Tag name:Beneteau

Beneteau First Yacht 53

Disegnato da Roberto Biscontini per lo scafo e Lorenzo Argento per interni e esterni, il First Yacht 53 sarà presentato, dopo due anni di sviluppo, per la prima volta in occasione dei saloni nautici autunnali 2019 in Europa (Cannes, Genova, Barcellona) e in America (Annapolis).

Beneteau First 53 2019 01

Beneteau First 53 2019 01
Immagine 1 di 12

Il First Yacht 53 risponde al preciso obiettivo di essere il nuovo punto di riferimento come barca a vela da crociera veloce e di lusso. Ci sono voluti due anni di lavoro affinché l’eccellenza toccasse l’acqua e potesse rispondere alle richieste degli armatori più esigenti in termini di emozioni al timone, velocità e vita a bordo in ormeggio.

Erede di più di 40 anni d’esperienza della gamma First lanciata da Beneteau nel 1977, il First Yacht 53 punta alla crociera competitiva. La carena è performante e nel progettarla si è cercato l’equilibrio al timone. Il piano di è coperta pulito, gli interni sono marini e moderni, impreziositi da modanature in legno lamellare, sullo sfondo laccato bianco delle paratie.

(altro…)

Beneteau First Yacht 53

Beneteau First Yacht 53 01

Alla fine del 2018, Beneteau, con il lancio di quattro piccole imbarcazioni sportive, ha completato il rinnovo della prima First. La prossima estate, il marchio si prepara a lanciare il primo First Yacht: 53 piedi di pura audacia e prestazioni, perfettamente in linea con la nuova firma del marchio “Avant-garde in boating”.

Con 24.000 barche prodotte in quasi 40 anni, alcune delle quali vere e proprie “vincitrici” e destinatarie di alcuni dei migliori premi internazionali, Beneteau sta reinventando la leggendaria gamma First con uno splendido yacht, abbinando i desideri di nuovi clienti che amano il lusso e la alte prestazioni.

È sempre più chiaro che Beneteau intende ripristinare il prestigio su cui è stata costruita la reputazione del marchio, un percorso tracciato da Gianguido Girotti, amministratore delegato del marchio, responsabile della strategia di prodotto. Il nuovo team che ha lavorato alla realizzazione della gamma First, non ha avuto problemi a sfidare i più grandi architetti e designer per questo primo yacht. Alla fine del 2016 è stato lanciato un concorso: “Tra i quattro progetti fortemente contesi, un nuovo duo si è distinto. Roberto Biscontini e Lorenzo Argento ci hanno conquistato con la loro capacità di sviluppare elementi dagli yacht di altissimo livello che solitamente progettano, rimanendo fedeli alla prima eredità, che ha segnato la storia della vela. Hanno anche preso in considerazione gli studi che abbiamo svolto in precedenza con i nostri clienti più accaniti che desiderano spostarsi verso l’alto”, ha detto Damien Jacob, coordinatore del prodotto Yacht a vela del cantiere francese.

(altro…)

Beneteau Oceanis 30.1

Sarà presentata al Boot Düsseldorf 2019 la più piccola della serie crociera di casa Beneteau, l’Oceanis 30.1. Meno di 9 metri di lunghezza scafo e 9,53 di lunghezza totale.

Beneteau Oceanis 30-1 2019 01

Beneteau Oceanis 30-1 2019 01
Immagine 1 di 12

Con una dimensione complessiva inferiore a 9×3 metri e un dislocamento a vuoto inferiore a 4 tonnellate, gli Oceanis 30.1 possono essere trainati su strada da un professionista, senza dover affrontare un carico eccezionale. Disponibile anche con chiglia sollevabile e l’albero abbattibile, L’Oceanis offre la più ampia scelta di programmi, pur rimanendo una barca a vela di categoria B robusta, attrezzata per la navigazione off-shore.

