Tag name:giovanni soldini

Maserati e Giovanni Soldini, da Hong Kong a Londra ripercorrendo la Rotta del Tè

Modena, 10 novembre 2017 – Un nuovo record da battere per Maserati Multi70 e Giovanni Soldini: dopo aver conquistato quello sulla “Rotta dell’Oro” da New York a San Francisco e quello sulla “Rotta del Tè” da San Francisco a Shanghai, è la volta di ripercorrere le vie dei Clipper di fine Ottocento, che portavano i carichi di Tè da Hong Kong a Londra, passando per il Capo di Buona Speranza.

MOD 70 Maserati skippered by Giovanni Soldini shot offshore Porquerolles island during training. Photo Guilain Grenier

Il record è attualmente di 41 giorni, 21 ore, 26 minuti e 34 secondi, conquistato da Lionel Lemonchois con 9 membri di equipaggio nel 2008 a bordo del catamarano di 100 piedi Gitana 13. Giovanni Soldini proverà a superarlo il gennaio prossimo con quattro esperti velisti oceanici del Team Maserati Multi70:

Sébastien Audigane (FRA),
Guido Broggi (ITA),
Oliver Herrera (SPA)
Alex Pella (SPA).

(altro…)

Maserati Multi70 – Ready for the next fly

Spesso sui forum o sui gruppi di vela nei social network si legge che l’Italia non è un paese pronto, che guarda solo al calcio, che le aziende miopi non investono soldi nelle imprese veliche. Le aziende però non sono enti di beneficenza e investono in chi è in grado di garantirgli un corposo ritorno di immagine.

Infatti Soldini, grande velista ma anche grandissimo comunicatore, gli sponsor per le sue imprese li trova. E li trova perché è in grado di produrre anche video come questo…

Giovanni Soldini ha presentato il programma 2016 di Maserati Multi70

Giovedì 30 giugno 2016 – E’ stato presentata ieri allo Yacht Club di Monaco la stagione sportiva 2016 di Maserati Multi70.

Immagine anteprima YouTube

Dopo un triennio con il monoscafo Maserati VOR70 Soldini e il suo team saranno a bordo di Maserati Multi70: un trimarano progettato dallo studio VPLP (Van Peteghem Lauriot-Prévost) e ottimizzato da Team Gitana in collaborazione con Guillaume Verdier. Lungo 21.2 metri, largo 16.8 metri e con un albero alto 29 metri, Maserati Multi70 può sollevarsi sull’acqua appoggiandosi esclusivamente sui foil e sui timoni, riducendo notevolmente la superficie bagnata a beneficio delle performance.

La stagione 2016 prevede tre appuntamenti: il tentativo di record Monaco-Porto Cervo, la Rolex Middle Sea Race e la RORC Transatlantic Race. Tutte le competizioni in programma per il 2016 saranno un momento di confronto e di sviluppo tecnologico per questo tipo d’imbarcazione.

Immagine anteprima YouTube

A settembre Maserati Multi70 sarà in stand-by a Montecarlo in attesa della finestra meteo ideale per tentare di stabilire il nuovo tempo di riferimento per i multi sulla tratta Monaco-Porto Cervo, un percorso di 195 miglia nautiche. Attualmente detenuto dal monoscafo Esimit Europa 2 che nel 2012 ha coperto la distanza in 10 ore 13 minuti e 42 secondi con una media di 19 nodi.

(altro…)

Giovanni Soldini Torna su un Trimarano

Si sapeva più o meno da gennaio ma ora è ufficiale, Giovanni Soldini nel biennio 2016-2017 sarà al timone di un trimarano Multi70, che si chiamerà Maserati Multi70, messo a disposizione da John Elkann.

01 Soldini Trimarano Maresati

01 Soldini Trimarano Maresati
Immagine 1 di 4

Dichiara Giovanni Soldini: “Dopo tre anni di soddisfazioni con Maserati VOR70 nei quali abbiamo percorso almeno 100.000 miglia e abbiamo navigato nei cinque continenti ottenendo importanti risultati sportivi, è il momento di affrontare nuove avventure. Sono contento di intraprendere questa sfida con un multiscafo, Maserati Multi70. Da aprile abbiamo iniziato a conoscere la nuova barca facendo dei test in Bretagna. Non vedo l’ora di salirci a bordo.”

