Tag name:vplp

Beneteau Figaro 3, prime foto in navigazione

Beneteau Figaro III navigazione 01

Beneteau Figaro III navigazione 01
Immagine 1 di 48

Beneteau ha pubblicato nel proprio profilo facebook le prime foto del Figaro 3 in navigazione accompagnandole con questo testo:

Une révélation. Des sensations.
Le Figaro 3 a tiré ses premiers bords au large de Saint Gilles Croix de Vie.
Les architectes du cabinet VPLP design étaient présents pour officialiser ce moment. Le prototype a quitté le port hier matin sous une légère brise et un joli ciel bleu.

Una proposta VPLP per essere competitivi al Vendée Globe con un basso budget

I concorrenti devono iniziare la preparazione per l’edizione 2020 del Vendée Globe ma le imbarcazioni di seconda mano disponibili sono poche, e la costruzione di un nuovo IMOCA sta diventando sempre più costosa e complicata. Con questo in mente, VPLP design ha collaborato con CDK e Antoine Mermod per fornire una soluzione affidabile, competitiva e significativamente più economica.

Quentin Lucet, progettista dell’ufficio di Vannes, spiega.

Come sarà questo nuovo IMOCA?
Il concetto è molto semplice. Utilizzeremo lo stampo di Banque Populaire, il progetto VPLP / Verdier vincitore del 2016 Vendée Globe. Ne risulterà un IMOCA caratterizzato da foil e timoni di terza generazione e, secondo le regole, albero e chiglia standard. Puntiamo a un budget di 3,7 milioni di euro, escluse vele, che è circa un milione di euro più conveniente rispetto a un prototipo. Il nostro obiettivo è quello di produrre una barca più semplice e competitiva rispetto a Banque Populaire.

Come siete riusciti a ridurre il costo?
Innanzitutto usiamo uno stampo esistente e, come abbiamo fatto con il MOD 70, sceglieremo soluzioni tecniche pratiche che hanno dimostrato il loro valore sui dodici IMOCA che abbiamo progettato dal 2006. Alla fine due barche entreranno in produzione e avranno le strutture ottimizzate e semplificate. Le barche condivideranno lo stesso processo di progettazione e disporranno di specifiche identiche per l’attrezzatura di coperta, per l’elettronica e per i sistemi idraulici. Noi non iniziamo a lavorare finché non ne abbiamo in ordine almeno due e ci proponiamo di consegnarne fino a tre in tempo per il prossimo Vendée Globe.

(altro…)

VPLP design ha presentato la vela rigida Oceanwings®

VPLP Design basandosi sulla propria esperienza nel campo dello sviluppo delle vele ad ala rigida, ha rilasciato dettagli su una wingsail a due elementi che è “rollabile”, terzarolabile e completamente automatizzata.

VPLP Oceanwings 01

VPLP Oceanwings 01
Immagine 1 di 6

L’interesse dello studio VPLP nelle vele ad ala rigida inizia nel 2010 quando collabora con BMW Oracle, team vincitore della 33° America’s Cup. Continua nel 2013 con la collaborazione con Team Hydros per la Little America’s Cup e, nello stesso anno, con Artemis Racing.

“Ci ha permesso di acquisire esperienza di progettazione vera e propria, e ci ha convinto del futuro luminoso in attesa di questo tipo di armo su altre barche”, spiega Marc Van Peteghem.

Mentre scafi e appendici hanno subito cambiamenti spettacolari negli ultimi anni (come abbiamo visto durante l’ultima Vendée Globe), le innovazioni nel campo degli armi sono stati un po’ meno radicali.

Nonostante la loro indubitabile efficienza aerodinamica superiore, le wingsails possiedono un ostacolo fondamentale per il loro sviluppo: la loro rigidità! Questo limita la loro capacità di ridurne l’area, in altre parole, essi non possono essere ridotte o avvolte come vele in tessuto. Fino ad ora.

La Oceanwings® di VPLP Design è una soluzione pratica per superare questi ostacoli e un significativo passo avanti lungo la strada per aumentare l’adozione di wingsails.

(altro…)

Beneteau Figaro 3 – Il primo Monoscafo Monotipo a foil

Beneteau ha ufficialmente tolto il velo su quello che sarà il prossimo Figaro 3, che a partire dal 2019 andrà a sostituire il Figaro 2, prodotto in un centinaio di scafi a partire dal 2003.

Beneteau Figaro 3 01

Beneteau Figaro 3 01
Immagine 1 di 5

Modernità, affidabilità e prestazioni. Combinando la propria esperienza e la competenza degli architetti navali Van Peteghem – Lauriot-Prévost, il Gruppo Bénéteau propone la Classe Figaro, il primo monoscafo monotipo a foil mai concepito.