Lo scafo è progettato da Finot-Conq e soddisfa la sfida di avere prestazioni e facilità di conduzione inaugurata nel 2017 con il 51.1. Vanta una linea slanciata, un peso ottimizzato e una randa square-top standard, tutto il necessario per avere buone prestazioni in ogni condizione.

L’Oceanis 30.1 è disponibile sia con la doppia ruota che con il timone a barra. Con il fiocco autovirante o con un grande genoa sovrapposto, un code zero rollabile o uno spinnaker asimmetrico completano il corredo di potenziali vele. L’armo prevede l’assenza del paterazzo e sartie fissate molto a poppa rispetto all’albero.

L’Oceanis 30.1 è riuscito a soddisfare una serie di specifiche molto impegnative, particolarmente in termini di volume e navigabilità, ha guadagnato qualche centimetro in più in luoghi strategici, e in questo si distingue dai suoi concorrenti. L’altezza in dinette è 1,98 m e 1,85 m nelle cabine. I centimetri guadagnati a prua e a poppa iffrono la lunghezza sufficiente per due cabine doppie. I divani nel salone forniscono posto per due cuccette supplementari. Il grande bagno con doccia è diviso in un wc marino da un lato e doccia e lavandino sull’altro. Ai piedi della scala la cucina è a L con un frigorifero da 75 litri e un vero forno sotto il piano cottura a gas.

Specifiche tecniche (provvisorio)

(altro…)

Beneteau apre a Port Ginesta una base permanente per provare le barche

Dopo un lungo studio su dove individuare e aprire una nuova base di prove permanenti, il cantiere francese Beneteau ha scelto Port Ginesta a Barcellona. L’inaugurazione ha avuto luogo a fine ottobre.

01 First 14

01 First 14
Immagine 1 di 6

La base di Port Ginesta permetterà a clienti, giornalisti e partner di provare modelli di barche a vela e a motore tutto l’anno.

Tra i quattro siti considerati – Barcellona, ​​Cannes, Palma e Nizza – Port Ginesta è stata scelta per motivi tecnici e per la sua attrattiva complessiva. Yves Mandin, responsabile del progetto e del servizio Premium, ha sottolineato che oltre alla vicinanza ad un aeroporto internazionale, la vitalità della città e la sua influenza culturale, “Barcellona ha un clima mite e vela eccellenti condizioni. Il porticciolo di Port Ginesta è ben riparato e l’accesso al mare è veloce, senza canali quando si entra nel porto.

La natura permanente della base catalana riflette la seria necessità di offrire un servizio di alta qualità tra i futuri acquirenti di grandi imbarcazioni – uomini e donne d’affari e dirigenti aziendali, che mancano di disponibilità.

Fino ad ora, Beneteau ha organizzato dieci giorni di prove e test per clienti e stampa due volte all’anno. Questa soluzione significava che bisognava aspettare diversi mesi prima di poter provare la barca che ti interessava. Offrendo prove tutto l’anno in una base dedicata il cantiere della Vandea sta dando ai suoi clienti e alla stampa una nuova esperienza centrata sull’alta disponibilità di barche e team sempre più personalizzati e maggior comfort.

L’approccio è stato un successo immediato, poiché la settimana successiva all’inaugurazione sono stati 50 i giornalisti europei che si sono avvicendati in 200 prove presso la base di Port Ginesta, insieme a 70 clienti provenienti da 12 paesi diversi. Sono stati in grado di scegliere tra le sedici barche lanciate di recente da Beneteau:

Vela

(altro…)

Il Gruppo Beneteau assume 650 lavoratori

Beneteau

Groupe Beneteau ha comunicato che prevede di assumere 650 lavoratori nel prossimo anno per le sue strutture in Francia, Stati Uniti e Polonia. Le nuove posizioni includeranno 490 lavoratori permanenti in Francia e 160 negli Stati Uniti e in Polonia. L’anno scorso, la società ha assunto 500 persone per i suoi impianti di costruzione navale in Francia.

Groupe Beneteau istituirà centri di formazione presso le sue strutture di Cadillac, Michigan, Bordeaux, Francia e Polonia che sono simili al suo centro di formazione esistente in Vandea.