Il trimarano e l’ex Edmond de Rothschild, disegnato da Guillaume Verdier e varato nel 2011 e sviluppato nel 2014 e nel 2015 dal centro studi di Team Gitana.

Originariamente era un one design appartenente alla classe MOD70 ma a causa del fallimento del circuito dedicato Team Gitana ha deciso di farne un laboratorio di prova. Nel corso del tempo ha subito numerose trasformazioni. Misura 21,3 metri di lunghezza e 17 metri di larghezza e trae grande ispirazione dalle ex multiscafi della classe ORMA. L’altezza fuori acqua è di 29 metri, ha una superficie velica di bolina di 310 mq e 409 mq alle portanti. Nel 2013 è stato ottimizzato per la conduzione in solitario. Nel 2014 è stato trasformato in trimarano volante aggiungendo i foil.

http://maserati.soldini.it

Comanche vince in reale la Sydney Hobart, Maserati grandissimo quarto

Con un tempo di 2 giorni, 8 ore 58 minuti e 30 secondi Comanche, il Super Maxi di Jim Clark e Kristy Hinze-Clark’s, vince in tempo reale la 71° Rolex Sydney Hobart Yacht Race.

Sydney Hobart Race 2015 arrivi 01

Sydney Hobart Race 2015 arrivi 01
Immagine 1 di 8

E’ la prima volta in 17 anni che una barca americana si aggiudica questa regata da quando la vince il team di Larry Ellison con Sayonara nel 1988.

Al secondo posto si è piazzato Ragamuffin 100′, che dopo un testa a testa a forza di virate in ariette superleggere nel Derwent River ha superato di un filo Rambler 88.

Un gran finale per la leggenda della vela Syd Fisher, armatore di Ragamuffin 100, alla sua 47° Rolex Sydney Hobart Race e che, a 88 anni, è la persona più anziana di sempre ad avere mai partecipato alla regata.

Maserati ha tagliato in quarta posizione la linea del traguardo della 71a edizione della Rolex Sydney Hobart Yacht Race. Il Vor 70 italiano ha percorso le 628 miglia che separano l’Australia dalla Tasmania in 2 giorni, 22 ore, 54 minuti, 33 secondi.

A bordo di Maserati, insieme allo skipper Giovanni Soldini, un equipaggio internazionale di eccellenti velisti: gli italiani Guido Broggi, Matteo Ivaldi, Francesco Malingri, Corrado Rossignoli, Carlo Castellano; gli spagnoli Carlos Hernandez e Oliver Herrera; il monegasco Pierre Casiraghi; l’inglese Sam Goodchild; gli australiani Elizabeth “Liz” Wardley, Drew Mervyn Carruthers, Trevor Brown e il giornalista Nick Vindin.

Via | www.regattanews.com

Il programma 2015 di Maserati

Dopo due anni e 60.000 miglia Maserati, entrata per due mesi in cantiere per essere sottoposta a lavori di manutenzione straordinaria, ora è pronta a ripartire.

Immagine anteprima YouTube

Il primo appuntamento del 2015 di Maserati è con la RORC Caribbean 600 Miles Race, che parte il 23 febbraio da Antigua, nei Caraibi. La regata, organizzata dal Royal Ocean Racing Club in collaborazione con l’Antigua Yacht Club, giunta alla sua settima edizione, è la più lunga e più importante della stagione caraibica. Il percorso, di 605 miglia, si snoda verso nord, lasciando Barbuda, le isole Nevis, Saba e St. Barth sulla destra, per poi girare intorno a St Martin, scendere fino a Guadalupa e tornare a Antigua. A bordo, oltre a Soldini, un equipaggio di dieci persone: gli italiani Guido Broggi, Corrado Rossignoli, Andrea Fantini, Francesco Malingri e John Elkann; il tedesco Boris Herrmann; lo spagnolo Oliver Herrera Perez; il francese Gwen Riou; il monegasco Pierre Casiraghi; lo svedese Andreas Axelsson.

(altro…)

Maserati abbandona il tentativo di record New York – Lizard Point

Abbiamo deciso di abbandonare il tentativo di record del nord Atlantico. Purtroppo il fronte freddo che stavamo inseguendo fin dalla partenza ha improvvisamente accelerato, ci ha superato e noi, malgrado gli sforzi e l’impegno, siamo stati inglobati da una zona con poco vento. Abbiamo provato per qualche ora a navigare con questo nord ovest, ma abbiamo presto capito che non ce l’avremmo fatta. Ce lo confermano tutti i modelli meteo scaricati e le simulazioni fatte.

giovanni soldi vor 70 maserati

È con queste parole che nella serata di ieri Giovanni Soldini, a bordo di Maserati con un team di nove velisti, ha comunicato che il record di traversata atlantica da NewYork a Lizard Point è definitivamente sfumato.

