha passato Lizard Point (UK) per completare le 2.880 miglia nautiche da Ovest a Est attraverso l’Atlantico e ha polverizzato il record di attraversata per un monoscafo. Record che apparteneva a Mari Cha IV fin dal 2003 e che era di 6 giorni 17 ore 52 minuti e 39 secondi.

comanche record atlantico 2016 01

L’equipaggio di velisti di livello mondiale a bordo della barca di Jim e Kristy Clark con un tempo di 5 giorni, 14 ore, 21 minuti 25 secondi ha battuto il precedente record di 1 giorno, 3 ore 31 minuti 14 secondi. La loro media è stata di 21.44 nodi.

Il Comanche è un 100 piedi commissionato da Jim Clark, ex proprietario di Silicon Graphics e Netscape, al cantiere Hodgdon Yachts. E’ stato progettato da Guillaume Verdier in collaborazione con VPLP Design senza pensare al rating ma esclusivamente in funzione della velocità. Lo skipper è Ken Read.

Via | Facebook

Motonautica – Nuovo record Montecarlo-Venezia

Martedì 12 luglio 2016, l’equipaggio capitanato dall’imprenditore Fabio Buzzi e composto da Mario Invernizzi, Antonio Binda, Eric Hoorn, Stefano Gibelli, è riuscito nell’impresa di stabilire il nuovo record nella tratta Montecarlo – Roccella Jonica – Venezia.

Il precedente primato, stabilito da Mario Invernizzi nel settembre 2011 con l’imbarcazione da competizione “KeraKoll” era di 22 ore 13 minuti e 17 secondi. A cinque anni di distanza, con il tempo di 22 ore 5 minuti e 42 secondi, l’imbarcazione FB60 (un 18 metri, progettato per operazioni di salvataggio e controllo marittimo con 2 motori MTU da 1600 hp) prodotto dal cantiere nautico FB Design è riuscita ad abbassare il primato di 7 minuti e 35 secondi, con una media di 52.3 nodi, pari a 97 km/h.

La traversata ha preso il via lunedì 11 luglio 2016 alle ore 9:52:47 da Montecarlo ha effettuato un solo rifornimento in Calabria, nel Porto delle Grazie di Roccella Jonica, posto esattamente a metà dell’intero percorso, ed è terminata martedì 12, alle 7:58:30 presso la bocca di porto del Lido di Venezia, su di un mare assai mosso, nelle ultime 100 miglia del nord Adriatico.

(altro…)

Comanche stacca il record sulle 24 ore

Comanche test 2014 03

Comanche test 2014 03
Immagine 1 di 6

Comanche, il supermaxi di 100 piedi dello skipper Ken Read, con 618 miglia ha stabilito il nuovo record di distanza nelle 24 ore per un monoscafo, media 25.75. Il record precedente era stato stabilito dal VOR70 Ericsson 4 (skipper Torben Grael) durante la prima tappa della Volvo Ocean Race 2008-09, 596 miglia ad una media di 24.85 nodi.

Il tempo è stato staccato durante la Trans Atlantic Race.

E’ attesa la ratifica da parte del World Speed Sailing Council.

Varato verso la fine del 2014, Comanche è stato progettato da Guillaume Verdier in collaborazione con VPLP Design per Jim Clark e Kristy Hinze-Clark.

Il 20 luglio il WSSR Council ha annunciato la ratifica del record:

Record: Monohull24 hour record
Yacht: “Comanche” 100 ft Monohull
Name: Ken Read USA and 20 crew
Dates:.10th to the 11th July 2015.
Start time: 05.30 on 10/07/15
Start position: 43.62228N. 40.6599W
Finish time: 0530 0n 11/07/15
Finish position: 44.79027N. 26.3646W
Elapsed time: 24 hours.
Distance: 618.01 M
Average speed: 25.75 kts

Via | www.transatlanticrace.org

Guinness World Record – Robert Suhay, 346 miglia su un Laser

Robert Suhay 01

Robert Suhay (USA) ha completato il suo tentativo di stabilire un nuovo Guinness World Record per la maggior distanza percorsa senza assistenza su una deriva. Dopo il varo del suo Laser dalla banchina del Sail Carteret Sailing Club di Morehead City, NC il 30 giugno alle 06:00, Suhay, 52 anni, è approdato ai moli della Severn Sailing Association ad Annapolis, MD il 4 luglio alle 00:08.

Durante il percorso non gli era permesso di toccare terra o ricevere qualsiasi tipo di aiuto.

Suhay si è preso solo una pausa di sonno nella notte del 2 luglio, pausa durante la quale secondo comitato che deve autenticare il record ha toccato terra. Lui sostiene invece trattarsi solo di un basso fondale, la prova sarebbe che secondo il tracker GPS la barca non ha mai smesso di muoversi (in circolo).

La distanza totale percorsa è di 346.1 miglia ma nel caso venisse ratificata la distanza solo fino al “pisolino”, con 295.3 miglia, sarebbe comunque record. Il precedente record, detenuto sempre da Suhay, è infatti di 283.5 miglia.

Il Laser di Robert Suhay si chiama Insomnia

www.robertsuhay.com

Lüderitz Speed Challenge 2014 – Chris Ballois battute il record di velocità per riders disabili

23 Ottobre 2014, Lüderitz, Namibia, un giorno che passerà alla storia come quello in cui il Kite surfer francese Chris Ballois ha battuto il record mondiale di velocità per riders disabili, ratificato dal WSSRC (world speed record council) e ISAF-IFDS.

Immagine anteprima YouTube

In soli 25 nodi di vento medio e dopo aver raggiunto i 39.14 nodi di velocità nella primissima prova, Chris nel secondo tentativo ha battuto il record con una media di 42.94 nodi (80 kmh!) di media sui 500 metri.

La sua passione per lo sport lo ha motivato ad acquisire le competenze, la forza, la condizione fisica e mentale per raggiungere velocità che molti kite surfers non disabili possono solo sognare.

Sono previsti “buoni venti” anche per i prossimi giorni e se Chris continua con le sue performance attuali può ripetersi e battere se stesso.

www.luderitz-speed.com