In Francia, due terzi dei 490 nuovi assunti saranno basati in Vandea e circa 100 saranno a Bordeaux. Circa la metà dei nuovi posti di lavoro in Francia sarà collegata alla crescita nelle sue divisioni Boat e Housing, mentre l’altra metà andrà a sostituire lavoratori in pensione.

(altro…)

Bénéteau presenta il First 18 e il First 24

Seascape 24 01

Seascape 24 01
Immagine 1 di 4

Bénéteau ha portato al Salone di Newport, negli Stati Uniti, due “nuovi” modelli: Il First 18 e il First 24. Due barche frutto della recente acquisizione del cantiere francese della slovena Seascape.

In realtà non sono modelli nuovi ma sono due dei best-seller del cantiere sloveno, il Seascape 18 e il Seascape 24 rebrandizzati Beneteau e vestiti con la livrea dell’ultimo Figaro 3.

La loro integrazione nella gamma First è in fondo abbastanza logica perché corrisponde pienamente al DNA di questa gamma storica, barche a vela belle e veloci.

La linea First negli ultimi anni è stata un po’ trascurata da Beneteau, con l’integrazione di un 18 e un 24 piedi il cantiere espande il potenziale ai futuri armatori di barche entry level con il logo dell’ippocampo. Allo stesso tempo l’integrazione con Seascape dovrebbe incrementare le vendite di questo cantiere, che non è mai stato in grado di beneficiare della forza di una rete di distribuzione globale.

Non è chiaro se i due nuovi modelli saranno distribuiti a marchio Beneteau anche in Europa o se qui manterranno il marchio originale.

Le caratteristiche tecniche del Seascape 18

(altro…)

Il gruppo Bénéteau compra il cantiere polacco Delphia Yachts

Tre giorni dopo l’annuncio dell’acquisizione della slovena Seascape il gruppo francese Bénéteau ha annunciato anche l’acquisto di Delphia Yachts, cantiere polacco che progetta, costruisce e commercializza barche a vela e motore, con propri marchi (Delphia e Maxi), o esternalizzati per altri produttori.

delphia-29-01

delphia-29-01
Immagine 1 di 6

Delphia 29

Continua il consolidamento nel settore della nautica, in cui il gruppo francese Beneteau ora detiene i marchi Bénéteau, Jeanneau, Lagoon, Prestige, Monte-Carlo Yachts, CNB, Wellcraft, Glastron, Scarab, Four-Winns, Seascape e, appunto, Delphia.

L’acquisizione di Delphia avverrà tramite un’entità polacca, di cui Delphia Yachts manterrà il 20% del capitale.

Fondata nel 1990 e situata a Olecko, Delphia Yachts è oggi uno dei più importanti cantieri dell’Europa centrale e orientale. L’azienda, che impiega 670 persone, ha avuto un fatturato di 130 milioni di PLN l’anno scorso, circa 30 milioni di euro, con un utile di 9 milioni di PLN (2 milioni di euro). Dalla sua creazione, ha costruito non meno di 25.000 barche a vela e barche a motore.

Questa acquisizione fa parte degli obiettivi di crescita del Gruppo Bénéteau annunciati nel suo piano strategico Transform to Perform redatto dal presidente Hervé Gastinel.

(altro…)

Il gruppo Bénéteau acquisisce il cantiere sloveno Seascape

Seascape 27 01

Seascape 27 01
Immagine 1 di 17

11 luglio 2018 – Il gruppo francese Beneteau, leader mondiale nel mercato velico, ha annunciato l’acquisizione del cantiere sloveno Seascape, produttore di barche a vela tra i 4 e gli 8 metri per un fatturato di 4,2 milioni di euro nel 2017. Grazie a questa operazione, formalizzata il 9 luglio, Beneteau completa la sua offerta in un segmento che negli ultimi anni aveva un tantino trascurato.

Questa acquisizione, il cui importo non è stato divulgato, rientra nel piano “Transform to Perform”, attuato da Hervé Gastinel, presidente di Bénéteau.