• Il Figaro Bénéteau 3 sarà sulla linea di partenza della Solitaire Le Figaro dal 2019.
• Un monotipo monoscafo equipaggiato con i foil.
• Creazione della Bénéteau Racing Division Group.

Questo Figaro Bénéteau 3 è frutto della collaborazione tra gruppo Bénéteau, la Classe Figaro, OC Sport, che organizza la Solitaire URGO- Le Figaro e Le Figaro group. Disegnata dagli architetti Van Peteghem – Lauriot-Prévost, che hanno vinto le ultime due Vendée Globe. Una barca che rispecchia la tendenza attuale, con un design pensato per durare.

Foil, un albero spostato più a poppa e una carena più performante

(altro…)

Multi 23, un trimarano veloce e facile da gestire

Lo abbiamo visto in occasione del progetto di Vincent Beauvarlet di percorrere la stessa rotta della Route du Rhum, il Multi 23 viene descritto come “una stupefacente replica dei famosi Maxi Trimarani Orma 60, ma in soli 6,72 m di lunghezza”.

multi 20 trimarano 01

multi 20 trimarano 01
Immagine 1 di 9

Disegnato, come molti Orma 60, dallo studio Van Peteghem Lauriot Prévost (VPLP), il Multi 23 è costruito dal cantiere francese Torpen internazionali Boats (più di 90 barche a vela in tutto il mondo), che ha annunciato il lancio della versione Multi23 MKII, che prevede diversi miglioramenti.

Questa nuova versione è ancora costruita con la tecnica di infusione e materiali di alta qualità (Epoxy, carbonio, vinilestere, schiuma di PVC, ecc…), che la rendono molto leggera, ma ora con più rinforzi in carbonio, come le traverse per l’80% in carbonio. Sarà ancora più rigida, più reattiva e più veloce rispetto al precedente, si comincia a volare anche con una minima brezza.

La versione standard del Multi 23 è fornita con un corredo completo di vele: randa con 2 mani, fiocco autovirante, Gennaker.

(altro…)

Comanche – Un mostro nato per macinare record

Il Comanche è un 100 piedi commissionato da Jim Clark, ex proprietario di Silicon Graphics e Netscape, al cantiere Hodgdon Yachts. Lo skipper è Ken Read, ex Puma e presidente Noth Sails group.

comanche-01

comanche-01
Immagine 1 di 15

E’ stato progettato da Guillaume Verdier in collaborazione con VPLP Design senza pensare al rating ma esclusivamente in funzione della velocità.

Lo skipper Ken Read ha detto:

Comanche è stato progettato e costruito con due obiettivi in mente: in primo luogo, cercare sempre di vincere in tempo reale e secondo, battere record, quando il meteo collabora. Infatti, all’ufficio progettazione, Verdier e VPLP, è stato detto espressamente che se questa barca non è la barca col peggior rating della storia (IRC o ORR) hanno fallito.

Un mostro in carbonio votato a macinare record e line honours in tutte le grandi classiche d’altura, a partire dalla prossima Sydney-Hobart.

A memoria mia l’ultimo che era partito con ambizioni di cotanto livello strombazzate ai quattro venti era il 100 piedi Virgin Money, ex Speedboat, con il quale Richard Branson tentò di battere il record di traversata Atlantica su monoscafo. Dovette desistere quando il coso iniziò a sgretolarsi sotto il peso della velocità e di un Atlantico particolarmente burrascoso.

Non molto fortunata come barca, la Speedboat. Comanche 12

Diam 24 – La barca dei prossimi Tour de France à la Voile

Il Tour de France à la Voile continua a rinnovarsi, dopo solo quattro edizioni manda in pensione l’Archambault M34, il monotipo utilizzato a partire dal 2011, e dal 2015 adotterà il nuovo trimarano Diam 24

Immagine anteprima YouTube

Il Diam 24 è un piccolo Trimarano sportivo progettato da Van Peteghem Lauriot-Prévost (VPLP). Come le barche precedenti è one-design e dal suo lancio al Salone Nautico di Parigi nel dicembre 2013 ha già sedotto molti famosi velisti francesi.

E’ stato scelto per offrire una barca che renda la partecipazione alla manifestazione molto più economica. Costa circa 55 000 Euro pronto alla navigazione, praticamente un terzo della M34. Avrà 3 o 4 persone di equipaggio, può essere alato e smantellato in solo un’ora. Da un punto di vista logistico, è un formato perfetto per il tour, che si svolge in parte sulla costa Atlantica e in parte in quella mediterranea.

Le barche che hanno preceduto il Diam 24 al Tour de France à la Voile sono:

(altro…)