Siamo ovviamente dispiaciuti, non è andata come speravamo, ma in mare non siamo noi a comandare. Siamo però tutti sereni, perché consapevoli che ce la siamo giocata al massimo, senza risparmiarci mai e in alcun modo. Queste ultime miglia sono state le più entusiasmanti, Maserati ha superato sé stessa e mi ha stupito per l’affidabilità strutturale e per le performance formidabili. Ringrazio tutto l’equipaggio (Guido Broggi, Boris Herrmann, Corrado Rossignoli, Jianghe Tiger Teng, Oliver Herrera Perez, Andrea Fantini, Michele Sighel, Sam Goodchild, Alberto Sonino) per la tenacia, la voglia e la competenza dimostrate. E i nostri partner – Maserati, Bsi, Generali, Zegna, Vodafone, Boero – e i fornitori tecnici per la magnifica occasione che ci hanno dato lasciandoci tempo e risorse da investire in questa fantastica impresa che siamo convinti sia alla nostra portata e chi lo sa quando ma un giorno ci riproveremo.”

(altro…)

Tragedia alla Cape2Rio, Bavaria 54 Bille disalbera, un morto

Antonio Joao Bartolomeu - Bille - Cape 2 Rio - 5 Jan 2014

Durante la tempesta – con venti di 50 60 nodi e ampiamente prevista fin dalla partenza – che ha investito i partecipanti della regata da Cape Town a Rio de Janeiro a poche ore dalla partenza una tragedia ha colpito l’equipaggio del Bavaria 54 Bille.

Verso le ore 15 il team angolano, capitanato da Luis Manuel De Oliveira Da Silva e con a bordo l’armatore Sybille Marion Doeker Correira Da Silva, ha avvertito il comitato di regata segnalando la presenza di feriti a causa del disalberamento provocato dalle raffiche di vento a 50 nodi e dichiarando anche la morte di un membro dell’equipaggio, il 47enne António João Bartolomeu.

(altro…)

Maserati pronto per la Cape2Rio Yacht Race 2014

giovanni soldi vor 70 maserati

Il team di Maserati, capitanato da Giovanni Soldini, è pronto per affrontare la prima sfida del 2014 in oceano Atlantico. Il 4 gennaio il navigatore italiano e un equipaggio di 9 persone taglieranno la linea di partenza della Cape2Rio, la più lunga regata tra due continenti dell’emisfero sud: 3.300 miglia nautiche fra Table Bay, Cape Town (Sudafrica), e Rio de Janeiro (Brasile).

E’ atteso a breve il commento del noto opinionista il Grande Capo Estiqaatsi.

(se non sai chi è il Grande Capo Estiqaatsi ecco un aiutino)

Soldini – Ci vuole una cultura diversa per rendere popolare la nautica

Possiamo condividere o meno il percorso agonistico scelto da Giovanni Soldini negli ultimi anni, qualcuno può anche non apprezzare Soldini in sé… però qui io mi sento di condividere serenamente ogni virgola di quello che dice.

Quanti ne abbiamo visti nascere, sopratutto negli ultimi anni, di questi “gigaporti”. Spesso mai finiti, spesso che hanno visto i loro promotori inquisiti per corruzione o altro.

giovanni soldini

Questo è quanto dice Soldini in una dichiarazione pubblicata su La Stampa:

La nautica potrebbe essere popolare anche in Italia, come lo è in Francia e in altri diversi Paesi. Ma non lo è. Almeno, non lo è ancora.

[…] Penso sia una questione di cultura, approccio, attitudine, finalità. Prendiamo i porticcioli, ad esempio, uno dei volani del diporto, perchè senza posti barca, accessibili, non c’è la nautica stessa. Che accade in Italia? Cerchiamo di costruire cattedrali nel deserto, di posare colate di cemento nel nulla, anziché recuperare, ampliare e rinnovare gli approdi esistenti, riconvertire i porti commerciali in disuso, puntare a portare i posti barca all’interno o comunque al cospetto dei centri abitati, per aprirli ad essi.

(altro…)