I 4 modelli del cantiere, Seascape 14, Seascape 18, Seascape 24 e Seascape 27 sono barche a vela sportive, accessibili e dal design molto accattivante, che combinano sensazione e velocità. Sono facili da usare e prevalentemente carrellabili. Modelli versatili, adatti anche a diversi programmi di navigazione, che si tratti di regate, giri in famiglia e raid avventurosi.

Questa acquisizione consente al Gruppo francese di offrire una gamma di piccoli yacht dedicati ai nuovi arrivati ​​e agli appassionati, più spesso giovani e neofiti.

I fondatori di Seascape sono Kristian Hajnsek e Andraz Mihelin sono due ex Ministi e la loro esperienza sarà fondamentale per lo sviluppo di nuovi modelli di barche performanti.

Beneteau Oceanis 46.1

Il cantiere francese Beneteau annuncia Oceanis 46.1, un modello che sostituisce l’Oceanis 45, uno dei best-seller della sua gamma da crociera.

Beneteau Oceanis 46-1 01

Beneteau Oceanis 46-1 01
Immagine 1 di 11

Solo un anno dopo la presentazione dell’Oceanis 51.1, il cantiere Beneteau declina questo modello in 47 piedi, continuando una piccola rivoluzione in corso nella sua gamma di monoscafi da crociera familiare lanciata 30 anni fa.

Su un disegno firmato Finot-Conq, l’Oceanis 46.1 mantiene la caratteristica carena del 51.1. Oltre alle performance nautiche e ai grandi volumi che la caratterizzano, questa struttura permette un utilizzo massimale di tutta la larghezza del pozzetto. Sicurezza e semplicità di utilizzo sono favorite da un piano di coperta estremamente efficace. L’avvolgiranda, il fiocco autovirante e l’insieme di drizze e scotte riportate su un unico winch per ogni postazione di guida facilitano le manovre con equipaggio ridotto.

Un piano di coperta ben progettato

In coperta, la scelta architettonica scelta per l’Oceanis 46.1 consente di offrire un pozzetto di grandi dimensioni. Progettato per ospitare fino a 8 persone, l’ampio tavolo del pozzetto ospita anche la zattera di salvataggio. La combinazione dei winch sulla timoneria – come quella che si trova su unità più grandi – facilita le manovre, permettendo allo stesso tempo di creare un bellissimo spazio relax – su entrambi i lati la discesa – dotata di due lettini che offrono schienali reclinabili e portabicchieri.

(altro…)

Benetau e Peugeot Sea Drive Concept

Sabato 2 dicembre, all’apertura del salone Nautic di Parigi, Benetau e Peugeot hanno annunciato il risultato di una collaborazione unica.

Beneteau Peugeot Sea Drive Concept 001

Beneteau Peugeot Sea Drive Concept 001
Immagine 1 di 14

Leader mondiali nei rispettivi settori, i due marchi hanno unito il loro know-how tecnologico innovativo per creare una postazione di guida pioneristica. Il Sea Drive Concept promette di essere un’esperienza fantastica per i visitatori e offrirà nuove prospettive sul futuro della guida in motoscafo.

Il comunicato in inglese:

Fingertip Controls, by Beneteau

Ship Control® technology is the result of the Advance Monitoring System (AMS) research programme introduced by the Beneteau group. It was rolled out for the first time in 2017 aboard the new Gran Turismo 50 sports cruiser. Inspired by on-board computers in cars, this intuitive and user-friendly interface provides simple centralized access to many of the boat’s functions. The Ship control® on-board assistant is accessed from the
navigation display or a tablet connected to the boat’s Wi-Fi network. A quick tap on the icon you want and you can manage the lights, air-conditioning, Hi-Fi, electrical sources (AC), bilge pumps or a page dedicated to navigation. BENETEAU is the first boatyard to offer such a high-tech solution at no additional cost and, once again, this confirms their continuing commitment to simplifying boating so that it can be enjoyed by everyone.

(altro…)